ho lasciato che l’acqua scorresse
abbiamo lasciato che l’acqua scorresse
vi abbiamo costruito sopra
abbiamo navigato
dall’inferno a noi
natanti dell’altrove

intrecciammo gocce e oceani
e poi in penombra
le mie gocce al tuo collo
l’acqua bruciava
gelava
ci cercava l’anima al Vespro
Mancavano anitre e cigni

noi non ci conosciamo