SUPPONI

Supponi
che per un gioco
il tuo corpo si sciolga
e poi si ricomponga
dai suoi piccoli grumi
come la terra con l’acqua

Col limo che si spande,
e s’appiccica alle dita,
si possono così
rimodellare i gesti e le parole
per ogni circostanza

e forse tra le mani
maturerà l’incontro
in cui, guardandoti
come in uno specchio,
io mi riconosca.

Gianfranco Isetta. 12 agosto 2022