Momenti di poesia. FANTASIA CELESTE,di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. FANTASIA CELESTE,di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

55887891_590961384743237_4530852156936290304_n.jpg

FANTASIA CELESTE

Vorrei un giorno fidanzarmi al cielo,
tutta vestita di rosea seta
come un fragrante fiore di magnolia.
Vorrei il lembo di un mantello azzurro
per farne un angolo di paradiso.
Al sole di un sorriso asciugherei
le mie lacrime fresche di rugiada.

Mariangela Ottonello 02/04/2019

Momenti di poesia. L’ATTESA, di  Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. L’ATTESA, di  Mariangela Ottonello Matteo Vigo

54435676_579870872518955_7978191602482937856_n.jpg

L’ATTESA

Una ragazza è ferma al davanzale.
Dalla finestra spalancata
entra la luce d’oro.
Lo sguardo vaga fuori,
ma si perde, senza vedere.

Il viso di giunchiglia,
accarezzato dalle dita del sole,
sembra sfumare,
fondersi all’abbraccio del suo calore.

Tra poco svanirà la dolce ansia
di questa attesa.
Verrà il suo amore.

Al cenno della mano,
con passo svelto
scenderà le scale.
Nel vento fluttuerà,
come sospesa:
soffice, bianco petalo
di primavera.

Mariangela Ottonello 07/02/2011

Momenti di poesia. DUPLICITÀ, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. DUPLICITÀ, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

53305615_574877509684958_8027579568858595328_o.jpg

DUPLICITÀ

Sono una coppa colma nelle mani
possenti di un variabile destino.
Bevuta in un sol fiato sarò presto,
oppur sprecata andrò, finendo a terra.

Son la chitarra che non è accordata,
eppure si trattiene tra le braccia.
Sono la brevità della giornata
e della notte sono il lungo affanno.

Sono il pane che nutre e sono l’acqua,
ma digiuno d’amore mi avvizzisce.
Sono il pianto sommesso e il grido forte.
Le stelle ho dentro agli occhi e il buio fondo.

Mariangela Ottonello 03/02/2019

Momenti di poesia. LE NUVOLE DI MARZO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. LE NUVOLE DI MARZO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

LE NUVOLE DI MARZO.jpg

LE NUVOLE DI MARZO

Portano a spasso nel cielo
ariosi pensieri.
Soffici nuvole bianche
di primavera.
A naso in su mi perdo
nello spazio azzurro.
Bevo la luce come un’assetata.
Corolle candide fioriscono
tra i rami nudi.
Non sono fiori, ma sogni.
Vaporose nuvole che viaggiano
nel cielo di marzo.

Mariangela Ottonello 09/03/2017

Momenti di poesia. UN POSTO MAGICO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. UN POSTO MAGICO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

un posto

UN POSTO MAGICO

A guardarlo così mi sembra un prato
ancora brullo, in cima a una collina.
Eppure c’è qualcosa di speciale
che ancora non mi riesce di spiegare.
Sento una pace dentro che sconfina
in ogni dove come un lago immenso.
Un sentimento di dolcezza e amore,
qualche cosa di magico nel vento.
Sono sola, non c’è nessuno attorno,
eppure una presenza mi accompagna.
Vi ritorno ogni tanto per carpire
la chiave di un etereo mistero.
Un giorno una bellissima farfalla
su di me si posò per un istante.
Non la rividi più, ma come un sogno
mi rimase nell’anima sospesa.

Mariangela Ottonello 24/02/2019

Momenti di poesia. SE VENISSI A MANCARMI ALL’IMPROVVISO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. SE VENISSI A MANCARMI ALL’IMPROVVISO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

SE VENISSI A MANCARMI ALL’IMPROVVISO

Se venissi a mancarmi all’improvviso,
in stretti spazi si restringerebbe
la latitudine del cuore.

Se del tempo trascorso in un istante
rimanesse un brevissimo riassunto,
diventerebbe d’oro ogni parola.

Ecco che vien la morte a confermare
l’importanza di ciò che siamo stati.
Come al mancar dell’acqua comprendiamo
di quanto dissetarsi sia vitale.

Mariangela Ottonello 09/03/2018

Momenti di poesia. CAMMINO SULL’ ERBA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Momenti di poesia. CAMMINO SULL’ ERBA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

cammino

CAMMINO SULL’ ERBA.

Ho lasciato la strada al mio fianco,
la osservo in disparte.
So che mi è appartenuta,
ma ora cammino sull’erba.
Il passato mi accompagna sempre,
ma non fanno più male
quei piccoli sassi nelle scarpe.
Ora so che i miei piedi nudi
vogliono godere di una gioia nuova.
Cammino sull’erba e lo faccio per me,
per me sola.
La strada è ancora lunga
e io voglio tentare
di sentire il profumo dell’erba
inebriarmi l’anima.
Voglio una dolcezza nuova
che effonda su di me
il suo alito di libertà.

Mariangela Ottonello 15/09/2015

IL RAGNO E LA FARFALLA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

IL RAGNO E LA FARFALLA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

il ragno e la farfalla

IL RAGNO E LA FARFALLA

Tesse la tela
con pazienza e astuzia,
tende una trappola
per le sue prede.
Poi si ferma in un angolo
ed aspetta
che qualcuna cada
nella sua rete.
Il ragno, in fondo,
deve pur mangiare,
ne va della sua sopravvivenza.
E la farfalla,
che si affida al vento,
non sa che un soffio
la può far cadere
nell’alcova di seta
dove al sole
i fili brillano come l’argento.
È questione di un attimo
ed il ragno
l’avvolge tutta
e inietta il suo veleno.
Soddisfatto,
la tiene nel carniere
e attende senza fretta
altre farfalle:
libere, ignare, belle,
vive prede.

Mariangela Ottonello 31/12/2011 foto dal web

MILLE PER UNO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

MILLE PER UNO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Buona fine d’anno, per un inizio ancora migliore del 2019!
Tanti auguri a tutti!

mille per

MILLE PER UNO

Per ogni pugno di neve sul cuore,
mille carezze di sole avrai.
Per ogni lacrima caduta
mille sorrisi riceverai.
Non sarai più solo a lottare,
perché io ci sarò.
Sulla tua strada dei sogni,
tenendoti per mano, ti accompagnerò.
Per ogni delusione, mille gioie avrai.
Te lo prometto e sai che lo farò.
Non lo saprà nessuno.
Tu avrai mille per uno.

Mariangela Ottonello 31/12/2018 foto mia

UN AMORE DI BIMBA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

UN AMORE DI BIMBA, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

Mariang

UN AMORE DI BIMBA

La luce scorre
nei tuoi occhi di trifoglio.
La grazia albeggia
nel sole biondo
dei tuoi capelli.

Breve pioggia
è il tuo pianto,
dopo un broncio improvviso.
Trilli di campanelli
le tue fresche risate.

Bimba, tu sei la gioia
del mio cuore.
Mi salvi dalla mia malinconia.

Sei un battito di mani
che scroscia nell’aria,
un risveglio di vita
nel torpore dei miei giorni.

Una rosea fiaba, questo sei,
un amore di bimba.

Mariangela Ottonello 16/12/2018 immagine dal web

LA LUCE NASCE DALLE AVVERSITÀ, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

LA LUCE NASCE DALLE AVVERSITÀ, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

LA LUCE NASCE DALLE AVVERSITÀ

LA LUCE NASCE DALLE AVVERSITÀ

Ripercorro i momenti difficili
della mia vita.
Ne attraverso le angosce,
le preoccupazioni.
Cammino sul filo teso
del tempo.
Mi accorgo dei nodi spinosi
parati a tendermi l’inciampo.
Proseguo poi
tra i rami fitti degli incontri:
alcuni saldi, molti già marciti.
Rifletto, ascolto.
Mi accorgo di ciò che le esperienze
hanno generato in me.
La donna nuova
che sono diventata
è nata dalle avversità.
Senza di esse non avrei aperto
la porta segreta
dalla quale ora sfolgorante
irrompe la luce.

Mariangela Ottonello 01/12/2017 foto mia

IN ATTESA DELLA NOTTE, Mariangela Ottonello Matteo Vigo

In attesa.jpg

by, Mariangela Ottonello Matteo Vigo

IN ATTESA DELLA NOTTE

Ti porterò sulla verde collina
dove si stende la sera.
Come viandanti stanchi ci siederemo
appoggiandoci a un muro di pietra.
Tacerà il vento, quel vento antico
che un giorno ci ingannò.
Non ci farà più male il ricordo
della nostra perduta primavera.
Ecco il crepuscolo calare,
dolce compagno del nostro silenzio.
Aspettiamo la notte e il suo mistero
che ci invita e ci attrae come una donna
stretta in un abito di seta nera.

Mariangela Ottonello 06/02/2016 (foto mia)

IL VOLTO DELL’ AUTUNNO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo 

IL VOLTO DELL’ AUTUNNO, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo 

Pluriversum Edizioni

il volto

IL VOLTO DELL’ AUTUNNO

L’autunno ha gli occhi stanchi
di un anziano,
malinconici e vaghi testimoni
di un crescente declino.
Porta con sé un bagaglio
di amori finiti.
Tacite folle di ricordi
si attardano
sulle panchine vuote.
L’autunno veste abiti sciupati,
color tabacco e oro.
Lo aiuterà il vento freddo
a spogliare
le sue tremanti braccia.
La sera, presto si coricherà,
sopraffatto dal buio
e dal silenzio.
Si sdraierà sopra il letto del cielo,
tra lenzuola di nebbia.
Avrà per coltre una greve trapunta
di nuvole grigie.

Mariangela Ottonello 07/10/2013 foto mia

UN PICCOLO SOLE, di Mariangela Ottonello Matteo Vigo

UN PICCOLO SOLE, di  Mariangela Ottonello Matteo Vigo

46072065_508212996351410_7623910736762241024_o

 

Vorrei un piccolo sole,
che splendesse ogni giorno
nel profondo del cuore.
Un’aureola di calore
che avvolgesse il tedio dei pensieri,
prosciugando in un istante
ogni pozza di malinconia.
Vorrei un piccolo sole
dai raggi di gioia,
che facesse socchiudere gli occhi
per un abbaglio di felicità.

Mariangela Ottonello 09/11/2018

“Un breve preludio d’eternità”, la silloge di Mariangela Ottonello

“Un breve preludio d’eternità”, la silloge di Mariangela Ottonello

di Pier Carlo Lava

Alessandria today dopo la biografia è lieta di presentare ai lettori “Un breve preludio d’eternità”, la silloge della poetessa Mariangela Ottonello. Seguirà un intervista in esclusiva per il blog.

Prefazione, a cura di Rosamaria Alagna, curatrice della collana “Inchiostro dell’anima” della Pluriversum Edizioni.

Un breve preludio di eternità, di mariangela ottonello copiabiog Mariangela Ottonello 033 copia

Quando ho letto le poesie di Mariangela, sono stata subito conquistata da grazia e freschezza scevre di retorica. La silloge si mostra come un dolcissimo canto di primavera in cui la natura e la vivacità del creato prorompono in modo immediato e spontaneo.

Il sentimento d’amore che percorre l’intera raccolta è espresso con toni delicati e passionali. Si avverte il desiderio di celebrare l’amore per il suo uomo, che diviene fonte di ispirazione. “io ci sarò nei tuoi momenti grigi” o “nel blu dei tuoi giorni”, sussurra la poetessa, quasi a voler rassicurare la persona amata e farsi, a sua volta, sostenere come un neonato che attinge all’amore materno. “E cullerai la mia immagine tra onde fresche di tenerezza”. In altre liriche si pone “ in punta di piedi”, non vuole essere invasiva, ma umile e modesta, quasi inconsapevole del proprio valore. Continua a leggere ““Un breve preludio d’eternità”, la silloge di Mariangela Ottonello”