Arriverà…

La nostra vita insieme

Smarrito ti affido la mia mano

Non involarti alla primavera

Sono un cercatore di silenzio

ai confini incomparabili dell’anima

tra gli immeritati doni

tra ritorni variegati

tra intensi sguardi di fuga

Una irruente carezza

un sussulto

l’insofferenza e l’abbandono

poi il ritorno all’esistenza

addormentato nei tuoi occhi

Malgrado tutto credo nell’amore

nelle mattine

nella smisura delle parole

nei fiati intrecciati

negli accartocciamenti tra i nostri corpi

nella vertigine del ristagno dei pensieri

nei dubbi nel malessere

nelle ragnatele che ci tengono prigionieri

La nostra follia porpora ci ricopre

avvolge le solitudini inquiete

demolisce le regole

risolve le nostre imperfezioni

Questa è la fine dell’attesa

Mi scorre davanti

la nostra vita insieme

Maurizio Gimigliano © Copyright 2022