“PIETRO MORANDO. UN VIANDANTE TRA GIOTTO E FRANCESCO”: MOSTRA ANTOLOGICA A MONASTERO BORMIDA di Bruno Volpi

La mostra “Pietro Morando. Un viandante tra Giotto e Francesco”, visitabile fino all’11 agosto presso il castello di Monastero Bormida, offre un’occasione speciale per una visita al piccolo borgo al confine tra l’acquese e il basso astigiano.

Allestita presso le sale del piano superiore del castello, l’esposizione raccoglie più di 100 opere del pittore alessandrino, per la maggior parte olii su tela o lavori a tecnica mista, a cui si aggiunge una selezione di disegni.

La mostra, curata da Rino Tacchella e Mauro Galli, presenta un excursus completo della carriera artistica di Morando, a partire dagli esordi divisionisti sulla scia dei maestri alessandrini Morbelli e Pellizza, per passare poi alle opere del periodo della guerra e le successive tele ispirate dalla pittura dell’amico Carlo Carrà e di Felice Casorati, che chiudono la sezione esposta nel primo salone.

 

La seconda sala presenta un Morando che ha già maturato una propria capacità espressiva; uno stile essenziale, ma al contempo, di grande effetto, fatto tutto di spigoli vivi e linee rette, dove predominano i temi sociali: i poveri e gli emarginati, i mendicanti, contadini e pastori.

Sono esposte anche nature morte, paesaggi e rappresentazioni dei luoghi più significativi di Alessandria. Conclude il percorso una serie di disegni a carboncino, alcuni dei quali dedicati a soggetti di guerra. Continua a leggere ““PIETRO MORANDO. UN VIANDANTE TRA GIOTTO E FRANCESCO”: MOSTRA ANTOLOGICA A MONASTERO BORMIDA di Bruno Volpi”

GARBAGNA: INAUGURATA IERI LA MOSTRA “SACCAGGI CENTOCINQUANTA + UNO”, di Bruno Volpi

Alla presenza del Sindaco, Fabio Semino, e del Presidente della Fondazione della Cassa di Risparmio di Tortona, Dante Davio, si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri, nello spazio eventi antistante la sala polifunzionale di Garbagna, la cerimonia di inaugurazione della mostra “Saccaggi centocinquanta + uno”, che presenta tredici importanti opere del pittore tortonese, tutte provenienti dalle raccolte della Fondazione CRT.

La mostra, frutto della collaborazione tra il Comune di Garbagna e la Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, viaggia sull’onda del successo della mostra «Da Pellizza a Cuniolo. Visioni di paesaggio», che, come è stato sottolineato dal sindaco Semino nel saluto introduttivo, lo scorso anno aveva portato a Garbagna un migliaio di visitatori in tre fine settimana. Curatrice dell’evento 2019 è la Prof.ssa Manuela Bonadeo, con la collaborazione del Prof. Mauro Galli, annoverato come massimo conoscitore di Cesare Saccaggi e del suo percorso artistico.

Il Prof. Galli ha ripercorso, a beneficio del numeroso pubblico presente, i diversi momenti della carriera di Saccaggi, sottolineandone l’intrecciarsi frequente con quella di Giuseppe Pellizza, suo coetaneo.

Un’enfasi particolare è stata dedicata alla presentazione dei principali capolavori esposti a Garbagna, ad iniziare da Sansone deriso dai Filistei, opera con cui, nel 1891, Saccaggi partecipò al Concorso per il Pensionato artistico nazionale, organizzato dall’Accademia Albertina di Torino, fino a giungere a La vetta del 1912, autentico capolavoro simbolista presentato alla Biennale di Venezia.

Nel percorso anche opere di dimensioni più ridotte, ma comunque di grande pregio, organizzate in due sezioni, una dedicata al ritratto e l’altra al paesaggio.

Tra i ritratti, incantevole sia nel soggetto che nella tecnica pittorica l’opera Nostalgia, come altrettanto deliziosa appare la Bimba con il soffione. Tra i paesaggi da sottolineare alcuni scenari alpini, tra cui un paesaggio di Alagna che rimanda a temi cari a Fornara e ai pittori vigezzini.

Come è stato sottolineato dalla curatrice Bonadeo, la mostra rappresenta un doveroso omaggio all’autore tortonese, forse non adeguatamente ricordato lo scorso anno, nel 150 anniversario della nascita. Anche da questo nasce l’originale titolo dell’esposizione ospitata nel suggestivo borgo della Val Grue, che rientra a pieno titolo tra i “Borghi più belli d’Italia”.

La mostra “Saccaggi centocinquanta + uno” è visitabile nella Sala Polifunzionale in Piazza Doria a Garbagna (AL) fino al 7 luglio 2019, il sabato e la domenica 10.30/12.30 e 16/19.

Questa sera, in occasione della “Notte Romantica” la mostra resterà aperta fino alle 24.

BONSOIR MONSIEUR, di Bruno Volpi

BONSOIR MONSIEUR, di Bruno Volpi

Bruno Volpi foto.jpg

1. Un riparo per l’anima

“Bonsoir Monsieur!”

Madame Marie ripeteva quel saluto ogni volta che la porta del bar si apriva, lasciando entrare, mano nella mano, una folata di Mistral e un nuovo avventore. Un bonsoirmonsieur sempre uguale, con quell’accenno di cantilena tipico delle genti del Sud. Un mantra di benvenuto da cui nessuno era escluso.

Non le importava se di “messieurs” non vi fosse nemmeno l’ombra tra i derelitti che, ogni sera, popolavano il bar della stazione. Madame Marie trattava tutti come veri “messieurs”. Nessun avventore si permetteva di mancarle di rispetto. Per quello c’erano le prostitute.

Erano ormai trascorsi più di sette mesi da quel 18 febbraio, quando V. aveva lasciato la capitale. Cercava il sole, l’aria pura, i colori. Il benvenuto del Sud non era stato, però, dei migliori. L’inverno era tra i più freddi degli ultimi decenni. I piedi sprofondati in una coltre di neve ghiacciata. Continua a leggere “BONSOIR MONSIEUR, di Bruno Volpi”

Momenti di poesia. LA TRINCEA NEL CUORE, di Bruno Volpi

Momenti di poesia. LA TRINCEA NEL CUORE, di Bruno Volpi

La trincea Lettera dal fronte.jpg

LA TRINCEA NEL CUORE (Fronte italiano, gennaio 1918)

Tracce di matita annebbiate dal tempo,

tempo che ingiallisce i ricordi,

tempo che setaccia i sentimenti.

Una lettera dal fronte italiano,

testimone silenziosa di un amore,

testimone urlante di una lontananza.

Poche le parole, incerta la grafia:

“Sto bene. Qui fa tanto freddo. Presto tornerò.

Aspettami, Amore mio!”

Nascosta tra i ricami della vita,

lei l’aveva conservata in un cassetto,

lei l’aveva sigillata nel suo cuore.

Giovane alpino, scriveva, il nonno,

nell’abbraccio mortale dell’inverno.

Scriveva e tremava.

Scriveva dal fronte, le mani dure di freddo.

Scriveva dal fronte, gli occhi bagnati di lacrime.

Scriveva dal fronte, una trincea nel cuore.

Lo scrittore e poeta alessandrino Bruno Volpi si presenta ai lettori di Alessandria today

Lo scrittore e poeta alessandrino Bruno Volpi si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia dello scrittore e poeta alessandrino Bruno Volpi, del quale in seguito presenteremo anche la prefazione dei suoi prossimi libri che usciranno nell’autunno 2019. Volpi tra l’altro ha scritto le seguenti numerose opere: Bonsoir Monsieur, La bambina dal cappello di fiori, Pinocchio e Rivera, Il vestito della Cresima, Mordimi stupido, Occhi scuri e profondi, Due monete di cioccolato, La passeggera misteriosa, Come una bolla di sapone, Delitto a Villa Palmieri, Il merlo di Matilde… pubblicate in varie antologie.

Bruno Volpi foto.jpg

Biografia:

Bruno Volpi, alessandrino, classe 1960, è laureato in Scienze Geologiche e lavora in una delle principali aziende italiane del settore energetico, nell’area della Ricerca ed Innovazione. È relatore di seminari in Master internazionali e presso alcuni atenei italiani e ha pubblicazioni scientifiche su riviste del settore.

Appassionato d’arte e letteratura italiana contemporanea, dal 2014 scrive poesie, favole e brevi racconti di genere narrativo e giallo/noir e collabora attivamente con la rivista “Il salotto degli Autori”.

Le sue opere hanno ottenuto riconoscimenti in vari ambiti. Vincitore del Premio Nazionale Letteratura Italiana Contemporanea, dal 2016 al 2019, nelle sezioni «Poesia inedita», «Racconto inedito», «Fiabe e Favole» e Raccolte di racconti.

Nell’ambito della letteratura giallo/noir, vincitore del concorso acquese Notti nere 2017 e finalista del Concorso Giallo in Provincia 2017 e del Premio Giallo Indipendente 2018.

Per la narrativa, vincitore del Premio Letterario Internazionale «Trofeo Penna d’Autore» 2018 e premiato nel concorso LeggiadraMente 2017; finalista del Premio Letterario Internazionale Marguerite Yourcenar 2016 e 2017.
Continua a leggere “Lo scrittore e poeta alessandrino Bruno Volpi si presenta ai lettori di Alessandria today”