Essere napoletani, mangiare napoletano, è uno stato d’animo e uno stile di vita. Sono molte le poesie che partenopei e non hanno dedicato al buon cibo nato e prodotto nella città di Partenope.
I Napoletani prima erano dei ”Mangiafoglie” come era citato in alcune note di Basile e Cortese, ossia il popolo povero si nutriva di verdura, soprattutto di cavoli.
Poi diventarono ”Mangiamaccheroni”…..
Per tutto l’Ottocento il “maccaronaro” dal latino ”Pasta ammaccata”divenne uno degli aspetti più salienti del colore napoletano e l’icona indiscussa di mangiarli con le dita e addirittura conservarli nelle tasche è costituita dalla memorabile interpretazione di Totò nel film “Miseria e nobiltà.
Eduardo rispettava molto la cucina e amava cucinare e questa sua passione per l’arte culinaria la trasportava nella sua drammaturgia.
Sono molte le scene dedicate al pranzo, e i suoi medesimi personaggi che si dilettano a dare spiegazioni sulla preparazione delle portate, sulle varie ricette e condimenti da usare. Eduardo De Filippo ha reso omaggio al ragù napoletano scrivendo la celebre una celebre poesia ‘O ‘rrau, il ragù, porta sulla scena le tradizioni della Cucina di Napoli, vuole sul palco teatrale cibo vero da mangiare, tavole imbandite con diverse vivande, il ragu’ fumante, i rigatoni, il tacchino, il cappone, il pesce, la frittata di cipolle o le cipolle soffritte, il caffè scaldato, la pastasciutta, la frutta, ecc.

Il ragù, un rito che concentra amore e tradizione per i napoletani…bellissimi questi versi in cui l’odore del sugo folgora il poeta mentre scende le scale diventa quasi un elisir afrodisiaco per lo stomaco ed altro…

DUMMENECA (Rocco Galdieri)

I’ mò, trasenno p’ ‘a porta, aggiu sentuto
ll’addore d’ ‘o rraù.
Perciò… Stateve bona ! … Ve saluto…
Me ne vaco, gnorsì… Ca si m’assetto
nun me ne vaco cchiù…
E succede c’aspetto
ca ve mettite a ttavula… E nu sta…
Cchiù ccerto ‘e che so maccarune ‘e zita.
L’aggiu ‘ntiso ‘e spezzà,
trasenno ‘a porta. E’ ‘overo? E s’è capita
tutt’ ‘a cucina d’ogge: so’ brasciole,
so’ sfilatore ‘annecchia.
Niente cunzerva: tutte pummarole
passate pe’ ssetaccio…
E v’è rimasta pure ‘na pellecchia
‘ncopp’ ‘o vraccio…
Pare ‘na macchia ‘e sango…
Permettete? V’ ‘a levo! Comm’è fina,
sta pelle vosta… e comme è avvellutata:
mme sciulia sotto ‘e ddete…
E parite cchiù bella, stammatina.
‘O ffuoco, comme fusse… v’ha appezzata.
State cchiù culurita…
Cchiù ccerto e’ che so’ mmaccarune ‘e zita…
Ma i’ mme ne vaco… Addio! Ca si m’assetto
nun me ne vaco cchiù…
E succede c’aspetto…
ca ve mettite a ttavula… p’avé
‘nu vaso c’ ‘o sapore ‘e ‘stu rraù!

*Napoli, napoletani, popolo d’amore, che riversano in tutto nella poesia come nel cibo trasformandolo in opera d’arte. E cosa c’è di più buono ‘e nu vaso che sape ‘e rraù!