Gelosia © di Antonino Schiera


Indefinibile nella tua stupida gelosia
arpioni il mio cuore che tende a librarsi
tra le emozioni della vita.

Infiniti spazi fin dove lo sguardo arriva,
fino all’incontro con l’orizzonte
gabbiano vorrei essere con il vento tra le ali.

Provai a chiudere quel cassetto a doppia mandata,
come refolo aromatico ne sento l’inopinata presenza
nel tuo sguardo fiero e mai domo.

La calma che ne deriva come quiete dopo la tempesta,
avvolge i miei pensieri e trasuda dai miei occhi verdi
come lampi nell’oscurità che mi vedono imperituro
viandante.

(dalla mia prima raccolta di poesie Percorsi dell’Anima)