Moriva dalla voglia di vederla, di Ros Lo Conte

Moriva dalla voglia di vederla.

Senza

era come se sentisse

sciogliere

ogni sua presenza.

E allora persi

( e credeva per sempre )

i suoi occhi, la sua bocca, 

il suo sorriso.

Di che colore erano i capelli

e come era la sua voce?

E cosa si erano detti quel giorno?

Moriva dalla voglia di pensarla.

E adesso custodiva

la sua essenza

come permane

sul foglio indelebile 

della memoria.

E lui, come un cieco,

ne percorreva 

a rilievo 

la scrittura dei suoi occhi, 

i capelli, il sorriso 

e, certo…, quella sua bocca.

Era come se amasse.

Ma di che colore erano i capelli

e come era la sua voce?

E cosa si erano detti quel giorno?

dalla pagina Facebook Poeti italiani del ‘900 e contemporanei