Le considerazioni dell’infettivologo Garavelli sul Vaccino Covid-19 

Alessandria today. Così commenta il dott. Pietro Luigi Garavelli in merito all’annuncio del vaccino sul Covid19:

La grande speranza è che la Pandemia imploda per aspetti intrinsechi al Virus o estrinsechi climatici prima che il Vaccino sia disponibile. 

Ma se ciò non fosse quanto il Vaccino stesso sarà tollerabile ma soprattutto quanto immunogeno, quanti cioè saranno protetti, e per quanto tempo. 

Riflessioni che forse non hanno trovato posto nella mente dei Decisori né riportate dai “Giornaloni”, pur essendo in gioco salute e soldi dei Cittadini.

Chi ha letto o leggerà “Spillover” capirà meglio l’ articolo. E che il Genere Umano sempre si è ammalato e morto anche e soprattutto a causa di infezioni. Ciò che era normale fino a cento anni fa – TBC in primis – ora per questa Società non lo è più e manco lo accetta . Per Covid un tempo non sarebbe accaduto nulla .

Ora psicosi collettiva anche dei Governi e quarantene di massa ! Manco per la Peste Nera del Trecento , già allora potendole fare non fosse altro perché le Città erano circondate da mura !!!

Anche i Quotidiani on line in Alessandria! Per rendersi conto di quanto improvvida sia stata l’ annuncio di Speranza sul vaccino. Ma non aveva altro da dire agli Stati Generali? E se ci sarà una seconda ondata? E se il vaccino per allora non ci sarà? O ahimè non funzionerà? E se le medicine mancheranno, essendo il Plaquenil “fuori gioco” ed il Remdesivir ad uso Ospedaliero? Gli auguro di non essere più su quella sedia …