Caspiterina!!!

Anna & Camilla

Qualche tempo fa la mia cara amica di Ploporosso70 mi ha ricordato uno scrittore: Donato Carrisi. Io in casa avevo due romanzi suoi, mai letti, così ho cominciato da questo Il tribunale delle anime, poderoso e molto articolato, situazioni e delitti che si intrecciano fra di loro, ad un certo punto il mio cervello era andato in pappa, come in un frullatore. Ma l’intrigo con annessa chiesa e preti mi piaceva.

Arrivata quasi alla fine volevo bollarlo con una sufficienza, ma poi le ultime due pagine mi hanno schiacciata, ora posso solo dire che è stato sublime, meraviglioso.

Il motivo del salto di qualità non è dovuto solo al finale ma anche al fatto che Donato Carrisi, in alcune pagine, precisa chi lo ha indirizzato verso questa trama e che tutta la storia raccontata è vera, naturalmente romanzata.

Mi rimane solo da dire: fantastico!!!

Consigliatissimo…

Ora ho già iniziato il…

View original post 10 altre parole

Trantran mattutino e creatività

Creando Idee

Molti ricorderanno la proverbiale scena in cui Paolo Villaggio nei panni del ragionier Fantozzi dopo aver posticipato la sveglia fino all’ultimo minuto, si alza e corre in tutta furia cercando di prendere al volo l’autobus per andare al lavoro. Una vera e propria corsa contro il tempo quella che lo porta, ansante e trionfante, alla fatidica timbratura del cartellino. Una routine mattutina decisamente stressogena come dimostreranno le vicende successive…In effetti diversi studi scientifici sembrano contraddire questa “fantozziana” routine mattutina: alzarsi di buon ora  concedersi del tempo di relax fare una sana colazione ,sarebbero gli ingredienti migliori per iniziare la giornata col piede giusto aumentando creatività e produttività. Secondo i risultati dello studio, i “nottambuli” sarebbero meno inclini a fare attività fisica e consumerebbero una dieta più sregolata e maggiormente ricca di grassi. Le persone più mattiniere invece osserverebbero uno stile alimentare più equilibrato Un precedente studio pubblicato nel 2012 sulla…

View original post 185 altre parole

Che cosa dobbiamo aspettarci dalla quarta stagione di Lucifer?

Il Lettore Curioso

Buona domenica cari lettori! Oggi parliamo di Lucifer, la serie tv che è stata salvata dai fan e acquisita da Netflix, in seguito alla cancellazione da parte di FOX la scorsa estate.

Non abbiamo ancora una data certa, ma Lucifer potrebbe tornare su Netflix già questa primavera. La produzione ha infatti terminato di girare lo show a novembre.

La serie sarà la più breve mai girata: dieci episodi, divisi in due parti, e vedrà nel cast due nuovi volti ricorrenti; Inbar Lavi nel ruolo di Eva, che stufa di Adamo si strugge per il suo primo amore Lucifer; e Vinessa Vidotto nel ruolo dell’angelo Remiel, una delle sorelle di Lucifer e Amenadiel.

[Attenzione contiene spoiler della terza stagione.]

Non torneranno invece Tom Welling nel ruolo di Marcus Pierce/Caino e Tricia Hefler nel ruolo di Charlotte, entrambi uccisi alla fine della stagione.

Nell’ultima puntata di stagione (eslcudendo gli episodi…

View original post 268 altre parole

Codice Kingfisher

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: Codice Kingfisher

Autore: Anonymous

Editore: Longanesi

Traduzione: Luca Bernardi

Grace Elliot ha 43 anni, è divorziata e la sua carriera di giornalista non è andata come aveva sognato. Lavora per un magazine di gossip, una rivista di secondo piano, niente a che vedere con le corazzate americane dell’informazione in cui desiderava essere assunta. Ha la possibilità di dare una svolta alla sua carriera con la pubblicazione di un’intervista che è riuscita ad ottenere da una pornostar che le ha raccontato tutti i particolari della sua relazione con Antony Craig, l’uomo che potrebbe diventare il prossimo presidente degli Stati Uniti. Ma il suo editore non vuole pubblicare l’intervista, troppo rischioso andare contro un uomo così potente. La delusione di Grace è tanta ma le viene offerto di lavorare ad una rubrica in collaborazione con Elena Craig, ex moglie proprio di Antony Craig. Elena è una imprenditrice ricca, famosa e molto…

View original post 394 altre parole

Esce la canzone “C’è da fare” per Genova (25 artisti)… il cui ricavato andrà devoluto alla ricostruzione del quartiere del ponte Morandi

Gabriele ROMANO 📎 bLOG

Il 22 Febbraio 2019 è uscita la canzone “C’è da fare” che parla di Genova. Una canzone che porta il nome di Paolo Kessisoglu come autore, ma a cui hanno partecipato la bellezza di ben 25 artisti italiani.

Le canzone è disponibile sulle varie piattaforme in streaming e anche su i-tunes ,sul quale è possibile acquistarla in formato digitale (mp3). Il ricavato della canzone sarà devoluto in beneficenza alla città, in particolare per la costruzione di una palestra nonché di un polo ricreativo nel quartiere vicino il ponte Morandi, che dopo il triste evento del 2018 ha isolato la zona del crollo.

Gli artisti che cantano la canzone sono:

Annalisa, Arisa, Boosta, Fiorella Mannoia, Gianni Morandi, Gino Paoli, Giorgia, Giuliano Sangiorgi, Ivano Fossati, Izi, J-Ax, Joan Thiele, Lo Stato Sociale, Luca Carboni, Malika Ayane, Mario Biondi, Massimo Ranieri, Mauro Pagani, Max Gazzè, Nek, Nina Zilli, Nitro, Raphael Gualazzi, Ron e…

View original post 2 altre parole

Piante da appartamento

Creando Idee

Sono ormai alcuni mesi che le piante verdi sono rinchiuse tra le mura domestiche, protette dal freddo e dai rigori invernali. Sono entrate a far parte dell’arredamento e, in alcuni casi, ci si dimentica quasi di averle. Le esigenze di queste piante sono davvero minime ma, ora che la primavera si avvicina, dopo mesi di riposo, è necessario prestare loro le cure di fine inverno, oltre alla consueta annaffiatura, per ottenere piante rigogliose e di aspetto invidiabile. Tra le più importanti cure di fine inverno, si deve controllare il substrato. Complice l’acqua spesso troppo calcarea del rubinetto di casa, soprattutto sulla superficie del terriccio potrebbe essersi formata una crosta dura e biancastra. In questo caso, ogni anno bisogna eseguire un’operazione semplice e sbrigativa di rinnovo della terra. Per prima cosa con una zappetta o paletta da giardinaggio, si rompe la crosta superficiale e la si rimuove. Poi, sempre con la…

View original post 240 altre parole

Ava Max – Sweet but Psycho

Gabriele ROMANO 📎 bLOG

Lyric
Oh, she’s sweet but a psycho
A little bit psycho
At night she’s screamin’
“I’m-ma-ma-ma out my mind”
Oh, she’s hot but a psycho
So left but she’s right though
At night she’s screamin’
“I’m-ma-ma-ma out my mind”
She’ll make you curse, but she a blessing
She’ll rip your shirt within a second
You’ll be coming back, back for seconds
With your plate, you just can’t help it
No, no, you’ll play along
Let her lead you on, on, on
You’ll be saying, “No, no”
Then saying, “Yes, yes, yes”
‘Cause she messin’ with your head
Oh, she’s sweet but a psycho
A little bit psycho
At night she’s screamin’
“I’m-ma-ma-ma out my mind”
Oh, she’s hot but a psycho
So left but she’s right though
At night she’s screamin’
“I’m-ma-ma-ma out my mind”
Grab a cop gun kinda crazy
She’s poison but tasty
Yeah, people say, “Run, don’t…

View original post 723 altre parole

Andrea Bocelli – Canto della terra

Gabriele ROMANO 📎 bLOG

Lyric
Sì lo so
Amore che io e te
Forse stiamo insieme
Solo qualche instante
Zitti stiamo ad ascoltare
Il cielo alla finestra
Questo mondo che
Si sveglia e la notte è
Già cosi lontana
Già lontana
Guarda questa terra che
Che gira insieme a noi
Anche quando è buio
Guarda questa terra che
Che gira anche per noi
A darci un po’ di
Sole, sole, sole
My love, che sei l’amore mio
Sento la tua voce
E ascolto il mare
Sembra davvero il tuo respiro
L’amore che mi dai
Questo amore che
Sta lì nascosto
In mezzo alle sue onde
A tutte le sue onde
Come una barca che
Guarda questa terra che
Che gira insieme a noi
Anche quando è buio
Guarda questa terra che
Che gira anche per noi
A darci un po’ di sole
Sole
Guarda questa terra che
Che gira insieme a noi
A darci…

View original post 8 altre parole

Progetto ARTE DIFFUSA: mostra di Serena Bruzzone al Caffè Alessandrino, di Lia Tommi

Giovedi 7 marzo 2019 alle ore 18,30 presso
CAFFÈ ALESSANDRINO
Piazza Garibaldi, 39 – Alessandria Tel. 0131-441903
Si terrà l’inaugurazione della mostra
“Women: la forza dell’impossibile ”
di SERENA Bruzzone – @heartlinesandeyes

Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di idee commenta:
“Nuovo appuntamento del Progetto ARTE DIFFUSA, eventi dedicati all’arte presso alcuni locali della nostra Città, con la mostra di SERENA Bruzzone in arte @heartlinesandeyes . L’Artista vuole rendere omaggio alle donne e alla loro forza attraverso illustrazioni realizzate con tecnica mista, scegliendo soggetti particolari di cui evidenzia i tratti forti del viso e le intense espressioni degli occhi che custodiscono storie diverse ”.

SERENA Bruzzone – @heartlinesandeyes
Disegno e sono appassionata d’arte sin da quando ero molto piccola, nel tempo ho potuto sperimentare, completamente da autodidatta, le tecniche piu disparate in modo da apprendere il piu’ possibile anche il lavoro inteso come manualita’ e pratica, e poi capire quali mezzi fossero piu’ congeniali a cio’ che voglio esprimere su carta.

Il disegno a matita, preparatorio, a mano libera, resta la base fondamentale per costruire le mie illustrazioni che possono definirsi come creazioni a tecnica mista, in quanto non mi pongo limiti nell’utilizzare qualsiasi mezzo a disposizione per ottenere gli effetti immaginati. Solitamente gioco molto nel creare contrasti tra elementi opposti tra loro come acquarelli, gessi, pastelli a olio, vernici traslucide o metalliche, glitter, e per ricreare alcuni dettagli dei visi, anche prodotti per il make up. Realizzo prettamente illustrazioni o all’occorrenza quadri, ritratti femminili, volti a valorizzare non solo l’estetica ma anche l’espressivita’ e le caratteristiche peculiari del soggetto. Continua a leggere “Progetto ARTE DIFFUSA: mostra di Serena Bruzzone al Caffè Alessandrino, di Lia Tommi”

Una mia riflessione sull’educazione – Fabio Avena

Penso che la scuola in quanto istituzione contribuisca a fornire alcune basi ai bambini, agli adolescenti e studenti. Ma a mio avviso sin da piccoli, forse anche dall’asilo (periodo nel quale si è più portati a scoprire il mondo con occhi innocenti) dovrebbe esserci più attenzione alle esigenze dell’alunno, in ogni famiglia di sani principi morali.

Questo lo dico, per far comprendere che le essenziali regole di buon comportamento (e non di bon ton o sola catechesi che comunque è molto importante), debbano essere inserite nelle scuole per dare un minimo di indirizzo morale anche a bambini che vivono situazioni di disagio familiare di ogni tipo, che spesso poi tendono a diventare bulli, o a volte diventano adulti con fortissime lacune e cercano sfogo altrove, in cattive compagnie o peggio ancora vivendo vite dissolute tra dipendenze di ogni sorta (droga, alcool, sesso, dipendenze da giochi d’azzardo, dipendenze dalla Tv e tanto altro). Parlando di me, della mia storia personale, la scuola stessa o il catechismo fatto da piccolo, mi hanno dato magari degli “indirizzi”, ma in fondo mai delle solide basi.

Anche il liceo classico che ho frequentato, secondo molti insegna a pensare in modo più aperto…può anche essere vero, ma solo in parte secondo me. Va benissimo imparare e apprendere concetti e nozioni di storia, filosofia, lingue e altre materie, ma ci vuole soprattutto una formazione diversa, non solo legata alla conoscenza di popoli, costumi, culture, religioni. Continua a leggere “Una mia riflessione sull’educazione – Fabio Avena”

Dietro le quinte, di Cristina Saracano

Alessandria: Venerdì 1^ marzo 2019 alle ore 18,00 presso BIO CAFÈ Via dell’Erba, 12 – Alessandria Tel. 0131-262932 si terrà l’inaugurazione della mostra
DENTRO LE QUINTE
IMMAGINI DI UN’OSTINATA PASSIONE di Fabio PIERI
Progetto ARTE DIFFUSA
Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione CulturaleLiberaMente-Laboratorio di idee commenta: “Con la mostra dedicata al Fotografo Fabio PIERI proseguono gli appuntamenti del Progetto ARTE DIFFUSA, eventi dedicati all’Arte presso alcuni locali della nostra Città. In questa mostra particolare si evidenzia la grande sensibilità del fotografo Fabio PIERI nel cogliere i momenti più emozionanti nelle espressioni degli attori di teatro durante i loro spettacoli ”.

FABIO PIERI
Fotografo per passione da una vita, si è riavvicinato alla fotografia negliultimi anni, dopo una lunga pausa.Membro dell’ass Passo dopo Passo – Sezione Fotografica di Alessandria, nell’ambito della quale ha partecipato a diversi progetti rivolti alla valorizzazione del territorio alessandrino e ha partecipato alle mostre fotografiche “Icone del
Commercio” e “Tattoo, Linee per la Vita”.
Appassionato anche di ritratto fotografico e fotografia di scena, ha frequentato diversi workshop inerenti a tali temi. Vincitore del 1° premio nel Concorso fotografico di San Sebastiano Curone (AL) nel 2013 con
l’opera “Così vicini, così lontani”. Nel 2015 ha partecipato alla Biennale d’Arte di Alessandria “OMNIA”.
Segue costantemente il Gruppo Artistico alessandrino “Ostinata
Passione” durante la rappresentazione dei loro spettacoli, Giulietta e Romeo, Notre Dame de Paris, Dracula , Evita e Tosca, sia come fotografo sia come realizzatore dei video di scena.

Kimchi

P

Creando Idee

Kimchi è il nome coreano delle verdure fermentate, solitamente piccanti, ma non sempre, preparate in una miriade di modi. Le verdure vengono immerse nella salamoia per creare un ambiente favorevole ai batteri acidolattici presenti in esse. Per fare il kimchi si immergono le verdure in genere cavolo cinese, ravanelli e altre in salamoia forte per varie ore o giorni, affinché perdano l’amaro e si rendano più flessibili e perciò più facili da sommergere. Una volta scolate, vengono poi mischiate con spezie, una crema di riso, zucchero, salsa di pesce, pesce e/o crostacei. Il più delle volte il kimchi è piccante, con una presenza di aglio, peperoncino, zenzero, oltre a scalogni, cipolline, porri e cipolla. Queste fanno parte dei tanti prodotti fermentati, per molte persone il problema maggiore non è tanto come preparare le verdure fermentate, quanto come usarle. C’è chi suggerisce il consumo crudo della verdure fermentate, perché il…

View original post 57 altre parole

Years and years

Etiliyle © -poetry and photography ™

Come stai?

È una domanda che spesso non ha importanza, quasi sempre è solo una frase di circostanza.

Preferirei di gran lunga che mi venisse chiesto ‘come mi sento’ .

Come mi sento da 19 estenuanti e lunghi mesi?
Pur non amando il calcio userò una metafora calcistica per far comprendere meglio il mio stato d’animo :
La sensazione che provo è quella di un calciatore della nazionale relegato in panchina durante i mondiali, immobile e impossibilitato a dare il proprio contributo ma pur costretto a stare lì, ad assistere impotente non potendo fare niente…
Oppure, per vederla dal punto di vista di un viaggiatore, è come perdere il volo della tua vita, quello diretto nel posto più bello del mondo, il volo che attendevi da “anni e anni”. Perderlo e rimanere a terra, vedere l’aereo andare, sentirne il rumore, mentre in silenzio ti si spezza il cuore.

View original post 23 altre parole

LA FUENTE

PERCEPCIONES

1-IMG_8318

La fuente ríe, la fuente llora, la fuente habla…Y surge de las entrañas de la tierra su venaje y viene de dentro y nos ofrece su frescura, su transparencia; en su constancia se oye el latido del hontanar que fluye. Mi patio estaría triste sin este sonido de surtidor cantarín y poético. Mi jardín no tendría flores, las semillas no germinarían sin el riego de la fontana, es ella, la diosa central de todos los verdes, la que ratifica las cosechas… El agua de la fuente en mi lengua sacia mi necesidad, mi deseo, mi sed; su claustro es la tierra, sus caminos son invisibles, su caudal es libre, llega donde quiere, se ofrece como beso divino y corre, corre sin cesar por los pilones que van al río. La fuente retorna a mi tristeza  para darme vida, amor, ternura. La fuente es madre que exhibe su grandeza entre mis…

View original post 33 altre parole

C’EST LA VIE

- MIKE STEEDEN -

black beret (2)

That I felt the burning hurt of the sharp slap about my face confirmed my heart still pumped. Reluctant conjoined eyelids fought good reason in their quest for an equitable divorce. Then the soothing touch of a soft, lukewarm palm upon my brow set in motion a myriad of wideawake apparitions.

It was the girl from the Resistance, fabled for her ostensibly permanent black beret, who had somehow found me. I instantly knew it was she by the smell of her ‘Soir de Paris’ eau de cologne…pre the outbreak of war, the budget choice of the proletariat, now the perfume of the few.

Once vision had deigned to make its hesitant appearance I made mental note of her quizzical, perhaps even loving, concern for my well-being, notwithstanding that her face was uncomfortably close to my own. Seeing her thus, the thought struck that the sea of cosmopolitan wild flowers all…

View original post 455 altre parole

BORGOGNA, di Filippo Ravizza

BORGOGNA, di Filippo Ravizza

Borgogna.JPG

BORGOGNA

Molto hanno volato i bambini
su questi campi,fuori dalle case,
già col piede sopra l’erba…
molto hanno guardato il mondo queste
grandi mucche bianche, ma oggi, adesso,
l’autobus non pare più un mostro meccanico,
piuttosto lenta e infinita una nave felice
persa in un nuovo verde oceano, dove
come onde aprono gli alberi orizzonti e chiamano
la strada chiamano il tempo e noi dentro
noi mossi incontro, piegati, nel cuore
segnati dalla forza di questa bellezza,
noi che ti guardiamo vero scenario,
ma anche fiore della mente, inizio,
Europa, Europa contadina,madre.

Filippo Ravizza

Poesia tratta dalla raccolta “Turista”, LietoColle Editore, Faloppio (Como), 2008

Bourgogne, de Filippo Ravizza, un essai de traduction par SD d’un de ses poèmes

Bourgogne

Ils ont beaucoup volé les enfants

au-dessus des champs, hors des maisons,

les pieds sur l’herbe… Continua a leggere “BORGOGNA, di Filippo Ravizza”

29 anni fa si spegneva il Presidente più amato dagli italiani, di Lia Tommi

29 anni fa, all’età di 94 anni, si spegneva l’amatissimo Presidente Sandro Pertini.

Con la più larga maggioranza mai registrata in una votazione (832 voti su 995), Sandro Pertini diviene presidente della Repubblica Italiana il 9 luglio 1978 e rimane capo dello stato fino al 23 giugno 1985. Sandro Pertini è ricordato nella storia d’Italia non solo per l’alta carica ricoperta per un elevato numero di anni, ma anche per la sua salda fede nei principi di libertà, democrazia e rispetto delle persone .

Alessandro Pertini nasce a Stella (in provincia di Savona) il 25 settembre 1896, la famiglia è benestante, poiché il padre è proprietario terriero, ha 4 fratelli: Luigi, Mario, Giuseppe e Eugenio, quest’ultimo scompare tragicamente il 25 aprile 1954 nel carcere di Flossenburg. Dopo aver frequentato il collegio dei Salesiani a Varazze, Sandro Pertini frequenta il liceo “Chiabrera” di Savona, e diviene collaboratore di “Critica Sociale” di Filippo Turati, il che contribuisce sicuramente ad avvicinarlo all’ambiente e all’ideologia socialista.

Consegue una prima laurea in giurisprudenza, all’università di Genova e una seconda in scienze politiche nel 1924 a Firenze (dove è ospite del fratello) anno in cui entra in contatto con gli ambienti legati a Gaetano Salvemini e dell’interventismo democratico e socialista. La sua militanza politica inizia però nel 1918 con l’iscrizione al PSI. Tra i due titoli di studio acquisiti, Sandro Pertini vive la tragica esperienza del primo conflitto mondiale in seguito allo scoppio del quale, nel 1917, viene richiamato e inviato sul fronte dell’Isonzo e sulla Bainsizza; il suo ruolo è di sottotenente di complemento. Egli si distingue inoltre per un’azione particolarmente coraggiosa durante l’assalto al monte Jelenik e viene proposto per la medaglia d’argento al valore militare. Continua a leggere “29 anni fa si spegneva il Presidente più amato dagli italiani, di Lia Tommi”

Il poeta Elvio Angeletti si presenta ai lettori di Alessandria today

Il poeta Elvio Angeletti si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori la biografia del poeta Elvio Angeletti.

Elvio unnamed (1).jpg

Biografia: Elvio Angeletti nasce  a Senigallia il 06/05/1954 vive a Marzocca di Senigallia (AN).

Sposato, padre di due figli e nonno. Fin da ragazzo mostra predisposizione all’arte e inizia a dipingere; arte che, lascia per via del tempo sempre meno a disposizione. Negli anni il desiderio di esprimersi attraverso forme artistiche si fa sentire con la parola e Elvio comincia così a scrivere frasi che nel tempo si trasformeranno in poesie.

Così, durante il periodo della mobilità e poi con il pensionamento, trova il tempo da dedicarvi e inizia a partecipare a vari concorsi di poesia nazionali. Viene a conoscenza dell’Associazione culturale “Il Capricorno Arte” di Corinaldo del quale presidente è la signora Anna Grossi, pittrice di fama internazionale e critico d’arte e letteratura che lo stimola ulteriormente a scrivere e a proseguire con la poesia.

2011 la sua prima raccolta di poesia “Oltre l’infinito” edita dal Capricorno arte

2012 partecipa ad una antologia “Poesia e colori nei luoghi dell’anima” ( Rupe Mutevole edizioni)

2013 ancora un’antologia “Il profilo delle voci” ( Rupe Mutevole edizioni )

2013 viene chiamato dalla poetessa Anna Verlezza per un’opera a quattro mani  “Trasparenze interiori” (Rupe Mutevole edizioni)

2014 la seconda raccolta di poesie “ Luce” editata in proprio

2015 la terza raccolta di poesie “ Respiri di vita” ( Intermedia Edizioni)

2016 Antologia “Convivio in versi” Mappatura Democratica Della Poesia Marchigiana curata dal Critico Lorenzo Spurio. 

2016 Antologia “Orme Poetiche” Curata da Pasquale Rea Martino con Prefazione di Cinzia   Baldazzi ( Intermedia Edizioni) Continua a leggere “Il poeta Elvio Angeletti si presenta ai lettori di Alessandria today”

Spotlight (Il caso Spotlight) – Tom McCarthy (2015)

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Michael Rezendes: Abbiamo Law. È fatta.

Walter ‘Robby’ Robinson: No, questo è Law che sta coprendo un solo prete, ce ne sono altri novanta in giro.

Michael Rezendes: Sì, pubblicheremo quella storia quando l’avremo ma andiamo con questa adesso.

Walter ‘Robby’ Robinson: No, è meglio non avere fretta Mike.

Michael Rezendes: Ma non abbiamo altra scelta! Se non ci sbrighiamo a pubblicare qualcun altro troverà queste lettere e ci massacrerà la storia! Joe Quimby, dell’Herald, era in quella cavolo di aula di tribunale!

Walter ‘Robby’ Robinson: E noi siamo pronti con un articolo e teniamo d’occhio l’Herald.

Michael Rezendes: Teniamo d’occhio l’Herald?! Se pubblicano la storia e la sbagliano la chiesa insabbia tutto, dobbiamo farlo adesso!

Matty Carroll: Mike!

Michael Rezendes: Che c’è?! Perché esitiamo? Baron vuole che arriviamo a Law; questo è Law!

Walter ‘Robby’ Robinson: Baron vuole arrivare al sistema! A noi serve il quadro d’insieme, è l’unica…

View original post 80 altre parole

Nell’anno del signore – Luigi Magni (1969)

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Ciao Albertone!

Alberto Sordi (Roma, 15/06/1920 – Roma, 24/02/2003)

Frate: <<Popolo, ma che te sei messo in testa? Ma che vuoi? Vuoi comanna’ te? E chi sei? Sei papa? Sei cardinale? O sei barone? Ma se non sei manco barone chi sei? Sei tutti l’altri! E tutti l’altri chi so’? Rispondi! Rispondi a me, invece di assalta’ i castelli! So’ li avanzi de li papi, de li cardinali, de li baroni, e l’avanzi che so’? So’ monnezza! Popolo, sei ‘na monnezza! E vuoi mette’ bocca? Ma se non c’è nessuno che ti dice, quando t’alzi la mattina, quello che devi fa’, dove sbatti la testa? Che ne sai? Sei andato a scuola? Sai distingue’ il pro e il contro? Tu non sai manco qual è la fortuna tua, perché sei ‘na monnezza!>>

View original post

Omicidio infantile

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Beato il pensiero stabile di un bambino,

dove tutto è giustificato, di tutto sei capace.

Che galleggia nell’esistere, senza rotta ne confini,

fine a se stesso nel suo universo.

Ed era bello ricordo,

non conoscere il sole ed il suo giro.

Ora che invece l’aspetto,

su finestre qualsiasi, in pensieri complessi.

Non c’è gioia più divina dell’innocenza,

che crescendo si sgretola dentro di noi,

facendosi inglobare in altre bizzarre virtù.

Decidendo di crescere decidiamo di iniziare a domandare, di conoscere e pensare.

E ci invecchia e ci fa più cattivi,

ogni essere può uccidere,

ma l’intenzione è il frutto del pensare.

Uccidere senza sapere non è poi un male, ferire conoscendo diventa infernale.

È l’esistere che nutre i nostri corpi, scolpisce questi cazzo di volti.

È inversamente proporzionale al nostro tempo.

Siamo un mondo di suicidi.

Come nasciamo. Appena iniziamo a vivere scegliamo di morire.

Non c’è morte più violenta…

View original post 4 altre parole

Il cantiere della nuvola

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Momenti istintivi come la percezione del pericolo.

Arrivi senza nessuna aspettativa.

Come porte che si aprono nel nostro sonno all’improvviso.

La cura nella notte.

Arriveranno e mi faranno male, l’infermiera vecchia mi sta sul cazzo,

ricorda la cattiva di qualche film visto da bambino.

La stanza e i corridoi sono troppo bianchi.

Arrivata come cibo ai barboni.

Cerco nuova droga fatta di pelle,

e tu sei il nuovo premio Nobel alla dermatologia.

Ho passato una vita al CERN a trovare nuovi modi di far funzionare il cuore.

Ho passato anni in cardiologia.

Quando forse l’amore come per gli etruschi è nel fegato.

Anche gli etruschi non hanno capito un cazzo.

Gli etruschi erano alcolisti.

A Gossolengo bevevano da fare schifo fino a vomitare.

I Piacentini derivano dagli alcolisti ma fanno un formaggio di Cristo.

Inseguiamo la bellezza. Anche dove non c’è per tutti.

Andiamo a vedere le auto incidentate.

I…

View original post 379 altre parole

Amore per sempre

Morirò quando la vita mi lascerà senza parole

Quando nasce un amore

i pianeti non si allineano,

i fiori non sbocciano,

all’orizzonte non ci sono tramonti, né albe,

il mare non è più bello del solito,

le frasi dei libri non cambiano significato,

le canzoni non cambiano le note e parole

I pensieri non diventano meno pesanti.

I colori non sono più accesi.

Le persone non migliorano.

Il tempo non aumenta.

I sogni non diventano realtà.

L’universo non si espande.

La luna non è più grande.

Il prima o il poi non diventa mentre.

Si trasforma solo tutto per sempre.

Poesie Premiata ai Concorsi Letterari:

Una città che scrive 2018”

XXIX° Edizione Premio Belli

Premio Montegrappa 2019

View original post

QUELLO CHE VOGLIO DARTI, di Yuleisy Cruz Lezcano

QUELLO CHE VOGLIO DARTI, di Yuleisy Cruz Lezcano

2 52360947_320536168812378_7347328191658196992_n

Amore, dimmi come posso darti più di me stessa, perché il mio cuore di più vuole darti?

Vorrei darti la mia memoria dell’estate,

quella grandine che picchiettando bussa nel tetto,

quei lampi che esplorano il pericolo dei ponti,

quando saltano da nuvola a nuvola.

Vorrei darti fontane di riflessi di luna,

lunghe stagioni con fiducia

su quelle rose che sbocciano sul cuore.

Vorrei darti quello che in molti chiamano amore e che io, io non so che nome darle.

Vorrei darti quel che ride davanti all’impossibile, perché esce dal sogno e si avvera.

Vorrei darti quello che ancora non so, so solo che questo sentimento ha il corpo proteso verso l’abbraccio; è come un laccio che mi avvolge; è alto e matura la notte; è come un disegno magico e innocente di bambina che partorisce le punte delle stelle; è qualcosa che mi avvicina alle cose più belle.

(Yuleisy Cruz Lezcano; 20 febbraio 2019)

Momenti di poesia. Malinconia, di Yuleisy Cruz Lezcano

Malinconia, di Yuleisy Cruz Lezcano

1 52654485_546894369141177_7664287032822202368_n

Carica di silenzi al curvar d’erba

perde il capo il dolce fiore,

stagione gelida senza amore

nell’aia del ricordo ombroso.

Il leggero dormir senza riposo

è sagoma di sguardo commosso,

vistoso traboccar di rimpianti,

sospiri lamentosi, tristi canti.

Il foulard al vaglio mosso

esala sospiri ed effluvi affranti.

Il pianto è un tormento gigante,

ruscello al guado, mondo distante.

(Yuleisy Cruz Lezcano, 23 febbraio 2019)

I “Tre Martelli ” al Conservatorio Vivaldi, di Lia Tommi

Tre Martelli al Conservatorio ” A. Vivaldi” di Alessandria

Martedì 5 marzo 2019 alle ore 17:00
Conservatorio Vivaldi
Via Parma, 1, 15121 Alessandria

L’ALTRA MUSICA III – Ciclo di concerti per incontrare musiche delle tradizioni etniche e popolari

Concerto dei Tre Martelli – Canté e balé fijette
Canti e danze della tradizione popolare piemontese

Intervista alla scrittrice e poetessa Monica Pasero, di Pier Carlo Lava

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare un intervista, in esclusiva per il blog, alla scrittrice e poetessa Monica Pasero.

Monica, ciao. Che cosa fai nella vita oltre a scrivere?

Ciao, Pier Carlo. Nella vita, principalmente, mi occupo dei miei  due figli, oltre a questo, lavoro nel mondo editoriale e continuo a scrivere e creare, giorno dopo giorno, il mio sogno.

Ci vuoi raccontare qualcosa della città, dove vivi?

Sono nata e cresciuta a Dronero, un piccolo e affascinante borgo antico che oggi conta circa 7400 abitanti. Attraversando le sue strade, i due ponti, che lo contraddistinguono, le sue  piazze e i suoi antichi portici possiamo rivivere la storia di questo paese che conserva, ancor oggi, uno straordinario patrimonio architettonico fatto di monumenti, chiese e palazzi nobiliari di rara bellezza. Un borgo, direi magico, da visitare in ogni stagione. Sia per le bellezze del luogo, sia per la sua storia e il buon cibo. Tappa immancabile per chi passa nelle terre piemontesi.  Dronero vi aspetta all’imbocco dell’ incantevole Valle Maira ad una ventina di chilometri da Cuneo, la provincia Granda. Continua a leggere “Intervista alla scrittrice e poetessa Monica Pasero, di Pier Carlo Lava”

MATTINE DI STUDENTESSA, poesia di Lia Tommi

MATTINE DI STUDENTESSA

Mi inebriavo
del profumo di pane
appena sfornato
e di caffè forte
che si infilava
attraverso le persiane
delle case.
Voci di bambini rimbombavano
nei cortili,
cani abbaiavano
chissà dove.
Le strade ancora deserte.
L’umidità
penetrava nelle ossa,
la sciarpa sulla bocca.
Il passo spedito
il pacco di libri sul braccio.
Un sorriso appena accennato
Gli occhi ancora assonnati
Mattine lontane
di studentessa.

Lia

Intervista alla poetessa Maria Pellino, a cura di Pier Carlo Lava

Intervista alla poetessa Maria Pellino, a cura di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare in esclusiva per il blog, un intervista alla poetessa Maria Pellino, che si racconta ai nostri lettori.

“Maria Pellino, afferma che un poeta è colui che plasma le emozioni, i pensieri, l’anima. Raccoglie briciole di eterno dalle vie disperse dell’universo e ne fa quadri dalle cornici ammainate dal gettito forbito delle parole”.

Maria Pellino40752818_518212565307566_9047713861632786432_n

Maria ciao e benvenuta su Alessandria today è veramente un piacere farti un intervista, ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Ciao e grazie. Sono originaria della provincia di Bn, Sant’Agata dei Goti, borgo ricco di storia. Attualmente svolgo attività di educatrice e vivo in provincia di Milano in un paese che si affaccia sull’Adda, un luogo pieno di paesaggi naturali meravigliosi che hanno ispirato artisti come Leonardo da Vinci e autori come il Manzoni, per citarne qualcuno. Ad oggi, mi sento parte di questo posto, tanto che tali paesaggi dall’atmosfera incontaminata stimolano la mia ispirazione.

Quando hai iniziato a scrivere e cosa ti ha spinto a farlo?

In realtà scrivo da sempre, ho iniziato scrivendo aforismi, mi affascina la forma breve. Nel 2013 qualcosa è cambiato, all’improvviso i miei pensieri sono mutati diventando poesia.

Chi è per te un poeta?

E’ colui che riesce a plasmare le emozioni, i pensieri, l’anima. Raccoglie briciole di eterno dalle vie disperse dell’universo e ne fa quadri dalle cornici ammainate dal gettito forbito delle parole.

Recentemente è uscita un’antologia di poesia contemporanea tra i cui autori sei presente con una ventina di poesie inedite, edizioni L’inedito “Il cancello sulla battigia”, ce ne vuoi parlare?

La prima pubblicazione è come il primo amore non si scorda mai, ci puoi raccontare quali difficoltà hai incontrato per pubblicarla e quale è stato il tuo primo pensiero dopo averla pubblicata?

E’ stata un’esperienza molto costruttiva, non ho avuto difficoltà perché ho incontrato un editore professionale.

L’Antologia presenta autori vari con le proprie poesie, le mie ne sono 20. E’ una bella sensazione sapere che ti possano leggere in cartaceo. Continua a leggere “Intervista alla poetessa Maria Pellino, a cura di Pier Carlo Lava”

La palude

Il Blog di Roberto Iovacchini

index

Titolo: La Palude

Autore: Charlotte Link

Editore: Corbaccio

Traduzione: Alessandra Petrelli

Siamo nel Nord dell’Inghilterra, nel 2017. Viene ritrovato il corpo di una ragazzina scomparsa un anno prima a Scarborough, Saskia Morris, di soli quattordici anni. Dopo pochi giorni scompare Amelie Goldsby, anche lei di quattordici anni che fortunatamente viene ritrovata viva. Le circostanze del ritrovamento sono strane e anomale ed anche in mancanza di prove, portano la polizia ad indagare con particolare attenzione sulla persona che ha ritrovato la ragazza. In quei giorni, Kate Linville, sergente di Scotland Yard, si trova a Scarborough per motivi personali legati alla proprietà della casa dei suoi genitori. Kate conosce per caso i genitori di Amelie che, venuti a conoscenza della sua professione, le chiedono di aiutarli nelle indagini per ritrovare la figlia. I rapimenti di Amelie e Saskia vengono ricollegati ad un terzo caso di sparizione di una ragazza, sempre di quattordici…

View original post 381 altre parole

Neve di Febbraio – Poesia e foto di Fiorella Fiorenzoni

fiorellafiorenzoni

2019-02-03 11.26.39

2019-02-03 11.27.21

Neve di febbraio

Taciti fiocchi di neve,

vagano nell’aria

come viandanti

in cerca di una meta.

Cadono dall’infinito

e dolcemente si posano

lungo il letto dei fiumi

e sulle barche assopite,

sui clivi e sul piano,

sulle città e sopra i tetti.

Suffolcono sulle vette,

con ubertà nivale,

imbiancano tutto

di magia invernale.

Come la pace

la neve scende mesta

sul campanile a festa,

gli alberi spogli ammanta

mentre un passero già canta

e tra voli  brevi a sera

ci porta un po’ di primavera.

Fiorella Fiorenzoni

All rights reserved

2019-02-05 18.06.472019-02-03 11.30.352019-02-16 11.41.17

View original post

Momenti di poesia. “Volo nel cammino”, di Ely Chio

Momenti di poesia. “Volo nel cammino”, di Ely Chio

52586569_2327259467504550_5216907216069591040_n

“Volo nel cammino”

Dono la massima libertà, ti accompagno nel volo

o ti posso anche lasciare andare, per i tuoi cieli

per i tuoi sogni ed io soffrire ma tacere

poiché quel senso di quel volo che mi unisce a te

quello spazio aperto non è altro

che un modo sconfinato di amarti

e farti sentire che tu puoi, se vuoi!

Hai ali forti, sei bella dentro e fuori.

Io ci sono, ci sarò se vorrai

anima in pena nel cammino morente di una vita spenta.

Questo siamo oggi, un popolo silenzioso

un popolo che sente solo le vibrazioni di un cellulare

o il suo suonare, siamo emozioni liquide

che nulla hanno a che fare con la concretezza dell’essere.

Noi invece, voliamo e siamo sempre di più

il nostro cielo è sempre più ampio

il nostro amore sempre più forte.

Vola, con me o senza, non ha importanza

breve sia il cammino o lungo, io in cuor tuo

ci sarò per sempre…

Ely Chio @ diritti riservati

Buon Pomeriggio Spiriti Guerrieri.

La scrittrice Alessia Ferrari Dream, si presenta ai lettori di Alessandria today, a cura di Pier Carlo Lava

La scrittrice Alessia Ferrari Dream, si presenta ai lettori di Alessandria today, a cura di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare un’intervista in esclusiva per il blog, alla scrittrice Alessia Ferrari Dream, queste le sue risposte alle nostre domande:

Alessia Ferrari 2 copia 

Alessia ciao e benvenuta su Alessandria today è veramente un piacere ospitarti, ci vuoi raccontare dove sei nata, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi? 

Mi chiamo Alessia Ferrari Dream, sono nata a S. Margherita Ligure e ho sempre vissuto a Rapallo, tranne per un periodo trascorso a Milano.

La mia città è una nota località turistica, siamo abituati all’accoglienza ed è ricca di storia e arte, ma non manca il contatto con una natura aspra però molto affascinante, possibile già appena si sale in collina.

Anche le spiagge sono varie e il mare è stupendo in qualsiasi periodo dell’anno, solo guardarlo dona grandi emozioni.

Io sono prima di tutto una sognatrice, fin da bambina ho sempre portato le mie fantasie nella mia quotidianità e viceversa. Ho iniziato a scrivere in seconda elementare, riempivo intere pagine con avventure incredibili, ma ci sono stati anni durante i quali non ho preso neppure una penna in mano.

Lo studio e lo scrivere sono una mia grande passione, per me la scuola non era una noia ma un mezzo, una fonte alla quale abbeverarsi il più possibile.

Purtroppo non ho potuto frequentare l’istituto linguistico perché qui in zona era privato e la mia famiglia non poteva permettersi di pagare la retta, così ho scelto il Turistico che era il più vicino ai miei gusti personali e alle mie attitudini, adoro le lingue straniere. Ero la migliore tra diverse centinaia di studenti, mi piaceva mettermi alla prova. Ho frequentato la facoltà di Lingue e letterature straniere, ma non mi sono laureata per problemi economici.

Ho iniziato a lavorare come commessa, prima in un panificio sul mare, poi presso un altro forno in città, è un lavoro molto duro ma mi ha permesso di imparare tantissimo ugualmente.

Nel tempo libero mi piaceva aiutare ragazzi con difficoltà di apprendimento, come i dislessici, stranieri, soprattutto sudamericani, o di comportamento; molti di questi mi sono ancora estremamente affezionati, esattamente come le loro famiglie. Sono stata felice di trasmettere loro l’amore per lo studio, restituendo al loro animo la fiducia nelle loro capacità.
Continua a leggere “La scrittrice Alessia Ferrari Dream, si presenta ai lettori di Alessandria today, a cura di Pier Carlo Lava”

Si parla di Neopopulismi all’Associazione Cultura e Sviluppo, di Lia Tommi

Nel prossimo appuntamento dei Giovedì culturali l’Associazione Cultura e Sviluppo torna ad occuparsi di un tema di stringente attualità.

Si rifletterà, infatti, sui populismi, che hanno profondamente mutato lo scenario politico contemporaneo, e che sono oggi al centro dell’attenzione anche in relazione al voto di maggio per il Parlamento dell’Unione Europea.

Ospiti saranno due politologi, Loris Caruso e Paolo Graziano, il quale è autore del volume “Neopopulismi. Perché sono destinati a durare” (il Mulino, Bologna 2018), presentato e discusso nel corso della serata. Nella quarta di copertina si legge: «Trump, Grillo, Salvini: perché leader e partiti neopopulisti si sono diffusi tanto rapidamente nei paesi democratici? Chi sono i loro elettori? Dureranno nel tempo? La crisi della rappresentanza democratica e la crisi economica hanno creato un terreno molto fertile per la nascita o il rafforzamento di partiti neopopulisti. Il libro ricostruisce l’evoluzione recente del fenomeno, illustrandone le caratteristiche specifiche, le varianti e le prospettive future in diversi contesti nazionali».

Per ragionare su queste tematiche, siamo invitati GIOVEDI 28 FEBBRAIO 2019, ore 19.00- 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) alla conferenza dal titolo “NEOPOPULISMI Perché sono destinati a durare”.

Ospiti saranno PAOLO ROBERTO GRAZIANO, Ordinario di Scienza politica e Politica comparata presso l’Università di Padova, LORIS CARUSO, Ricercatore di Scienza Politica presso l’Università Normale Superiore – sede di Firenze.

Introdurrà la conferenza e modererà il dibattito Giorgio Barberis, professore di Storia del Pensiero Politico presso l’Università Del Piemonte Orientale.

Romualdo Guida poeta, scrivere poesie significa mettere a nudo la propria anima, intervista a cura di Pier Carlo Lava

Romualdo Guida poeta, scrivere poesie significa mettere a nudo la propria anima, intervista a cura di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di pubblicare un interessante intervista al poeta Romualdo Guida, di Pioppi SA, la capitale mondiale della dieta mediterranea. Guida sostiene che il poeta è un pensatore di pensieri positivi e scrivere poesie significa mettere a nudo la propri anima, la poesia va interpretata e capita. Le sue poesie sono rimaste chiuse in un cassetto per quarant’anni sino al 2014, quando ha deciso di renderle pubbliche.

Romualdo ciao e benvenuto su Alessandria today è veramente un piacere ospitarti, ci vuoi raccontare dove sei nato, chi sei, cosa fai nella vita oltre a scrivere e qualcosa della città dove vivi?

Ringrazio voi di Alessandria today per avermi concesso questo spazio e questa intervista. Ok, vi dirò qualcosa su di me cosi ci conosciamo. Sono nato a Vallo della Lucania (SA) e vivo a Pioppi (SA) che è la capitale Mondiale della Dieta Mediterranea. Vi chiederete come mai?, presto detto. Qui, a Pioppi, paesino di circa 500 abitanti borgo marinaro e turistico, nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, negli anni settanta vi si stabilì il Prof. Ancel Keys, di cui mi pregio di averlo conosciuto, fisiologo americano, già famoso per aver introdotto nell’esercito del suo paese la Razione K. Egli, insieme alla moglie Margharet e ad ltri illustri scienziato, tra cui il Prof Stammler studiarono i nostri stili di vita e la nostra alimentazione, divulgando in tutto il mondo la Dieta Mediterranea oggi Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Nella vita Mi sono diplomato Ragioniere e perito commerciale, scritto all’Università di Salerno facoltà di giurisprudenza. Non ho poi portato a termine,questo percorso per i casi della vita. Questo è il mio grande rammarico.  Ho fatto un pò di tutto ora continuo a fare il ragioniere part time.

Ho sempre scritto poesie anche se quando frequentavo la scuola non le digerivo tanto in quanto quel doverle imparare a memoria me le faceva odiare. La poesia va interpretata e capita. Continua a leggere “Romualdo Guida poeta, scrivere poesie significa mettere a nudo la propria anima, intervista a cura di Pier Carlo Lava”

Racconti. Le parole che non ti ho scritto, di Valerio Villari

Racconti. Le parole che non ti ho scritto, di Valerio Villari

52715507_2085623131491953_268151094805266432_n

Le parole che non ti ho scritto, ma che dovresti aver letto, sono quelle che non conosco, perché mai ho conosciuto un amore come il tuo!

Le parole che non ti ho scritto, sono linee, semplici tratti senza forma che dovrebbero avere quella del tuo corpo, ma non ne hanno, perché mai ho conosciuto un amore come il tuo!

Le parole che non ti ho scritto, sono suoni a cui non ho permesso di vibrare; non potrei, non li conosco, perché mai ho conosciuto un amore come il tuo!

Le parole che non ho scritto sono il senso di mancanza di te dalla mia esistenza… ma anche il senso della tua presenza, perché da te giunge questo amore; la vita!

Le parole che non ti ho scritto… non serve che le scriva, perché l’amore non ha bisogno di parole se a leggere è il cuore!

Valerio Villari
Febbraio 2019 (2)

Libri sul binario di Cristina Saracano

images

Mi è sempre piaciuto viaggiare in treno. Non ti devi concentrare sulla guida, puoi fare quello che ti pare.

Guardare dal finestrino, dormire, riflettere. O leggere.

Io ho sempre letto molto. E il treno è il posto ideale.

Entro nella mia storia: uno scrollone ogni tanto, ma il libro ben saldo tra le mie mani, i suoi personaggi che mi accompagnano in questa meravigliosa avventura.

Menomale che quella volta c’eri tu a ricordarmi di scendere.

Altrimenti avrei proseguito il viaggio e avrei terminato il libro. Sarei arrivata all’ultima stazione.

Menomale che ci siamo incontrati.

Quando fa buio e i treni sono fermi sui binari morti, un uomo sale e si fa un giro per le carrozze.

Scende dopo un po’ con una borsa gialla, di quelle robuste, per la spesa, ma non ha fatto acquisti.

Ci ha messo dei libri.

Usati, dimenticati da gente distratta, o che legge senza passione.

L’uomo torna a casa e invia un messaggio.

Domani, sotto l’androne di casa sua.

Con altri libri, sullo stesso binario.

Carnevale Alessandrino. Domenica 24 febbraio e domenica 10 marzo

Carnevale Alessandrino. Domenica 24 febbraio e domenica 10 marzo

La Città di Alessandria è pronta per festeggiare il Carnevale 2019 con due appuntamenti distinti, diversificati per tipologia, ma uniti nell’intento di favorire l’aggregazione e il divertimento di grandi e piccoli:

Carnevale 2019 Alessandria by FranzaFascioloDesign.jpg

domenica 24 febbraio – Carnevale al rione Cristo

domenica 10 marzo – Carnevale in centro città

Domenica 24 febbraio al rione Cristo

Tradizionale sfilata di carri allegorici e gruppi in maschera, organizzata dall’associazione ‘Attività e Commercio’ di corso Acqui con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Alessandria. Presenterà l’appuntamento il dj Stefano Venneri.

Domenica 10 marzo: Grande sfilata per le vie del centro

Nella giornata di domenica 10 marzo saranno le strade del centro cittadino ad essere le protagoniste di un grande carosello di maschere e divertimento che intratterrà il pubblico partendo, alle ore 15.30, da via Dante (zona Arco) con il seguente programma:

  • raduno alle 14.30 in via Dante (zona arco)
  • disposizione dei gruppi per la sfilata allegorica
  • partenza ore 15.30 con il seguente percorso:via Dante, piazza della Libertà, via dei Martiri, piazzetta della Lega, corso Roma, via Caniggia, piazza Marconi (arrivo)
  • arrivo in piazza Marconi, ore 17.30 circa
  • conclusione ore 18.30

Piazza Marconi durante tutto il percorso della sfilata sarà animata dal dj Stefano Venneri e saranno previsti giochi, spettacoli di animazione, trucca bimbi.

car IMG_2084car IMG_2094car IMG_1525

La sfilata è realizzata con la collaborazione dello “Stabilimento delle Arti” sotto la direzione artistica di Michela Maggiolo che, per l’occasione, ha proposto la partecipazione di una serie di gruppi, bande e associazioni che contribuiranno a dare prestigio all’intera kermesse. Continua a leggere “Carnevale Alessandrino. Domenica 24 febbraio e domenica 10 marzo”

Carnevale Albaraschese (AL) di Marina Vicario

Stazzano ha una lunga tradizione di feste carnevalesche, la frazione Albarasca non è da meno!
Il 24 febbraio 2019 dalle 14:30  gli abitanti vi aspettano in maschera e non.

Potrete deliziarvi con un buon vino locale…

…e non solo! Albarasca è popolato dai cittini generosi perchè vi offriranno da mangiare!
Si inizia con lo spostarsi in varie corti del paese per degustare prodotti dolci e salati fatti artigianalmente per poi finire con il mangiare la polenta con gorogonzola o cipolle e uova.

Non mancheranno divertimento e allegria!!!!

 

Racconti: Di questo amore… Valerio Villari

Racconti: Di questo amore… Valerio Villari

Di questo amore…(e della paura…!)
di Valerio Villari

51003444_2085812581473008_3891322472770830336_n

Amore mio,
so quanto sia ingiusto chiamarti così, così come non so, non saprò mai, quando e se sarà possibile che accada senza dover avere questa certezza, come quella che mi indica quanto questo amore possa essere diverso; sappi, comunque, che è il bene più grande che potessi immaginare!

Sei per me come la Divinità mai compresa!

Sei stata capace di dare significato alla mia anima colmandola di senso e di una passione tanto viva, quanto tenera e profonda, da rendere incomprensibile il passato ed imprevedibile il futuro; a me che ho sempre vissuto con ieri, per oggi, pensando al domani.

E’ vero, e ne sono fiero, vivo in te!

Ti amo dunque esisto e continuamente ho paura del momento in cui scoprirò di non avere più la possibilità d’immaginarti; sono però consapevole della felicità vissuta tutte le volte che è accaduto e del desiderio che l’attenderti, ha donato a questa mia vita Continua a leggere “Racconti: Di questo amore… Valerio Villari”

“Poesia nel borgo” 2019: Bando Concorso Nazionale di Poesia

“Poesia nel borgo” 2019: Bando Concorso Nazionale di Poesia

V EDIZIONE 2019 Organizzato da:

LA BIBLIOTECA COMUNALE “ LUCA ORCIARI “

ASSOCIAZIONE PROMOTRICE MONTIGNANESE

CENTRO SOCIALE ADRIATICO

La SCIABICA FILODRAMMATICA

CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI SENIGALLIA

Schermata 2019-02-21 a 22.19.26

Il bando è rivolto a tutte le persone che hanno compiuto la maggiore età (18 anni) allo scadere del seguente

bando 15-05-2019.

Tipologia degli elaborati: poesia inedita – tassativo (massimo 36 versi compresi gli spazi salto riga)

il concorso diviso in tre ( 3 ) sezioni A- B- C

A – poesia in lingua italiana (Tema libero)

B – poesia dialettale seguita da traduzione in lingua italiana (sono esclusi a questa sezione gli autori che invieranno testi appartenenti ad uno dei dialetti della Regione Marche )

C – poesia dialettale Marchigiana con traduzione in lingua italiana (sono ammessi a questa sezione autori con testi dialettali appartenenti alla Regione Marche)

Ogni candidato può concorrere con n° 2 poesie per sezione.

È possibile partecipare con un’opera in lingua italiana ed un’opera dialettale

Livello metrico e ritmico delle opere libero.

Le poesie dovranno essere inedite, mai state premiate nelle prime tre posizioni di altri concorsi nazionali ed internazionali. (Per inedito si intende mai stampato su libri o raccolte poetiche con codice ISBN) Continua a leggere ““Poesia nel borgo” 2019: Bando Concorso Nazionale di Poesia”

Momenti di poesia. POETA DISPERATO, di Roberto Busembai Errebi

Momenti di poesia. POETA DISPERATO, di Roberto Busembai Errebi

POETA DISPERATO

Cogli nell’infinito
tutto il suo silenzio
e donami con amore
quello che può sentire
un cuore,
oltre questo spazio
e questo vivere che mi
hanno donato,
se non avessi infinito
e amore nella mente,
sarei un poeta disperato.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine by Darkphotographs