La sensazione di vuoto generata dalla mancanza

Creando Idee

La sensazione di vuoto generata dalla mancanza ci fa comprendere la forza di un sentimento e il valore che una persona ha nella nostra vita. Le mancanze legate alla famiglia si spiegano da sé: sicuramente la mancanza di un figlio o di un genitore sono sentimenti molto forti che tutti proviamo per motivi belli le partenze per le vacanze al mare o un viaggio, e per motivi meno belli un lutto o un distaccamento dovuto agli eventi, un distacco volontario di una delle parti. Intensa e meravigliosa è la mancanza della persona amata. Potrebbe mancarci un partner via per lavoro ma anche un amante che non possiamo vedere o sentire. Altrettanto importante è la mancanza di luoghi o di sentimenti e situazioni mancanza dell’amore, dell’ amicizia o del senso di famiglia Sentire la mancanza della persona amata è il primo passo per comprendere che quella persona ha un vero…

View original post 293 altre parole

Ti voglio bene o ti amo

Creando Idee

Ti voglio bene o ti amo, quale vale di più? Anche tu facilmente ti sei posto questo quesito, senza magari arrivare ad una risposta certa. Sai  perché accade questo? In amore un soggetto può essere confuso dalle forti emozioni provate che lo spingono a dedicarsi totalmente ad una persona: a volte infatti si crea confusione in quanto non si capisce all’istante se quello che si prova è solo del semplice affetto e attrazione, o se si tratta di qualcosa di più forte. Da qui le numerose e variopinte espressioni di affetto e di amore che i partner si scambiano: dai più classici “ti voglio molto bene” o “ti voglio un bene dell’anima” al più romantico “tesoro ti amo ” e moderno “ti amo di bene” tanto in voga tra i più giovani. Questa varietà di linguaggio riflette in tutto e per tutto il sentimento che un individuo prova…

View original post 251 altre parole

Snack soffiati e salutisti.

Creando Idee

Essere o non essere mangiatori altezzosi? Questa la vera domanda che anima il cuore di generazioni tormentate dal cibo. Stare sempre sugli attenti, impegnati a fare le pulci a quello che ingerisce il prossimo, o abbandonarci alle esperienze più triviali? Come gli snack per esempio. Con quel fascino morboso e segreto che le polemiche salutiste non fanno che enfatizzare.Potete mangiarli con aria pensierosa e contrita, teorizzando castronerie come lo “snack gourmet”; senza nascondersi dietro un dito, non disdegnando di tanto in tanto qualche calorica schifezzuola. Dopo le chips di mela, anche quest’anno sembra aprirsi una nuova strada nel settore degli snack. Che saranno trasformati da nuovi metodi di cottura e soprattutto da nuovi ingredienti. Secondo gli esperti del settore dopo la frutta quest’anno sarà la volta dei cibi soffiati ed essiccati, dalla pastinaca all’etnica jicama. Ovvero pop-corn, ma in versione salutista.

View original post

La cucina, di Francesco Colaci

La cucina, di Francesco Colaci

La cucina

Nel bilocale arredato , con cucina abitabile ,Pippo aveva stabilito la sua torre d’avorio , il limite invalicabile circondato da filo spinato .
-Alt! Da qui non si passa.Non ho bisogno di nessuno,io!-si ripeteva soddisfatto.
Aveva sistemato tutto per bene: l’impianto stereo,la musica classica ,la libreria e la TV in salotto ; distribuito i libri
in accordo con i suoi luoghi preferiti di lettura: un romanzo sulla sedia , accanto al divano, un “mattone” di filosofia ,uno di psicologia insieme ad un giallo sul comodino, nella camera da letto ;qualche fumetto sulla lavatrice vicino al water, mentre nel mobiletto del corridoio aveva nascosto un paio di video cassette porno ,caso mai, in un momento di debolezza , gli venisse voglia di cercare compagnia, fuori casa .
Di rado entrava in cucina , non si trovava a proprio agio . Ci metteva il naso solo per aprire il frigorifero e bere un po’ d’acqua, sorvolando sul mezzo limone ammuffito , sul latte scaduto ed il prezzemolo ingiallito.Il tavolo poi, per quanto cercasse di “occuparlo” con vassoi da frutta ,gli sembrava vasto quanto uno stadio vuoto.
Continua a leggere “La cucina, di Francesco Colaci”

‘Rock Around The Clock’

words and music and stories

On Saturday, 9 July 1955Bill Haley & Comets’ “Rock Around the Clock” topped the charts where it stayed for eight weeks.
It was not the first rock and roll record, nor was it the first successful record of the genre but this song, whose  original full title was “We’re Gonna Rock Around the Clock Tonight!”,  was the first able to surge to the top of all three different categories compiled by Billboard magazine at the time: Best Sellers in Stores, Most Played By Disc Jockeys, and Most Played in Juke Boxes.
In 2018, it was selected for preservation in the National Recording Registry by the Library of Congress as being “culturally, historically, or artistically significant.”

‘Rock Around The Clock’

One, two, three o´clock, four o´clock, rock
Five, six, seven o´clock, eight o´clock, rock
Nine, ten, eleven o´clock, twelve o´clock, rock
We´re gonna rock around the clock tonight

View original post 426 altre parole

À la recherche de Marcel Proust

words and music and stories

J_E_Blanche_Marcel_Proust J. E. Blanche (1892)

L’ écrivain Marcel Proust est né le 10 juillet 1871 à Paris et mort en 1922.

3 citations:

1- “Le véritable voyage de découverte ne consiste pas à chercher de nouveaux paysages, mais à avoir de nouveaux yeux. ”

2- “Nous n’arrivons pas à changer les choses suivant notre désir, mais peu à peu notre désir change.”

3- “Le souvenir d’une certaine image n’est que le regret d’un certain instant.”

1- “Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi.”

2- “Non riusciamo a cambiare le cose secondo il nostro desiderio, ma gradualmente è il nostro desiderio che cambia.”

3- “Il ricordo d’una certa immagine non è che il rimpianto di un certo momento.”

1-  “The real voyage of discovery consists not in seeking new landscapes, but in having new eyes.”

2- “We do not succeed in changing things according…

View original post 22 altre parole

Scrivere ti salva

NellaSolitudineTiRitrovi

Oggi, come ieri, come l’altro ieri, sono giorni in cui scriverei a ruota libera. Ma è giusto esternare così tanto i miei pensieri? Le mie emozioni? Io penso che scrivere mi colma le mie sofferenza, come per chi ascoltare musica. Scrivo e piango. Mi chiedo perchè? Perchè tutta questa solitudine interiore in me? Perchè non trovo pace ed equilibrio? Cos’è che mi fa star così male? Mille domande e zero risposte. Chi è come me? Sono sola al mondo? Io e la mia solitudine? O esiste qualcuno/a come me?

…Dal diario di chi si sente

Sempre più sola…

View original post

Concediti…….del tempo!

NellaSolitudineTiRitrovi

Ho imparato a concedermi un pò di tempo…lo faccio scrivendo perchè forse posso aiutare chi come me cerca un equilibrio interiore, chi come me alterna fasi di estrema solitudine, tristezza e fasi in cui hai una carica interiore che niente e nessuno può fermati. Dentro me, nonostate la fase di estrema solitudine, mi domando come posso ricercare quel famoso equilibrio per star bene, ma che non sia abitudine?

Concedetevi anche voi del tempo per imparare a bastarvi.

View original post

LA LETTERA DALL’ALDILA’, di Augusto Salati

LA LETTERA DALL’ALDILA’, di Augusto Salati

Questi versi li scrissi un giorno che vidi un amico piangere, aveva da poco perso la sua giovane moglie ed io mi sono immedesimato nella sua sofferenza!

LA LETTERA DALL’ALDILA’

La tua lettera o telefonata
Non è ancora arrivata
Settembre è più veloce
Coi suoi buchi di pioggia
E i suoi grigiori…
Iniziano le scuole
E i bambini ti cercano
Non so cosa dirgli
Ma hanno occhi grandi
Per la muta sorpresa.
Vorrei rivederti
Qui c’è un grande deserto
Forse è solo uno sbaglio
Che la natura ci intesta
Rivedo il fiore
Che volesti quel giorno
Col tempo ha perso
I petali, ma il profumo
è rimasto nella casa
spengo le luci, da lontano
ti vedo e aspetto in silenzio.
a.s.

LA PRIMA VOLTA, di Augusto Salati

LA PRIMA VOLTA, di Augusto Salati

LA PRIMA VOLTA

S’era stretta nelle spalle
Dondolandosi da bambina
Era confusa, sognava
Si sedeva, si alzava
Come fa il mare con l’onda
La guancia si toccava
E fissi gli occhi restavano
Nel ricordo adorato
Un gesto solo, un tenero
Gesto appassionato
Aveva scosso il suo cuore
La prima volta il suo amore
Le aveva dato un bacio.
a.s.

Novinterzapagina associazione culturale: Inaugurazione della Mostra delle proposte relative al Concorso “Novi in Centro”

Novinterzapagina associazione culturale: Inaugurazione della Mostra delle proposte relative al Concorso “Novi in Centro”

Noviterzapagina

Novi Ligure: venerdì 13 luglio ore 18.00

Al via la fase finale del Concorso d’idee “Novi in Centro”, iniziativa ideata dall’associazione culturale Novinterzapagina volta alla valorizzazione del Centro storico Novese. Si aprirà infatti venerdì 13 luglio alle 18.00 nel locale di via Paolo Giacometti, largo Valentina, in un locale appositamente allestito, la mostra dei numerosi progetti che sono stati presentati per fornire suggerimenti finalizzati alla rigenerazione del Centro Urbano Novese. Continua a leggere “Novinterzapagina associazione culturale: Inaugurazione della Mostra delle proposte relative al Concorso “Novi in Centro””

Prassonissi

Creando Idee

Prassonissi, anche chiamata Prasonisi è un’isola tidale che si trova all’estremità meridionale dell’isola di Rodi. Si tratta di un insenatura, sul quale si erge un faro, unito all’isola da una striscia di sabbia, che diventa un’isola con l’alta marea, dando origine a quel fenomeno conosciuto come “l’incontro dei due mari“, il mar di Levante ed il mar Egeo. Così, mentre il mare occidentale è agitato per il soffiare del vento Meltemi, quello orientale è calmo. Si assiste ad un fenomeno particolare che è il paradiso dei surfisti. Ancora oggi è una zona disabitata e con pochissime strutture, ancora lontana dal turismo di massa come quasi tutta la costa occidentale dell’isola che non ha strutture turistiche ma è in prevalenza agricola. Ci si arriva, dalla città di Rodi, sia dalla parte orientale che da quella occidentale oppure con itinerari interni se si vuol fare una visita a Petaloudes la…

View original post 51 altre parole

Paese che vai espresso che trovi..ecco alcune curiosità

Creando Idee

Sappiamo che il caffè arrivò in Italia verso la fine del 500 e la prima bottega del caffè aprì a Venezia: da allora il caffè è entrato nella dieta occidentale, regalando all’Italia un primato nella diffusione e nella preparazione dell’espresso: siamo il secondo importatore al mondo e il secondo consumatore di caffè. Ma come è accaduto per la pizza, una volta preso il largo, il caffè ha perso le sue caratteristiche tipicamente italiane ed è diventato la base di bevande, che poco incontrano il nostro gusto. Per esempio… Caffè al carbone Un caffè servito con un bel pezzo di carbone fumante? Il Kopi Joss non è una novità: è stato inventato dal titolare di un bar di Jakarta negli anni ’60.Come la maggior parte del caffè da queste parti si prepara con una polvere di caffè e alcune cucchiaiate di zucchero a cui viene aggiunta acqua da un bollitore…

View original post 126 altre parole