La pietà dell’acqua

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: La pietà dell’acqua

Autore: Antonio Fusco

Editore: Giunti

Antonio Fusco è un funzionario della Polizia di Stato, lavora in Toscana dove si occupa di indagini di polizia giudiziaria. Quindi non è uno scrittore professionista ma comunque, nel caso di gialli e thriller deve essere considerato un addetto ai lavori.

La storia è ambientata in Toscana, è agosto, tempo di vacanze e di giornate caldissime. Un cadavere viene ritrovato in campagna nei pressi di un albero che ha una storia legata alla seconda guerra mondiale. Siamo sulle montagne nei pressi di Valdenza. Il delitto viene commesso nei pressi del paesino di Torre Alta, che ha preso il posto del vecchio borgo di Torre Ghibellina, sommerso da un lago artificiale creato nel dopoguerra dalla costruzione di una diga. Nei giorni dell’omicidio il lago è stato svuotato per la manutenzione straordinaria e la zona è piena di turisti accorsi per visitare il…

View original post 352 altre parole

Amore di coppia

Creando Idee

Quando due persone stanno insieme da tanto tempo è quasi normale che una delle due o entrambe si sentano parte di un’entità unica. Capita, però, che altri trovino questo modo di vivere il rapporto troppo asfissiante. Si sentono minacciati da questa interdipendenza. Secondo una recente ricerca, gli individui delle coppie che si riferiscono a loro stessi come “noi” hanno maggiori probabilità di essere più felici nell’amore rispetto a quelli che non lo fanno.Ricercatori dell’Università della California hanno studiato il legame tra l’uso di pronomi plurali in prima persona come “noi”, “nostro”, “noi” e la salute delle relazioni romantiche. I ricercatori hanno preso in considerazione cinque fattori principali. Per quanto tempo le coppie sono state insieme; il loro atteggiamento all’interno delle relazioni; la salute mentale dei partecipanti; la loro salute fisica; quanto bene si prendono cura di se stessi ogni giorno. Sono giunti alla conclusione che nell’amore di coppia “parlare…

View original post 108 altre parole

UN DOMANI, SE (linee)

immagini da un diario

Sulla linea della notte

si incrociano segmenti di vite.

Linee spezzate di esistenze in viaggio,

destinazione ultima

la prossima fermata.

Lo sconosciuto è solo un profilo estraneo

che non distrae il respiro regolare,

come l’affanno rassegnato dell’ultimo treno.

(Se su questo vagone

ci fossero un poeta francese

e una chiromante

si accorgerebbero di due amanti

seduti accanto.

L’uno

ne riscriverebbe la storia in versi.

L’altra

inventerebbe sulle loro mani

un’unica linea della vita)

Credits:

  • P.S. Io sono continuamente sorpreso da questo esperimento di contaminazioni e risonanze tra parole e immagini, pensieri e pensieri.
  • View original post

    I MIEI TOUR IN AUTO

    Una Valigia Per Quattro-consulente di viaggi

    Il mio primo tour negli Stati Uniti nel 2014 avevamo fatto un coast to coast di 15 giorni partendo dalla California per finire a New York.Esattamente siamo arrivati a SanFrancisco dove abbiamo alloggiato tre giorni per poi trascorrere una notte a Las Vegas alla quale ci siamo arrivati in aereo.Da Las Vegas abbiamo finalmente noleggiato un Suv della Ford davvero comodo sopratutto se avete bambini.All’interno tutti i confort:bagagliaio e sedili spaziosi,wi-fi,navigatore ecc.

    Screenshot-2018-5-22 Google

    Il primo giorno con l’auto siamo andati a 8 ore di distanza in Arizona e ci siamo fermati a dormire in un bellissimo resort a Lake Powell,un lago artificiale molto tranquillio,ci è servita come sosta per raggiungere il giorno dopo la Monument Valley dove abbiamo sostato una notte.Il giorno dopo abbiamo raggiunto il Grand CanyonNational Park,il quale merita almeno due notti per poterlo girare.Poi siamo scesi a Phoenix dove abbiamo consegnato l’auto in aeroporto…

    View original post 389 altre parole

    Poesie di Pasquina Filomena

    Galaktika Poetike "ATUNIS"

    Poesie di Pasquina Filomena
     
     
    CI SONO GIORNI
     
    Ci sono giorni,
    in cui mi sento sola
    e non so dove andare.
    Ci sono giorni,
    in cui mi sembra di toccare il cielo
    ma poi cado senza ragione.
    Ci sono giorni,
    in cui vivo di silenzi
    nel rumore forte della mia mente.
    Tutto questo per dirti:
    “Ho bisogno di te… ma non ci sei”.
     
     
     
    BRIVIDO VELLUTATO
     
    Continuo a sognarti,
    in quelle notti
    che non prendono forma.
    In quelle notti,
    in cui vorrei essere il tuo mondo.
    Ma tutto questo mondo non c’è.
    Solo un brivido vellutato,
    di due guance…
    un tempo unite,
    che si sfiorano in silenzio.
     
     
     
    SOLO NOI DUE
     
    Voglio affogare nei tuoi occhi,
    per poter risalire
    e dirti ti amo.
    Tutto in una sola notte.
    In una notte
    senza stelle e senza luna.
    Solo noi due,
    a coprirci di…

    View original post 8 altre parole

    Amo.

    FRANZ

    Amo, nei segni del dolore, il tuo viso pulito,

    amo, anche, il tempo baro che lo ha reso indefinito.

    Amo il fondo dei tuoi occhi velati di tristezza

    nell’immersione fluida di un sogno infranto in vaghezza.

    Amo questa malinconia d’assenza

    che pesca tra i brandelli carnali della tua presenza.

    Amo questo scrivere indarno

    nel fiore di un ricordo lungo l’Arno.

    Amo, anche, del mio dire la tua stizza

    che quest’amore ti fa avvertire come un’ossessa bizza.

    Amo, amica, il tutt’intorno

    del pensiero continuo di te di cui m’adorno.

    View original post

    AI BIMBI, di Gregorio Asero

    AI BIMBI, di Gregorio Asero

    gregorio asero

    AI BIMBI

    Soffre la vita ai bimbi
    come soffre l’inverno
    come l’età cadente soffre al canuto

    Veggo fra le altre angosce
    le lacrime di infanti
    dal piccolo piede ignudo
    mi sanguina il cuore

    Ahi…ahi…
    Chi vi consola o tremanti piedini

    vi sono dunque ancora respiri
    di poveri bimbi piangenti?

    gregorio asero
    copyright legge 22 aprile 1941 n. 633

    Ho visto Aquaman ed ecco cosa ne penso!

    Il Lettore Curioso

    Inizialmente non avevo intenzione di recensione Aquaman, principalmente perché è uscito da un po’ e molti di voi lo hanno già visto, ma alla fine avevo troppe cose da dire e quindi eccomi qui!

    Ero stata avvisata che Aquaman è un film trash, pertanto le mie aspettative non erano molto alte. Ma fin dai primi mi sono resa conto quanto quella descrizione corrispondesse alla realtà. Ma partiamo con ordine…

    Arthur è nato dall’amore di Tom, un guardiano del faro e Atlanna, Regina di Atlantide. La madre, fuggita dai doveri che la aspettavano ad Atlantide per vivere sulla terra ferma, è costretta a tornare a casa, dove viene giustiziata. Tom cresce in superficie, imparando a controllare i propri poteri, aiutato dal consigliere del Re e usando la propria forza per contrastare i pericoli del mare.

    Quando la minaccia di una guerra tra umani e atlantidei incombe sempre di più, Arthur è…

    View original post 415 altre parole

    I cestini di parmigiano

    Creando Idee

    I cestini di Parmigiano sono dei piccoli contenitori decorativi e buonissimi da mangiare. Conferiscono anche al piatto più semplice una nota speciale e la soddisfazione di poter mangiare sia il contenuto sia il contenitore. Realizzare i cestini di Parmigiano è molto semplice e rapido: sono necessarie solo un pizzico di pazienza e precisione. Vediamo insieme come ottenere dei cestini di Parmigiano belli e soprattutto buoni! Cosa vi serve: una padella antiaderente 18 cm circa di diametro, 4/5 cucchiai di Parmigiano grattugiato per ogni cestino, 1 cucchiaio di olio extra vergine, una ciotolina.Ungete la padella con l’olio. Fate scaldare la padella per 30 secondi e poi distribuite in modo uniforme sul fondo 4/5 cucchiai di formaggio Parmigiano grattugiato, livellando bene e coprendo eventuali “buchi”. Lasciate sciogliere e dorare il formaggio per un paio di minuti a fuoco basso. Con una spatola iniziate a sollevare delicatamente i bordi. Quando il

    View original post 61 altre parole

    Iscrizioni per le Scuole dell’Infanzia comunali paritarie

    Iscrizioni per le Scuole dell’Infanzia comunali paritarie

    Alessandria: Si comunica che per l’anno scolastico 2019/2020 le iscrizioni per le scuole dell’Infanzia comunale paritarie saranno aperte per la sola scuola dell’infanzia comunale paritaria “La Cascina dei Sogni” di Cascinagrossa.

    Le domande degli utenti già frequentanti nell’anno scolastico 2018/2019 (riconferme/trasferimenti da infanzia comunale a infanzia comunale, passaggi da nido/sezione primavera a infanzia comunale) hanno coperto  tutti i posti disponibili per l’anno scolastico 2019/2020 presso le altre scuole dell’infanzia comunali “Il Brucomela” di via Rosssini e il “Girotondo” di via P. Micca .

    Sarà possibile iscriversi alla ‘Cascina dei Sogni’ da lunedì 14 gennaio sino a venerdì 8 febbraio 2019 compreso. Continua a leggere “Iscrizioni per le Scuole dell’Infanzia comunali paritarie”

    Era stanca … di Rosetta Amoroso

    Era stanca … di Rosetta Amoroso

    era stanca

    Era stanca lei ,la luna
    Si stanca e delusa ,delusa
    da cio che da lassù ,osserva ,
    Malvagità , cattiveria,l uomo
    non ha parato nulla ,anzi sta perdendo
    le cose più preziose ,l onesta ,l amore fraterno
    La fede ,la pace ,anzi fa guerra ,nei vicoli ,nelle
    Piazze ,nei borghi ,è mattanza nelle spiagge ,di poveri migranti ,attirati e trasportati non so da chi ,e perché ,in tale maniera ,no non è aiutare
    I popoli ,è un altra cosa luna ,tu che da lassù vedi tutto ,illumina l uomo a ritrovare il lume terreno ,quello che gli fa luce per vie giuste e fraterne. Riposati ancora un po’ e fa come le mamme riprendo la tua quota e va
    luna Amoroso Rosetta
    Luglio. @#D,,R,,,,

    L’Anm ora “processa” Di Maio: “Su Avellino parole sconcertanti”

    L’Anm ora “processa” Di Maio: “Su Avellino parole sconcertanti”L’Anm ora “processa” Di Maio: “Su Avellino parole sconcertanti”

    L’Anm mette nel mirino Luigi Di Maio. Il vicepremier infatti è finito enlla bufera per alcune parole espresse a caldo dopo la sentenza sull’incidente del bus di Avellino

    Franco Grilli – Sab, 12/01/2019 – 11:34 

    1547114301-lapresse-20181229205613-28085277

    L’Anm mette nel mirino Luigi Di Maio. Il vicepremier infatti è finito enlla bufera per alcune parole espresse a caldo dopo la sentenza sull’incidente del bus di Avellino che ha visto l’assoluzione di Autostrade.

    http://www.ilgiornale.it/

    I toni di Di maio in un post su Instagram sono stati molto duri: “er essere chiari: io ce l’ho con la feccia politica che in questi anni ha firmato ad autostrade contratti capestro che li solleva da ogni responsabilità, dandogli tutti le garanzie economiche e legali del caso”. Un attacco contro la sentenza dei giudici che ha fatto scattare la reazione dell’associazione nazionale magistrati: “Le dichiarazioni rese da importanti esponenti del Governo a seguito della sentenza pronunciata dal giudice monocratico del Tribunale di Avellino ci lasciano sconcertati”.

    Poi con una nota l’Anm ha rincarato la dose: “Ancora una volta – si legge nel comunicato – ribadiamo la necessità che tutti i protagonisti del dibattito pubblico, specie se ricoprono incarichi istituzionali, rispettino le decisioni e il lavoro della magistratura”. Infine l’Anm si schiera dalla parte del giudice che ha letto la sentenza sull’incidente: “L’Anm esprime solidarietà al collega Luigi Buono e chiede a tutti il rispetto dei magistrati e dei valori costituzionali che rappresentano”.

    RICORDI, di Gregorio Asero

    RICORDI, di Gregorio Asero

    RICORDI
    Esistono persone più vicine ad una realtà spirituale che non a quella materiale. Mi spiego: alcuni individui amano perdersi più nella realtà immaginata che non in quella reale; per cui gli piace credere che gli oggetti, le persone, gli animali i monumenti, e tutte le cose concrete che popolano questo mondo e che in qualche modo sono stati, o sono, in contatto con loro o semplicemente sono stati, o sono, sfiorati o guardati, conservino qualcosa che faccia parte della loro essenza, della loro fisicità e che in qualche modo ci sia una compenetrazione di “amorosi sensi”.

    gregorio asero

    Allora si immagina che i loro occhi conservino qualcosa di divino, e sotto questo velo sensibile, percepibile solo da pochi, il loro mondo appare come in una visione e la contemplazione della natura diventa quasi adorante, che simile a chimera è in grado di diventare reale e palpabile da tutta l’Umanità.

    In questo senso, una cosa che abbiamo visto molti anni prima e che all’improvviso riappare alla nostra mente, ci riporta al tempo antico come se mai fosse passato ed allora capita che la realtà passata si fonda a quella presente e tutto il mondo si ferma per fondersi in un unico presente, fatto di contemplazione di dolci ricordi.
    Gregorio Asero

    Duccio Demetrio- Foliage. Vagabondare in autunno – Riflessioni

    Books Never-Ending

    42416350☆☆☆☆

    Ho scoperto ‘Foliage. Vagabondare in autunno’ di Duccio Demetrio un pomeriggio per caso, mentre mi aggiravo in libreria alla ricerca di nuove letture. Come spesso accade, sono stata attratta dalla copertina, che raffigura un dipinto di Schiele. L’autunno è la mia stagione preferita, aver scoperto quindi un libro ad esso interamente dedicato è stata una sorpresa.
    Foliage è un inno e una riflessione sui vari aspetti di questa meravigliosa stagione. Una riflessione sugli stati d’animo e sulle varie sfaccettature che l’autunno riflette con i suoi mille colori.
    Fanno cornice alle parole gli splendidi dipinti tutti a tema autunnale di Monet, Mondrian, Van Gogh, Klimt, Pissarro e tanti altri ancora.
    Una lettura rilassante, colta, poetica.

    “L’autunno è un tempo di metamorfosi sublimi e incantamenti, di distacchi e di ritorni, di abbandoni e di rinascite. L’autunno è un’istruzione della natura che pare consolare la terra per ciò che le accadrà. Non…

    View original post 84 altre parole

    Violenze e minacce a bimbi autistici: arrestate 4 educatrici a Noicattaro. La Gazzetta del Mezzogiorno

    Le 4 maestre del centro Istituto Sant’Agostino sono state riprese dalle telecamere in almeno 100 episodi di maltrattamenti

    I carabinieri di Triggiano (Ba) hanno arrestato quattro educatrici del centro di riabilitazione “Istituto Sant’Agostino” di Noicattaro (Ba), G.M., 42 anni, L.R., 29, S.R., 42 e L.L, 28. Si occupano di percorsi rieducativi e riabilitativi per bambini autistici e con altre disabilità mentali, sono responsabili di aver maltrattato i minori a loro affidati.

    Le indagini si sono avviate lo scorso ottobre, quando una dipendente del centro ha riferito ai militari di aver assistito ad alcuni episodi di violenza, che duravano dal 2016. I carabinieri quindi, grazie alle riprese delle telecamere, sono riusciti a verificare cento episodi di maltrattamenti: minacce, insulti, violenze nei confronti di 9 bambini tra i 7 e i 15 anni, tutti affetti da gravi forme di autismo e impossibilitati a raccontare a casa quello che subivano. Le educatrici sono ai domiciliari.

    LEGATI ALLE SEDIE E BOCCHE TAPPATE – Legati alle sedie con le braccia bloccate dietro la schiena e messi a tacere quando urlavano e piangevano con fazzoletti sulla bocca fino quasi a non poter respirare. Sono alcuni dei maltrattamenti documentati dai Carabinieri in un centro di riabilitazione per bambini affetti da autismo nell’ambito di una indagine della Procura di Bari che ha portato oggi all’arresto di 4 persone, tre educatrici e una insegnante di sostegno.
    In un mese di intercettazioni audio-video, da inizio novembre a inizio dicembre 2018, gli inquirenti hanno immortalato episodi di bambini spinti contro il muro o tra il muro e il banco, altri bambini con la testa pressata sul pavimento. Dalle immagini si vede che insegnanti li bloccavano immobilizzandoli per poi legarli o tappargli la bocca. Le intercettazioni audio nei bagni della struttura hanno documentato il suono di schiaffi sulla pelle nuda e i pianti dei piccoli.

    Sorgente: Violenze e minacce a bimbi autistici: arrestate 4 educatrici a Noicattaro – La Gazzetta del Mezzogiorno

    Per crescere un bambino ci vuole un villaggio

    Revolution Post

    Insegnate ai vostri figli il discernimento morale ed etico

    Papa Francesco nel incontro con i genitori e insegnanti parla di educazione,di comunicazione tra genitori e figli, di non lasciarli crescere da soli. Parla di collaborazione tra scuola e famiglia, in occasione del incontro con l’associazione genitori .

    Con la speranza che in questo nuovo anno scolastico si respiri più senso civico.

    Occorre cambiare, è l’ appello del Papa. E per fare questo cambiamento, sottolinea, «occorre che qualcuno faccia il primo passo, vincendo il timore dell’ altro e tendendo la mano con generosità. Per questo vi invito a coltivare e alimentare sempre la fiducia nei confronti della scuola e degli insegnanti: senza di loro rischiate di rimanere soli nella vostra azione educativa e di essere sempre meno in grado di fronteggiare le nuove sfide educative che vengono dalla cultura contemporanea, dalla società, dai mass media, dalle nuove tecnologie. Se è giusto…

    View original post 217 altre parole

    Santino Di Matteo si racconta

    Revolution Post

    Nel libro HO SCONFITTO la mafia. IO SONO VIVO! L’autrice Marina Paterna immortala in un capitolo la sua confessione. 36 un numero, un’ossessione. 36 un capitolo. Sono gli stessi minuti in cui decide di scappare per raggiungere suo figlio Giuseppe. 36 sono anche i suoi anni, gli stessi in cui decide di cambiare la sua vita di mafioso e l’intera storia divenendo collaboratore di giustizia mettendo a repentaglio la sua sicurezza. Fu proprio il suo pentimento che aprì la strada al fenomeno del pentitismo. 36 sono le ore in cui scappa, eludendo i controlli della sorveglianza. Espulso dal programma di protezione per cercare il figlio, oggi chiede di poter rientrare a far parte del programma. E con una mano sulla coscienza urla:

    “E tu che mi stai leggendo dentro. Tu che stai leggendo le pagine della mia memoria, prova adesso tu a dirmi da padre, da genitore, da madre, cosa…

    View original post 25 altre parole

    L’autrice Marina Paterna chiede: “Fermiamoci ad ascoltare. Impariamo a leggere ogni cosa, anche i silenzi. Iniziamo dall’osservare, anche le più insignificanti cose ci parlano di noi.”

    Revolution Post

    Strage di Paternò. “Tragedia per la nostra città.”

    L’autrice Marina Paterna chiede: “Fermiamoci ad ascoltare. Impariamo a leggere ogni cosa, anche i silenzi. Iniziamo dall’osservare, anche le più insignificanti cose ci parlano di noi.”

    Ho ascoltato il sindaco e credo nel suo dolore. Siciliano come me, dal cuore grande come tutti i siciliani. Deluso e amareggiato. Eppure, dopo ogni delitto efferato, sento e leggo: “Era una famiglia perbene, nessuno se lo sarebbe mai aspettato.” Eppure un uomo Gianfranco Fallica, stermina la sua famiglia, moglie e figli. Poi si uccide con un colpo di pistola. Dunque io mi chiedo: cosa succede all’interno delle quattro mura di casa? Che tipo di stress latente si manifesta, camuffato, fino al giorno in cui esplode e avviene la tragedia? Quali i segnali manifesti? Quali quelli occulti? Chi non ascolta cosa? Chi non vede chi? Quali i segnali davanti i quali restiamo inermi, o forse, in…

    View original post 52 altre parole

    Corinaldo tragedia alla Lanterna Azzurra

    Revolution Post

    Corinaldo. Tragedia alla Lanterna Azzurra.

    L’autrice Marina Paterna dichiara: “Dove stanno le parole per esprimere la rabbia? Ci sono solo numeri: 490 i ragazzi registrati dal contapersone, tra i 1.400 e i 2.000 i ragazzi effettivamente presenti. Quanti i biglietti realmente venduti? Ma oggi di quale sicurezza parliamo? È chiaro che nel locale moltissime sono le incongruenze e chi di competenza si assumerà tutte le responsabilità del caso. Almeno adesso. La verità è che la sicurezza dovrebbe iniziare già da dentro casa. Si chiama confronto, dialogo, condivisione e molte altre volte scontro generazionale. E allora ci si chiude perché è più comodo, perché non si ha tempo. Tanto mio figlio è con gli amici. Moltissimi gli altri i genitori che, invece, seguono i propri figli, li accompagnano ed aspettano fuori dalla discoteca. Ma a volte tutto questo non basta. Perché poi, all’improvviso, un ragazzo impazzisce e spruzza il peperoncino negli…

    View original post 397 altre parole

    Chi siamo noi per voler costruire personaggi positivi

    Revolution Post

    Nella tarda serata di lunedì 10 dicembre, Fabrizio Corona è stato aggredito nel bosco della droga di Rogoredo, nella periferia di Milano, dove si trovava per fare un servizio giornalistico sullo spaccio. Secondo quanto ha raccontato lo stesso ex fotografo dei vip, il 44enne sarebbe stato assalito da un gruppo di pusher che lo hanno circondato.

    Corona era lì per un servizio televisivo su tossicodipendenza e spaccio che sarebbe dovuto andare in onda domenica sera nella trasmissione di Non è l’Arena di Massimo Giletti, su La7.

    “Io mi sono recato lì solo con un operatore e un fonico per raccontare il parallelismo della mia tossicodipendenza e quella che colpisce l’Italia e la povera gente che vede uno stato inerme e una polizia disinteressata. Tutto questo solo per raccontare in maniera oggettiva, come ho sempre fatto, la realtà. “

    Oggi la droga non fa più paura ed ha ragione Corona quando…

    View original post 110 altre parole

    Quell’insensato pum pum

    Cristalli d'estate

    Sentire così forte, così intenso. Dentro. Come la prima volta in quel caffè quando parlavo e tu assopito ascoltavi in silenzio. La prima volta che abbiamo camminato assieme: la voglia di afferrare quella mano e il timore che non l’avresti lasciata mai più. La prima volta che ti ho gridato con gli occhi lucidi di lasciarmi libera mentre immaginavo tutta la mia vita con te. Quando con il sorriso più grande e colmo di gioia ti ho raccontato di avercela fatta e tu orgoglioso mi hai stretta con la stessa forza con cui si sfiorano le farfalle. Perché ci sono momenti che sono stati solo nostri: quando disperatamente cercavi il mio sguardo e mi dicevi di portarti via da quella piazza, che avevi voglia di avermi dappertutto. Quando fissando il mio profilo nudo ritrovavi la voglia di vivere: volevi portarmi a Petra, al tramonto sulla Grande muraglia cinese e persino…

    View original post 436 altre parole

    Orange pinguin(il capolavoro)

    SempreAdelantando

    Col discorso di ieri notte, il presidente USA Donald Trump, è riuscito nell’intento di portare a termine un vero e proprio capolavoro linguistico di ribaltamento, non solo di ogni logica, bensì pure della verità dei fatti. Il tutto nell’ottica di convincere il cittadino statunitense a fare pressione sui democratici, affinchè gli diano i benedetti quattrini che, a suo dire, dovrebbero permettergli di costruire il mitico muro destinato a proteggere la frontiera sud.

    Dunque, continuando a ripetere la parola”crisi” per diverse volte, ad un certo punto l’ha definita, questa crisi, come umanitaria, dunque:”crisi umanitaria” che non affliggerebbe tanto le migliaia di richiedenti asilo, migranti accampati all’addiaccio ed esposti a fame, malattie ed intemperie al confine con il Messico, in quanto non viene loro concesso di prendere nemmeno in considerazione, le loro domande d’ingresso. Bensì, questa”crisi umanitaria”, investirebbe il cittadino statunitense, dal momento che è costretto a guardare questa massa di disperati…

    View original post 286 altre parole

    No siento

    Poesía de Lucio Data

    No siento que esto empiece        x+
    solo que pueda terminar.
    No quiero que nada pase,
    sólo que deje de pasar...
    
    Me gustaría recogerme en mi yo
    y pedirle a los dioses
    que me ayuden con mi torpeza,
    con mis faltas en general.../
    reducto de mi incultura social
    e intelectual.
    
    Me gustaría tener algún principio,
    aunque fuera uno...
    antes de marcharme hacia el juicio final.
    
    No consigo entrar en órbita/ni despegar,
    arrancar hacia lo más alto.
    Estoy preso, no entiendo nada...
    -navego de calamidad en calamidad-.
    
    P.D.
    Es una bendición y una gran satisfacción,
    tener las ideas claras... -cuando lleguen-
    aunque tarden toda una vida/
    aunque duren toda una eternidad.

    View original post

    La Polizia compie un arresto per furto e danneggiamento aggravato

    Polizia un arresto per furto e danneggiamento aggravato

    Alessandria: Nella mattina del 4 Gennaio u.s. il personale della Squadra Volanti della Questura di Alessandria traeva in arresto,  F. C. 60 anni domiciliato in questo capoluogo, poiché  resosi responsabile dei reati di furto aggravato e danneggiamento aggravato  ai danni  dell’esercizio commerciale CHIVITO’S UY LA CHIVITERIA URUGUAYA sito in questa piazza Libertà.

    50275142_2280982795485033_3894413225726312448_n

    Alle ore 01.30 circa del 4 Gennaio, su disposizione della locale Sala Operativa il personale della Squadra Volante veniva inviato in questa Piazza della Libertà per la segnalazione di un forte boato e rumore di vetri infrangersi.

    Le Volanti giunte immediatamente sul posto notavano e bloccavano un veicolo tipo Ape car Piaggio, condotto dal noto F. C., che trasportava sul cassone posteriore due stufe a fungo, comprensive di bombola a gas, trafugata presso il chiosco sito in piazza della Libertà, dopo aver forzato le catene di protezione con un flessibile.

    Per quanto sopra lo stesso veniva tratto in arresto in attesa di giudizio per direttissima.

    Fiaba d’amore, di Grazia Denaro

    Fiaba d’amore, di Grazia Denaro

    fiaba d_amore

    Fiaba d’amore

    La luce cristallina
    d’un mattino d’inverno
    ci trova insieme
    tra le ore dischiuse
    ad accogliere il giorno.

    Vitalità si sparge ancora
    nella tenerezza dei nostri abbracci.

    Con mani intrecciate
    raccogliamo sogni
    sfolgoranti polvere di stelle
    che abbracciano le pieghe del cuore.

    Dal verde ammantato di neve
    un messaggio arriva
    dalle fronde inanellate
    che c’invitano ad intrecciare ghirlande
    con bacche ed arbusti colorati
    da offrire al giorno che avanza.
    nella luce benedicente
    irradiata dal cielo.

    @Grazia Denaro@

    AL CORPO DELLA NOTTE, di Gianfranco Isetta

    AL CORPO DELLA NOTTE, di Gianfranco Isetta

    al corpo

    Così ci si avvicina
    al corpo della notte,
    spinti dallo sbadiglio
    di una porta socchiusa.

    E se vengono idee
    (e non importa come)
    senza fare domande
    senza chiedere nulla
    basta annusare l’aria

    cercando nello specchio
    il lume irriverente
    del gioco della luna
    con i suoi occhi densi.

    ALGANEWS POESIA.

    https://www.alganews.it

    A novembre la gelata dell’industria italiana. Recessione più vicina. La Stampa

    La produzione scende del 2,6%, ai minimi degli ultimi quattro anni. A soffrire di più l’auto e i beni di consumo, si salva solo l’energia

    La frenata registrata a novembre ha riguardato non solo gli investimenti delle imprese ma anche i consumi delle famiglie

    PAOLO BARONI ROMA
    La brusca frenata di novembre dell’industria Italiana, meno 2,6% rispetto ad un anno prima, è la peggiore degli ultimi quattro anni. Un vero tonfo quello della produzione, in parte legato ai ponti di inizio mese, ma certamente inatteso. Tanto da spingere il Paese ancor più vicino al baratro della recessione. Il governo non sembra sorpreso da questo calo, perché assieme a noi anche altri grandi paesi hanno fatto registrare una battuta d’arresto (Germania -1,9%, Francia -1,3%, Spagna -1,5%, Regno Unito -0,4%), ma categorie produttive, sindacati, consumatori e (ovviamente) opposizioni sono in allarme e chiedono al governo di mettere in campo nuovi interventi per rilanciare l’economia. «Sulla produzione industriale temevo un dato negativo, già alcuni partner europei ne avevano anticipati – ha commentato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte – . Per questo è stato importante intervenire con una manovra nel segno della crescita e dello sviluppo»… continua su: A novembre la gelata dell’industria italiana. Recessione più vicina – La Stampa

    Gli Usa cominciano il ritiro dalla Siria. Al via il patto anti-Iran. La Stampa

    Colonne di mezzi lasciano il Paese, «le truppe restano». Pompeo: «Conferenza in Polonia per la nuova coalizione»

    Mezzi militari statunitensi si spostano verso il confine turco, nella zona di Manbij
    PAOLO MASTROLILLI INVIATO A NEW YORK
    Gli Usa organizzano una conferenza in Polonia sull’Iran, «per costruire la coalizione» contro Teheran, e cominciano il ritiro dalla Siria. Sono gli effetti della dottrina del presidente Trump per il Medio Oriente, che il segretario di Stato Pompeo aveva delineato nel discorso di giovedì al Cairo.

    La notizia più imminente è quella della Siria, dove fonti del Pentagono hanno confermato al Wall Street Journal di aver iniziato a smobilitare. I dettagli sono riservati, ma l’operazione è già in atto, al punto che la nave anfibia d’assalto Uss Kearsarge sta navigando verso la regione con centinaia di Marines, elicotteri e altri velivoli a bordo, proprio per proteggere il rientro dei soldati. «Abbiamo avviato – ha detto il colonnello Sean Ryan – il processo per il nostro ritiro deliberato dalla Siria». Nei giorni scorsi il consigliere per la sicurezza nazionale Bolton aveva subordinato la smobilitazione ad alcune condizioni, tra cui la garanzia che la Turchia non avrebbe attaccato i curdi del Ypg, alleati degli Usa nella lotta all’Isis… continua su: Gli Usa cominciano il ritiro dalla Siria. Al via il patto anti-Iran – La Stampa

    Tav, la Lega in piazza sfida il M5S: “Non possiamo bloccare il Paese”. La Stampa

    Oggi a Torino nuova manifestazione per il sì all’opera. I grillini: «Bisogna rispettare il contratto di governo»

    FEDERICO CAPURSO ROMA
    Matteo Salvini guarda alla Tav e vuole«un’Italia che dica sì». Il pensiero del vice-premier, nel quartier generale leghista, viene esteso anche «alle trivelle lontane dalle coste, alla Tap, alle autostrade». La lista è lunga, perché «la Lega pensa che l’Italia non si possa fermare». E dunque non si può fermare neanche la Torino-Lione, «se permetterà di viaggiare sicuri, veloci e con benefici per il territorio superiori agli eventuali problemi».

    Finisce quasi in secondo piano, nei desideri del Carroccio, l’analisi costi-benefici sulla Tav. Sarà pronta «a fine gennaio», sostiene il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, invece, «il lavoro istruttorio è stato completato. Adesso lo studieremo ed espliciteremo la decisione del governo». Le versioni ormai si intrecciano fino a contraddirsi. Persino la decisione finale sulla Torino-Lione dipenderà dalla volontà politica di quello stesso governo che oggi, a Torino, nella piazza per il Sì alla Tav, farà sfoggio dello scintillante conflitto in atto tra le sue due anime: sfileranno i leghisti; resteranno a casa i Cinque stelle.
    «Fa sorridere – punge la sindaca Chiara Appendino – il fatto che in piazza ci sia un alleato che ha sottoscritto un contratto in cui si dice chiaramente che l’opera va rivista integralmente». Di Maio, da mediatore, prova a smorzare: «Loro sono sempre stati a favore». Ma l’alleato Matteo Salvini fa notare che “rivedere” non vuol dire “cancellare”. E ad Appendino risponde: «Fa bene la sindaca a sorridere. Un sorriso allunga la vita. Nessuno pretende che il progetto non si tocchi, però io voglio un’Italia del sì che vada avanti, non che torni indietro»…. conyinua su: Tav, la Lega in piazza sfida il M5S: “Non possiamo bloccare il Paese” – La Stampa

    IL FUTURO IMPERFETTO, di vittoriano borrelli

    IL FUTURO IMPERFETTO, di vittoriano borrelli

    Dopo sette anni dalla pubblicazione de “La prossima vita”, ci riprovo con un nuovo romanzo in uscita dal prossimo mese di febbraio. S’intitola “Il futuro imperfetto” ed è una sorta di “Ritratto di Dorian Gray” dei nostri tempi in cui a predominare è la forza della bellezza rispetto a valori più importanti ma spesso trascurati.

    copertina

    Ecco la sinossi del libro:

    C’è il futuro semplice e il futuro anteriore, esiste anche il futuro imperfetto? Per Edoardo, detto “Edo”, sembra proprio di sì.

    Radiologo di una delle cliniche più importanti di Milano, Edo è un uomo straordinariamente bello che si serve di questa qualità esteriore per superare qualsiasi difficoltà nella vita. Una bellezza che gli dà una forza invincibile, come il Sansone della Bibbia, o malefica e deviante come il Dorian Gray del celebre ritratto.

    Dopo l’esperienza nel collegio di Rosental, in Basilea, durante la quale subisce l’influenza dominante del professor Schoengen, uomo enigmatico con un passato doloroso, Edo si afferma brillantemente nella carriera di medico diventando uno dei radiologi più in vista della città meneghina. Lo fa a discapito di tutti usando le armi di una seduzione fisica e psicologica che lo porterà a primeggiare in ogni ambito. Ma qualcosa si frappone nel suo cammino, un evento imprevisto che lo coglierà impreparato e gli farà toccare con mano tutte le sue fragilità e imperfezioni.

    Romanzo fedele all’esistenzialismo, tema a me caro, “Il futuro imperfetto” si colloca fra le opere che mirano ad analizzare l’agire umano in certi contesti, con l’obiettivo di dimostrare che l’imperfezione sta proprio nelle azioni dell’Uomo più che nella Natura, di per sé perfetta e incontaminata. Continua a leggere “IL FUTURO IMPERFETTO, di vittoriano borrelli”

    Un anno con la Polizia Stradale. Analisi risultati operativi

    Un anno con la Polizia Stradale. Analisi risultati operativi

    Questura di Alessandria: IL Compartimento Polizia Stradale per Piemonte e la Valle D’ Aosta fa il bilancio del 2018,

    Anche durante Tanno 2018 la Polizia Stradale ha assicurato alti livelli di sicurezza stradale in Piemonte e Valle d’Aosta, in vìa principale attraverso le articolazioni territoriali del Compartimento Polizia Stradale.

    23915753_2029642360619079_5805390865958443440_n

    1.051 operatori effettivi alle nove Sezioni, alle 11 Sottosezioni Autostradali ed ai 13 Distaccamenti, coordinati dai Centro Operativo Polizia Stradale hanno espresso complessivamente sugli itinerari di competenza 40,988 pattuglie, contestando 141,952 infrazioni, il totale dei punti patente decurtati è stato dì 189.355, a cui si deve aggiungere il ritiro di 4,288 patenti di guida e 4.322 carte di circolazione.

    In calo le vittime dovute ad incidenti stradali.

    L’andamento del fenomeno infortunistico, rilevato nel 2018, ha fatto registrare, rispetto al 2017, da un lato un aumento nel numero complessivo degli incidenti (4,872, +4,8%) ed un calo delle persone ferite (1.716, -0,9%), dall’altro ha espresso un’inversione di tendenza relativamente all’incidentalità con conseguenze mortali, con un decremento dei sinistri del 7,6% (60 anziché 65) e un corrispettivo decremento delle vittime del 4,4% (65 anziché 68).

    Contrasto della guida sotto l’effetto di alcol e di sostanze stupefacenti.

    Nel 2018 è proseguita la campagna straordinaria di controllo sulle condizioni psicofisiche dei conducenti di veicoli, con l’impiego congiunto delia Polizia Stradale e dei medici e personale della Polizia dì Stato, per l’accertamento dell’assunzione di alcool e di sostanze stupefacenti e/o psicotrope.

    Complessivamente sono stati attivati 34 posti di controllo, con l’impiego di 264 operatori delia Polizia Stradale e 89 tra medici e personale sanitario della Polizia di Stato. Continua a leggere “Un anno con la Polizia Stradale. Analisi risultati operativi”

    Scrivo, di Maria Savatteri

    Scrivo, di Maria Savatteri

    scrivo

    Scrivo

    Scrivo per liberarmi la mente ,mi sento come trasportata in estasi ,nulla più esiste ,se non che la penna ed un foglio, nn ho bisogno di riflettere , tutto viene da se , scrivo tristezze ma anche l amore, poi l anima lei mi affascina parlare di lei, mi piace sentire la luce nei miei pensieri , nel cuore ho tanto amore , da donare non mi si addice la tristezza , è più forte di me non ce la faccio neanche ad odiare anche se mi fanno soffrire io li amo uguale , forse penseranno : che così facendo mi chiuda in me stessa , ma non è così io sono felice quando riesco a trasmettere : Continua a leggere “Scrivo, di Maria Savatteri”

    Confronto tra una Poesia di Cesare Pavese, I mari del Sud, nella lettura di Costanzo Di Girolamo e Una poesia di Mario M. Gabriele, nella lettura di Giorgio Linguaglossa

    L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

    cesare pavese

    Poesia di Cesare Pavese

    I Mari del Sud (1930)

    Camminiamo una sera sul fianco di un colle,
    in silenzio. Nell’ombra del tardo crepuscolo
    mio cugino è un gigante vestito di bianco,
    che si muove pacato, abbronzato nel volto,
    taciturno. Tacere è la nostra virtù.
    Qualche nostro antenato dev’essere stato ben solo
    un grand’uomo tra idioti o un povero folle
    per insegnare ai suoi tanto silenzio.

    Mio cugino ha parlato stasera.
    Mi ha chiesto
    se salivo con lui: dalla vetta si scorge
    nelle notti serene il riflesso del faro
    lontano, di Torino. “Tu che abiti a Torino…”
    mi ha detto “…ma hai ragione.
    La vita va vissuta
    lontano dal paese: si profitta e si gode
    e poi, quando si torna, come me a quarant’anni,
    si trova tutto nuovo. Le Langhe non si perdono”.
    Tutto questo mi ha detto e non parla italiano,
    ma adopera lento il dialetto, che, come le…

    View original post 3.932 altre parole

    La lavatrice portatile che rivoluzionerà il mondo del bucato

    Creando Idee

    Viaggiate spesso per lavoro e, trovandovi spesso fuori casa, non potete mai fare la lavatrice? Se siete stanchi di spendere capitali in lavanderia, per voi è arrivata la soluzione ideale. Si chiama Dolfi ed è una “lavatrice da viaggio” che si può portare sempre con sé anche all’interno della borsa. E’ piccola, silenziosa innovativa e consente di ottenere risultati clamorosi: ecco qual è la tecnologia che consente di togliere facilmente le macchie dagli indumenti.Si chiama Dolfi ed è la cosiddetta “lavatrice portatile” che entra all’interno di una borsa, così da permettere a tutti di fare il bucato ovunque si trovino. A idearla è stato Andrea Fangueiro, fondatore di una società olandese, che ha dato vita a questa tecnologia super innovativa per dire addio alle lavanderie. Basta collocare il dispositivo all’interno del lavandino pieno d’acqua e, grazie a una tecnologia a ultrasuoni, una volta acceso quest’ultimo sarà capace di detergere…

    View original post 107 altre parole

    La signora del riciclo

    Creando Idee

    Nelle discariche a cielo aperto dei cassonetti straboccanti e dell’immondizia abbonata per le strade, una cosa così potrebbe sembrare una goccia nell’oceano. E in qualche modo l’oceano c’entra, perché è proprio dall’amore per il mare e dalla voglia di liberarlo dalla plastica che ha inizio la storia di “Box 95”: un banco del mercato rionale a Roma che all’ombra della cupola di San Pietro, è diventato un modello del riciclo fai-da-te.A due passi dai banchi del pesce e in mezzo alle cassette cariche di mele, arance e peperoni, infatti, Silvia Cavaniglia, 46 anni, compra i rifiuti della gente. Ovvero paga i flaconi di detersivo, i giornali, le scatole di fagioli e di tonno, le pentole, le caffettiere e quant’altro di cui ci si vuole liberare, a patto che i contenitori siano puliti. Lei, seleziona i rifiuti, li compatta e poi li rivende alle aziende che con gli scarti producono…

    View original post 164 altre parole

    Come il cervello decide di scommettere

    ORME SVELATE

    Poker (Valentynas Valentynass)

    Immaginatevi a un tavolo da poker di Las Vegas, con una brutta mano – uno con una probabilità molto bassa di vincere. Anche così, la vista della grande pila di chip accumulata durante una recente striscia fortunata spinge comunque a piazzare una grande scommessa. Perché le persone prendono decisioni ad alto rischio – non solo nei casinò, ma anche in altri aspetti della loro vita – anche quando sanno che le probabilità si accumulano contro di loro? Una squadra di ricercatori ha scoperto che la decisione di “alzare la posta” anche di fronte a remote probabilità di vincita è il risultato di un pregiudizio interno che si aggiunge nel tempo e comporta una dinamica “push-pull” tra i due emisferi del cervello. Che tu stia soffrendo di una serie di sconfitte o di un’ondata di vittorie, i tuoi sentimenti cumulativi di ciascuna mano precedente contribuiscono a questo fattore…

    View original post 719 altre parole

    Ansia e depressione alterano il metabolismo cerebrale

    ORME SVELATE

    Anxiety (Misty Lady)

    I neuroscienziati russi hanno scoperto che il disturbo ansioso nei topi è associato a un metabolismo energetico compromesso nel cervello. I dati ottenuti forniscono un nuovo sguardo al meccanismo di sviluppo della depressione e ad altre forme di formazione di malattie psico-emotive. I risultati dello studio supportato da Russian Science Foundation sono pubblicati su BMC Neuroscience. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che 5 su 10 principali cause di disabilità nella maggior parte dei paesi del mondo sono legate a disturbi mentali e comportamentali. Fino al 95% delle persone con depressione hanno una diagnosi di disturbo d’ansia. Come mostrano ricerche recenti, tali condizioni potrebbero essere associate a difetti dei mitocondri. Queste “stazioni energetiche” di cellule sono responsabili della formazione di molecole di ATP, che sono necessarie per la maggior parte delle reazioni negli organismi viventi. I difetti dei mitocondri sono dovuti a mutazioni congenite o condizioni esterne avverse…

    View original post 319 altre parole

    Violenza di genere?

    OpinioniWeb-XYZ

    violenzaStefano scrive ancora un post su temi attualissimi, quello della violenza sulle donne. Ora è vero che la storia dell’umanità ha avuto prevalentemente una lettura patriarcale, cioè maschilista degli eventi e delle usanze sociali! Ma quando si tratta di violenza ritengo anch’io che sia riduttivo assimilarla quasi esclusivamente (come fanno i media) al femminicidio. La violenza è un fenomeno complesso e oscuro, che richiede certamente analisi approfondite e non banali. Il rischio di radicalizzare a livello mediatico solo un tipo di messaggio è quello di mettere in ombra altre realtà scandalose come quelle degli abusi sui minori di cui secondo me si parla invece troppo poco e spesso in modo indiretto. E ci sono notizie come quella citata sotto da Stefano (di un marito ucciso a martellate dalla moglie) o come quella data ieri sera dai TG nazionali che parlano di una moglie incarcerata perché avrebbe tentato ripetutamente di avvelenare…

    View original post 574 altre parole

    “Rosa antica”, di Annamaria Latini

    • “Rosa antica”, di Annamaria Latini

    “Rosa antica”

    delicato germoglio al sol,

    nell’immensita’ ti ergi vermiglia.

    La sublime bellezza tua

    oltrepassa il gelido inverno

    e nella stagione morta

    ti adagi sul fluire del tempo.

    Fiera rimembri le flebili carezze

    dell’amato volto

    e nel cuor naviga

    perenne decoroso ricordo.

    Ma l’animo inquieto anela

    a tenerezze infinite,

    a intrecci di sguardi amorevoli!

    Nulla e’ smarrito

    dissolto nel tempo:

    un raggio di speme

    fiorisce inatteso…..

    nel firmamento.

    Annamaria Latini 2019

    Diritti riservati

    Ampolla d’amore – Francesca Noschese

    Cuore mio
    è un po’ che non ti sento.
    Chissà se anche tu
    Starai rimirando
    la notte.
    Vorrei che fossi qui
    accanto a me
    sdraiato sull’erba
    a guardar le stelle.
    Un momento da custodire
    come in un’ampolla
    da portare in tasca
    sempre con me.
    A cui attingere
    un po’ di dolce luce
    nei giorni più grigi.
    Sola tra sguardi spenti e
    cuori freddi.
    Un pensiero che va lontano
    io mi abbraccio al sicuro
    dentro la mia nuvola.
    Il mio tappeto volante
    fatto di carta.
    Le tue parole
    sono carezze di luce
    che avvolgono dolcemente
    come ali angeliche
    e col loro
    tenue calore
    proteggono dal gelo
    della giungla
    di schermi e asfalto.

    PF JoyLotus

    2840743_s

    PARIGI PER CHARLIE HEBDO, di Gianfranco Isetta

    PARIGI PER CHARLIE HEBDO, di Gianfranco Isetta

    Quattro anni fa la strage di Parigi alla redazione del giornale satirico Charlie Hebdo da parte del terrorismo fondamentalista

    parigi_combo_charlie_hebdo

    PARIGI

    Immagino un disegno
    qualche tratto di penna,
    che svolazzi su campi
    di ragioni e preghiere.

    Guarda e sorride al cielo
    È’ un’infanzia del mondo
    che non vuol soggiacere
    nemmeno alle parole.

    ALGANEWS POESIA

    https://www.alganews.it