‘Osgarbo (vernacolo)

Quanno se fa ‘no sgarbo
pe’ ‘n momento de paturnie
oppure se vo’ fa’ male a ‘na perzona
che te sta sur gozzo
te n’esci co’ parole
‘mbruttite da ‘a rabbia
che penzavi de nun potè
pronuncià ammai.
Te fai rosso ‘n faccia
e te prudeno ‘ e mani
che a malapena riesci
a tenè a freno pe’ paura
d’anna a finì ar gabbio.
‘Nzomma dichi
‘n sacco de puttanate
ma dopo quarche ora
fai er pianto der coccodrillo
perché hai esaggerato.
Allora cominci a fa’
avanti e ‘ndietro pe’
trovà ‘na soluzzione
quanno er cervello
spassionato
te fa capì
che poi solo chiede scusa
e cercà de penzacce mejio
prima d’aprì bocca
a sproposito quanno
te rode er chiccherone.

@ Silvia De Angelis

LO SGARBO (Traduzione)

Quando si fa uno sgarbo
per un momento di nervosismo
oppure si vuol far male a una persona
che non si sopporta
te ne esci con parole
incattivite dalla rabbia
che pensavi di non poter mai pronunciare.
Diventi rosso sul viso
e ti prudono le mani
che a malapena riesci
a tenere a freno per paura
di finire in carcere.
Insomma dici molte maleparole
ma dopo qualche ora
fai il pianto del coccodrillo
perché hai esagerato.
Allora cominci a fare
avanti e indietro per
trovare una soluzione
quando il cervello
spassionato
ti fa capire
che puoi solo chiedere scusa
cercando di pensarci meglio
prima di aprire bocca a sproposito
quando sei di pessimo umore.

@ Silvia De Angelis