Ernest Miller Hemingway (Oak Park, 21 luglio 1899 – Ketchum, 2 luglio 1961) è stato uno scrittore e giornalista statunitense. È stato un autore di romanzi e di racconti. Nasce il 21 luglio 1899 a Oak Park (sobborgo di Chicago). Secondogenito di Clarence Edmonds, medico di famiglia benestante e di Grace Hall, ex aspirante cantante d’opera lirica, quando aveva appena un anno fu portato in una casa estiva nel Michigan vicino a un lago. Poté abituarsi quindi presto all’aria aperta e alla natura. Il padre lo conduceva spesso con sé quando andava a visitare nella riserva indiana i suoi pazienti (molti ricordi di questo periodo rientreranno nei suoi racconti) e da qui si rafforzò nel ragazzo l’amore per la natura, per la caccia, la pesca e l’avventura. Aveva solamente dieci anni quando gli fu regalato il suo primo fucile da caccia che imparò presto a usare con grande maestria suscitando l’invidia dei compagni, tanto che un giorno, a causa di un bottino di quaglie che stava portando a casa, venne assalito da un gruppetto di ragazzi che lo picchiarono e fu probabilmente questo episodio che gli fece nascere il desiderio di imparare la boxe. E’ il 1917 quando comincia a maneggiare carta e penna, dopo essersi diplomato, lavorando come cronista al “Kansas City Star”. L’anno dopo, non potendo, a causa di un difetto all’occhio sinistro, arruolarsi nell’esercito degli Stati Uniti appena scesi in guerra, diventa autista di autoambulanze della Croce Rossa e viene spedito in Italia sul fronte del Piave. Ferito gravemente dal fuoco di un mortaio l’8 luglio del 1918 a Fossalta di Piave, mentre sta salvando un soldato colpito a morte, viene ricoverato in ospedale a Milano, dove s’innamora dell’infermiera Agnes Von Kurowsky, che però non mantenne la promessa di sposarlo, perché considerava il rapporto con lui una relazione giovanile, fugace e platonica. La vicenda ispirò qualche anno dopo (1929) A Farewell to Arms (Addio alle armi). Dopo essere stato decorato al valor militare, nel 1919 torna a casa. Dopo il rientro a casa, Hemingway ricominciò a scrivere, ad andare a pesca e a dare conferenze nelle quali raccontava i giorni drammatici trascorsi sul fronte italiano. Si dedica alla stesura di racconti, del tutto ignorati da editori e dall’ambiente culturale. Scacciato di casa dalla madre che l’accusa d’essere uno scapestrato, si trasferisce a Chicago dove scrive articoli per il “Toronto Star” e “Star Weekly”. Ad una festa conosce Elizabeth Hadley Richardson, di sei anni più grande di lui, alta e graziosa. I due s’innamorano e nel 1920 si sposano, contando sulla rendita annua di tremila dollari di lei e progettando di andare a vivere in Italia.Quell’autunno decise di trasferirsi a Parigi, su suggerimento di Sherwood Anderson, che gli fornì alcune lettere di presentazione per la scrittrice statunitense espatriata Gertrude Stein affinché lo presentasse a James Joyce e a Ezra Pound, un incontro fondamentale per lui, nell’ambiente degli espatriati statunitensi e della “generazione perduta”, che considerò fin dall’inizio un maestro e grazie al quale cominciò a pubblicare alcuni racconti e poesie su riviste letterarie.Nel 1926 escono libri importanti come “Torrenti di primavera” e “Fiesta”, tutti grandi successi di pubblico e di critica.
Nel 1928 eccolo di nuovo ai piedi dell’altare per impalmare la bella Pauline Pfeiffer, ex redattrice di moda di “Vogue”. I due fanno poi ritorno in America, mettono su casa a Key West, Florida e danno alla luce Patrick, il secondo figlio di Ernest.
Nello stesso anno però un evento tragico,il padre, Clarence Hemingway, in preda a problemi finanziari, si suicidò con la sua Smith & Wesson. Nel 1930 ha un incidente automobilistico e si frattura il braccio destro in più punti. E’ uno dei molti incidenti in cui incappa in questo periodo di viaggi e di avventure: il fisico muscoloso, il carattere da attaccabrighe, la predilezione per le grandi mangiate e le formidabili bevute lo rendono un personaggio unico dell’alta società internazionale. E’ bello, duro, scontroso e, nonostante sia poco più che trentenne, è considerato un patriarca della letteratura, tanto che cominciano a chiamarlo “Papa”. Partecipa al suo primo safari in Africa, un altro terreno per saggiare la propria forza e il proprio coraggio. Nel 1935 esce “Verdi colline d’Africa”, romanzo senza trama, con personaggi reali e lo scrittore protagonista. Nel 1937 pubblica “Avere e non avere”, il suo unico romanzo d’ambientazione americana. Si reca in Spagna, da dove manda un reportage sulla Guerra civile. “Breve la vita felice di Francis Macomber” e “Le nevi del Chilimangiaro”, ispirati al safari africano, sono due testi che entrano a far parte della raccolta “I quarantanove racconti”, pubblicata nel 1938, che resta tra le opere più straordinarie dello scrittore. E’ il 1940 quando divorzia da Pauline e sposa la scrittrice Martha Gellhorn, anche lei corrispondente di guerra. Alla fine dell’anno esce “Per chi suona la campana” sulla guerra civile spagnola ed è un successo travolgente. Nel 1941 marito e moglie vanno in Estremo Oriente come corrispondenti della guerra cino-giapponese. Quando gli Stati Uniti scendono in campo nella seconda Guerra, partecipa davvero alla guerra per iniziativa della bellicosa Martha, inviata speciale in Europa della rivista Collier’s, che gli procura l’incarico della RAF, l’aeronautica militare inglese, di descrivere le sue gesta. Il 6 giugno è il D-day, il grande sbarco alleato in Normandia. Sbarca anche Hemingway e Martha prima di lui, costituisce una sua sezione del servizio segreto e una unità partigiana con la quale partecipa alla liberazione di Parigi, viene decorato con la ‘Bronze Star’. Divorzia da Martha e nel 1946 sposa Mary, quarta e ultima moglie. Nel 1952 pubblica “Il vecchio e il mare”, un romanzo breve, che commuove la gente e convince la critica,vende cinque milioni di copie in 48 ore. Vince il Premio Pulitzer. I numerosi incidenti occorsigli nella sua vita in buona misura sono conseguenti al suo voler vivere sempre esperienze al limite, come quelle della guerra o di altre situazioni estreme nelle quali “mettersi alla prova”. D’altra parte vi sono almeno tre aspetti del suo carattere emersi sin dall’adolescenza e sottolineati dagli studiosi. Essi sono il narcisismo, l’amore per le situazioni di pericolo e il senso della morte. Il 21 gennaio 1954 partì con Mary dall’aeroporto di Nairobi, ma la “sfortuna” lo stava perseguitando. Il pilota dell’aereo sul quale viaggiava, per evitare uno stormo di ibis, colpì un filo del telegrafo e, con l’elica e la fusoliera danneggiata, tentò un atterraggio di fortuna in Uganda dove, con una spalla rotta, Hemingway e la moglie furono costretti a trascorrere la notte all’aperto e al freddo. Il mattino, avvistati da una grande barca e fatti salire a bordo, furono trasportati a Butiaba dove Reggie Cartwright si offrì di portarli fino a Entebbe col suo piccolo aereo, ma l’aereo prese fuoco e lo scrittore, nel tentativo di sfondare un portello con la testa, subì danni fisici molto gravi dai quali non si riprese mai più. Solo alla fine di marzo, dimagrito di dieci chili, poté raggiungere Venezia dove il conte Federico Kechler lo raggiunse e lo accompagnò in varie cliniche per esami radiografici e visite più complete. Il 28 ottobre del 1954 Hemingway ricevette per telefono la notizia che gli era stato assegnato il premio Nobel per The Old Man and the Sea (Il vecchio e il mare), ma non fu in grado di viaggiare fino a Stoccolma per la cerimonia del 10 dicembre, così il premio fu ritirato dall’ambasciatore John Cabot. Si dice che quando gli portarono il premio lo scrittore commentò «Troppo tardi». Nel gennaio 1960, accompagnato da Valerie, Hemingway andò a Miami e continuò a scrivere la storia delle corride, che ormai era un manoscritto di 688 pagine. Ossessionato dal lavoro, in giugno lo scrittore chiese all’amico Aaron Edward Hotchner di raggiungerlo alla Finca per aiutarlo a sfrondare il testo che sarebbe poi diventato The Dangerous Summer (Un’estate pericolosa). Scrive “Festa mobile”, un libro di ricordi degli anni parigini, che uscirà postumo (1964). Un altro libro postumo è “Isole nella corrente” (1970). Intanto i segni di squilibrio mentale si facevano sempre più evidenti:gli fu diagnosticata una emocromatosi, fu sottoposto a numerosi elettroshock e venne colpito da afasia. Debole, invecchiato, malato si ricovera in una clinica del Minnesota. Profondamente depresso perché pensa che non riuscirà più a scrivere, la mattina di domenica 2 luglio 1961 si alza di buon’ora, prende il suo fucile a canna doppia, va nell’anticamera sul davanti della casa, appoggia la doppia canna alla fronte e si spara.
Lo stile narrativo di Ernest Hemingway si basa sulla semplicità e su una prosa essenziale caratterizzata da frasi brevi, semplici e concise, prive di parole superflue, i suoi romanzi e racconti sono ricchi di dialoghi che egli preferiva a uno stile descrittivo. Infatti, Hemingway limitò affermazioni esplicite, introspezione, descrizioni di stati d’animo e sentimenti, preferiva che i lettori, piuttosto che ricevere la descrizione di un’emozione, vedessero le cose e i fatti che producevano le emozioni stesse.

“Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare.”

“L’uomo non è fatto per la sconfitta. Un uomo può essere distrutto ma non sconfitto”

*Davvero nel leggere la biografia di questo grande “personaggio” molto più di uno scrittore sono rimasta allibita. La vita stessa, da lui consumata fino allo spasimo, è un romanzo di avventure, incredibile coinvolgente. Guerra, sfide, viaggi, amori, successi letterari, di tutto e di più. Un uomo forte, appassionato, assetato. Ha vissuto i più grandi momenti della storia a cavallo delle due guerre, lo sbarco in Normandia, rivoluzioni. Tutto sul filo del pericolo come una continua sfida alla morte e alla fine ha vinto lui. Quando si è reso conto di essere troppo malato e di poter impazzire ha fatto quello che riteneva opportuno,
niente lo aveva terrorizzato che perdere la lucidità, il suo patrimonio, il cervello.
.

NAPOLI