Giancarlo Rapetti in AZIONE con BAROSINI Sindaco, ci spiega come si può risolvere il problema dei rifiuti in Alessandria

Giancarlo Rapetti ex Sindaco di Predosa in AZIONE con BAROSINI Sindaco.

Photo by lilartsy on Pexels.com
Giancarlo Rapetti ex Sindaco di Predosa in AZIONE con BAROSINI Sindaco.

I rifiuti. 

Alessandria deve fare il salto di qualità: superare definitivamente i cassonetti stradali, diventati a volte mini discariche, completare il passaggio ad un moderno ed efficiente sistema di raccolta porta a porta, e occuparsi dei rifiuti a valle della raccolta, per chiudere il ciclo secondo le Direttive UE. Il tutto nell’ambito del consorzio di bacino di cui, come comune maggiore, dovrebbe essere il traino e non la zavorra.

La raccolta porta a porta richiede un nuovo investimento, che può essere compensato in due modi.

Il primo con un piano finanziario-industriale di medio periodo del gestore, che consenta di distribuire l’ammortamento degli oneri nel tempo.

Il secondo con la riduzione dei costi di smaltimento, derivante anche qui da due elementi: l’aumento della raccolta differenziata (che il porta a porta produce di per sè) e la riduzione dei conferimenti in discarica (il modo più sgradevole e più costoso di smaltire definitivamente i rifiuti), scegliendo soluzioni meno costose e più efficienti.

Come conseguenza indotta, giova ricordare che nuovi impianti di trattamento dei rifiuti differenziati creano lavoro nell’ambito della green economy, tassello importante dello sviluppo sostenibile. 

Compito dell’amministrazione comunale è quello di cogestire la raccolta sul proprio territorio e raccordarsi con il consorzio di bacino e con la Regione, ente di governo e di programmazione del ciclo dei rifiuti.