Taiwan: “Aerei e navi di Pechino hanno superato la linea mediana dello Stretto” (Lai Qiaoquan/Xinhua via AP)

Yahoo Notizie

Taiwan: “Aerei e navi di Pechino hanno superato la linea mediana dello Stretto”

https://it.yahoo.com/notizie/taiwan-aerei-e-navi-di-pechino-hanno-superato-la-linea-mediana-dello-stretto-085416402.html

Primo Piano

ven 5 agosto 2022, 10:54 AM

Taiwan:
Taiwan: “Aerei e navi di Pechino hanno superato la linea mediana dello Stretto” (Lai Qiaoquan/Xinhua via AP)

Aerei e le navi da guerra cinesi hanno nuovamente attraversato la “linea mediana” dello Stretto di Taiwan. Lo ha riferito tramite una nota il ministero della Difesa dell’isola, che ha definito la manovra “altamente provocatoria“.

LEGGI ANCHE: Sfogliamondo: l’escalation di tensione a Taiwan

In risposta alla visita della presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, le forze militari cinesi hanno condotto da giovedì intense esercitazioni militari in sei diverse zone marittime intorno all’isola, poi diventate sette nel corso della giornata. Le manovre sono eseguite anche in tratti delle acque territoriali taiwanesi e andranno avanti fino all’8 agosto. Non solo: le forze navali cinesi hanno oltrepassato in diverse occasioni la linea mediana dello Stretto, arrivando quasi al confronto diretto con quelle taiwanesi, e nella notte due droni in formazione hanno sorvolato l’area di Kinmen, un piccolo arcipelago fortificato e controllato da Taipei al largo della città cinese di Xiamen.

VIDEO – Perché la Cina vuole l’annessione di Taiwan

Scroll back up to restore default view.

L’emittente di Stato cinese “Cctv” ha dato notizia dell’invio di “centinaia” di aerei da combattimento, bombardieri e altri velivoli da guerra per condurre operazioni congiunte nei cieli di Taiwan, e di più di 10 navi da guerra che hanno tenuto posizioni nelle acque intorno all’isola per “operazioni di contenimento congiunte” in quello che le autorità di Pechino definiscono un “esercizio di addestramento pratico di portata senza precedenti”.

LEGGI ANCHE: Taiwan, Pelosi: “Ridicolo dire che visita ha danneggiato Taipei”

Taiwan: “Da Cina comportamento irrazionale”

Taiwan ha ribadito che non rinuncerà a difendere la propria sovranità, che “rafforzerà la vigilanza” ma che non intensificherà le tensioni con la Cina. In risposta a quello che ha definito un comportamento “irrazionale” da parte di Pechino. Il ministero della Difesa nazionale di Taipei è determinato a “sostenere il principio di prepararsi alla guerra senza cercare la guerra“, con l’intenzione di “non intensificare i conflitti e non provocare controversie”. “Non cerchiamo alcuna escalation, ma non ci fermiamo quando si tratta della nostra sicurezza e sovranità”, ha affermato il ministero.

VIDEO – Taiwan, tensione alle stelle: navi cinesi oltrepassano linea di frontiera

Taiwan, tensione alle stelle: navi cinesi oltrepassano linea di frontiera

Il segretario statunitense alla difesa ha dato ordine alla portaerei USS Reagan ed altre navi di rimanere in zona per “monitorare la situazione”, dopo i lanci missilistici cinesi di ieri

Giappone: “Questione grave”

Lo sviluppo più preoccupante è il lancio di missili balistici nelle acque attorno all’isola, iniziato nella mattinata di giovedì. Missili Dongfeng sono caduti al largo delle coste nord-orientali e sud-occidentali. Il ministro della Difesa di Tokyo, Nobuo Kishi, ha fatto sapere che alcuni dei proiettili (cinque su nove) sono caduti all’interno della Zona economica esclusiva (Zee) del Giappone. “Si tratta di una questione grave, che riguarda la nostra sicurezza nazionale e quella della nostra gente”, ha spiegato Kishi.

Tensioni diplomatiche

Nel frattempo la tensione si è alzata anche sul piano diplomatico. Il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, ha criticato duramente la dichiarazione congiunta con la quale mercoledì il G7 aveva invitato Pechino a “non usare la visita di Pelosi come pretesto per attività militari aggressive” nello Stretto. Secondo Wang, il comunicato ignora platealmente la provocazione degli Stati Uniti. Il documento “critica senza alcun fondamento la Cina per misure che sono ragionevoli e legittime, volte a salvaguardare la sua sovranità e integrità territoriale”, afferma il ministro.

Il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, ha ribadito invece che Washington si oppone a qualsiasi tentativo unilaterale di cambiare lo status quo nello Stretto di Taiwan, specialmente attraverso l’uso della forza. Le esercitazioni a fuoco vivo organizzate dalla Cina intorno a Taiwan costituiscono “un’azione provocatoria” che “non ha alcuna giustificazione“, ha affermato il segretario di Stato.

Blinken si è detto pronto ad ascoltare le idee sul tema dei Paesi membri dell’Asean. L’associazione ha diramato un comunicato nel quale ha avvertito che le forti tensioni nello Stretto di Taiwan potrebbero portare a “errori di calcolo”, a “un serio confronto” e finanche a “un conflitto aperto” tra le grandi potenze dalle conseguenze “impredicibili”.

VIDEO – Nancy Pelosi a Taiwan, proteste anti Cina in strada

Nancy Pelosi a Taiwan, proteste anti Cina in strada

La visita di Nancy Pelosi a Taiwan ha fatto andare su tutte le furie il governo cinese. A Pechino si parla di relazioni fortemente compromesse con Washington e si promettono “serie ritorsioni. La popolazione dell’isola, invece, ha accolto con grande favore l’arrivo della portavoce della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. La gente ha manifestato in strada con cartelli di benvenuto e messaggi che rivendicano l’indipendenza di Taiwan. Alcuni ragazzi avevano con sé le bandiere degli Stati Uniti e manifesti con scritto: “Sono taiwanese. Io sostengo l’indipendenza di Taiwan”

Singapore Airlines cancella voli da e per l’isola

A partire da venerdì 6 agosto sono cancellati i voli della Singapore Airlines da e per Taiwan. Lo comunica la compagnia aerea che riferisce di aver cancellato i voli a causa delle “restrizioni dello spazio aereo in evoluzione” mentre la Cina conduce esercitazioni militari a fuoco vivo in sei zone intorno a Taiwan. “La sicurezza dei nostri clienti e del personale è la nostra massima priorità. La compagnia continuerà a monitorare da vicino la situazione e ad apportare eventuali modifiche, se necessario”, ha affermato un portavoce della linea aerea.