Alessandria, 12 maggio 2022

COMUNICATO STAMPA

CERIMONIA DI INTITOLAZIONE DEL PAR-CO EDOARDO MARTINO

Oggi pomeriggio (12 maggio), alla presen-za del Vicesindaco di Alessandria, del Pre-sidente del Consiglio Comunale e dell’As-sessore alla Toponomastica, l’area verde posta tra via Giolitti, via Terracini e via Lon-go ad Alessandria, è stata intitolata ad Edoardo Martino.

L’Amministrazione Comunale con questo gesto intende onorare e ricordare la figura di Edoardo Martino (Alessandria, 20.4. 1910 – Alessandria, 5.12.1999), eminente figura politica del Novecento, accademico e partigiano, che fu più volte Sottosegreta-rio di Stato e ricoprì anche il prestigioso in-carico di Commissario Europeo.

Edoardo Angelo Martino frequentò il Liceo classico “Giovanni Plana” di Alessandria e successivamente si laureò alla Scuola Nor-male di Pisa. Insegnò Storia e Filosofia nei Licei.

Durante la seconda guerra mondiale fu ri-chiamato in servizio e prese parte alla cam-pagna di Russia come Tenente dell’Artiglie-ria Alpina. Rientrato in Italia, dopo l’armisti-zio dell’8 settembre 1943, si impegnò nella Resistenza e, con il nome di battaglia di “Malerba”, comandò l’11ª Divisione autono-ma “Patria” attiva in Val Cerrina, e fu Com-missario di guerra della 7ª Zona militare piemontese.

Attivo anche nelle file dell’Azione Cattolica e della Società San Vincenzo De Paoli, ade-rì alla Democrazia Cristiana fin dal settem-bre 1943.

Eletto Deputato per la prima volta il 18 apri-le 1948, fece parte della Camera ininterrot-tamente fino al 7 luglio 1967 e, fino al luglio 1953, fu Sottosegretario di Stato alla Presi-denza del Consiglio nell’ambito dei gover- ni De Gasperi IV, V, VI e VII. Sottosegretario alla Difesa nei governi De Gasperi VIII, Pella I, Fanfani I e II, Segni II, fu Segretario del Consiglio supremo di Difesa dal 1953 al 1985. Nell’autunno del 1957 Martino venne nominato membro della Delegazione italia-na all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e fece anche parte dell’Assemblea Parlamentare Europea nel 1958 e poi nuo-vamente dal febbraio 1961. Dal dicembre 1962 al dicembre 1963 fu Sottosegretario agli Affari esteri nei Governi Fanfani IV e Leone I. Nel 1964 fu eletto Presidente della Commissione politica del Parlamento Euro-peo: svolse l’incarico fino al 1967. Nel luglio dello stesso anno si dimise dagli incarichi parlamentari che ricopriva e venne nomina-to Commissario Europeo per le Relazioni esterne delle Comunità Europee (Commis-sione Rey) e ricoprì l’incarico fino al 1970. Durante il suo mandato si svolse il vertice dell’Aja del 1969, in cui venne deciso il pri-mo allargamento delle Comunità e la prepa-razione dell’ingresso del Regno Unito. Dal 1956 e fino alla morte, Martino presiedette l’Istituto di Studi europei “Alcide De Gaspe-ri” di Roma. L’ Aula Magna dell’ITIS Volta di Alessandria è a lui intitolata.