Un singulto spezzato sgualcisce

il tuo respiro.

Infrangendosi in tante piccole note,

si smarrisce in un’orda di suoni

confondendosi in un pianto di labili voci.

Col tempo diventa un soffice urlo

soffocato da un amaro veleno.

Il dolore guida i tuoi i giorni

e una tacita lacrima affoga

in una falsa armonia profumata di rose.

Tratta dal mio blog https://ilmiocantopoetico.altervista.org/un-respiro-di-dolore/