foto wikipedia

Consumo cibo spazzatura: preoccupano abitudini di bambini e giovanissimi a tavola

Con il progetto di “Educazione alla Campagna Amica” si formano consumatori consapevoli

In Italia il 42% dei bambini tra i 5 e i 9 anni è obeso o in sovrappeso, con un risultato che è il peggiore dell’Unione Europea, dove la media è del 29,5%, e un impatto potenzialmente devastante sulla salute delle giovani generazioni.

E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti sul Rapporto 2022 dell’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) che evidenzia come per gli adulti il risultato italiano sia, invece, sostanzialmente sui livelli Ue, con il 58,5% con eccesso ponderale.

Un trend dunque allarmante poiché i numeri evidenziano come i problemi di peso interessino soprattutto i giovani. Nella fascia di età tra i 7 e i 9 anni si registra, infatti, un 41,9% obeso in sovrappeso rispetto a una media comunitaria del 29%, e in quella tra i 10 e i 19 anni la percentuale è del 34,2% rispetto al 24,9% degli adolescenti europei.

A pesare sono soprattutto modelli sbagliati di consumo all’interno dei nuclei familiari con il preoccupante abbandono dei principi della Dieta mediterranea. Basti pensare che ben 6 adolescenti italiani su 10 non mangiano né frutta né verdura ogni giorno, secondo l’analisi Coldiretti su dati Oms, aumentando così i rischi legati all’obesità e alle malattie ad essa collegate.

“Per assicurare una migliore alimentazione e per educare le nuove generazioni è importante recuperare abitudini a tavola più sane ma anche qualificare l’offerta delle mense scolastiche anche con cibi locali a km 0 che valorizzino le realtà produttive locali e garantiscano genuinità e freschezza – ha affermato il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco -. Da oltre vent’anni Coldiretti Alessandria è impegnata nelle scuole della provincia con il progetto di Educazione alla Campagna Amica promosso da Donne Impresa che coinvolge in tutta Italia alunni delle scuole elementari e medie che partecipano a lezioni in programma nelle fattorie didattiche e nei laboratori del gusto organizzati sia nelle aziende agricole che in classe”.

Alla progettualità per l’anno scolastico 2021/2022 hanno risposto a livello provinciale 45 classi per circa 1.000 alunni, soprattutto primarie: grazie al progetto “ABC – alimentarsi bene conviene” vengono affrontati i temi della sostenibilità, della tutela dell’ambiente, della legalità sviluppati attraverso la chiave del cibo, del mondo della campagna, del modello di agricoltura sostenibile che contraddistinguono in modo distintivo l’Italia e il Made in Italy agroalimentare.

L’obiettivo è quello di formare consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’agricoltura con i cibi consumati ogni giorno e fermare il consumo del cibo spazzatura.

Il progetto si inserisce nei percorsi di formazione realizzati per dare attuazione al Protocollo sottoscritto nel 2019 tra il Ministero dell’Istruzione e Coldiretti “Per la promozione delle competenze connesse alla sostenibilità nell’alimentazione, per lo sviluppo dell’economia circolare, della green economy e dell’agricoltura di precisione e digitale.

“La pandemia prima e il caro prezzi a causa della guerra hanno imposto un cambiamento radicale delle abitudini di vita e di consumo che ha avuto effetto anche sulla qualità di ciò che si porta in tavola – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Bianco –. In questo momento di difficoltà si rafforza l’obiettivo di formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’agricoltura con i cibi consumati ogni giorno. A preoccupare è l’impatto della crisi sulla spesa con il rischio che vengano messi in dispensa prodotti low cost offerti spesso a prezzi troppo bassi per essere di qualità, che possono avere un impatto negativo sulla salute”.

Ufficio Stampa e Relazioni Esterne

Coldiretti Alessandria

Corso Crimea 69

15121 Alessandria

+39 0131 250700 int. 623

ufficiostampa.al@coldiretti.it