La notte © di Antonino Schiera

È il buio della notte

che dilata i sensi

li screma e li potenzia.

Il latrare dei cani

fende l’aria cristallina

e fredda ferita

da una sgommata solitaria.

È il passero che attende tra i rami

il sorgere del sole,

è il gatto sornione

che attraversa la strada

con le pupille dilatate,

è il pino mediterraneo

che profila lo sfondo marino

e sfronda i rami

ancora freddi della notte.

Resto avvolto

tra le lenzuola

morbide e stropicciate

dai miei sogni irrequieti

e dalla mia solitaria attesa.