S'addensa nel mio intuito
la parte di te
che freme più d’ogni certezza d’essere
influendo su fragili solchi d’andare
Si assottigliano
le  impronte
di quel tuo gestire moti dell’anima
invadenti e inarrestabili….
tramutati  in piccole falde di vento
Vagano su caviglie
pulsanti di sferzate d’amore
nel solco malinconico e sbiadito
Sfruculiano pecche imbandite 
nel muro raffermo
emancipando  tratti epidermici
mossi nel  plagio intrigante
d’eccentriche mangrovie 
@Silvia De Angelis 2013