Innamorati

Suoni diversi beccati sul mio cuore

foto nikon rosanna fiori

Quale meraviglia quando scoprendo il cielo dietro la siepe
al tramonto di un giorno qualunque il suo grigio si confonde
con gli occhi del tuo amore e le rondini respirano l’umido
sopra il verde del giardino in giri veloci sollevano l’ali nere
per sparire dietro al mio sguardo così inutile in questa immensità
e vorrei gridare ancora che vivo e sento e respiro e insieme
abbiamo percorso un tempo lungo nella meraviglia di questo cielo
mentre lontani i figli respirano la loro primavera e li sorvegliamo
attenti come animali innamorati ancora e sempre della vita.

View original post

Momenti di poesia. Click 2018, di Daniela Cobaich Mascaretti

Momenti di poesia. Click 2018, di Daniela Cobaich Mascaretti

click

Click 2018

È venuta stasera
la luna
sparge luce di latte sui prati…
bianco il mio mondo.
Dormono i mostri chiusi negli angoli.
“ Dimmi luna “
Solo un attimo!
Andarsene in questa notte di luce,
a raccogliere sogni…
Mentre la bambina danza ancora
nella luce irreale di quella sera…

Daniela Cobaich Mascaretti

SP2018
Diritti riservati
PhotoWeb

BEPPE MARIANO, Attraversamenti, Interlinea 2018

BEPPE MARIANO, Attraversamenti, Interlinea 2018

https://www.almanaccopunto.com

Schermata 2019-05-22 a 19.22.15

Non illudiamoci: l’ultimo libro di Beppe Mariano, impastato con saggezza e immaginazione in parti uguali, non è opera da leggersi a episodi, a salti, come spesso si pensa possa essere letta un’opera di poesia – soprattutto quando essa sembra, almeno all’apparenza, costituita da parti diverse fra loro. Attraversamenti va invece esplorato in tenuta subacquea, con profonda concentrazione – e, proprio come accade in un’immersione, in un tempo denso, scandito e breve.

Senza far altro, senza distrazioni e dislocazioni. Dedicando un’unità teatrale di tempo, luogo e azione, in omaggio all’eponimo monologo del profugo, in apertura di libro. Perché Attraversamenti, nonostante l’apparenza composita, è un’opera estremamente compatta, percorsa da un sentiero ininterrotto che certo non è nuovo nella ricerca dell’autore e che può riassumersi così: una coscienza del proprio tempo elaborata con mezzi originali, espressa nell’assolo vigoroso, testardo e scabro di un poeta non allineato. “Per sfuggire al rumore della città, sono salito/ in montagna. Continua a leggere “BEPPE MARIANO, Attraversamenti, Interlinea 2018”

Tania di Malta Il Realismo Terminale al bivio, di Tania Di Malta

Tania di Malta Il Realismo Terminale al bivio, di Tania Di Malta

da: https://www.almanaccopunto.com

Schermata 2019-05-22 a 19.16.27

Se all’inizio del secolo scorso l’esigenza di cambiamento e interpretazione del tempo, venne rappresentato a livello letterario, principalmente dal Futurismo, oggi a mio parere,  il Realismo Terminale ha l’autorevolezza e i giusti strumenti di comprensione di questa epoca ingarbugliata. Per forza maggiore sarà all’interno del grande spazio espressivo del Realismo Terminale, che si giocherà una partita decisiva.

Nel secolo scorso in letteratura, il Futurismo ebbe due poli diametralmente opposti, l’uno situato in  Filippo Tommaso Marinetti suo fondatore, l’altro in Vladimir Majakovskij, massimo rappresentante del Futurismo russo.

Distanti anni luci su principi etici, politici e culturali, rappresentarono il loro tempo, accomunati da una parola, un concetto di fondo:  la velocità, nella sua globalità. Analogamente accadrà qualcosa di simile al Realismo Terminale.  Navigando nella complessità del tempo (Cit. di Guido Oldani) : ognuno è Realista Terminale a modo proprio), è vero che (è sempre Oldani ad affermarlo) è più probabile che oggi un poeta sia un ragazzo che lavora in un call center piuttosto che un letterato ufficiale. Continua a leggere “Tania di Malta Il Realismo Terminale al bivio, di Tania Di Malta”

Momenti di poesia. Un ladro onesto ( esiste? ) di Andrea Patrone

Momenti di poesia. Un ladro onesto ( esiste? ) di Andrea Patrone

Un ladro onesto ( esiste? )

Vorrei rubare a chi sa amare,
il modo, il perché, il quando
ed anche il riso con il pianto,
conoscere le ombre nate per
confondere e sapere come
fare ad amare per sentire il
dolore del bacio che ferma il
cuore.
Vorrei essere ladro di rime e
paroloni come il rubacuori, ma
so di essere maldestro, sono
un ladro che sembra …onesto!

Andrea

Momenti di poesia. “Memento audere semper, et ventis adversis” Cesare Moceo

Momenti di poesia. “Memento audere semper, et ventis adversis” Cesare Moceo

moceo.jpg

“Memento audere semper,
et ventis adversis”

Chiedo scusa a Voi
se sono nato,
se, crescendo,
così son diventato,
ma altro non posso essere
se non uno che crede
nel suo essere!
Non giudicatemi,
non sapete di me,
delle scelte che ho fatto,
perchè le ho fatte,
dei miei dolori anestetizzati,
dei miei pensieri violentati,
le mie lacrime inaridite.
Accettatemi cosi come sono,
mettetemi in un’angolino
del vostro cuore
così che possa gioire
del vostro amore.
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. Nel buio di una terra lontana, di Dario Menicucci

Momenti di poesia. Nel buio di una terra lontana, di Dario Menicucci

60646150_763227230740394_1773132885436399616_n.jpg

Nel buio di una terra lontana

Portami indietro
tempo
almeno un attimo

a quelle strade
così invitanti e luminose,
così ingannevoli.

Volevo capire
dove ho smarrito
Ia mia felicità

dove ho lasciato
quei vecchi sogni
colmi di gioia e di sorrisi.

Ma tu di me
nemmeno
ti accorgi

distratto
e impegnato
nella tua folle corsa.

Ho provato
a voltarmi
ai viali percorsi

ma tutto
è tenebra
fitta e sinistra.
Continua a leggere “Momenti di poesia. Nel buio di una terra lontana, di Dario Menicucci”

Yoga della risata, di Lalla Ribaldone

Yoga della risata, di Lalla Ribaldone

yoga.jpg

Yoga della risata nasce da una splendida idea del dr. Madan Kataria, medico indiano, che ha scientificamente provato che ridere almeno per 15 minuti consecutivi al giorno apporta dei benefici straordinari tra i quali:
– migliora il buonumore ogni giorno per tutta la giornata
– benefici per la salute grazie ad una maggior ossigenazione nel nostro corpo e cervello
– benefici sul lavoro in quanto si abbassa lo stress
– connettore sociale, quindi maggiori amicizie con persone desiderose di star bene
– aiuta a ridere nei momenti difficili , quindi mantenere un atteggiamento positivo nonostante gli accadimenti
Durante la sessione faremo esercizi di risate per allenare il diaframma alla respirazione corretta ed a facilitare la risata di pancia, faremo una bella meditazione della risata, un momento in cui la risata diventerà spontanea ed infine il rilassamento per calmare le energie che si ha accumulato durante la sessione.
Vi aspetto!

Racconti: La mano di Niky, di Franco Galliani

Racconti: La mano di Niky, di Franco Galliani

La mano di Niky

– Allora venite su a vedere la corsa?
– certo! E per i biglietti come facciamo?
– Dai, dai che vi facciamo entrare noi, però bisogna andare di notte
– E i Francesi? Ho letto che ci sono i Francesi con i cani..
– Dai venite su e non preoccupatevi. Vestitevi comodi..
Un po’ preoccupati lo eravamo- avevano ingaggiato vigilantes francesi con i cani contro i portoghesi- ma c’era d’andare a vedere il Gran Premio con le nostre amiche di Monza che avevamo conosciuto al mare e, quindi chi se ne frega! e partimmo. Maurizio disse che conosceva la strada e che potevamo saltare il traffico. Finimmo in uno sterrato, no dico uno sterrato per andare a Monza?! Sembra impossibile ma molti anni dopo, seguendo un amico con uno dei primi navigatori, finimmo nuovamente in uno sterrato. Ma questa anche se ai confini della realtà è un altra storia e la racconterò la prossima volta, forse. Comunque arrivammo, presentati a parenti, amici e affini, mangiammo qualcosa e tutti a letto presto. Noi in verità in quattro nell’utilitaria, e dopo un bel po’ di cavolate dette, crollammo e ci addormentammo, seduti, Poco dopo bussarono nei vetri, erano le nostre amiche – sempre sorridenti, simpatiche, carine, c’eravamodivertiti molto insieme al mare, anche se rimanemmo solo amici- che ci fecero preparare al volo. Seguimmo il gruppo di amici, fratelli e cugini più esperti. Dopo un po’ lasciammo le auto, procedemmo a piedi, passammo in mezzo alla recinzione, c’era anche del spinato e scrutando nell’oscurità per vedere che non ci fossero ne francesi ne cani, ci inoltrammo cauti nel bosco. Ricorda qualcosa? Lo chiamo bosco ma era il parco, passammo sulla parabolica e, man mano che ci avvicinavamo alla pista trovavamo sempre più genate. Vicino alla pista lo spettacolo era grandioso: illuminati da fuochi e torce elettriche decine, centinaia di ragazzi -e non- lavoravano febbrilmente. Montavano impalcature, alzavano e piantavano pali, coprivano con assi.
Sembrava quando nei film western costruivano una città in una notte. Un allegria, una forza costruttiva tangibili, coinvolgenti. All’aurora le ultime finiture e all’alba tutto pronto.
I bivacchi preparavano le colazioni. Qualcuno ci dette del caffè, siamo in un western, no?
Grazie ai buoni uffici delle nostre amiche fummo ospitati sul traliccio al primo piano di un’impalcatura che ne aveva un altro paio. Dopo un po’ arrivarono dei vigilantes con dei cani, non so se fossero francesi perché non dissero nulla e si limitarono a controllare che nessuno oltrepassasse la recinzione della pista. Poi iniziarono le formule minori e anche se non mi piace l’automobilismo, mi divertii un sacco.
Cosa c’entra la mano di Niky? C’entra, c’entra.
Poi parti la formula uno, e anche se fatichi a capire le posizioni, il rumore, la velocità che li tu vedi e vivi fu esaltante.
Vincesti tu Niky. passasti poi piano e DI TE VEDEMMO SOLO IL CASCO E LA TUA MANO, che scatenava la nostra euforia.
Fu come se mi avessi salutato personalmente. Da allora ho sempre pensato a te come a un conoscente, no un amico no, non esageriamo, ma come uno di quei conoscenti in cui ci si imbatte ogni tanto e ci saluta con educazione e simpatia.
Ciao Niky e grazie per aver passato con me uno splendido pomeriggio dei miei vent’anni

Momenti di poesia. NOCHES DE LUNA LLENAS, di Giuliano Saba

Momenti di poesia. NOCHES DE LUNA LLENAS, di Giuliano Saba

Noches.jpg

NOCHES DE LUNA LLENAS..

Ruba alle mie labbra
i tuoi desideri.
legami
alle tue emozioni
e ai tuoi pensieri
Offriti come sempre
senza pudore
Donami
il tuo bianco candore.
Pelle di seta,
erotica e sensuale
anima e corpo
sensazionale
nella tua dimensione
Senza tabu’
libera la tua eccitazione
Muovi i tuoi fianchi
in danza sensuale
Tutto il tuo corpo
fammi esplorare.
In questa notte da sogno
ai tuoi sguardi mi consegno
Trasformando la tua intimità
in vibrante realtà. ..
Giuliano Saba Sculture

Io la penso così, una riflessione di Gregorio Asero

Io la penso così, una riflessione di Gregorio Asero

IO LA PENSO COSÍ

Si sa che il culto del denaro non sia un fatto nuovo. Una certa “venerazione” per il denaro sicuramente risale al tempo in cui si finì di barattare la propria merce, in cambio di altra, e il denaro, appunto, è diventato merce di scambio universale.

Gregorio Asero.jpg

Purtroppo questa “venerazione”, a mio avviso, è aumentata in modo esponenziale nei nostri giorni. I fattori che generano tale situazione penso che siano molteplici, ma qui mi voglio soffermare sulla causa che, l’industrializzazione, ha reso ancora più marcata.

Il grande capitalismo ha reso il lavoro un’attività che, sebbene per certi versi sia meno faticoso sotto l’aspetto fisico almeno nelle zone fortemente industrializzate, diventato opprimente e incapace di generare piacere. In pratica, nelle zone industrializzate, si lavora solo per il salario e non perché si prova piacere nello svolgere una determinata attività.

La grande produzione industriale ha bisogno, per aumentare e proteggere le sue ricchezze, di sfruttare e sopprimere le cosiddette “razze inferiori”, le quali sono soggiogate dai regimi capitalisti. Continua a leggere “Io la penso così, una riflessione di Gregorio Asero”

Momenti poesia. Sotto la coltre… di Loredana Mariniello

Momenti poesia. Sotto la coltre… di Loredana Mariniello

otto

Sotto la coltre in cui mi eclisso

fugge la bimba che non ho mai perso,

un passo nel sogno e finalmente, io sono,

lontana dal dubbio che corrode il pensiero

Se il mio sorriso ridiventa vergine,

la poesia torna poi all’origine,

perché un’ immagine non ammette insulsaggine

quando di gioia l’animo vuole crescere

il demone di ogni timore si cheta in lenta ascesi

se i versi nel sonno esplodono come angeli indifesi

e giacciono nell’etere fatalmente sospesi,

in attesa che un poeta in estasi

li dichiari magicamente evasi

Tracce bizantine in Sicilia: la Cuba di Santa Domenica, di Donatella Pezzino

La Cuba di Santa Domenica sorge nel territorio di Castiglione di Sicilia, in prossimità del fiume Alcantara. Ricca di fascino e di mistero, questa antica cappella rustica combina in sé diversi stili architettonici, dal bizantino all’arabo.

La Cuba è stata ritenuta per tutto il Novecento una costruzione di età bizantina, databile fra il VII e il IX secolo; successivamente, studi approfonditi hanno portato a stabilirne una datazione più tarda. Oggi, infatti, gli studiosi sono concordi nel collocarla in un periodo compreso fra il X e l’XI secolo.

Nonostante sia di epoca normanna, l’impianto presenta moltissimi aspetti dell’architettura e dell’arte bizantina, ai quali sono mescolati elementi di ispirazione islamica.

Allo stato attuale delle ricerche, non se ne conosce ancora con certezza l’originaria destinazione d’uso. Il suo contesto è fra gli aspetti che destano le maggiori perplessità: ci si chiede infatti quale possa essere stata la motivazione che ha portato a costruire un edificio tanto particolare in un luogo così isolato e ameno. Oggi come allora, infatti, la Cuba campeggia solitaria in mezzo al paesaggio agreste. Continua a leggere “Tracce bizantine in Sicilia: la Cuba di Santa Domenica, di Donatella Pezzino”

Momenti di poesia. Nostalgie di tempo, di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Nostalgie di tempo, di Stefania Pellegrini

Parole nomadi

nostalgie

Nostalgie di tempo

Torniamo a parlare di noi
solfeggi lontani
voce di tempo
impresso dentro.
Sfogliamo pagine e pagine
di accordi nostalgici.
Vento rapisce
il nostro cicaleccio stupito
incredulo
solleva la patina
accartocciata dei giorni.
Ci mostra stralci interrotti
volatili ricordi.
Fioche essenze amare, dolci
chiaroscuri
di nubi lontane
in un cielo pallido di luci.
Fiori secchi, appassiti
odorano polvere e muffa.
Persi gli ebbri aromi
e gli ardori di quei giorni
resta compagna
la voce dei nostri cuori.
Stefania Pellegrini ©
(Raccolta Isole END Edizioni)

Arriva il tributo agli Abba, di Lia Tommi

Note anni Settanta con l’attesissimo tributo agli ABBA: il concerto della tribute band AKKA è previsto per venerdì 24 maggio alle ore 21 presso il Teatro Ariston di Acqui Terme.

La serata, che farà rivivere e ascoltare tutti i successi della mitica band, è organizzata da PrimaFila Spettacoli – unica società autorizzata ad organizzare eventi per la Fondazione Telethon -, alla quale sarà devoluto parte dell’incasso.
AKKA – un nome semplice di sole 4 lettere per un sofisticato tributo a una delle band di maggiore successo dell’epoca dei lustrini e dei pantaloni a “zampa d’elefante”: gli Abba.

Il progetto Akka nasce nel 2009 per volontà di Angela e Irene, le due frontgirls , di realizzare un tributo alla celebre band svedese.
Fondamentale è stata la scelta di volere offrire al pubblico e ai numerosi nostalgici del genere una riproduzione fedele delle atmosfere e delle musiche che rendevano gli show degli Abba così speciali e indimenticabili. Il tratto distintivo dello spettacolo portato in scena dagli Akka, la cui band è formata da noti musicisti del panorama professionistico del Nord Italia, è quello di riproporre fedelmente gli arrangiamenti musicali, i costumi e le coreografie che hanno contribuito a rendere gli ABBA una delle formazioni di maggior successo degli anni 70/80. Tutte le più importanti hit e i brani che hanno fatto storia vengono riproposti rigorosamente dal vivo in un clima di grande spensieratezza e divertimento.
La professionalità dei musicisti e l’unicità di questo spettacolo hanno contribuito a far salire gli AKKA sui palchi di eventi nazionali ed internazionali molto importanti quali: i Mondiali di sci in Val di Fiemme, Mondiali Sestriere, tappe Italiane di Miss Italia ecc…Negli utimi anni nei vari tours europei hanno riscosso sempre notevoli successi riportando continui sold out.

Il più bel periodo della musica dance, gli indimenticabili anni 70/80 con i suoi lustrini i suoi abiti un po’ eccessivi ma sempre così d’effetto e così divertenti entrano ancora nei nostri cuori, per regalarci in due ore un’ondata di energia e di contagiosa allegria.
Acquistando il biglietto per questo show ricco di sorprese e di ottima musica sosterrai anche la ricerca scientifica sulle malattie genetiche che Telethon finanzia, perchè solo la ricerca può offrire una speranza concreta offrendo risposte e terapie a persone – in specie bambini – che altrimenti, in molti casi, non avrebbero prospettiva.

LA NEVE – Giuseppe Pelizza da Volpedo, di Maura Mantellino

Giuseppe Pelizza da Volpedo

Volpedo 1868 – 1907

LA NEVE (1906) – Olio su tela

Negli ultimi anni del secolo l’artista nei suoi paesaggi esaltava l’anima della natura e qui in questo piccolo quadro si può ascoltare il ‘suono’ della spessa coltre della neve: l’orizzonte è delimitato dalle colline con i vigneti anch’essi innevati, creando quasi un contrappunto cromatico rispetto alle masse ortogonali delle chiuse, ai tronchi degli alberi spogli e al ponte della roggia.

Il pittore negli ultimi anni della sua carriera era giunto al superamento del divisionismo interessandosi al paesaggio puro in cui la pittura è armonia equivalente della natura. Facendo tesoro delle esperienze del suo soggiorno a Firenze tra il 1893 e il 1894 Pelizza unisce l’interesse per la pittura di Fattori con quello dei preraffaeliti inglesi  e cerca di approfondire il rapporto  lega l’uomo alla natura, nella quale si ritrova il riflesso dell’armonia universale.

Lo studio del dato di natura diventa dunque gradino imprescindibile per il passaggio alla visione interiore: egli, dunque, preferisce un Simbolismo che tragga dalla natura e dalla pittura gli elementi per significare e forse comprendere il mondo psichico.

Il Mercato Coperto di Campagna Amica arriva ad Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria: Inaugurazione sabato 25 maggio a partire dalle ore 10: nel centro storico un nuovo spazio per la spesa a Km.0
Il Mercato Coperto di Campagna Amica arriva ad Alessandria
Prima città del Piemonte, per l’occasione degustazioni preparate dagli Agrichef e tante sorprese. Direttamente creato e gestito dagli imprenditori agricoli

Sarà Alessandria ad ospitare il primo Mercato Coperto di Campagna Amica realizzato in Piemonte.
Un nuovo spazio, luminoso, colorato ed accattivante in pieno centro storico, per una vera spesa a km0, direttamente creato e gestito dagli imprenditori agricoli del territorio, con produzioni a filiera corta, dal campo alla tavola. L’inaugurazione del nuovo Mercato Coperto agricolo è prevista per sabato 25 maggio alle ore 10, in via dei Guasco angolo via Savonarola ad Alessandria.
Per l’occasione saranno presenti rappresentanti delle istituzioni, consumatori e, ovviamente, gli agricoltori con i loro prodotti genuini e rigorosamente di stagione.
Per tutti, simpatici omaggi e degustazioni promosse dagli agrichef di Campagna Amica.
Il Mercato Coperto di Campagna Amica è un luogo fisico d’acquisto, ma anche uno spazio partecipato e di socializzazione dove è possibile instaurare un rapporto di fiducia con il produttore agricolo dal quale ricevere in tempo reale informazioni sulle produzioni, sulla salubrità e genuinità di ciò che si acquista e si mangia.
Vetrina privilegiata per le eccellenze enogastronomiche della provincia: dall’ortofrutta ai formaggi, dalla carne ai salumi al vino e al pane, ma anche miele, confetture, farine, prodotti da forno e tanto altro.
In occasione dell’inaugurazione proseguirà al nuovo Mercato anche la raccolta firme per la petizione “Eat original! Unmask your food” (Mangia originale, smaschera il tuo cibo). I cittadini potranno firmare per chiedere alla Commissione di Bruxelles di agire sul fronte della trasparenza e dell’informazione al consumatore sulla provenienza di quello che si mangia.
“Siamo orgogliosi di essere i primi in Piemonte. Con il Mercato Coperto vogliamo offrire un servizio in più che va ad affiancarsi ai due appuntamenti con Campagna Amica già presenti in città, il venerdì il piazza Libertà e il lunedì in corso Crimea. – affermano a pochi giorni dal taglio del nastro il presidente e il direttore Coldiretti Alessandria Mauro Bianco e Roberto Rampazzo – Una filiera che si accorcia sempre di più per garantire ai consumatori la possibilità di trovare direttamente in luogo al chiuso le produzioni fresche e di stagione del territorio e poter dialogare con i produttori”.
Una quindicina le postazioni in un locale che vuole mandare un messaggio etico e sociale anche attraverso gli arredi, interamente realizzati dal negozio Social Wood del carcere “Cantiello e Gaeta”.
Per iniziare saranno due le giornate di apertura settimanale: ogni martedì e sabato dalle 8 alle 14.

Il fotografo Sthephen Shore è stato nominato Master of photografy del 2019, di Maura Mantellino

Quest’anno Photo London ha nominato Stephen Shore Master of photography del 2019: al Somerset House di Londra saranno esposti alcuni suoi scatti: un pioniere della moderna fotografia a colori e ancora oggi considerato uno dei fotografi più importanti del nostro tempo. In mostra a Londra, oltre ai paesaggi americani, anche 60 fotografie, alcune qui nella nostra gallery, che Shore scattò in un solo giorno a Los Angeles, nel 1969.

Nato a New York nel 1947, a 10 anni ricevette la sua prima macchinetta fotografica, e a 24 divenne il primo fotografo vivente, dopo Alfred Stieglitz, ad esporre con una personale al MoMA.

Abbandonato il liceo, dal 1965 iniziò a frequentare Andy Warhol. Ma la sua passione per il quotidiano e la cultura popolare americana era già evidente ai tempi di All the meat you can eat mostra che inaugurò nel 1971 a Soho, con fotografie a colori, per la maggior parte istantanee, scattate con una Mick-a-Matic, una macchina fotografica per bambini a forma di Topolino.

L’anno dopo fu la volta di American Surfaces, il progetto che insieme a Uncommon Places, iniziato sempre nel 1972 e terminato dieci anni dopo, lo resero noto al grande pubblico: partendo solo con una fotocamera 35mm e pellicole a colori, Shore documentò i suoi viaggi on the road attraverso gli Stati Uniti. Strade, cartelloni pubblicitari, piante, stazioni di servizio, motel, diventarono i protagonisti delle sue foto.

La scomparsa di Niki Lauda: Formula 1 in lutto, di Lia Tommi

È morto all’età di 70 anni l’ex pilota austriaco Niki Lauda, leggenda della Formula 1 e tre volte campione del mondo. Lo rende noto la famiglia: “Con profonda tristezza annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente con la sua famiglia accanto lunedì”. Otto mesi fa Lauda aveva subito un trapianto di polmone e ora era ricoverato in una clinica privata in Svizzera per problemi ai reni, visto che alcune complicazioni avevano richiesto una dialisi, anche se nulla lasciava pensare a un possibile decesso. “I suoi risultati unici come atleta e imprenditore sono e rimarranno indimenticabili, come il suo instancabile entusiasmo per l’azione, la sua schiettezza e il suo coraggio. Un modello e un punto di riferimento per tutti noi, era un marito amorevole e premuroso, un padre e nonno lontano dal pubblico e ci mancherà”, scrivono i familiari.

Nato a Vienna il 22 febbraio del 1949, Lauda vinse tre titoli mondiali come pilota di F1 nel 1975, nel 1977 e nel 1984, i primi due al volante della Ferrari e l’ultimo poi con la McLaren, ed è considerato uno dei migliori piloti della storia alla luce anche di una carriera con 171 Gran Premi corsi e 25 vittorie ottenute. Nell’immaginario popolare di lui rimangono le immagini del grave incidente al Nurburgring che lo coinvolse nell’agosto 1976, quando rimase gravemente ustionato, un incidente che lo lasciò sfigurato in viso. In pista si era meritato il soprannome di “Computer”, per la sua guida meticolosa, glaciale, chiururgica, ma anche per la capacità di individuare e correggere i difetti delle monoposto che guidava.

Momenti di poesia. Nubi, di Vittorio Zingone

Nubi, di Vittorio Zingone

Nubi

Nubi alte, levigate,
Gonfie come focacce giganti,
Compatte e minacciose,
Dalle eccelse vette alpine
Conquistano il cielo,
Sommergono l’azzurro,
Gettano ombre immense
Sull’insubria piana,
Abbattono il clima
Di quest’inizio
D’incerta primavera.

Scende violento
Il vento di nordovest,
S’insinua biricchino
Tra i vestiti,
Patisce duri brividi
La schiena.

S’attende marzo,
Per godere aria tiepida,
Giorni finalmente azzurri,
Orizzonti sgombri da foschie,
Certi che ormai
Nuvole e nebbie
Si siano ritirate nell’oceano;
Ecco, invece, gli sgraditi doni
Che sa offrire,
Ecco la primavera
Che ci presenta il conto
Appena riesce a stare,
Barcollando, in piedi.

Non ha valore
L’esperienza fatta
In secoli di storia;
Sempre viviamo
Di gratuite illusioni,
Sempre vediamo miraggi
Intorno a noi;
La realtà sa farci solo male;
La realtà c’inchioda
Alla povertà fisica,
Mentale, spirituale

Noi, superbi,
Non amiamo esser sopraffatti
Né da entità celesti né terrene,
Né da noi medesimi
Quando la coscienza contrasta
Con vivacità col cuore,
Con le emozioni, le sensazioni,
Le sue più impellenti aspettative.

Sempre si scommette
Per prevalere
Contro ogni sconfitta
Anche s’è normale
Che ciò sia
Per chi sa stare sempre
Al proprio posto;
Si costruiscono
Reali o fallaci torri di babele
Per superarci,
Per scalare i cieli,
Per superare cime d’Everest
da cui ammirare
Vasti panorami,
Da cui progettare
L’assalto successivo
Ai sempre più lontani
Spazi siderali.

Odiamo le nubi
Che c’impediscono
Di goderci il sole
E il suo contrario.

Nulla mai ci soddisfa,
Neppure ci rallegra la promessa
D’un mondo paraĺlelo
In cui vivremmo una vita
Di gioia duratura;
La nostra povertà spirituale
È illimitata,
Paziente Creatore.

Il silenzio, di Stefano Polo

 

Il silenzio entra freddo in questa stanza

come se fosse vuota, priva di vita

senza amore ma neppure odio…

Ti senti vuoto

nessun suono emana il tuo cuore

vie vuote dentro il tuo animo freddo

come il primo gelo d’inverno.

L’indifferenza è dentro te

come se si fosse impadronita del tuo animo

incatenandolo ad una fredda porta…

Ma un giorno il sole dentro di te riappare

l’indifferenza all’improvviso scompare

dentro di te l’animo freddo si scalderà

e l’amore tornera’.

 

Rintraccio di minore clandestino proveniente dalla Tunisia

Rintraccio di minore clandestino proveniente dalla Tunisia

I Carabinieri intervenuti presso la ditta Vectorys, di Strada Boscomarengo in Novi Ligure, su segnalazione dell’autista del container che ha sentito dei rumori all’interno e ha allertato le Forze dell’Ordine, vi hanno trovato dentro un migrante, di cui si sconoscono le generalità.

Carab logo

Il container è stato caricato e sigillato in Tunisia ed è stato caricato dalla Vectorys a Genova.

I sigilli non erano stati manomessi.

Attualmente dimesso dall’ospedale di Alessandria, dove era stato ricoverato per accertamenti anche sull’età, essendo sprovvisto di documenti, è stato dimesso ed è in buone condizioni di salute. Sono in corso le attività per inserirlo in una struttura convenzionata per minori stranieri non accompagnati.

Al Museo della Gambarina una mostra per celebrare il Circuito Bordino

Al Museo della Gambarina una mostra per celebrare il Circuito Bordino

Schermata 2019-05-21 a 17.30.04.png

Alessandria: Il Museo Etnografico della Gambarina ospiterà una mostra fotografica d’eccezione: saranno esposte una serie di fotografie inedite per ricordare il Circuito Città di Alessandria alias Circuito Bordino.

Abello locandina

Le immagini rappresentano una serie di momenti che vanno dal 1924 al 1934, decennio in cui si svolse questa importantissima competizione automobilistica, annoverata tra le più importanti dell’epoca.

Le istantanee raffigurano le autovetture, protagoniste nei vari anni della competizione; i piloti, tra i più importanti e conosciuti del periodo; i luoghi e i punti d’interesse attraversati dal Circuito.

Si tratta di un vero e proprio salto nel passato amplificato dall’atmosfera unica che si vive in una realtà importante per Alessandria: il Museo Etnografico “C’era una Volta”. Un ambiente caratteristico, che fa rivivere il vissuto della società contadina della nostra città tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento: una cornice perfetta per ospitare la rassegna fotografica.

Sarà possibile anche ammirare l’esposizione di alcuni lavori realizzati dai bambini per il concorso “Bordino per le scuole”, che quest’anno è giunto  alla quarta edizione e le immagini più significative delle scorse edizioni del GP Bordino. Continua a leggere “Al Museo della Gambarina una mostra per celebrare il Circuito Bordino”

Controlli delle Forze dell’Ordine ad Arquata Scrivia, Capriata d’Orba e Novi Ligure 

Controlli delle Forze dell’Ordine ad Arquata Scrivia, Capriata d’Orba e Novi Ligure 

Proseguono i controlli da parte dei Carabinieri della Compagnia di Novi Ligure, che, nell’ambito di un servizio coordinato di controllo del territorio, finalizzato alla prevenzione e repressione di reati contro la guida in stato di ebrezza, la circolazione stradale e l’ingresso di immigrati clandestini sul territorio dello Stato, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria due cittadini di nazionalità italiana per guida in stato d’ebbrezza e possesso di oggetti atti a offendere, due cittadini albanesi per guida senza patente e per essere irregolari sul territorio dello stato italiano e infine un cittadino di nazionalità macedone trovato in possesso di oggetti atti a offendere.

Carab logo

La Compagnia di Novi, avvalendosi di tre Stazioni del territorio, per un totale di sei militari impiegati, ha esteso a tappeto i controlli anche fuori dal Comune di Novi Ligure.

Sono state 44 le persone controllate e 23 i veicoli.

Il cittadino italiano fermato nel Comune di Arquata Scrivia, D.G., dell’età di 35 anni, è stato fermato in evidente stato di ubriachezza presso la Stazione FF.SS.. L’uomo, prima di essere trasportato presso il DEA dell’ospedale di Novi Ligure, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico, che è stato sottoposto a sequestro penale. L’uomo, oltre a essere sanzionato amministrativamente per ubriachezza molesta, dovrà rispondere del reato di possesso ingiustificato di oggetti atti a offendere. Medesimo reato è stato contestato a un cittadino macedone, S.M. di anni 41, fermato a bordo del suo autocarro in

Novi Ligure e trovato in possesso di un coltello a serramanico. Continua a leggere “Controlli delle Forze dell’Ordine ad Arquata Scrivia, Capriata d’Orba e Novi Ligure “

Provvedimenti viabili

Comunicato stampa
Provvedimenti viabili
dal 21 maggio al 20 settembre maggio 2019
Sospensione Zona a Traffico Limitato
via XXIX Maggio – Alessandria
Per consentire lo svolgimento dei lavori di ristrutturazione della pavimentazione di via San Giacomo della
Vittoria in Alessandria, in programma dal giorno 06 maggio 2019 e presumibilmente sino al 20 settembre
2019, ad integrazione dell’Ordinanza Temporanea n° 236/2019, nel periodo dal 21 maggio 2019 al 20
settembre 2019 è in vigore la sospensione della Zona a Traffico Limitato di via XXIV Maggio. —————————— 24 maggio 2019
Processione in onore della Madonna “Maria Ausiliatrice”
Quartiere Cristo – Alessandria
Per permettere il transito della Processione della “Madonna Ausiliatrice” in programma dalla Parrocchia “S.
Giuseppe Artigiano” di corso Acqui 398 ad Alessandria la sera del 24/05/2019 a partire dalle ore 21:00 e
sino alle ore 22:00, in data 24/05/2019 dalle ore 21:00 alle ore 22:00 e comunque sino al termine della
processione, durante il passaggio del corteo le strade facenti parte e/o interferenti con lo stesso potranno
essere temporaneamente inibite alla circolazione, secondo il seguente percorso: partenza dalla Chiesa
Parrocchiale, via Longo, via della Palazzina, attraversamento di via Nenni, via Barberis, corso Acqui sino alla
Chiesa. —————————— dal 25 maggio al 30 settembre maggio 2019
Allestimento spazi di ristorazione esterna
Ristorante “Napoleon”
tratto da via Vochieri a via Alessandro III – Alessandria
Vista l’istanza presentata dal Legale Rappresentante del Ristorante “Napoleon” con sede in via U. Rattazzi
11 per il rilascio di autorizzazione per l’occupazione di suolo pubblico con dehor estivo, dalle ore 19.30 alle
ore 24.00 del periodo compreso fra il giorno 25/05/2019 ed il giorno 30/09/2019 e comunque
limitatamente ai giorni di apertura del pubblico esercizio, è vietato il transito in via Urbano Rattazzi, tratto stradale compreso fra Via Vochieri e Via Alessandro III.
Nei giorni festivi e prefestivi quando vigente la z.t.l. (Zona a Traffico Limitato) di Via Vochieri (con attivazione del dissuasore mobile), la chiusura sarà tassativamente posticipata dopo le ore 20.00.
Da tale divieto sono esclusi i residenti, i titolari di passi carrabili, i titolari e/o utilizzatori di posti auto situati
all’interno dell’area interessata dalla chiusura.
dal 27 al 31maggio 2019
Lavori alla linea ferroviaria Alessandria-Piacenza
con chiusura del passaggio a livello
via Frugarolo – Spinetta Marengo (Alessandria)
Per permettere l’esecuzione dei lavori di rifacimento del passaggio a livello della linea Alessandria-Piacenza
sito in località Spinetta Marengo, via Frugarolo, in programma a partire dal giorno 27/05/2019, è stata disposta la chiusura al transito di via Frugarolo a Spinetta Marengo incorrispondenza del passaggio a livello
al Km. ferroviario 07+038 nel periodo compreso dalle ore 08:00 del 27/05/2019 alle ore 18:00 del
31/05/2019. —————————— 31 maggio 2019
Processione in onore della Madonna “Maria Ausiliatrice”
Cabanette (Alessandria)
Per permettere il transito della Processione della “Madonna Ausiliatrice” in programma nel Sobborgo di Cabanette (Alessandria) la sera del 31/05/2019 a partire dalle ore 21:00 e sino alle ore 21:45, in data
31/05/2019 dalle ore 21:00 alle ore 21:45 e comunque sino al termine della processione, durante il passaggio del corteo le strade facenti parte e/o interferenti con lo stesso potranno essere temporaneamente inibite alla circolazione, secondo il seguente percorso: partenza dalla Chiesa di Cabanette, via Rosta e ritorno sino alla Chiesa. —————————— dal 15 giugno al 30 settembre maggio 2019
Allestimento eventi e spazi di ristorazione esterna
Ristorante “Hop Mangiare di Birra”
via Arnaldo da Brescia – Alessandria
Vista l’istanza presentata dal Legale Rappresentante del Ristorante “Hop Mangiare di Birra”- con sede in Via
Arnaldo da Brescia civ.13 – per il rilascio di autorizzazione per l’occupazione di suolo pubblico con dehor estivo da approntare nel periodo compreso fra il giorno 15/06/2019 e il giorno 30/09/2019, in orario 19.00-
24.00, sono stati adottati i seguenti provvedimenti viabili:  dalle ore 19.00 alle ore 24.00 del periodo compreso fra il giorno 15/06/2019 e il giorno 30/09/2019
e comunque limitatamente ai giorni di apertura del pubblico esercizio, è vietato il transito in via Arnaldo da Brescia, nel tratto stradale compreso fra Piacenza e Via Alessandro III;  dalle ore 19.00 alle ore 24.00 del periodo compreso fra il giorno 15/06/2019 e il giorno 30/09/2019
e comunque limitatamente ai giorni di apertura del pubblico esercizio, è vietata la sosta con
rimozione forzata in via Arnaldo da Brescia, nel tratto stradale compreso fra Piacenza e Via
Alessandro III, lato sinistro, senso di marcia fra il civ. 17 e il civ.11.
I residenti, i titolari di passi carrabili, i titolari e/o utilizzatori di posti auto situati all’interno dell’area interessata dalla chiusura potranno accedere alle proprietà laterali, con le dovute cautele, percorrendo i
tratti di via interclusi in senso unico alternato.

Momenti di poesia. I NONNI RACCONTANO, di Antonio Solimand

I NONNI RACCONTANO, di Antonio Solimand

I NONNI RACCONTANO
Ero piccolo di anni
Ne son passati
Preso da ricordi
raccontano i nonni
Quasi con lacrime
Scorrono anni
Del fronte su monti
La frontiera e vicino
Freddo e con neve
Imbiancati dell’inverno
Con fucili e mitraglie
somigliava un inferno
Con feriti ,morti e tanti
Vedendo scie rosso
Era il sangue dei fanti
In difesa della loro patria
fratelli che mai più rivedranno
Ma per un periodo quel
Sangue sulla neve è rimasto
Come nei ricordi che
I nonni raccontano
Lacrime che scendono
Ogni volta che ne parlano
Io commosso ho asciugato
Le sue lacrime ,portandomi
Il suo ricordo, nel mio ricordo.
I nonni raccontano.

A.S.

Amarti, di Stefano Polo

Noches

sognare ed essere felici e adoranti…

Sei come un frutto maturo

pronto da raccogliere e baciare.

Il tuo viso così sognante e radioso

si riflette dentro me

come dentro un lago pieno d’ amore

e felicità…

Sei come un’alba dentro me

che luccica tra i mie sensi…

Il tuo sguardo amore mio

farà sempre parte di me

come il mio cuore vivrò

solo del tuo amore.

Le dichiarazioni dei dirigenti Amag sul Gran Premio Bordino

Abello locandina

Dichiarazioni

“Il Gran Premio Bordino rappresenta per Alessandria e per tutto il territorio una vera eccellenza, che il Gruppo Amag è lieto di sostenere per la sua capacità attrattiva e perché riesce, attraverso la sua rievocazione d’epoca, a collegare in maniera simbolica il passato e il presente, utilizzando come ‘fil rouge’ autovetture di straordinario fascino, che accendono la passione di tanti appassionati, ma anche di un pubblico più ampio, incuriosito da questo ‘tuffo’ nel passato dell’automobilismo, e non solo”.

Paolo Arrobbio

Presidente Gruppo AMAG

“Quest’anno il Gran Premio Bordino avrà come cornice non solo, come tradizione, la città di Alessandria e le sue colline, ma un’altra importante area del Piemonte, ossia le Langhe e dintorni, patrimonio Mondiale Unesco. Per il nostro Gruppo esserci è motivo di orgoglio, poichè si tratta non solo di un appassionante appuntamento per intenditori e collezionisti d’auto, ma anche di un’occasione per valorizzare, attraverso una rievocazione del passato, anche il presente e il futuro del nostro territorio, mostrandone le qualità sia paesaggistiche, che in termini di capacità ricettiva, a partire dall’offerta enogastronomica e turistica, per arrivare alle potenzialità artistiche e culturali”

Mauro Bressan

Ammnistratore Delegato Gruppo AMAG

Momenti di poesia. PARE SI DEBBA, di Vittorio Zingone

Momenti di poesia. PARE SI DEBBA, di Vittorio Zingone

PARE SI DEBBA

Pare si debba sempre andar da capo
il bandolo a cercar della matassa
che chissà per quale arcano fato
s’è irrimediabilmente mutata
in un garbuglio.

Pare si debba sempre
andar per dedali
e stentare a trovare infin la via
che ci riporti sani salvi
alla luce libera del sole
se l’Arianna di turno
non ci dota del salvatore filo.

Pare non esserci tempo a sufficienza
per programmare i giorni della vita
in modo da raggiungere la meta
che viene dal Creatore stabilita.

Carabinieri Forestale – Gruppo di Alessandria: otto persone per illecita gestione dei rifiuti

Carabinieri Forestale – Gruppo di Alessandria: otto persone per illecita gestione dei rifiuti

Carabinieri Forestale

Ovada – I Carabinieri Forestali denunciano otto persone per illecita gestione dei rifiuti.

La Stazione dei Carabinieri Forestali di Ovada, in collaborazione con l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, sono intervenuti in Piazza XX Settembre del Comune di

Ovada per la verifica della corretta gestione dei rifiuti (pericolosi e non) deferendo all’Autorità Giudiziaria otto persone di nazionalità italiana che, a vario titolo, gestivano, trasportavano e depositavano i rifiuti illecitamente.

Ulteriori verifiche per l’accertamento di eventuali contaminazioni del terreno saranno eseguite nei prossimi giorni durante i lavori di rifacimento della piazza.

Nada Nuovo, la sua vita e il suo libro “La Belle Epoque”  presentato alla biblioteca civica

Nada Nuovo, la sua vita e il suo libro “La Belle Epoque”  presentato alla biblioteca civica

di Pier Carlo Lava

Persone

Pier e VittorioPier

Alessandria today, il 20 maggio 2019 in un incontro alla biblioteca civica di Alessandria, Lia Tommi dell’Associazione delle Vittorie e Francesca Parrilla dell’Associazione Lberamente laboratorio di idee, hanno presentato “La Belle Epoque”, il nuovo libro di Nada Nuovo, intervista a cura di Lia Tommi.

 

video: https://youtu.be/rtrFJ0WrIDM

“LA BELLE EPOQUE”
10 modi per diventare una donna perfetta
(Manuale pratico per la crescita personale)
E’ l’opera prima di Leonarda Nada NUOVO.
“In questo libro la scrittrice spiega i valori che ogni donna o uomo che sia, sceglie per migliorare la propria vita. Chi è cosa vuoi essere?!”
Continua a leggere “Nada Nuovo, la sua vita e il suo libro “La Belle Epoque”  presentato alla biblioteca civica”

XXIX Rievocazione del Grand Prix Bordino

XXIX Rievocazione del Grand Prix Bordino

Alessandria, le Langhe, il basso Piemonte e i territori limitrofi, saranno la cornice dell’edizione 2019 del GP Bordino. Si tratta di un evento di elevato interesse culturale e sportivo, organizzato annualmente dal Veteran Car Club Bordino di Alessandria, la cui prossima edizione si terrà dal 7 al 9 giugno 2019.

La manifestazione riunisce appassionati e collezionisti italiani e stranieri di prestigiose auto d’epoca.

Schermata 2019-05-21 a 17.29.15

Una sessantina di autovetture, di eccezionale interesse storico e collezionistico, protagoniste della storia dell’automobilismo dal 1930 al 1968, daranno vita alla 29esima rievocazione del GP Bordino. Alcuni esemplari partecipanti hanno avuto un ruolo di assoluto rilievo alle più importanti manifestazioni dell’epoca: Mille Miglia, Targa Florio, 24 Ore di Le Mans, Goodwood.

Venerdì 7 giugno, giorno della partenza, tantissimi appassionati inciteranno i partecipanti in Alessandria, che si trasformerà in una vera e propria città “d’altri tempi”, con tante animazioni e costumi d’epoca. Dalle ore 15, in piazzetta della Lega e vie limitrofe, sarà possibile ammirare da vicino le autovetture protagoniste della tre giorni motoristica. Alle 18 la partenza percorrendo C.so Roma e piazza Garibaldi. Continua a leggere “XXIX Rievocazione del Grand Prix Bordino”

Francesca Parrilla presenta La Bella Epoque di Nada Nuovo

Francesca Parrilla presenta La Bella Epoque di Nada Nuovo

di Pier Carlo Lava

Francesca Parrilla copia 2.jpg

Alessandria today, il 20 maggio 2019 alla biblioteca civiva di Alessandria è stato presentato il nuovo libro di Nada Nuovo La Bella Epoque, Francesca Parrilla dell’Associazione Culturale Liberamente laboratorio di Idde, legge un brano del libro.

video: https://youtu.be/bHuKL9u8kHA

video: https://www.youtube.com/watch?v=bHuKL9u8kHA

 

Carabinieri di Casale Monferrato: Prevenzione, sensibilizzazione e repressione reati, i risultati

Nel corso dell’ultimo periodo la Compagnia Carabinieri di Casale M.to (AL), attraverso le Stazioni Carabinieri dipendenti e con l’impiego del personale femminile in servizio, ha proceduto ad un’attenta prevenzione, sensibilizzazione e repressione dei reati che riguardano gli atti persecutori, i maltrattamenti in famiglia e le violenze in genere su donne e minori.

L’Arma territoriale di Casale M.to ha stretti contatti con le varie organizzazioni pubbliche e di volontariato, che possono gestire le emergenze legate alle violenze su donne e bambini. In particolare a Casale M.to i carabinieri hanno attuato una stretta collaborazione con l’”Associazione Soroptimist”, ed è presente all’interno della Caserma, una stanza adatta a gestire col metodo investigativo più adatto questi particolare reati.

In tale contesto:

  • – I Carabinieri della Stazione di Casale M.to, hanno arrestato su ordinanza di custodia cautelare per atti persecutori: E.M. 41enne marocchino, richiedente asilo, senza fissa dimora in Italia, disoccupato e pregiudicato. L’attività di polizia giudiziaria, iniziata nel gennaio di quest’anno e condotta dal Mar. Ord. Anna CICCOTTI, Vice Comandante della Stazione Carabinieri di Casale M.to è stata particolarmente lunga e complessa. Il cittadino straniero è stato denunciato più volte per aver minacciato l’ex convivente ed alcuni suoi familiari, inoltre avrebbe anche danneggiato l’auto del fratello dell’ex convivente. La ricostruzione dei vari eventi è stata possibile oltre cha dalle denunce della vittima e dei familiari, anche dalle numerose testimonianze raccolte nel corso dell’inchiesta. In passato, il 41enne era già stato sottoposto al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima, disposizione più volte violata, che ha contribuito ad aggravarne la posizione giuridica, portando la Magistratura a dover disporre l’accompagnamento in carcere.

Continua a leggere “Carabinieri di Casale Monferrato: Prevenzione, sensibilizzazione e repressione reati, i risultati”

Veteran Car Club Bordino: Mini Gran Premio UNICEF di Alessandria: tutti in pista per i diritti dei bambini

Veteran Car Club Bordino presenta

Mini Gran Premio UNICEF di Alessandria: tutti in pista per i diritti dei bambini

Abello locandina.jpg

22 maggio – Tutti in pista domenica 9 giugno, dalle 10 alle 11, in piazza Garibaldi, ad Alessandria, dove bambini e bambine dai 4 ai 9 anni sfrecceranno in un circuito di gara appositamente creato per macchine a pedali, costruite artigianalmente in Italia, per il Mini Gran Premio UNICEF di Alessandria, una gara all’insegna dei valori della sportività, dell’amicizia e della solidarietà. L’iniziativa, è organizzata da Veteran Car Club Bordino – Club federato ASI – con il patrocinio di UNICEF Italia e il sostegno di Guala Closure Group.

Le automobiline, costruite in stile anni Cinquanta, saranno a disposizione dei bambini per dar vita a un Mini Gran Premio. Partecipando con un contributo di minimo 20€, sarà possibile sostenere le attività di UNICEF Italia attraverso la campagna“RIGHTS OF WAY’’, indirizzata a riportare a scuola centinaia di bambine, bambini e adolescenti che, a causa della guerra, avevano interrotto la frequenza scolastica.

Non mancheranno pit-stop, cambi gomme e prove di sorpasso per vivere un’esperienza indimenticabile, dove l’unico vincitore sarà il cuore grande di Alessandria sostegno di tanti bambini che nel mondo vivono in condizioni di vulnerabilità. L’iniziativa avrà luogo in concomitanza del Grand Prix Bordino; sarà anche l’occasione per vedere da vicino le auto che hanno scritto pagine di storia dell’automobilismo mondiale. Continua a leggere “Veteran Car Club Bordino: Mini Gran Premio UNICEF di Alessandria: tutti in pista per i diritti dei bambini”

Arriva il Giro d’Italia a Novi Ligure

dig
UNDICESIMA TAPPA GIRO D’ITALIA 2019
Arriva il Giro, informazioni utili
Novi è pronta per l’evento sportivo più atteso dell’anno, tra le iniziative dedicate ai
cento anni di Fausto Coppi. Infatti, mercoledì 22 maggio 2019 si concluderà in
città l’undicesima tappa del Giro d’Italia, la Carpi – Novi Ligure. Sarà il quarto
arrivo di tappa in città.
La carovana rosa partirà da Carpi e percorrerà la frazione pianeggiante di 221
chilometri, per arrivare sul territorio comunale giungendo da Pozzolo Formigaro. I
corridori percorreranno via Mazzini, corso Marenco e via Raggio, fino al traguardo
posto sul rettilineo della 35 bis dei Giovi all’altezza dello stabilimento della Novi
Elah Dufour, a poche centinaia di metri da Villa Coppi.
L’arrivo è previsto per le ore 16,30 – 17.
Le aree che ospiteranno i due principali centri nevralgici dell’evento saranno il
Quartier tappa e il villaggio commerciale. Il primo sarà allestito presso il
Centro Fieristico annesso al Museo dei Campionissimi in viale dei Campionissimi 2,
con: direzione generale, direzione operativa, segreteria, uffici della giuria e dei
cronometristi, sala stampa, sala conferenze e altri locali necessari
all’organizzazione.
Il villaggio commerciale invece sorgerà in piazza XX Settembre con gli stand dei
partner commerciali del Giro d’Italia; l’area, aperta al pubblico, permetterà un
contatto diretto tra visitatori e aziende e sarà operativa dalle ore 14.30 alle 19.30.
Si ricorda inoltre che per facilitare gli spostamenti, viste anche le modifiche
temporanee alla viabilità necessarie per ragioni di sicurezza, sono state definite
ampie aree di posteggio: piazza Pernigotti-ex Maneggio, piazzale dell’ex
Caserma Giorgi, posteggio di via Raggio accanto all’Ospedale e Movicentro della
stazione (a pagamento).
Per raggiungere la zona d’arrivo verranno messi a disposizione dei bus navetta
del C.I.T. dalle ore 14 alle 18.30, che trasporteranno i visitatori fino alla rotonda
della Dkc (confluenza della Strada Serravalle con la Strada Provinciale ex 35 bis dei
Giovi), partendo da due punti della città: dalla ex Caserma Giorgi (Via Giuseppe
Verdi) e da piazza XX Settembre (nei pressi della Croce Rossa). Lo stesso tratto
sarà percorso anche in senso contrario, per riportare i visitatori in città (al termine
della gara).
Inoltre, un apposito bus navetta sarà disponibile per i disabili, con ritrovo al Museo
dei Campionissimi alle ore 14.30, per accompagnare all’arrivo del Giro.
La conferenza stampa del vincitore si svolgerà all’interno della sala conferenze del
Museo dei Campionissimi, che per l’occasione avrà i seguenti orari:
– martedì 21 maggio dalle ore 10 alle 19, con ingresso a prezzo normale
– mercoledì 22 maggio dalle ore 10 alle 19, con ingresso a prezzo ridotto in
occasione del passaggio del Giro (l’ingresso sarà poi gratuito dalle ore 17.30 per
il talk show).

Comunicato ANPI di Casale Monferrato

La sezione ANPI di Casale Monferrato comunica ai cittadini e alle cittadine i nominativi dei candidati sindaco che hanno risposto al nostro appello pubblico a prendere una netta e chiara posizione contro ogni forma di fascismo e razzismo e ad impegnarsi, in caso di vittoria elettorale, a non concedere spazi pubblici a chi si richiama all’ideologia fascista, in forma aperta o mascherata, bandita in modo categorico dalla nostra Costituzione:

LUCA GIOANOLA
MARCO ROSSI
GIOVANNI ZAFFIRO detto JOHNNY

Da tutti gli altri candidati, silenzio glaciale: a buon intenditor, poche parole.

ANPI Casale Monferrato

info@anpicasale.it | Facebook

Carabinieri di Casale Monferrato: Attività svolte di prevenzione e repressione reati, i risultati

Carabinieri di Casale Monferrato: Attività svolte di prevenzione e repressione reati, i risultati

Nel corso dell’ultimo fine settimana, la Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato, nell’ambito di mirati servizi, principalmente serali e notturni, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati, ha impiegato un elevato numero di uomini e mezzi, raggiungendo i seguenti risultati:

Carab logo

  • i Carabinieri del NOR, al termine di una serie di attività di polizia giudiziaria, hanno rintracciato e tratto in arresto, in ottemperanza a un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Vercelli, D.I., rumena 42enne, dovendo scontare condanna a 1 anno e 9 mesi per una rapina, avvenuta nel febbraio 2018 presso un centro commerciale di Casale Monferrato, durante la quale due cassieri venivano aggrediti, ed uno rimaneva seriamente ferito a una spalla. In seguito a quell’evento, i Carabinieri del NOR avevano rintracciato e arrestato la donna già lo stesso pomeriggio del fatto, recuperando la merce;
  • i Carabinieri della Stazione Carabinieri di Ozzano, a seguito di un controllo, hanno denunciato in stato di libertà per porto di oggetti atti a offendere L.P.N., 28enne, residente in Casale, con precedenti di polizia, poiché, intorno all’una di notte, in Casale Monferrato, risultava detenere a bordo della propria autovettura, senza giustificato motivo, una mazza da baseball in legno (lunghezza 60 cm);
  • i Carabinieri del NOR e della Stazione Carabinieri di Ozzano, nel corso di un servizio coordinato di controllo del territorio in Casale, hanno denunciato in stato di libertà per porto di oggetti atti a offendere e guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti G.F.C., 26enne rumeno, residente in Casale, con precedenti di polizia, che, sottoposto a controllo intorno alla mezzanotte, risultava detenere,  nel bagagliaio dell’auto, 0,5 grammi di cocaina, una roncola e un cacciavite. A seguito del controllo, l’uomo veniva accompagnato in Ospedale e sottoposto ad accertamenti sanitari, risultando positivo all’assunzione di sostanze stupefacenti.

Appuntamento con Associazione SpazioIdea – Alessandria

OCHE PANTANI WEBAssociazione SpazioIdea

in collaborazione con

-Circolo Provinciale della Stampa-

-Circolo Filatelico Numismatico di Alessandria-

sono lieti di invitare la S.V.

 venerdì 24 maggio 2019 ore 19:00

Chiesa di San Giacomo della Vittoria – Alessandria

Mostra fotografica

“Oche pantani colori e reliquie di un tempo che si rinuova”

Venerdì 24 maggio alle ore 19:00, nella chiesa di San Giacomo della Vittoria di Alessandria, Adriano Antonioletti Boratto, storico dell’arte, converserà col pubblico sul tema della Mostra Fotografica dal titolo piuttosto insolito “Oche pantani colori e reliquie di un tempo che si rinuova”.

La chiacchierata costituirà complemento e premessa all’inaugurazione della mostra fotografica allestita nella chiesa, con l’intento di sollecitare memorie e curiosità degli alessandrini su quanto della città hanno permanentemente sotto il naso ma non notano o su ciò che non è facilmente accessibile.

Le fotografie appositamente realizzate sono dell’attenta e sensibile Monica Dorato, la scelta dei luoghi è del curioso e appassionato di storia ed arte locale, Dott. Piercarlo Antonioletti.

Ingresso libero.

Le dichiarazioni dei politici sul Gran Premio Bordino di Alessandria

Abello locandina

DICHIARAZIONI

“Motori, cultura, spettacolo e divertimento sono questi gli ingredienti dell’appuntamento oramai consolidato  che la Città di Alessandria ha con il Gran Prix Bordino. Un evento giunto alla XXIX edizione e che guarda alla Città di Alessandria, ideale porta del Monferrato, come punto di partenza ed arrivo della competizione. Una manifestazione che oltre la competizione motoristica, mira a diffondere la cultura del motorismo storico coinvolgendo tutti gli attori del territorio con interessanti eventi come corollario che ne amplificano il valore, rendendo questo  evento un momento di intrattenimento qualificante per il nostro territorio  che, pertanto, siamo lieti di  patrocinare”.

Il Sindaco di Alessandria

“Il Gran Prix Bordino è giunto alla sua XXIX edizione. Si tratta di una manifestazione che è cresciuta nel tempo e che può considerarsi un fiore all’occhiello tra i nostri eventi, per l’interesse non solo sportivo ma di recupero del nostro patrimonio storico culturale. Oltre a creare attrattività e far parlare del nostro territorio, crea e stimola riflessioni sul mondo dei motori a 360 gradi, celebrando il grande passato di Alessandria come capitale dei motori negli anni ’20 e ’30 del secolo scorso.

Grande attenzione alla competizione sportiva, ma anche all’abbigliamento da utilizzare, mostre fotografiche, un concorso per le scuole e non ultimo la novità di un Gran Prix per i più piccoli in collaborazione con Unicef, fanno di questo evento un appuntamento non fine a se stesso, ma profondamente radicato nel nostro tessuto sociale che merita certamente di essere valorizzato e sostenuto”

L’assessore alle Manifestazioni ed Eventi Continua a leggere “Le dichiarazioni dei politici sul Gran Premio Bordino di Alessandria”

Il Salotto del Mandrogno di maggio, di Lia Tommi

Alessandria: Mercoledì 22 maggio, giorno dell’arrivo della tappa del Giro d’Italia a Novi, il centro d’incontro Galimberti (via Pochettini 3, Alessandria) ospiterà, alle 21.30, una nuova puntata del “Salotto del mandrogno”, talk show condotto da Massimo Brusasco, con la collaborazione di Gianni Naclerio, Franco Rangone, Ugo Boccassi, Gianni Pasino.

Grazie al negozio “Il ciclista” di Alessandria (corso Monferrato), omaggio a tutti quelli che verranno in bicicletta.

La bicicletta, infatti, è il tema della serata.

Ospiti:

Massimo Pica, cabarettista

Roberto Livraghi, presidente del Museo Acdb

Claudio Pasero, associazione Amici delle bici

Stefano Scapitta, artefice di molte imprese in bicicletta

Mara Verzetti, promotrice di ‘bici-bus’

Lia Tommi, organizzatrice di eventi culturali

Mimma Caligaris, autrice del libro ‘Eterno Fausto’

Claudio Cheirasco, sostenitore di una rete di piste ciclabili.

Lo spettacolo sarà registrato da Radio Gold che lo trasmetterà venerdì 24 alle ore 21 sugli 88.8 e 89.1.