Agi: In Italia 220.532 casi Covid e 294 morti. Tasso di positività al 16%

Ancora in salita i ricoveri, con le terapie intensive che sono 71 in più (ieri +11) con 185 ingressi del giorno e arrivano a 1.677, mentre i ricoveri ordinari sono 727 in più (ieri +693), 17.067 in tutto

COVIDBOLLETTINO SANITARIO 11 gennaio 2022

https://www.agi.it/

bollettino covid 11 gennaio 2021

AGI – Sono 220.532 i nuovi casi Covid registrati in Italia nella giornata di martedì 11 gennaio, nuovo record di sempre (il precedente, circa mille casi in meno, risaliva al 6 gennaio), contro i 101.762 di ieri. Con molti più tamponi1.375.514, oltre 750mila in più, tanto che il tasso di positività scende leggermente dal 16,6% al 16%.

In aumento i decessi, 294 (ieri 227), record della quarta ondata e numero più alto dal 4 maggio scorso. Il totale delle vittime sale a 139.559.

Ancora in salita i ricoveri, con le terapie intensive che sono 71 in più (ieri +11) con 185 ingressi del giorno e arrivano a 1.677, mentre i ricoveri ordinari sono 727 in più (ieri +693), 17.067 in tutto. È quanto emerge dal bollettino quotidiano del ministero della Salute.

La regione con il maggior numero di casi odierni si conferma la Lombardia con 45.555 contagi, seguita da Campania (+30.042), Veneto (+21.504), Emilia Romagna (+20.595) e Piemonte (+18.607). I casi totali salgono a 7.774.863.

I dimessi/guariti delle ultime 24 ore sono 90.456 (ieri 56.560) per un totale di 5.500.938, mentre gli attualmente positivi crescono di 129.542 unita’ (ieri +60.618) arrivando al picco di 2.134.139. Di questi, 2.115.395 pazienti sono in isolamento domiciliare.LEGGI ANCHE

Il capo della strategia vaccinale dell'Ema, Marco Cavaleri: "Non abbiamo ancora dati sulla quarta dose per poterci esprimere, ma ci preoccupa una strategia che prevede di andare avanti con le vaccinazioni a distanza di poco tempo"

L’Ema avverte: “Non possiamo continuare con booster ogni 3-4 mesi”

Il capo della strategia vaccinale dell’Ema, Marco Cavaleri: “Non abbiamo ancora dati sulla quarta dose per poterci esprimere, ma ci preoccupa una strategia che prevede di andare avanti con le vaccinazioni a distanza di poco tempo”