Photo by Pixabay on Pexels.com

Decreto ministeriale e Testo delle Linee guida per l’orientamento

Entro la scadenza temporale, prevista dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha firmato negli ultimissimi giorni dell’anno appena trascorso il Decreto ministeriale di adozione delle Linee guida per l’orientamento. Con qualche ritardo sono stai resi pubblici e quindi consultabili.

Gli obiettivi principali in estrema sintesi sono: rafforzare il raccordo tra primo e secondo ciclo di istruzione e formazione, per consentire una scelta consapevole e ponderata a studentesse e studenti che valorizzi i loro talenti e le loro potenzialità; contrastare la dispersione scolastica; favorire l’accesso all’istruzione terziaria. Il nuovo orientamento deve garantire un processo di apprendimento e formazione permanente, destinato ad accompagnare un intero progetto di vita.

Trattandosi di un testo molto articolato e vincolante, è necessaria una lettura attenta a livello individuale da parte di ogni insegnante e a livello di collegio dei docenti. I temi in gioco sono molti e non solo di natura organizzativa ma anche didattica, pedagogica, psicologica, culturale, tutti tendenti a far sì che ogni ragazzo, nessuno escluso, realizzi compiutamente se stesso e sia predisposto ad inserirsi nella società come uomo, cittadino, lavoratore.