ER GIORNO ALLEGRO (vernacolo) di Silvia De Angelis

ER GIORNO ALLEGRO (vernacolo)

Quei giorni de ‘ a vita che chissà perché

te senti davero de’ bbon umore

come  si ‘no sboccio de primavera

t’avesse ridato ‘n soffio de felicità.

Allora te vesti de tutto punto

coll’abbito più malandrino

che te aritrovi e ‘na scarpetta ‘ntonata

pe’ n’abbinamento azzeccato.

Te senti ‘na strafica pe’ ‘a via

puro si cor tacco arto

preghi Sant’Antonio de nun fatte rotolà

per tera, co’ ‘no scivolone mardestro.

Passeggi spenzierata co ‘ a voglia

solo de’ sta’ bbene.

Ma ecco che ‘na ventata ‘mprovisa

t’arza er pizzo der vestito

e manco poco…

arriva quasi a vedesse ‘a mutanda!

Ah bella te grida ‘n garzone a voce arta

te voi fa ‘n giro co’ me?

Senza nisconne l’imbarazzo

cerchi de datte ‘n tono 

e je risponni gira a largo regà

che nun ciò tempo da perde co’ te!

Nun rimane che tornà a casa

e ripiasse , de niscosto, ‘a vita de sempre

senza volè strafà!

@Silvia De Angelis

IL GIORNO ALLEGRO (traduzione)

Quei giorni della vita che chissà perché

ti senti davvero di buonumore

come se uno sboccio di primavera

ti avesse ridato un soffio di felicità.

Allora ti vesti a nuovo

con l’abito più sfizioso

che hai e una scarpetta intonata

per un abbinamento armonioso.

Ti senti molto carica per la via

anche se col tacco alto

preghi S.Antonio di non farti cadere

in terra, con uno scivolone rovinoso.

Passeggi spensierata con la voglia

solo di star bene.

Ma ecco che una ventata improvvisa

alza il vestito

e manca poco….

arriva a vedersi quasi la mutanda!

Ah bella ti grida un ragazzo a voce alta

vuoi farti un giro con me?

Senza nascondere l’imbarazzo

cerchi di darti un tono

e gli rispondi gira a largo ragazzo

che non ho tempo da perdere con te!

Non rimane che tornare a casa

e riprendersi di nascosto la vita di sempre

senza voler strafare

https://ssilviadeangelis5.blogspot.com/