Alessandria, pubblicato da Pier Carlo Lava – Social Media Manager – https://alessandria.today/

L’Ospedale di Alessandria si aggiudica il secondo posto agli Oscar della Sanità

L’Azienda Ospedaliera di Alessandria si aggiudica il secondo posto del premio «Lean Healthcare e Lifescience Award 2022» – gli OSCAR DELLA SANITÀ – primo ospedale pubblico in Italia, insieme all’Humanitas di Milano al primo posto e all’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi di Firenze al terzo.

Giunto ormai alla quinta edizione, il premio ha visto concorrere 206 progetti, presentati da 92 aziende socio-sanitarie pubbliche e private. Scopo del concorso premiare gli istituti che si distinguono per progetti di riorganizzazione che producono risultati e miglioramenti anche attraverso l’applicazione del metodo ‘Lean’, volto a migliorare le condizioni del paziente, eliminando sprechi e disorganizzazione nel percorso assistenziale.

‘A casa presto e bene’ il titolo del progetto dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria, promosso dall’Area Sviluppo Strategico e Innovazione Organizzativa diretta da Roberta Bellini: “Sono davvero orgogliosa di questo riconoscimento, che è il risultato di un grande lavoro di squadra portato avanti con i colleghi della Direzione Medica di Presidio, della DIPSA, con il direttore del Pronto Soccorso e MECAU Riccardo Boverio e tutto il Dipartimento internistico. Abbiamo lavorato con molta determinazione avendo come obiettivo primario il paziente e la sua salute. Si tratta di un progetto di efficientamento del percorso di ricovero in Area medica avviato nel 2019, sospeso in fase pandemica e poi riavviato a inizio 2022. Sappiamo dalla letteratura che più del 30% del tempo che un paziente passa in ospedale è tempo ‘non a valore’, il paziente è ‘in attesa di fare qualcosa’. Sappiamo anche che maggiore è il tempo che il paziente passa ricoverato in ospedale e maggiore è il rischio che venga esposto ad infezioni e che subisca processi di decadimento, soprattutto se anziano. L’allungamento della degenza nei reparti, inoltre, è concausa, a monte, del sovraffollamento del pronto soccorso e dell’allungamento del tempo di ricovero da ps. Il tempo non a valore, quindi non strettamente legato alle problematiche di salute, va quindi, se non azzerato, assolutamente ridotto. Per fare questo abbiamo analizzato i fattori clinici, organizzativi e cinetici influenzanti l’allungamento delle degenze e abbiamo lavorato con i colleghi per attivare meccanismi virtuosi che andassero ad agire su tali fattori per efficientare il percorso di ricovero per i pazienti (attese per esami, tempo per attivazione delle dimissioni protette,..). Abbiamo ottenuto nei primi mesi risultati importanti e siamo fiduciosi di poter fare ancora meglio”.

Valter Alpe, direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria, ha ritirato il premio a Roma insieme all’ing. Bellini: “I miei complimenti al gruppo di lavoro per questa progettualità, un piano di efficientamento del periodo di ospedalizzazione che riduce i tempi di degenza. Certamente vedere riconosciute e premiate le progettualità aziendali rappresenta un motivo di orgoglio e soddisfazione, e la conferma delle capacità e competenze dei professionisti di questa Azienda Ospedaliera”.