cq5dam.web.738.462

Dazi, la Cina risponde a Trump: aumento delle imposte su 128 prodotti

Un mercato della frutta in Cina (Getty)

Pechino annuncia l’operatività, da oggi, della stretta su beni importati dagli Usa, tra cui carne di maiale e frutta, per un valore di mercato di 3 miliardi di dollari. La misura è una replica alla “mossa protezionistica” del presidente su acciaio e alluminio cinesi

La Cina ha annunciato l’operatività, a partire da oggi, dei dazi su 128 beni importati dagli Stati Uniti, tra cui carne di maiale e frutta, per un valore di mercato di 3 miliardi di dollari. Si tratta di una misura in risposta alla “mossa protezionistica” decisa dal presidente Usa Donald Trump su acciaio e alluminio. Il ministero del Commercio cinese, nell’ufficializzare la decisione, ha sollecitato Washington “a revocare le misure protettive che violano le regole del Wto” e sono “un abuso delle clausole di sicurezza” dell’Organizzazione mondiale del commercio, “colpendo il principio della non discriminazione nel sistema multilaterale commerciale”.

La mossa cinese

I beni target, per un totale di 3 miliardi di dollari, sono stati definiti il 23 marzo per bilanciare i danni causati dal “protezionismo Usa” dopo l’imposizione di dazi al 25% sull’acciaio e del 10% sull’alluminio. Il ministero delle Finanze ha deciso uno schema che prevede una doppia serie di dazi: al 15% su 120 beni, tra cui la frutta come mele a mandorle, e al 25% su carne di maiale e derivati, per un valore nel 2017 di 1,1 miliardi di dollari, che fanno della Cina il terzo mercato Usa di riferimento… continua su: http://tg24.sky.it/mondo/2018/04/02/dazi-cina-usa-import-frutta-carne.html