Audaci prospettive
nei corpi inanimati
anelanti una chiave d’attenzione.
Soggioga
la mente
un presupposto astruso
che convochi un senso di linearità
alla selezione
d’un’attenta geometria.
La luce accesa della stanza
delinea nobili sfumature del prescelto
mai disegnate con lo sguardo
mentre rivolto al soffitto
sogna un attento respiro
adagiato sul filo labile della mezzanotte
@Silvia De Angelis 2021