Alessandria, pubblicato da Pier Carlo Lava 

Social Media Manager – https://alessandria.today/

Alessandria: Lunedì 28/11/2022 alle 21.15 si terrà presso il museo della Gambarina la conferenza sul tesoro di Tutankhamon:

 La mia esperienza da giovane archeologo dentro il museo del Cairo sopra e sotto per studiare il Tesoro di Tutankhamon. Ferdinando Caputi.

100 anni fa esattamente il 4/11/1922 un bambino che aiutava nello scavo di Carter nella Valle dei Re a Luxor, inciampò in quello che sembrava un gradino, avvisò subito Howard Carter e da quel momento iniziò la scoperta archeologica più importante del XX secolo che cambiò la storia dell’archeologia  e portò alla gloria una giovanissimo faraone Tutankhamon che una morte prematura lo aveva condannato a restare solo un nome nelle cronache . Ma secoli dopo diventò l’icona dello splendore dei faraoni , la scoperta della sua tomba portò alla luce uno dei più preziosi forzieri dell’archeologia di tutti i tempi. La sua tomba è piccola ed incompiuta .

I suoi muri non sono così adorni di pitture come invece è possibile osservare per alcune altre prestigiose sepolture di faraoni. Il re era morto improvvisamente prima che i lavori per la sua ultima dimora fossero terminati. Al suo interno però furono trovati migliaia di oggetti. Carri in legno e cuoio, parzialmente ricoperti di lamine d’oro, sgabelli, vasi di alabastro cesti di vimini contenenti selvaggina, farina e vivande di diverso genere che dovevano servire al faraone durante il viaggio verso l’aldilà, contenitori  con unguenti e profumi, mobili. Alcuni come i suoi tre letti che hanno alle estremità teste zoomorfe e i due troni sono di fattura straordinaria.

Senza contare una serie di cofani e bauletti (interamente ricolmi di gioielli), vestiti armi (tra cui il famoso pugnale in ferro meteoritico), lampade di alabastro, una delle quali fa comparire solo se illuminata dall’interno una scena a corte . In trenta piccoli armadietti di legno furono rinvenuti gioielli statuette e persino i giochi a cui il faraone bambino (incoronato a 9 anni) doveva essere molto affezionato. Ecco cosa fece rispondere ad Howard Carter (che aveva aperto una piccola breccia nel muro d’entrata e guardò dentro con una candela) alla domanda di Lord Carnarvon: “cosa vedi?”  Lui rispose: “cose meravigliose”.  (nella foto fatta da me il pugnale di Tut con manico d’oro e pietre preziose e la lama forgiata fondendo un meteorite.)