Sale in zucca

Avrei voluto scrivere poesie

direzionare il volo col timone

– un legno antico che non ha frontiere –

inerpicarmi

scendere di testa

dove i grafemi scindono gli schemi

e trasformare il male con il bene

un po’ d’inchiostro non è mai abbastanza

provo a passarlo da una mano all’altra

si dà di sale

se la carne è sciapa

intanto i crampi stridono la mente

si dà di matto

se rimani a terra.

Maria Teresa Infante

Da “Extrema ratio”, Genesi Edizioni (2021)