Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

di Michele Bollino, Maurizio Papa ed Emiliano PrettoROMA – Gli studenti italiani sono scesi in piazza per protestare contro il governo Meloni. Da Nord a Sud, sono venti in tutto le piazze coinvolte. “Soldi alla scuola e non alla guerra” sarà uno dei principali slogan con cui si mobiliteranno gli studenti, per denunciare il sostegno del nostro paese all’Ucraina.

Tra i principali promotori della manifestazione anche il Fronte della Gioventù Comunista che denuncia: “Non può esistere un criterio di merito oggettivo in un sistema che ammette la differenza tra scuole di seria A e scuole di serie B e che accentua le disuguaglianze tra gli studenti nell’accesso allo studio, dichiara Simon Vial, responsabile scuola del Fgc “inoltre, mentre le nostre scuole cadono a pezzi il nuovo governo continua ad Investire soldi in armamenti per il conflitto in Ucraina.

Siamo pronti alla mobilitazione in tutta Italia per dire basta a questo modello d’istruzione piegato alle esigenze delle aziende”…. leggi tutto su: Sorgente: ‘No Melony Day’, studenti e mondo della scuola in piazza