queste nuvole cupe nel giardino
dell’inizio
questi margini inceppati
i nostri volti
a scalare arcobaleni
senza pace

e questi corpi di caduta

ci salvavamo
mischiando l’un l’altro
le parole