Terremoto in Francia, di Lia Tommi

Scossa di terremoto nell’ovest della Francia nel giorno d’inizio della stagione estiva: il sisma ha messo in allarme la popolazione.

Una scossa di terremoto magnitudo 5.2 ha colpito l’ovest della Francia. Non sono stati rilevati gravi danni ma il sisma, con epicentro nel dipartimento della Maine e Loira, è stato avvertito dalla Bretagna all’Aquitania.
L’evento tellurico, registrato alle 08:50, è stato localizzato a 29 chilometri a nord di Bressuire (Deux-Sevres).

Il sisma ha messo in allarme la popolazione da Bordeaux fino a Rennes, passando da Tours.
Nessun danno alle persone è stato rilevato, solo qualche crepa negli edifici, senza conseguenze.

“Questo tipo di sisma è poco frequente, senza essere eccezionale“, ha dichiarato a France Presse, Jerome Vergne, fisico all’Ecole et observatoire des Sciences de la Terre (Università di Strasburgo/Cnrs). Fenomeni del genere si verificano in genere ogni “4 o 5 anni” in Francia, ma con una certa variabilità.

Associazioni di volontari contro gli incivili che degradano e deturpano la città, di Pier Carlo Lava

Una lezione di civiltà

Associazioni di volontari contro gli incivili che degradano e deturpano la città.

di Pier Carlo Lava

#cittadinicivilicontropersoneincivili…

A questo proposito occorre ricordare che degrado chiama degrado, mentre ordine e pulizia richiamano ordine e pulizia. Infatti è risaputo che se in una zona inizia il degrado e non si interviene subito, i cittadini anche quelli che normalmente si comportano civilmente si sentono quasi autorizzati a comportarsi come gli incivili abbandonando cartacce e quant’altro.

varese news

Alessandria today, a quanto pare come dice un antico proverbio tutto il mondo è paese.. infatti le persone incivili che con i loro comportamenti sporcano le strade e deturpano i muri della città creando degrado in talune zone, ci sono un po ovunque (non solo in Alessandria).

Recentemente su La stampa sono stati pubblicati due articoli in merito al problema dell’inciviltà urbana, evidenziando che gruppi di volontari in supporto ai comuni che evidentemente da soli non riescono a far fronte all’inciviltà dilagante, sono intervenuti per ripristinare il decoro della città a Torino e Milano.

A Torino l’hanno chiamata “PuliAmo torino” un ennesima iniziativa come tante altre già effettuate in passato di cittadini volontari che dotati di 100 scope si sono ritrovati in alcune zone del Centro per migliorare la pulizia e  il decoro della zona.

adn kronos

A Milano è in corso l’operazione “Retake Milano” riprendiamoci a città, un missione di volontari dell’Associazione “Antigraffiti Onlus” che ripulisce i palazzi e valorizza con la cancellazione dei vandali tag, armati di spazzole e solventi adatti, in accordo con il Comune. Continua a leggere “Associazioni di volontari contro gli incivili che degradano e deturpano la città, di Pier Carlo Lava”

La forza sociale di Coldiretti e Fuga di Sapori al Mercato Coperto di Campagna Amica, di Lia Tommi

Una partnership “gastronomica” per la riqualificazione urbana di Alessandria
La forza sociale di Coldiretti e “Fuga di Sapori” al Mercato Coperto di Campagna Amica
Appuntamento martedì 25 giugno nei locali di via Guasco dalle 8 alle 14

L’agricoltura come elemento di riscatto e di opportunità economica attraverso la costruzioni di filiere produttive.
Dalle parole ai fatti: una partnership nata grazie al nuovo Mercato Coperto di Campagna Amica, dove gli arredi sono stati interamente realizzati da detenuti ed ex detenuti che lavorano nella Bottega Solidale SocialWood di piazza Don Soria ad Alessandria.
Nel progetto di riqualificazione urbana, partendo dalla visione di essere sempre di più forza sociale, Coldiretti e “Fuga di Sapori” hanno organizzato un evento per promuovere l’economia carceraria e circolare e raccogliere fondi per progetti di pubblica utilità.
L’iniziativa si terrà martedì prossimo, 25 giugno, dalle 8 alle 14, nella sede del Mercato Coperto in via Guasco ad Alessandria con una presentazione e degustazione dei prodotti “Fuga di Sapori”, un marchio nato per raccogliere fondi e permettere a SocialWood di continuare ad investire nella formazione e nel lavoro interno agli Istituti di Pena di Alessandria, ma vuole anche aprirsi a progetti che permettano di migliorare la città, proprio come sta accadendo con piazza Don Soria.
“Abbiamo creduto fortemente in SocialWood, per le sue finalità e i suoi progetti. Quanto è stato realizzato per il Mercato Coperto di Campagna Amica è sotto gli occhi di tutti e il risultato ci piace molto. – ha affermato il presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – L’agricoltura raggiunge il suo apice di valore quando sfocia nel sociale. Con questa collaborazione, il nostro obiettivo è dare la possibilità ai detenuti di ritrovare fiducia in se stessi e spinta motivazionale. Coldiretti continuerà su questo percorso perché tutto ciò che riguarda il benessere della persona è una nostra priorità”.
Con la degustazione del 25 giugno si consoliderà questo rapporto volto a creare valore sociale in città e proporre accanto ai prodotti di qualità di Campagna Amica anche quelli Made in Carcere.
«Molti sono gli esempi e i progetti che vedono Coldiretti impegnata a livello nazionale in questi contesti, con interventi di sostegno dentro e fuori le strutture carcerarie – ha aggiunto il direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – Da sempre lo spirito della Coldiretti è quello di stare a stretto contatto con la terra e al fianco delle persone meno fortunate. Detto questo non potevamo non accogliere con plauso questa forma di collaborazione che si consoliderà ulteriormente con l’iniziativa del 25 giugno quando i prodotti made in carcere avranno un posto tutto per loro all’interno del nostro mercato coperto di Campagna Amica”.
Nel corso della degustazione del 25 giugno verrà inoltre pubblicizzata la “Festa della Sbirra – Illegale non berla” in programma il 29 e 30 giugno davanti alla Casa Circondariale per raccogliere fondi per la riqualificazione di piazza Don Soria.

Le piante abbattute vanno sostituite, di Pier Carlo Lava

Le piante abbattute vanno sostituite, di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Come tutti dovremmo sapere le piante fanno ombra, riducono la temperature nei periodi estivi, combattono lo smog e sappiamo bene quanto ne ha bisogno Alessandria, che come inquinamento da PM10 è da anni nei primi cinque posti fra i 104 capoluoghi di provincia in Italia e infine migliorano l’immagine della città e la qualità della vita.

IMG_20190531_191859_resized_20190607_084410134IMG_20190605_114700_resized_20190607_084408519

Pertanto alla luce di quanto sopra è indispensabile che in città si incrementi il numero delle piante e nel caso di qualche abbattimento di quelle esistenti si provveda tempestivamente a sostituirle.

Poco tempo fa in via Moccagatta ne sono state abbattute due che sono morte in quanto ammalate, a causa del fatto che a partire dalla calda estate del 2012, allora erano ancora giovani, non sono state mai più bagnate, i ceppi e i tronchi tagliati sono ancora al suolo.

Invitiamo perciò l’Amministrazione comunale e nelle specifico l’Assessore al verde urbano Giovanni Barosini a dare le relative disposizioni per sostituirle

Legambiente alla nuova Giunta regionale: “La lotta ai cambiamenti climatici sia al centro delle politiche”

Legambiente alla nuova Giunta regionale: “La lotta ai cambiamenti climatici sia al centro delle politiche”

Con una lettera Legambiente augura buon lavoro al neo presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e all’intera Giunta regionale: “Disponibili al confronto e collaborazione”

Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta

“Ci auguriamo che le grandi questioni ambientali siano al centro dell’impegno della Regione Piemonte per i prossimi anni, consapevoli del fatto che la sfida ai cambiamenti climatici e la riduzione delle emissioni di CO2 sono le grandi questioni che vanno affrontate a livello globale, partendo però da azioni territoriali”.

Con queste parole Fabio Dovana, presidente di Legambiente e Valle d’Aosta, augura buon lavoro al neo presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e all’intera Giunta regionale. “Siamo disponibili fin da subito al confronto e alla collaborazione. L’adattamento ai cambiamenti climatici è la vera grande sfida del tempo in cui viviamo. Per vincerla, dobbiamo rendere le nostre città più resilienti e sicure, cogliendo l’opportunità di farle diventare anche più vivibili e belle. Continua a leggere “Legambiente alla nuova Giunta regionale: “La lotta ai cambiamenti climatici sia al centro delle politiche””

LA ZINNIA – Un antico fiore che torna ad essere di moda

LA ZINNIA – Un antico fiore che torna ad essere di moda

FIORI E DINTORNI di Nadia Presotto e Renato Luparia

la Zinnia_Dia663_22_Rle Zinnie_DSC_6117

LA ZINNIA – Un antico fiore che torna ad essere di moda

La zinnia è una pianta annuale che appartiene alla famiglia delle Composite, è originaria del Messico ed è stata introdotta in Europa verso la  fine del 1700. Linneo la chiamò zinnia in onore di un suo discepolo, il botanico tedesco Johann Gottfried Zinn.

La specie dominante è la Zinnia elegans, con fusto eretto, foglie opposte ruvide di colore verde scuro; i capolini sono solitari con fiori semplici, doppi o semidoppi. Le numerose varietà ci regalano una vasta gamma di colori. A tal proposito Vita Sackville-West nella sua rubrica sull’ Observer scrisse: “Tra le zinnie troviamo un assortimento di tinte raramente osservabili in altri fiori: color paglia, bianco verdastro, un particolare giallo zafferano, un rosa cupo, un rosa corallo. L’unico colore sgradevole presentato dalle zinnie è il Magenta, e questo, ahimè, si vede fin troppo spesso. Quando minaccia di apparire, io strappo la pianta e la getto sul mucchio della composta, lasciando spazio ai colori più graziosi”. Continua a leggere “LA ZINNIA – Un antico fiore che torna ad essere di moda”

La Natura, L’Amore e L’Umanità di Ely Chio

La Natura, L’Amore e L’Umanità di Ely Chio

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori “La Natura, L’Amore e L’Umanità”, la silloge di Ely Chio, che da oggi è diventata anche autrice della redazione del blog, con un altro post la sua biografia.

Ely Cho.jpg

Prefazione della Professoressa Monica Passerini

Ho conosciuto Elisa (Ely Chio) da relativamente poco tempo ma, attraverso la lettura delle sue poesie, mi è sembrato di conoscerla da sempre.

Leggendo i suoi pensieri in poesia, sembra di ascoltare la voce della sua anima delicata e potente, complessa e semplice allo stesso tempo, ma sempre ricca di emozioni.

Le sue poesie hanno la forza, talvolta la fragilità e l’energia della passione con cui vive la sua vita, ricca di esperienze e di dolore, nonostante la sua giovane età e per questo bagaglio interiore, ancora più affascinanti.

Talvolta alcune di esse potrebbero trarci in inganno e farcela immaginare come una ragazza triste e solitaria, mentre invece è un vulcano di idee, piena di vita ed impegnata su diversi fronti per cercare di migliorare la realtà in cui vive ed affermare quei diritti umani e civili che spesso non vengono ascoltati e difesi.

Questa raccolta dà significato e sostanza al suo impegno, rappresenta una “somma” della sua esperienza e del suo modo di affrontare la vita e, attraverso le sue poesie, riesce a trasmetterci sensazioni, emozioni, riflessioni sul mondo degli affetti, la memoria dell’infanzia, i luoghi cari, la Natura, l’amore, l’attenzione alle ferite delle donne.

È una esplorazione incisiva, un viaggio simbolico nella propria anima, a volte dai colori crudi e ribelli, altre dove atmosfere di solidarietà e di amore per la vita e per gli altri risplendono e si innalzano dalla dura realtà.

Professoressa Monica Passerini

Stiamo uccidendo il pianeta, di Pier Carlo Lava

Stiamo uccidendo il pianeta, di Pier Carlo Lava

#salviamolaterra #agireogg #comportamentivirtuosi  di Pier Carlo Lava

Nasa-Terra.jpg

I cittadini volontari che in molte zone dItalia con il loro costante impegno civile stanno dando una mano per salvare un ambiente vituperato da persone incivili, rozze e ignoranti che non vedono più in la del loro naso, danno anche una lezione di vita che auspichiamo serva come esempio per cambiare le coscienze e quindi una situazione che è arrivata al limite del punto di non ritorno, per lasciare ai nostri figli un futuro migliore di quello che oggi gli scienziati ci prospettano.

Tutti noi cittadini anche senza essere volontari operativi sul campo possiamo partecipare a salvare il pianeta tenendo comportamenti virtuosi, con la certezza che un giorno le nuove generazioni anzichè odiarci ci ringrazieranno. Continua a leggere “Stiamo uccidendo il pianeta, di Pier Carlo Lava”

Bandiere Verdi 2019: territori montani protagonisti nella lotta ai cambiamenti climatici

Bandiere Verdi 2019: territori montani protagonisti nella lotta ai cambiamenti climatici

Assegnati 17 riconoscimenti, il primato al Piemonte seguito dal Veneto. Continuano però le aggressioni alla montagna: 8 le bandiere nere. Tutela della biodiversità a rischio, valorizzazione dell’agricoltura e delle antiche tradizioni, ma anche mobilità sostenibile, efficienza energetica e didattica innovativa al centro delle pratiche virtuose dell’arco alpino premiate dalla Carovana delle Alpi di Legambiente

car 0615_report_BandiereVerdieNere_CarovanaDelleAlpi2019 (trascinato)car Logo Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta

Nell’arco alpino le buone pratiche sono in costante crescita. Quest’anno sono ben 17 le bandiere verdi assegnate da Legambiente, due in più rispetto allo scorso anno, e che premiamo l’impegno di cittadini, associazioni e comuni, nel tutelare e valorizzare in chiave sostenibile ed ecofriendly le Alpi, fronteggiando con intelligenza gli effetti sempre più pesanti dei cambiamenti climatici. Tutela della biodiversità a rischio, sostenibilità ambientale e mobilità dolce, turismo slow, ma anche efficienza energetica e didattica innovativa i temi al centro delle 17 bandiere verdi 2019 che ben testimoniano la voglia di un futuro sempre più green e innovativo che si respira in questi territori montani, oggi sempre più fragili per via dei cambiamenti climatici. Per questo è fondamentale mettere in campo azioni ad hoc, ma anche ripensare la gestione del territorio e replicare quelle esperienze virtuose che vanno in questa direzione. Continua a leggere “Bandiere Verdi 2019: territori montani protagonisti nella lotta ai cambiamenti climatici”

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

Ti piace scrivere, vuoi fare parte della redazione di Alessandria today @ Web Media Network ?

di Pier Carlo Lava

ibook

Alessandria today @ Web Media Network nasce a dicembre 2017, partendo da zero ha già raggiunto 530.000 visite con una crescita costante e continua dovuta all’impegno di tutti i numerosi Autori e Autrici che scrivono e pubblicano i loro post, che con l‘occasione ringrazio per l’impegno profuso e la qualità del livello creativo del loro lavoro.

La redazione vuole ulteriormente crescere, perciò vorrei invitare chi ne vuole fare parte e pubblicare direttamente nel blog a scrivermi in privato sul messenger di facebook (Pier Carlo Lava) oppure per mail precisando quanto segue:

Nome e cognome, num. di cellulare, indirizzo email e una breve biografia con foto.

L’invito è rivolto a tutti in particolare ai blogger, in tal senso informo che attualmente sono già molti nella redazione.

Non ci sono particolari restrizioni sui temi dei post, se non un civile rispetto dei numerosi lettori di oltre 130 paesi nel mondo.

Grazie per l’attenzione e cari saluti a tutti.

Quando ‘verde’ non è solo un punto, ma l’intera impresa. Ecco cosa succede a Ponti

Quando ‘verde’ non è solo un punto, ma l’intera impresa. Ecco cosa succede a Ponti

Author: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Si può fare impresa totalmente ‘verde’, dagli impianti ai prodotti? Se questo è, e dovrà sempre più essere, il futuro, purtroppo le realtà che vanno in questa direzione sono ancora relativamente poche.

punto.jpg

Ma la provincia di Alessandria non è del tutto in ritardo perché gli esempi virtuosi esistono e c’è chi ha anche un ulteriore valore aggiunto: il profilo internazionale. Siamo a Ponti, in Regione Cravarezza 74 dove nel 2011 è stato aperto il ‘Punto Verde’. La storia non è solo quella di una impresa agrituristica.

È una storia di cultura, valorizzazione, visione, rispetto e tutela ambientale. Alla guida c’è Ursula Stor, svizzera di nascita (proviene dalla zona del lago di Costanza, al confine tra Germania, Austria e Svizzera) e innamorata dell’Italia fin da quando aveva 17 anni, momento in cui arriva in Sicilia per imparare la lingua.

La voglia di restare era già forte allora, ma la famiglia in quel momento non era d’accordo. Il rientro in terra elvetica è coinciso con un percorso formativo e professionale manageriale che l’ha vista impegnata nei settori della ristorazione, alberghiero, centri per anziani e per portatori di handicap. La svolta nella vita di Ursula arriva una decina di anni fa, anche se lei la zona la conosceva dagli anni Novanta del secolo scorso. Continua a leggere “Quando ‘verde’ non è solo un punto, ma l’intera impresa. Ecco cosa succede a Ponti”

“Noi come Greta” Saranno le ragazze e i ragazzi a salvare il pianeta

“Noi come Greta” Saranno le ragazze e i ragazzi a salvare il pianeta

E Italia Nostra Alessandria si impegna profondamente

Schermata 2019-06-08 a 07.34.37.jpg

Egr. Signore e Signori, care amiche e amici,

il Consiglio Direttivo di Italia Nostra di Alessandria, dopo un’attenta analisi della situazione del Pianeta ed in considerazione dei valori di tutela ambientale che da sempre la caratterizzano, ha deciso di sostenere la richiesta di assegnazione del Premio Nobel per la Pace a Greta Thunberg, una delle voci più forti della lotta al cambiamento climatico, nonchè anima promotrice di una protesta che sta coinvolgendo un’intera generazione, Mondiale.

Ad Alessandria anche il 24 maggio, “Friday for future”, i giovani si sono mobilitati in sostegno dell’ambiente, seguendo l’esempio svedese, scandendo lo slogan: ”il cambiamento sta arrivando: siamo noi”. Rispetto al 15 marzo, giorno del primo sciopero globale, sono più consapevoli ed hanno richieste precise anche per chi governa la città. Continua a leggere ““Noi come Greta” Saranno le ragazze e i ragazzi a salvare il pianeta”

Alla Festa del Borgo AMAG Reti Idriche e ENAIP offrono una degustazione gratuita di acqua aromatizzata

Alla Festa del Borgo AMAG Reti Idriche e ENAIP offrono una degustazione gratuita di acqua aromatizzata

Alessandria: Acqua di prima qualità, più sciroppi naturali senza coloranti né conservanti. Risultato: una degustazione gratuita e dissetante di una bevanda aromatizzata che sarà offerta in omaggio alle migliaia di visitatori che, nel week end alle porte, affolleranno la Festa del Borgo, nelle vie del centro storico di Alessandria.

Schermata 2019-06-06 a 19.40.01

L’appuntamento è per sabato 8 e domenica 9 giugno al pomeriggio, ore 16-18, in Piazza Santa Maria di Castello e Piazza Santo Stefano.

Acqua delle fontanelle di AMAG Reti Idriche, buona e pura, sottoposta a 2000 analisi all’anno                                                         

Sciroppi naturali preparati dagli studenti della classe seconda del corso Operatore della ristorazione dell’ENAIP (pompelmo e menta, zenzero e lime, limone e salvia).

L’acqua aromatizzata, fresca, rigenerante ed ecologica renderà ancora più piacevole la giornata di tutti coloro che parteciperanno alla Festa di Borgo Rovereto. Continua a leggere “Alla Festa del Borgo AMAG Reti Idriche e ENAIP offrono una degustazione gratuita di acqua aromatizzata”

XXII CinemAmbiente: Legambiente premia “The Climate Limbo”, documentario su disastri ambientali e migrazioni

XXII CinemAmbiente: Legambiente premia “The Climate Limbo”, documentario su disastri ambientali e migrazion

Si è conclusa nella Giornata Mondiale dell’Ambiente la XXII edizione di CinemAmbiente, il Festival internazionale di cinema e cultura ambientale organizzato a Torino dal Museo Nazionale del Cinema. Il festival, che si conferma come uno dei più importanti eventi cinematografici ambientali del panorama internazionale, vede da diversi anni la collaborazione di Legambiente che con i propri educatori ambientali supporta CinemAmbiente Junior, la sezione del Festival dedicata ai ragazzi, e al tempo stesso assegna un riconoscimento al miglior documentario italiano in concorso.

Legambiente Piemonte e Valle d'Aosta

La menzione speciale dell’associazione ambientalista è stata assegnata quest’anno a “The Climate Limbo” di Francesco Ferri e Paolo Caselli, documentario sulla complessa connessione tra disastri ambientali e migrazioni. Attraverso le storie di Queen, costretta a fuggire dalla Nigeria a causa dei danni causati dal petrolio sull’ambiente, di Rubel, scappato dalle inondazioni del Bangladesh, e le voci di Francesco, Luigi e Carlotta, agricoltori e allevatori italiani che si confrontano con il problema della desertificazione e della perdita di biodiversità in Italia, il film documenta come il cambiamento climatico spingerà sempre più persone a lasciare la propria terra. A fare da cornice scientifica sono un glaciologo, un fisico climatologo e un avvocato dei diritti dell’immigrazione. Ancora non esiste un riconoscimento della condizione di rifugiato climatico nel sistema di asilo internazionale, milioni di uomini e donne vivono in un limbo creato dall’uomo e dal suo impatto sull’ambiente. Continua a leggere “XXII CinemAmbiente: Legambiente premia “The Climate Limbo”, documentario su disastri ambientali e migrazioni”

Agricoltura in casa di reclusione

009 (002)6013447662508505469..jpg

Alessandria: Agricoltura sociale Cia in Casa di reclusione: terminato il corso di formazione ai detenuti.
Sono stati rilasciati nel corso dell’ultima lezione (22 maggio scorso) gli attestati di frequenza del corso Cipa-at della Cia di Alessandria (accreditati dalla Regione Piemonte) di “Utilizzo dei prodotti fitosanitari in agricoltura” svolto per i detenuti all’interno della Casa di reclusione Cantiello G. e Gaeta di San Michele (AL).

Il corso, tenuto dal responsabile tecnico Fabrizio Bullano e da Alessandra Sekawin dell’Ufficio Cia di Casale Monferrato, rientra nell’ambito del progetto di Agricoltura Sociale proposto dalla Cia, prima esperienza del genere nella Casa di Reclusione. I contenuti hanno riguardato aspetti tecnici quali, ad esempio, l’acquisto, il trasporto, lo stoccaggio degli agrofarmaci e, come previsto dal programma Regionale, il loro utilizzo nel rispetto della sicurezza di operatori, consumatori e ambiente.
Il corso, che prevede anche il superamento di un test di verifica finale e rilascio del relativo certificato, è stato realizzato per fornire l’acquisizione di competenze spendibili anche dopo il periodo della carcerazione, al fine di favorire il processo di riabilitazione e di rieducazione dei soggetti in esecuzione penale attraverso competenze di base e specialistiche in ambito agricolo. Continua a leggere “Agricoltura in casa di reclusione”