Pernigotti. Fornaro (LeU): lavorare a gennaio per dare risposte concrete ai lavoratori

Pernigotti. Fornaro (LeU): lavorare a gennaio per dare risposte concrete ai lavoratori

“ L’aggiornamento del tavolo al Ministero del Lavoro al prossimo 5 febbraio serve a consentire all’advisor di verificare tutte le possibili soluzioni per non far cessare l’attività produttiva dello stabilimento di Novi Ligure.

federico-fornaro

Il tempo delle parole, però, è finito per tutti: questo mese deve vedere tutti i soggetti, ognuno per la sua parte, impegnati e uniti avendo come obiettivo primario il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori della Pernigotti di Novi Ligure.

C’è bisogno che alla passione e all’attaccamento al lavoro dimostrato in questi mesi di lotta dalle maestranze della Pernigotti, la proprietà turca non risponda solo mandando al tavolo di crisi gli avvocati, ma prenda in considerazione anche l’ipotesi della cessione dell’azienda, fino ad oggi testardamente negata”.

Lo scrive in una nota il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro, a margine del tavolo di crisi sulla Pernigotti di Novi Ligure.

Pernigotti: dichiarazione del Sindaco Rocchino Muliere

Pernigotti: dichiarazione del Sindaco Rocchino Muliere

CONCLUSO IL SECONDO TAVOLO AL MINISTERO

Si è da poco concluso l’incontro al Ministero del Lavoro a Roma sulla crisi dell’azienda dolciaria Pernigotti.

La riunione è cominciata con la considerazione, già espressa dal Ministro Di Maio durante la visita di sabato scorso allo stabilimento novese, di concedere più tempo all’advisor per valutare le manifestazioni d’interesse giunte fino a questo momento.

rocchino-muliere

«La relazione presentata è molto parziale – spiega il Sindaco Rocchino Muliere – com’era prevedibile, visto il poco tempo a disposizione dell’advisor. Dopo una lunga discussione, quindi, il Ministero del Lavoro ha proposto di aggiornare la riunione al prossimo 5 febbraio per valutare eventuali aggiornamenti sulle offerte di acquisizione e, soprattutto, affrontare il tema della cassa integrazione. A questo proposito, l’Azienda rimane ferma nel richiedere la cassa integrazione per cessazione, nonostante la nostra proposta di procedere alla cassa integrazione per reindustrializzazione. Auspichiamo che la proprietà decida di cedere il marchio e lo stabilimento, secondo noi la soluzione ideale per salvaguardare gli attuali posti di lavoro ed evitare la terziarizzazione della produzione, proposta a nostro parere fallimentare e difficile da attuare. Per quanto mi riguarda – conclude il Sindaco – sono disponibile a fornire all’advisor ogni contributo utile a trovare una soluzione positiva».

Pernigotti, Berutti: “Nessun passo avanti concreto dal Tavolo al Ministero del lavoro, Di Maio non riesce ad ottenere risultati”

Pernigotti, Berutti: “Nessun passo avanti concreto dal Tavolo al Ministero del lavoro, Di Maio non riesce ad ottenere risultati”

BERUTTI MASSIMO VITTORIO

Roma, 8 gennaio 2019 –  “Al di là dei proclami e delle promesse sbandierati solo qualche giorno fa a Novi Ligure da Di Maio, non c’è stato alcun passo avanti concreto sulla vicenda Pernigotti”.

Lo dichiara il senatore di Forza Italia, Massimo Berutti, a margine del Tavolo tenuto al Ministero del lavoro e delle politiche sociali al quale ha preso parte. “I lavoratori sono senza stipendio, la cassa integrazione per cessazione resta sul tavolo e non c’è alcuna traccia di ipotesi di vendita del marchio.

Evidentemente – prosegue Berutti – Di Maio non è riuscito ad incidere con la proprietà per ottenere le cose che contano. Il Tavolo di oggi è stato aggiornato e se si continua così si firmerà la cassa integrazione per cessazione senza nessun vero risultato sulla continuità del lavoro, la produzione in Italia e il marchio legato al territorio. Prendere tempo sembra la cosa che il Governo sa fare meglio, ma qui bisogna agire ed incidere, non aspettare”.

Messa di Natale alla Pernigotti, di Cristina Saracano

Novi Ligure: Il vescovo Vittorio Viola celebrerà questa sera 24 dicembre alle ore 23 la tradizionale messa di Natale alla Pernigotti di Novi Ligure.

La nota industria dolciaria, come si sa, versa in grave crisi e non si conoscono ancora le sorti dei lavoratori.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica e per essere vicino ai dipendenti e alle loro famiglie, il vescovo ha preso questa decisione.

Si spera in un momento di serenità per tutti.

Una corsa podistica per Pernigotti e Iperdì 

Una corsa podistica per Pernigotti e Iperdì 

MANIFESTAZIONE SPORTIVA DI SOLIDARIETÀ

Domenica 13 gennaio. Il ricavato devoluto ai lavoratori

correreper-pernigotti-A3-web

Le Associazioni Correre per.., Comitato sport in Novi, Atletica Novese, con il patrocinio del Comune di Novi Ligure, organizzano nella giornata di domenica 13 gennaio, una manifestazione podistica “ludico motoria ricreativa”, a passo libero, attraverso le vie cittadine per circa 4,8 km, in favore delle lavoratrici e dei lavoratori di Pernigotti e Iperdì.

È importante partecipare, per un gesto di solidarietà nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori delle due ditte novesi, per correre insieme e offrire un sostegno concreto, in un momento di grave incertezza per il loro futuro. Continua a leggere “Una corsa podistica per Pernigotti e Iperdì “

Pernigotti S.p.A. ha scelto Sernet S.p.A. in qualità di advisor

Pernigotti S.p.A. ha scelto Sernet S.p.A. in qualità di advisor

Novi Ligure (Alessandria), 18 dicembre 2018 – Pernigotti S.p.A. (“Pernigotti”) ha scelto Sernet S.p.A. in qualità di advisor che dovrà supportare l’azienda nel processo di reindustrializzazione del sito di Novi Ligure.

pernigptti-1

La società di consulenza è leader in Italia nella gestione di ristrutturazioni aziendali e vanta in quest’ambito un’esperienza ultradecennale. Annovera tra le sue specializzazioni la gestione di progetti complessi di rilancio e re-industrializzazione di siti in dismissione e il ricollocamento attivo del personale secondo una logica di responsabilità sociale volta a massimizzare la continuità occupazionale e a valorizzare gli asset produttivi.

L’incarico a Sernet conferma nuovamente l’impegno di Pernigotti verso gli accordi presi con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali nel ricercare soluzioni concrete di re-industrializzazione del sito produttivo di Novi Ligure a supporto della richiesta di trattamento di CIGS per cessazione di attività, con l’obiettivo di minimizzare per quanto possibile l’impatto sociale.

UIL Alessandria

Serata Pernigotti: NON STOP LIVE SHOW

Serata Pernigotti: NON STOP LIVE SHOW

INSIEME SIAMO PIÙ FORTI, PER PERNIGOTTI E IPERDÌ

Cultura è Solidarietà     

Novi Ligure: Domenica 16 dicembre, dalle ore 20,30 alle 24,00 presso il Centro Fieristico Dolci Terre di Novi, in viale dei Campionissimi, si svolgerà un’eccezionale serata di musica, teatro, danza e cabaret.  Sono tantissimi, infatti, gli artisti novesi che si esibiranno, alternandosi sul palco, a sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori di Pernigotti e Iperdì di Novi Ligure.

serata cultura-solidarieta-A3-web

L’Amministrazione comunale ha deciso di organizzare l’evento dal titolo “Cultura è solidarietà” al fine di offrire un sostegno concreto ai lavoratori delle due ditte novesi, in un momento di grave incertezza per il loro futuro. L’ingresso sarà ad offerta libera e l’incasso sarà interamente versato sul conto corrente intestato a “Diocesi di Tortona Caritas”, fondo di solidarietà lavoratori Pernigotti e lperdì di Novi Ligure. Il codice lban è: IT48N 03111 48420 00000 0000838.

L’Amministrazione Comunale desidera esprimere un sentito ringraziamento a tutte le associazioni culturali e agli artisti che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa, regalando un po’ del loro tempo e del loro talento per una causa così importante: Continua a leggere “Serata Pernigotti: NON STOP LIVE SHOW”

Pernigotti, appuntamento all’8 gennaio, intanto cerca un advisor

Pernigotti, appuntamento all’8 gennaio, intanto cerca un advisor

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com/

Nuovo incontro per la Pernigotti al ministero del Lavoro e una conclusione transitoria con appuntamento all’8 gennaio. Intanto la società conferma di voler individuare un advisor specializzato.

Perngotti

Al termine della riunione al ministero, alla presenza delle organizzazioni sindacali, convocata nell’ambito della procedura per l’ottenimento della Cassa integrazione straordinaria relativa alla cessazione delle attività dello stabilimento di Novi Ligure,  la Pernigotti, “accogliendo l’invito delle istituzioni e delle organizzazioni sindacali, ha confermato l’impegno nel ricercare, anche attraverso un advisor specializzato, soluzioni concrete di re-industrializzazione del sito di Novi Ligure a supporto della richiesta di trattamento di cassa integrazione per cessazione di attività con l’obiettivo di minimizzare per quanto possibile l’impatto sociale” si legge su una nota aziendale diffusa in serata.

“Le parti torneranno a incontrarsi martedì 8 gennaio 2019, alle 11, per riprendere l’esame congiunto finalizzato alla stipula dell’accordo governativo per il ricorso alla cassa integrazione”. Nessun riferimento ulteriore a marchio e società che il gruppo industriale turco Tokso non ha intenzione di vendere,  come ha ribadito nei giorni scorsi.

CGIL, CISL e UIL: Sulla Pernigotti di Novi Ligure 

CGIL, CISL e UIL: Sulla Pernigotti di Novi Ligure

DICIAMO NO ALLA CHIUSURA DELLO STABILIMENTO 

DICIAMO NO AI LICENZIAMENTI

DICIAMO NO ALLA RASSEGNAZIONE

Dopo 5 anni di bugie, decisioni scellerate e risultati disastrosi la famiglia Toksoz ha annunciato la chiusura dello storico stabilimento della Pernigotti di Novi Ligure, acquisito nel 2013 dalla famiglia Averna, minacciando di licenziare e lasciare senza prospettive centinaia di lavoratrici e lavoratori tra diretti e indiretti.

pernigptti-112

I dipendenti della Pernigotti, una delle realtà industriali più prestigiose del settore alimentare, insieme al territorio novese ed alessandrino, non intendono rassegnarsi all’ennesima chiusura e all’ennesima devastazione di un territorio da parte di predoni travestiti da imprenditori,

Per questi motivi sabato 1 dicembre 2018 si terrà a Novi Ligure una grande manifestazione per dire NO alla chiusura dello stabilimento, NO ai licenziamenti, NO alla rassegnazione.

Saremo tanti! Troviamoci tutti a Novi Ligure alle 15.30 presso lo stabilimento Pernigotti di Novi Ligure in Viale Della Rimembranza 100, da cui partirà il corteo per raggiungere Piazza Delle Piane dove si concluderà la manifestazione.

Manifestazione a difesa della Pernigotti, Novi Ligure, sabato 1° dicembre il corteo

Manifestazione a difesa della Pernigotti, Novi Ligure, sabato 1° dicembre il corteo

Come annunciato, si terrà sabato 1° dicembre la manifestazione in difesa dei dipendenti e dello stabilimento Pernigotti organizzata dalle organizzazioni sindacali in collaborazione con l’Amministrazione comunale.

pernigptti-11

Il punto di ritrovo è fissato alle 15,30 davanti ai cancelli della fabbrica novese (viale Rimembranza, 100). Subito dopo partirà il corteo che arriverà in piazza Dellepiane passando da viale Saffi, piazza Repubblica e via Girardengo.

Il Sindaco, Rocchino Muliere, lancia un appello per la massima partecipazione: «Invito tutti i cittadini, le associazioni, le istituzioni a prendere parte a questa iniziativa, una giornata importante per esprimere solidarietà ai lavoratori dello stabilimento novese della Pernigotti. In questo momento è necessario l’impegno di tutti per difendere i posti di lavoro ed un marchio storico della nostra città e dell’intero territorio nazionale».

Si ricorda, inoltre, che domenica 16 dicembre (Centro Fieristico Dolci Terre di Novi, ore 21) si terrà una serata a favore dei lavoratori Pernigotti e Iperdì dal titolo “Cultura è Solidarietà” organizzata in collaborazione con le associazioni culturali novesi, alla quale parteciperà, tra gli altri, il comico Claudio Lauretta.

Pernigotti, senatore Massimo Berutti (FI): “le notizie sulla cassa integrazione sono confortanti, ma siamo solo all’inizio

Pernigotti, senatore Massimo Berutti (FI): “le notizie sulla cassa integrazione sono confortanti, ma siamo solo all’inizio

Continuiamo tutti a lavorare restando coesi a livello territoriale”

Schermata 2018-11-28 a 09.02.57

Roma, 27 novembre 2018 – “Le notizie giunte in queste ore sulla cassa integrazione sono confortanti, ma come dimostra il susseguirsi di dichiarazioni e smentite, siamo solo all’inizio dell’impegno per tutelare i lavoratori e un marchio orgoglio del Piemonte. Per ottenere risultati concreti e sostenibili nel lungo periodo è fondamentale continuare a lavorare in tutte le sedi utili restando coesi a livello territoriale”.

È quanto dichiara in una nota il senatore Massimo Berutti in relazione all’evoluzione che sta avendo in questo ore il caso Pernigotti. “In questa fase è fondamentale formalizzare gli accordi assunti evitando dichiarazioni propagandistiche, specie da parte del Governo. Restiamo uniti a livello territoriale e continuiamo a tenere alta l’attenzione.

Anche per questo sarò presente alla manifestazione del primo dicembre a Novi. All’impegno sul territorio accompagniamo un serio e silenzioso supporto all’eventuale interessamento di realtà produttive nazionali”.

Sozzetti: La proprietà Pernigotti “non vende né il marchio, né la società”, conferma di “ cessare la conduzione in proprio dello stabilimento di Novi” e precisa le richieste al governo

Da questo post del giornalista Enrico Sozzetti si apprende che purtroppo la situazione della Società Pernigotti di Novi Ligure, a quanto pare, si complica ulteriormente.

Come ex Dirigente della società in un tempo ormai lontano, quando la stessa era una grande azienda Market leader in diversi settori, Torrone, Gianduiotti, Uova di Pasqua, Preparati per gelateria, mi si stringe il cuore doverlo pubblicare…

Basti pensare che la Pernigotti nel 1984 (34 anni fa) fatturava 120 miliardi di lire… (60 milioni di euro) dei quali 20 miliardi di preparati per gelateria e con tutti gli altri prodotti sopra citati era presente sugli scaffali di tutta la Grande Distribuzione Organizzata (della quale si occupava il sottoscritto come Sales Manager) ed inoltre era ovviamente fortemente presente nel canale tradizionale.

Ma la battaglia non è ancora persa, pertanto occorre moltiplicare gli sforzi da parte di tutti e continuare la lotta!!! Pier Carlo Lava

Sozzetti: La proprietà Pernigotti “non vende né il marchio, né la società”, conferma di “ cessare la conduzione in proprio dello stabilimento di Novi” e precisa le richieste al governo

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Pernigotti

Doppia chiave di lettura per la vicenda Pernigotti dopo l’incontro tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il vicepresidente e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio e la proprietà turca del gruppo Toksoz.

Infatti in una nota diffusa da Palazzo Chigi, ieri sera, si leggeva che “l’azienda ha accolto le richieste del governo italiano di sospendere la procedura, seppure temporaneamente, fino al 31 dicembre 2018, per poter lavorare sulla reindustrializzazione del sito produttivo di Novi Ligure, attraverso la nomina di un soggetto terzo che verifichi, analizzi e valuti le opportunità produttive.

L’azienda farà richiesta di cassa integrazione con causale di reindustrializzazione al fine di garantire l’ammortizzatore sociale ai propri dipendenti e permettere la reindustrializzazione del sito produttivo e delle attività dell’azienda”.

A distanza di alcune ore arriva un comunicato della società dai contenuti un po’ diversi. “Pernigotti ha ribadito che né il marchio, è la società sono, allo stato attuale, in vendita.

L’azienda ha confermato la decisione di cessare la conduzione in proprio delle attività produttive presso il sito di Novi Ligure e l’intenzione di terziarizzare in Italia la produzione, preferibilmente individuando partner industriali interessati all’acquisizione o alla gestione degli asset produttivi a Novi Ligure, nel tentativo di ricollocare il maggior numero possibile di lavoratori”. Continua a leggere “Sozzetti: La proprietà Pernigotti “non vende né il marchio, né la società”, conferma di “ cessare la conduzione in proprio dello stabilimento di Novi” e precisa le richieste al governo”

Pernigotti. Fornaro (LeU: continuare battaglia unitaria per salvare l’azienda

Pernigotti. Fornaro (LeU: continuare battaglia unitaria per salvare l’azienda

federico-fornaro5

“ La sospensione della procedura di chiusura dello stabilimento di Novi Ligure annunciato ieri dalla proprietà turca dopo l’incontro con il Governo, rappresenta un atto fondamentale per poter continuare la battaglia per la difesa della Pernigotti e dei lavoratori dello stabilimento di Novi Ligure.

Adesso si usino le settimane che ci dividono dal 31 dicembre 2018 per convincere l’attuale proprietà a compiere il passo in avanti decisivo: la vendita della Pernigotti a un imprenditore che intenda investire sullo stabilimento e sul marchio.

E’ essenziale che prosegua l’unità dimostrata dai lavoratori, dai sindacati, dalle istituzioni e dalla politica: la via maestra per provare a salvare la Pernigotti”.

Lo scrive in una nota il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro

Pernigotti. Matrisciano e Costanzo M5S: Soddisfatti per impegno Governo per tutela lavoratori

Pernigotti. Matrisciano e Costanzo M5S: Soddisfatti per impegno Governo per tutela lavoratori

M5S

Roma, 15 novembre. Siamo molto soddisfatte per la disponibilità dimostrata dal governo nel garantire la tutela dei diritti delle persone interessate da quanto sta accadendo alla Pernigotti di Novi Ligure. Seguiamo da vicino gli sviluppi. Questa mattina è stato un incontro dei lavoratori con il ministro Di Maio al quale abbiamo partecipato in rappresentanza dei parlamentari del MoVimento 5 Stelle. Così in una nota la senatrice Susy Matrisciano e la deputata Jessica Costanzo del MoVimento 5 Stelle.

Il presidente Conte convocherà la proprietà turca della Pernigotti. Siamo determinati a fare tutto quanto è in nostro potere per scongiurare la cessazione dell’attività e stimolare la reindustrializzazione. L’obiettivo del governo è garantire ai dipendenti di poter continuare a lavorare, rivedendo anche i termini con i quali verrà concessa la cassa integrazione concludono.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

Pernigotti. Fornaro (LeU): grave assenza proprietà turca al tavolo crisi

Pernigotti. Federico Fornaro (LeU): grave assenza proprietà turca al tavolo crisi

“ L’assenza della proprietà turca al tavolo di crisi convocato al Ministero dello Sviluppo Economico è stato un segnale negativo e sbagliato.

Federico Fornaro

La risposta unitaria delle istituzioni, dei sindacati e della politica a difesa del mantenimento dello stabilimento della Pernigotti a Novi Ligure e il rifiuto del piano di terziarizzazione della produzione rappresenta, invece, un punto di partenza per una trattativa che consenta di difendere i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori che non possono essere chiamati a pagare il conto della fallimentare gestione imprenditoriale del gruppo Toksoz negli ultimi cinque anni.

La Pernigotti ha bisogno di investimenti e di un serio piano industriale. Se il gruppo turco non intende rilanciare la Pernigotti e lo stabilimento di Novi Ligure passi la mano a imprenditori che si dimostrino concretamente interessati a farlo”.

Lo scrive in una nota il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro.