Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

ROMA – La proposta di nominare Di Maio inviato speciale per trattare sul prezzo del gas nel Golfo Persico lo aveva talmente lasciato di stucco che subito la settimana scorsa aveva depositato un’interrogazione a Josep Borrell per capirne di più. Al momento, una smentita non è arrivata. E continuano a rimanere le perplessità circa le motivazioni che abbiano portato a questa scelta. A parlare è l’europarlamentare Paolo Borchia, coordinatore Id in commissione per l’industria, la ricerca e l’energia (Itre) e responsabile federale Lega nel Mondo. Nel frattempo, il ‘caso’ comincia a montare e anche in Italia si è aperto un dibattito su questa ipotesi, con tanto di mondo dei social scatenato a creare meme su Luigi Di Maio nel Golfo Persico.

“Nessuna smentita sulla possibile nomina di Luigi Di Maio – oggi giovane disoccupato, ex esponente del Movimento 5Stelle – a inviato speciale dell’Unione europea nel Golfo Persico per occuparsi di energia e gas”, spiega. “Per questo ruolo- prosegue Borchia-, si apprende sempre dai media, è stato giudicato il più adatto, tra i candidati in lizza, da un panel di tecnici”… leggi tutto su: Sorgente: Di Maio nel Golfo Persico per il gas, scetticismo all’Europarlamento: “E perchè mai lui?” – DIRE.it