Giorgio Abonante per Alessandria: Ordinanza per il risparmio idrico e regolamentare l’utilizzo di acqua potabile.

Ho firmato un’ordinanza per il risparmio idrico e regolamentare l’utilizzo di acqua potabile.

Si tratta una scelta importante e difficile dovuta alla grave carenza idrica di questo periodo a causa di un anno straordinario caratterizzato dall’assenza di precipitazioni. 

Da oggi, e per tutta la durata della criticità, è fatto divieto di consumo di acqua potabile per irrigare orti, giardini e prati; lavare aree cortilizie e piazzali; lavare veicoli privati, riempire fontane ornamentali, vasche da giardino e piscine; e, in generale, tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico e igienico.

Invito i Cittadini ad un uso razionale e parsimonioso dell’acqua potabile, un bene prezioso che dobbiamo preservare.

DIVIETO di PRELIEVO e di CONSUMO di ACQUA POTABILE per:

l’irrigazione ed annaffiatura di orti, giardini e prati,

il lavaggio di aree cortilizie e piazzali,

il lavaggio di veicoli privati,

il riempimento di fontane ornamentali, vasche da giardino, piscine, anche se dotate di impianto di ricircolo dell’acqua,

tutti gli usi diversi da quello alimentare, domestico ed igienico

Si INVITA ad un USO RAZIONALE e CORRETTO dell’ACQUA POTABILE, riconoscendo la massima importanza della collaborazione attiva di tutti i Cittadini a RISPETTARE alcune REGOLE:

chiudere il rubinetto quando non vi è necessità (per esempio durante il lavaggio dei denti, mani, rasatura ecc.),

utilizzare le lavatrici e le lavastoviglie solo a pieno carico,

lavare frutta e verdure semplicemente mettendola a bagno e non sotto il getto continuo dell’acqua,

utilizzare l’acqua di cottura della pasta per lavare le stoviglie (l’amido è un ottimo sgrassatore),

innaffiare piante e fiori con acqua precedentemente utilizzata (per esempio per il lavaggio degli alimenti oppure l’acqua fredda che scorre quando si attende di ricevere quella calda),

controllare l’impianto idrico domestico (rubinetti, sciacquoni, ecc.) affinché non ci siano perdite,

assicurarsi di chiudere il rubinetto centrale dell’acqua qualora ci si assenti per lunghi periodi da casa in modo da evitare perdite nell’impianto,

installare sciacquoni a doppio tasto e sui rubinetti il sistema di frangiflutto che produce aria la quale, mescolata all’acqua, fa ridurre il consumo,

preferire la doccia al bagno, avendo accortezza di non far scorrere acqua mentre ci si insapona,

installare sistemi di raccolta per l’acqua piovana per usi non potabili,

utilizzare sistemi temporizzati per l’irrigazione, a goccia o in subirrigazione,

coprire la superficie delle piscine con teli per evitare l’evaporazione,

riutilizzare l’acqua di condensa dei condizionatori per usi domestici,

utilizzare, ove risulta possibile, tecnologie per il riutilizzo delle acque grigie, acque utilizzate per igiene personale,

effettuare un’adeguata pacciamatura dei giardini in modo da mantenere il più possibile acqua nel terreno,

utilizzare, nella superficie esterna agli edifici, pavimentazioni drenanti per migliorare la permeabilità e mitigare le isole di calore urbane