Concerto dei “Tre martelli” alla Gambarina, di Lia Tommi

a 20171217_211512

Alessandria,  di Lia Tommi.

Eccezionale concerto prenatalizio oggi pomeriggio al Museo etnografico della Gambarina,  con il gruppo musicale  folk  “Tre martelli “.

Questo  gruppo è  l’emanazione  dell’Associazione  culturale Trata Birata, impegnata  dal 1977 nello studio, documentazione e divulgazione della cultura popolare  piemontese.

 

Gode di grandissimi consensi a livello internazionale, in cui svolge una intensa  attività  concertistica.

La loro storia ebbe inizio nella primavera del 1977, quando tre elementi  (Lorenzo  Boioli, Renzo Ceroni ed Enzo Conti) del gruppo rock jazz Angostura decisero di sperimentare nuove sonorità acustiche, miscelando suggestioni etniche con la musica medievale e rinascimentale. Continua a leggere “Concerto dei “Tre martelli” alla Gambarina, di Lia Tommi”

Ultimo giro per la Fondazione SLALA?, di Dario Fornaro

Ultimo

di Dario Fornaro

https://appuntialessandrini.wordpress.com

Con la nomina, nei giorni scorsi, dell’ultimo presidente (ultimo in ordine di tempo; forse ultimo e basta), la Fondazione SLALA – tempio dei sogni logistici alessandrini sovrapposto alla consolidata realtà della Valle Scrivia – si appresta ad affrontare la fase ineludibile  delredderationem, laicamente del che fare.  Il deperimento progressivo, negli anni recenti, della sua dichiarata funzione  e dei suoi mezzi al servizio, non consentirebbero più, come da dichiarazioni emerse in CdA, di traccheggiare,  sotto il profilo giuridico-amministrativo, in attesa di improbabili, ancorché non impossibili, soccorsi istituzionali.

Non a caso il neo-presidente individuato è un avvocato, con esperienze di situazioni aziendali difficili, ma non, che si sappia, sorta di medico pietoso. Lo attende un arduo lavoro visto che la Fondazione ha perso, via via, capitale, soci, scopi concreti, credibilità propositiva tra gli operatori del settore e, complessivamente, incidenza politica nel territorio, a cominciare dai vertici del Nord-Ovest. Continua a leggere “Ultimo giro per la Fondazione SLALA?, di Dario Fornaro”

A te appartiene questo cielo

Il mio appcon esposto...

A te appartiene questo cielo. Lascia
a me le aspre montagne, te ne prego.
Da questo colle, da questo terrazzo
sempiternamente verso le rocce
fuggo e lì cerco i ponti, che le nubi
degli alti cieli mi suggeriscono.

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

View original post

La notte sarà nera, sarà bianca di S. Lo Bue

Il mio appcon esposto...

La notte sarà nera, sarà bianca:
non aspettarmi. L’aria mi imprigiona.
Su la terra la mano scrive stanca
il canto muto che nei cieli suona.

Non aspettarmi. Il tempo mi confonde.
Nell’abisso ho cercato il movimento.
Ma nulla muta in cuore a le profonde
stelle, se a mutare non è il vento.

O ali avessi a giungere alla morte
della mia Stella chiusa al suo destino!
Ora ho te che mi ami su le Porte

Scee della vita. O stella del mattino!
Nuova parola nasca al tuo infinito
morire, al nostro vivere smarrito!

Salvatore Lo Bue, Le Porte Scee, Palermo, L’Epos, 1989, p. 11.

Torna aI Poeti

Torna aIndice generale

Torna alla Home

View original post

Inutile

Il mio appcon esposto...

Inutile
la mia
speranza
di tranquilla
e banale
vita normale.
Desidero la noia normale,
quelle che scorre nelle vene
come colesterolo dannoso,
quello che ottura le vene
e fa scoppiare il cuore
d’ottusità sedentaria.
C’è una ragione
per cui non credo.
Speranza.

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

Vai a Debolezze – Indice

Vai a Indice generale

Torna alla Home

View original post

La socialdemocrazia Europea colga la sfida: Crisi è anche opportunità, di Federico Quadrelli

di Federico Quadrelli (*)

http://www.cittafutura.al.it/

  1. Sul concetto di “crisi”

Tra i tanti concetti che vengono utilizzati nel discorso pubblico e giornalistico, quello di “crisi” è il più abusato.

Parliamo di crisi quasi sempre in termini negativi e superficiali in riferimento a qualsiasi cosa dell’esistenza umana, nella sua dimensione privata tanto quanto in quella pubblica. Così la famiglia è in crisi e la Politica anche, come lo sono le relazioni sentimentali, la fede, la Chiesa, l’università, la scienza, l’etica, l’economia, i partiti, la democrazia, l’ambiente, la coesione sociale e via dicendo. Insomma, esiste qualche cosa che non sia in crisi? No. E c’è un motivo molto semplice per spiegarlo: tutto ciò che è vivo attraversa fasi più o meno intense, prolungate, importanti, drammatiche o meno, di crisi. Prendiamone semplicemente atto! E invece di lasciarci andare alla disperazione, alla rassegnazione o all’allarmismo, reagiamo con fermezza e in modo proattivo per trovare il modo di superare queste difficoltà e uscirne rafforzati. In una battuta: diventiamo resilienti! Continua a leggere “La socialdemocrazia Europea colga la sfida: Crisi è anche opportunità, di Federico Quadrelli”

Quanto dormirai ancora?, di lorenzoqsimano

Quanto

di lorenzoqsimano

Quanto dormirai ancora?
La domenica s’inoltra e sciaborda
il mare nell’attesa
che tu apra gli occhi dopo la copiosa
dormita, che perdura.
Ti stancano i concerti
– quanto abbiamo ballato,
quanto abbiamo sudato
senza nemmeno stringerci la mano.
Il riposo te lo meriti tutto
mia dolce dormigliona. 

Lorenzo Cusimano, Debolezze, Casteldaccia (Italy), 2014.

https://qsimano.wordpress.com

Il castello di carte, di Marco Ciani

Silhouette of hiking man jumping over the mountains

di Marco Ciani

https://appuntialessandrini.wordpress.com

Dietro suggerimento di un amico e grazie al traduttore di Google (purtroppo non ho studiato il francese) ho potuto leggere alcuni giorni fa una interessante intervista del quotidiano francese Le Figaro al giornalista Rod Dreher, redattore tra i più accreditati della rivista statunitense “The American Conservative”. ­­­­

Non entro nel merito (anche se vale la pena di leggerla, chi vuole la trova qui). A un certo punto della conversazione viene esposta la seguente affermazione “In una società sempre più individualista, tagliata fuori dalla tradizione, l’unica autorità che appare giustificata è l’ego”. Continua a leggere “Il castello di carte, di Marco Ciani”

Null’altro intorno, di Guido Mazzolini

di Guido Mazzolini

Ci sono immagini
suoni e profumi che conservo
immobili nella mente.
Meticolosamente riposti
in disparte, avvolti nella seta del ricordo
e non potrebbero essere altrove.
Ero io, eri tu,
eravamo noi
quelli di un tempo lontanissimo.
Due per essere uno
invincibili e consolati
come il fiore e la terra,
la nuvola e la pioggia.
Noi soli
e null’altro intorno.

https://vocisparse.wordpress.com

Marco Ladetto: Linfomi e leucemie, migliori prospettive con terapie moderne

Marco Ladetto

di Pier Carlo Lava

Riproponiamo ai nostri lettori questa intervista effettuata tre anni fa, al Dott. Marco Ladetto, su un tema che riguarda la sanità, con la speranza che nel periodo di tempo intercorso, la ricerca abbia messo a disposizione della medicina, terapie ancora più avanzate, in grado di aumentare le probabilità di salvare la vita a chi si ammala di leucemia e linfomi.

Alessandria: Intervista al Dott. Marco Ladetto vice Presidente AIL (Associazione italiana Contro le Leucemie e i Linfomi) e Primario di Ematologia dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria.

Le domande: Continua a leggere “Marco Ladetto: Linfomi e leucemie, migliori prospettive con terapie moderne”

Senza dignità, di Maria Cannatella

brulat-poveri

di Maria Cannatella

Senza dignità

E’ senza dignità, chi ruba a chi nulla ha,

a chi riempe il suo portafoglio,

non pensando di non averne bisogno.

Senza dignità è colui che sposa una bambina,

lasciandola morire dopo averne abusato.

Senza dignità e chi fa del male,

ad un animale indifeso,

maltrattandolo e abbandonandolo. Continua a leggere “Senza dignità, di Maria Cannatella”

Equo compenso anche per freelance, partite Iva e Co.co.co

equo freelance

GIORGIO LEVI

La norma sull’equo compenso per i professionisti, all’interno del Collegato fiscale alla legge di Bilancio per il 2018, è stata pubblicata in Gazzetta ufficiale.

La nuova legge prevede numerose misure e introduce un principio-tutela per il quale i professionisti avranno un minimo salariale sotto il quale non si potrà scendere, determinato proporzionalmente alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, al contenuto e alle caratteristiche della prestazione. Continua a leggere “Equo compenso anche per freelance, partite Iva e Co.co.co”

Perdonami, di Maria Cannatella

perdonami Sorry

di Maria Cannatella

Perdonami, se ti confesso di averti odiato.

Se per rabbia, in un attimo,

ho cancellato te dalla mia vita,

cercando solo di dimenticarti.

L’ho fatto solo per non farmi altro male.

Perdonami, 

se ti dico che ancora oggi ti amo.

Si, lo so è strano,

non dovrei nemmeno dirtelo. Continua a leggere “Perdonami, di Maria Cannatella”

La teoria della sconfitta utile, di Giuseppe Rinaldi

la teoria

di Giuseppe Rinaldi

http://www.cittafutura.al.it/

1. Cominciano a uscire i sondaggi sulle intenzioni di voto che tengono conto della nuova legge elettorale (il cosiddetto rosatellum) e del nuovo disegno delle circoscrizioni. Il quadro è piuttosto preoccupante, almeno per coloro che hanno a cuore i destini del centro sinistra. Dai risultati di un recentissimo sondaggio Ixé (30/11/2017) – cito dall’Huffington Post – se si votasse oggi lo scenario risulterebbe questo: «Alla Camera la coalizione di centrodestra è prima con il 35,5% e 270 seggi, poi c’è il M5S con il 29,4% e 165 seggi seguito dalla coalizione di centrosinistra con il 28,6% e 162 seggi; infine la Sinistra con il 6,5% e 25 seggi. Al Senato stesse percentuali e seggi assegnati in questo modo: 135 al centrodestra, 85 al M5S, 81 seggi al Centrosinistra e infine 8 alla Sinistra». Continua a leggere “La teoria della sconfitta utile, di Giuseppe Rinaldi”

Charles Baudelaire, “L’amore e il Cranio”

Charles

di Giulia

da:https://siderasplendensinterra.wordpress.com

Buonasera!

Ormai credo di dovermi rassegnare al fatto che posso scrivere solamente in questa fascia oraria, per il momento!

Adesso ci concentreremo sulla parentesi filosofica e lo faremo analizzando una poesia. Voi potrete chiedervi “Perché analizzare una poesia se si deve parlare di filosofia?”. Ebbene, l’autore è stato anche un grande filosofo e ciò traspare pienamente dal componimento che intendo proporvi. Si tratta di Charles Baudelaire e la poesia s’intitola “L’amore e il Cranio”, contenuta all’interno della raccolta “I fiori del male” (in francese “Les Fleurs du Mal” la cui prima pubblicazione risale al 25 Giugno del 1857. Baudelaire è ritenuto uno dei maggiori esponenti del XIX secolo e anticipatore del Decadentismo. Ma andiamo alla lirica: Continua a leggere “Charles Baudelaire, “L’amore e il Cranio””