Milena Rita Golia, giovane autrice della redazione si racconta per i lettori di Alessandria today

Intervista a cura di Pier Carlo Lava

Alessandria: In questa interessante intervista Milena Rita Golia rispondendo alle mie domande ci parla della sua collaborazione con Alessandria today e dell’interessante e utile esperienza maturata che siamo certi potrà servirle in futuro. Inoltre ci racconta come vede la città di Alessandria dal punto di vista di una giovane donna, non mancano infine alcune considerazioni sul Covid 19, le conseguenze sui comportamenti delle persone nella società, ma anche i suoi obiettivi, i progetti per il futuro e naturalmente i sogni nel cassetto.

Milena Rita Golia

Brevi note biografiche

Io mi chiamo Milena Rita Golia.

Sono nata ad Alessandria il 18 settembre 1993.

Sono diplomata in ragioneria.

Prima di iscrivermi a ragioneria (ad Alessandria), ho fatto un anno al liceo classico di Alessandria.

Attualmente studio Economia Aziendale all’Università del Piemonte Orientale (UPO) nell’ex Palazzo Borsalino, in Via Cavour n. 84, ad Alessandria.

Sempre nella mia città, ho fatto l’animatrice volontaria presso l’oratorio della chiesa di Don Orione, e poi, in anni diversi, ho fatto due stage in due C.A.F. diversi.

“Note” su Alessandria Today

Ho iniziato la mia esperienza su Alessandria Today WordPress Blog il 19 giugno 2021.

Seguivo già alcune pagine Facebook “collegate” ad Alessandria Today, dove vengono pubblicati degli articoli presenti sul blog. Io, aprendo un link, ho visto proprio il blog, e ho letto una specie di annuncio, dove c’era scritto che, chi era interessato a collaborare, doveva contattare Pier Carlo Lava, ed io gli ho scritto su Messenger.

Una volta essere stata abilitata a pubblicare, ho iniziato fin da subito, e in breve tempo ho raggiunto un numero consistente di articoli pubblicati. Prima di 1 mese, 500 articoli; prima di 2 mesi, 1.000, e alla data esatta del 2° mese, 1.060.

Un bel traguardo!

Voglio anche aggiungere che tutti gli articoli presenti nel blog vengono condivisi in automatico sull’omonima pagina Facebook Alessandria Today.

Comunque, sono contenta di aver intrapreso questa nuova avventura.

Inoltre, è stato creato da Pier Carlo Lava un gruppo WhatsApp con molti autori e collaboratori di Alessandria Today.

Questo è un bel modo per stare in contatto con chiunque collabora nel blog.

_ . _

MILENA RITA GOLIA

INTERVISTA PER ALESSANDRIA TODAY – WORDPRESS

Ci vuoi raccontare chi sei e cosa fai nella vita?

Innanzitutto, voglio salutare chiunque leggerà questa mia intervista, e ringraziarli per l’attenzione.

Io mi chiamo Milena Rita Golia.

Sono nata ad Alessandria il 18 settembre 1993.

Sono diplomata in ragioneria, ed attualmente studio Economia Aziendale all’Università del Piemonte Orientale (UPO), sempre ad Alessandria.

Inoltre, a fine maggio inizierò a svolgere un anno di Servizio Civile Universale presso un ente della mia città. Sono contenta di poter avere questa opportunità e di iniziare questa esperienza di grande valore formativo e civile, ma anche di crescita personale e professionale.

Come vedono i giovani la città di Alessandria?

Credo che Alessandria sia una città “a misura d’uomo”, e ha la presenza di luoghi storici e/o di cultura, come ad esempio la Cittadella e il Museo di Marengo.

Ricordo che Alessandria si trova al centro del triangolo industriale Torino-Milano-Genova, e si potrebbe “sfruttare” meglio appunto la posizione geografica della città in campi quali la logistica, il trasporto (di merci e persone), ed il turismo sia cittadino, sia enogastronomico.

Forse si potrebbero aumentare mostre e mercati d’arte, e gli eventi in città e/o nei sobborghi, magari coinvolgendo le città limitrofe ed i commercianti, attirando turisti locali e non, e provando a migliorare / aumentare l’economia della città.

Comunque, qualcosa è già stato fatto: menziono, ad esempio, gli eventi “ALEcomics”, “Cinema sotto le stelle”, “Gagliaudo tra i mercanti”, ed i recenti “FloreAle” e la “Festa Irlandese”.

Mi piacerebbe che ritornasse “Alè Chocolate”.

Delle cose che però vorrei vedere nella mia città sono:

– più attenzione verso le persone diversamente abili: 

bisognerebbe fare qualcosa per renderli più autonomi negli spostamenti, ad esempio, e far sì che , chi non ha diritto, smettesse di posteggiare nei parcheggi destinati ai diversamente abili;

– più attenzione, anche in termini di servizi, alle donne in dolce attesa, alle neo-mamme, ma anche alle persone non del tutto autonome e/o con problemi di salute e/o anziani;

– migliorare la sanità, per tutti, anche per le “categorie” di persone appena menzionate;

– un luogo di cultura (ma so che c’è già un piano per il Teatro Comunale);

– un luogo, o più di uno, di ritrovo per i giovani, al di là degli oratori.

Comunque, tutto sommato, mi piace vivere qui.

Ci vuoi raccontare la tua esperienza come componente della redazione di Alessandria Today, cosa ti ha insegnato e quali suggerimenti ti senti di dare?

Mi sono avvicinata alla redazione di Alessandria WordPress e ho iniziato a collaborare come blogger abbastanza recentemente, meno di un anno fa, esattamente il 19 giugno 2021.

Penso che il blog, questo blog, sia un bel modo per informare tante, tantissime persone, anche distanti e “sparpagliate” per il Mondo, e per comunicare loro / dare loro notizie di eventi (sia in Italia sia all’Estero), comunicati stampa ed articoli su vari argomenti; insomma, un’informazione completa, comprensiva anche di argomenti letterali (poesie).

Questo è anche un bel modo di scoprire persone nuove, nuovi autori (di poesie ed articoli), di approcciarsi a loro e di scoprire “il loro mondo”, i loro interessi e pensieri su determinati  argomenti.

Pubblicando vari articoli, e leggendo il “punto di vista” di altre persone, ho avuto e ho il modo di scoprire quasi un nuovo mondo.

E questo è un bell’insegnamento.

Inoltre, mi piace seguire le pagine social (soprattutto quelle su Facebook) “collegate” al blog di Alessandria Today WordPress, dove vengono pubblicati alcuni articoli presenti nel blog.

Lo stesso autore di Alessandria Today, Pier Carlo Lava, ha anche creato un gruppo WhatsApp, di cui fanno parte molti autori e collaboratori del blog, di cui mi piace fare parte ed interagire con tutto il gruppo.

Il gruppo WhatsApp è un bel modo per stare in contatto con chiunque collabora nel blog, appunto.

Chi è per te uno scrittore e quali sono i tuoi scrittori preferiti?

Uno scrittore è chi, attraverso le sue opere, i suoi scritti, riesce a “trasportati” nel suo mondo, che può essere diverso da quello del lettore, oppure così vicino che il lettore potrebbe “ritrovarsi” ed immedesimarsi in ciò che legge, e forse avere la sensazione che si parli anche di lui.

Per quanto riguarda gli autori, gli scrittori, a me ne piacciono alcuni “classici”, ed altri attuali.

Menziono:

– L. Pirandello, G. D’Annunzio, G. Leopardi, Dante Alighieri, C. Goldoni;

– G. Rodari e B. Pitzorno, scrittori che ho adorato soprattutto da bambina;

– H. Hesse;

– D. Steel;

– E. Galiano, A. D’Avenia, A. Gazzola, E. Ferrante.

A tuo avviso, che mondo sarebbe senza scrittori e poeti?

Senza poesia, ma anche senza l’arte in generale, penso che il mondo sarebbe un posto più triste e più “vuoto”. Credo che l’arte e la cultura diano più senso ed arricchiscano la vita di ognuno di noi.

Cosa ne pensi dell’epidemia di Covid-19 e qual è la tua opinione sui comportamenti delle persone nel periodo di quarantena?

Non credo ci sia stato qualcuno preparato all’arrivo di un’epidemia di questo genere, e ad affrontarla prontamente, senza essere presi dal panico, dall’agitazione, e dall’ “impotenza” di non poter fermarla, o almeno, non del tutto e/o non subito.

Molta, moltissima gente purtroppo ha perso delle persone care. 

Ma pian piano la situazione sta migliorando, almeno un po’.

Spero che finisca presto tutto, lo speriamo tutti…

Purtroppo questa pandemia ha colpito l’intera popolazione Mondiale, dal punto di vista economico e/o umano, e con quest’ultimo termine intendo, oltre che persone venute purtroppo a mancare, individui che hanno subito una morte e hanno sofferto la lontananza da persone care, famigliari, amici, compagni di scuola, ecc.

Questa lontananza ed i lock-down, nonché le difficoltà economiche che continuano ad esserci tuttora, credo abbiano reso il carattere di molti più “rude”.

Quando sarà passata del tutto, pensi che la società e i comportamenti sociali cambieranno oppure no?

Non credo che possa ritornare ad essere tutto come prima.

Come dicevo prima, credo sia mutato il carattere di molte persone, e i loro comportamenti.

Spero e mi auguro ci sia meno superficialità, e più umanità, empatia, ed altruismo.

Tutti abbiamo degli obiettivi: quali sono i tuoi? Ce ne vuoi parlare?

Mi piacerebbe terminare gli studi e continuare a lavorare, al termine dell’anno dell’esperienza che farò nel Servizio Civile Universale, e magari affermarmi nel lavoro.

Vorrei anche essere più autonoma e indipendente.

Progetti per il futuro e sogni nel cassetto?

I miei sogni sono abbastanza concreti.

Desidero buona salute per me e per i miei cari, e vorrei creare una famiglia, diventare madre, avere un compagno o un marito amorevole ed affettuoso con me, ed io con lui, e poi mi piacerebbe anche avere un animale domestico o più di uno.