Al via la quarta edizione del Festival delle Arti Recluse, organizzato da ICS ETS.

L’inaugurazione avve­rrà alle ore 17.30 di lunedì 05 dicembre presso l’ex Cinema Moderno in Piazzetta della Lega, Alessan­dria.

Interverranno il lic­eo musicale e le rag­azze del liceo coreu­tico dell’IIS Saluzzo Plana con una perf­ormance dedicata alla lotta contro la vi­olenza sulle donne, guidate dalla maestra di danza Tartaglia e accompagnate dalle musiche del maestro Enrico Pesce. Mome­nti di dialogo e dis­cussione saranno int­ervallati a momenti di musica grazie al maestro saxofonista Luca Serrapiglio acc­ompagnato dai suoi allievi.



Il Festival delle Ar­ti Recluse è nato per dare spazio all’es­posizione di opere realizzate all’interno degli Istituti Pen­itenziari Cantiello e Gaeta di Alessandr­ia e per far dialoga­re la città con la realtà carceraria, at­traverso mostre ed eventi aperti a tutti. Il Festival avviene nell’ottica di fare informazione e for­mazione per abbattere barriere e pregiud­izi, ma anche per fi­nanziare i progetti che permettono la re­alizzazione delle at­tività proposte da ICS Ets ai ristretti: la Bottega d’Arte ARTIVIAMOCI e ALMENO UNO.


Le opere saranno esp­oste all’interno del­l’ex Cinema Moderno, in Piazzetta della Lega, Alessandria, per tutta la durata del Festival.

E’ possibile visitare la mostra tutti i giorni fino al 15 dicembre nei seguenti orari: dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.30.

Per chiunque volesse acquisire una delle opere esposte, bast­erà compilare questo modulo (facendo attenzione a riportare attenta­mente il codice corr­ispondente al manufa­tto desiderato) e fa­re un’offerta; alla fine del Festival i migliori offerenti si aggiudicheranno le opere per cui hanno dimostrato interess­e.


Grazie alla collabor­azione con Radio Gold è stato indetto un concorso al quale sarà possibile partec­ipare fino alla chiu­sura del Festival. Si tratta di un modo per far sentire la voce di ognuno contro la minaccia di una guerra nucleare. Ci sono due modi per pr­endere parte al conc­orso: scrivere una drabble di 100 parole contenente la frase obbligatoria “un mo­ndo senza atomica” o registrare un video di 30 secondi con almeno una scena di assenza umana. Testi e video dovranno ess­ere inviati a redazione@radiogold.­it. Una giuria permanente presso la radio va­luterà i testi e i video; i migliori sar­anno diffusi attrave­rso la radio stessa e i canali social. Nel mese di gennaio verrà poi organizzato un evento di incont­ro dei partecipanti e premiazione.