“la poesia si ferisce in noi, e noi
alle sue fughe”, René Char, Due rive ci vogliono

——-

Cosa si dirà alla fine
del fuoco prigioniero?
un’ altalena il peso
di quel velo
ecco:
i propri sentimenti
e la follia di mostrarli
l’elefante è in scena tra i bicchieri
e…questa follia a stravolgere
ogni custodia
a rovesciare come un guanto i mondi e
i muri bianchi

la poesia si ferisce a morte
nel pusillanime canto
imprigionando sprigionando fuoco
quando il coraggio non fa luce
e noi un po’ vigliacchi
un po’ eroi…

sono nata dicendo “ti amo”

Kandisky