Il sidro rosé

Creando Idee

Chi non ha mai bevuto il sidro non sa cosa vuol dire essere coccolati. Non è uno scherzo, il drink ottenuto dalla fermentazione delle mele è una delizia ancora troppo sottovalutato in Italia, mentre invece è l’alternativa frizzante e leggera nel momento in cui non c’è la voglia del prosecco o della birra. Chiedetelo agli irlandesi che valutano il sidro il fratello gentile della birra. Chiedetelo ai medici anglosassoni, che conoscono bene le sue proprietà antiossidanti, che lo consigliano in piccole dosi ha una gradazione alcolica tra i 2 e gli 8° negli stati febbrili, come coadiuvante nelle bronchiti e per calmare la tosse. E poi è diuretico, favorisce la digestione consentendo allo stomaco di affaticarsi di meno, e può anche aiutare nelle diete perché tiene sotto controllo la glicemia, per cui smorza la voglia di dolci. Oltre a fare bene, però, è molto buono ed è…

View original post 209 altre parole

Come rimuovere gli aloni dai mobili

Creando Idee

Non importa quanta attenzione si metta nella cura e nella difesa dei mobili in legno. Prima o poi capiterà che qualcuno, distrattamente, ci poggi sopra una bella tazza fumante di caffè o latte  lasciando un fastidioso anello di calore o, peggio, una macchia. Quando succede è impossibile ignorarlo. L’occhio finisce sempre per cadere lì e non ci si mette l’animo in pace sin quando la macchia non sarà sparita. Pulire il legno dalle macchie può richiedere tempo ed attenzione. Il materiale è delicato e le macchie possono penetrare in profondità. Questo non significa, però, che il mobile sia irrecuperabile. Esistono sul web diversi consigli utili e soluzioni per risolvere il problema delle macchie a forma di anello che si formano sulla superficie del legno quando vi si appoggiano tazze e bicchieri molto caldi, eccone raccolti alcuni Per intervenire sulle superfici ruvide il consiglio è di trattare la macchia con lana…

View original post 282 altre parole

Congelare i formaggi…si può

Creando Idee

Congelare i formaggi non è una pratica molto divulgata. Rispetto ad altri alimenti, come la carne, il pesce e le verdure, alcune persone credono non sia possibile. In realtà questa convinzione è sbagliata poiché anche i formaggi possono essere congelati. O meglio, alcuni tipi e con le dovute astuzie. Per evitare sprechi alimentari, dunque, basta conoscere il giusto metodo di conservazione dei cibi.Molti formaggi hanno un rapido processo di deterioramento se conservati in frigorifero. Certi non resistono più di una settimana, altri si induriscono o producono muffe. Per evitare che ciò accada e che vadano buttati, è possibile congelare i formaggi. Non dimentichiamo, poi, che il formaggio è un alimento fin troppo grasso e calorico. E’ bene quindi mangiarlo con parsimonia e non tutti i giorni. Proprio per questo è strategico poterli conservare più a lungo del normale ciclo vita del prodotto. Ma vediamo come e quali formaggi possono…

View original post 160 altre parole

Riutilizzare le magliette vecchie

Creando Idee

Stanno lì, accatastate in un cassetto che non apriamo nemmeno più perché non c’è nulla che utilizziamo. Ma non sappiamo davvero cosa farcene, se non buttarle. E tuttavia l’anima ecologista e anti-spreco grida a gran voce la necessità di riadoperarle, in qualche modo. Parliamo delle vecchie magliette, t-shirt ormai sformate, bucherellate, stinte, che riposano nei cassetti da tempo. Strizzate le meningi: un modo di non sprecarle c’è. Ecco qualche suggerimento.Accessori per le pulizie. Il più classico e facile riciclo delle vecchie magliette consiste nell’impiegarle per spolverare, lucidare, pulire superfici. Laddove viene richiesto un ‘panno morbido’, un tessuto che non graffi, il cotone delle t-shirt si rivela perfetto. Anche per dare la cera ad un mobile di legno.Oggetti decorativi. Con le vecchie magliette potete rivestire vasi,scatole,lampade, qualsiasi oggetto che abbia bisogno di un piccolo restyling. Ma potete anche osare di più, creando dei quadri. Scegliete tutte t-shirt con…

View original post 192 altre parole

Primavera stagione dell’amore? Anche no….

Creando Idee

Casomai la primavera fosse veramente la stagione dell’amore, occorrerebbe precisare ‘dei nuovi amori’. Perché quelli vecchi, quelli in corso d’opera, quelli vissuti nei mesi precedenti, vedono invece con una certa ciclicità la parola fine. Con la bella stagione lasciarsi diventa più facile. I divorzi piovono come acquazzoni di aprile, perché succede? Ne ha dato una parziale spiegazione la psicologa Forshee E’ tutta questione di ormoni.Un’indagine del  sui social media ha permesso di quantificare il numero di persone che su Facebook cambiava il proprio stato da ‘impegnato/a’  a ‘single’ in un anno. Ebbene, il picco annuale risultava visibile con l’arrivo della bella stagione. Ma cosa succede? Non è una banalità immaginare che con la primavera ci si senta ‘uccel di bosco’, e che riemergano in noi, uomini e donne, sentimenti che reclamano libertà sentimentale.Spiega la Dottoressa che c’è una ragione che potrebbe essere collegata al ciclo ormonale. Durante i…

View original post 124 altre parole

Sei un artista? E ce lo caghi! (film PAZ-2002)

MetropoliZ blog

Fai l’artista e te ne freghi, ma siamo noi che ce ne freghiamo di te.

«Sei un artista»… E ce lo cachi che sei un artista!

Dormi una notte in facoltà, hai fatto l’occupazione,

Squacqui due manifesti, e sei con la coscienza a posto.

L’espresso una settimana sì e due no,

e il Linus quando ti pare, ed ecco risolto il problema di tenersi aggiornato.

In pratica, Ciccio, o diventi produttivo per il Movimento, o VAFFANCULO!

Film PAZ – (regia Renato De Maria-2002) Wikiquote

View original post

L’ospite attesa

Diario di una Zingara

E’ una tipa puntuale, lei.

Arriva tutte le mattine verso le nove, quando anche il sole si è svegliato ed inizia ad asciugare l’erba croccante.

E’ abitudinaria.

Si muove sinuosa nelle sue curve morbide. E’ bassina, ma ha il portamento fiero di un generale.

Qualche volta è accompagnata da uno spasimante e fa sorridere perchè sembra che giochi a fare la civetta. Con piccoli colpi precisi e veloci si sistema la capigliatura corvina.

Passeggia nel prato, beccando le briciole della colazione.

Buongiorno anche a te, Merla.

1_Merlo-003_thumb[5]

View original post

Scrivere

Diario di una Zingara

In tanti scrivono, ma in pochi si chiedono il perchè.

C’è chi scrive per lavoro. Attività che, a mio parere, si avvicina alla professione migliore del mondo, insieme al critico di cucina.

Io, invece, da adolescente, scrivevo per sfogarmi. Pensavo di poter cambiare le cose che non mi piacevano, o forse di trovare almeno una risposta. Non rileggevo mai niente e, appena finita l’ultima parola, accartocciavo il foglio ed eliminavo qualsiasi traccia del mio passaggio. E del mio pensiero. Quante volte avrei voluto essere io quel foglio.

Ero una ragazzina arrabbiata.

Quando ero più piccola scrivevo per fermare il tempo. Ricordo bene che avevo una agenda blu, di quelle che regalavano in banca all’inizio dell’anno. Dopo cena recuperavo i fili ingarbugliati della mia giornata, li riordinavo e mettevo il punto. Il giorno dopo era solo un nuovo foglio bianco, che non si faceva condizionare da quello precedente.

Qualche volta ho…

View original post 70 altre parole

Matera-Giornata all’insegna della formazione

Onda Lucana

Tratto da:Onda Lucana® by Giuseppe Innocenzo Liccese VOLONTARIO SOCCORRITORE CISOM – Corpo Italiano di Soccorso Ordine di Malta – Gruppo Matera.

Si è svolta Domenica 22 Aprile la giornata formativa organizzata del CISOMCorpo Italiano di Soccorso Ordine di Malta Raggruppamento di Puglia e Lucania, riguardante le manovre di Basic Life Support and Defibrillation (BLS-D), presso la sede del Gruppo Matera, con i quali hanno partecipato i volontari del CISOMCorpo Italiano di Soccorso Ordine di Malta Gruppo  Bari , oltre ai volontari del Gruppo Matera.

La lezione teorico/pratica è stata tenuta dai nostri formatori del CISOM-Corpo Italiano di Soccorso Ordine di Malta, i quali hanno reso possibile lo svolgersi fluido delle varie dinamiche del soccorso a tutti i presenti con  l’acquisizione della nozionistica tecnica fondamentale per operare in una situazione di arresto cardio circolatorio. Per la parte teorica si ringrazia il

View original post 166 altre parole

Polipetti con patate

Onda Lucana

Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana by Nicola Gallo 2018.jpg Immagine tratta da repertorio di Onda Lucana by Nicola Gallo 2018

Polipetti con patate

Tratto da:Onda Lucana®byNicola Gallo 

Un secondo per tutte le stagioni, semplice, prelibato, delizioso.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di polipetti;
  • spicchio d’aglio;

  • 1 bicchiere di vino bianco secco;

  • 400 g di patate;

  • 500 g di pomodori pachino freschi;

  • sale e peperoncino q.b. ;

  • olio evo q.b ;

  • prezzemolo fresco.

Procedimento

Pulite i polipetti e sciacquateli accuratamente, quindi fate soffriggere olio e aglio con l’aggiunta di peperoncino. Unitevi i polipetti e sfumate con del vino bianco.

Aggiungete i pomodorini tagliati a metà, il prezzemolo e un bicchiere d’acqua tiepida. Cuocete per circa 15 minuti e, infine, unite le patate pelate, tagliate a pezzetti; tenete sul fuoco finchè non cuociono.

Servite caldo con una manciata di prezzemolo tritato.

Buona preparazione a tutti Voi cari lettori!!

Tratto da:Onda Lucana®byNicola Gallo 

View original post

Gli “interni “ e gli “esterni”

Pensieri sparsi

Gli “esterni” credono che la loro vita dipenda da fattori esterni: la crisi, la legge, il governo, la guerra , il destino , Dio , il caso.

Sentono che la responsabilità della loro vita non dipende da loro , ma da un fattore esterno che ne determina l’andamento, e sono propensi a scaricare su questi fattori ogni responsabilità.

Gli interni sentono che la loro vita dipende da un fattore interno e che indipendentemente da crisi e difficoltà riusciranno ad essere artefici del proprio destino.

Perlomeno questi ultimi tendono a cercare la causa di cio’ che avviene nella loro vita. Il cambiamento avviene da dentro e l’esterno è il semplice riflesso di cio’ che intimamente sono,

Esiste un linguaggio interiore, simbolico e il più delle volte inconscio, che influenza intensamente e crea tutto cio’ che viviamo: le relazioni, le scelte , le decisioni , le amicizie , il lavoro e la…

View original post 28 altre parole

Truffe in rete di Cristina Saracano

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Foto: dal Web

Cristina Saracano Alessandria

Gli acquisti on line sono sempre più accattivanti, si sa.

Nel 2016 in media un italiano ha speso 90 euro l’anno per acquisti su internet.

Un giro d’affari che attira anche i truffatori, purtroppo.

La scorsa settimana, solo nella zona di Casale Monferrato, sono stati smascherati tre venditori di merce a buon mercato, però inesistente.

View original post 94 altre parole

I clown Marameo, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

di Lia Tommi, Alessandria

L’Associazione Clown Marameo si occupa di clownterapia e opera presso l’Ospedale infantile “Cesare Arrigo ” e l’Ospedale civile “SS. Antonio e Biagio”.

La loro mission è portare il sorriso a chi ne ha bisogno., perché il sorriso è il modo più spontaneo per portare gioia, la medicina che contagia chi lo dona e chi lo riceve, infondendo energia positiva e stimolante.

Essere gruppo è la forza di questa Associazione, momento di unione e collaborazione che permette di essere persone che camminano verso un obiettivo comune. Il gruppo è la possibilità di scambiare esperienze, è l’insieme delle individualità che si fondono per confrontarsi e crescere insieme. È il luogo dove ci si ripara e si trova l’energia per ripartire.

In corsia si usano creatività e fantasia, agendo però con prudenza e moderazione, evitando di invadere la sfera privata del paziente.

A richiesta effettuano interventi nelle Case…

View original post 39 altre parole

Terra, di Marco Bozza

Terra, di Marco Bozza

Terra

di Marco Bozza

Terra come madre
Di vita e di saggezza
Di incontri e scontri
Speranze e sogni perduti.

Terra come miracolo
Che dai la vita
E riprendi la vita.

Terra odiata, massacrata
Estirpata di alberi
E muta nei fossi
Se sarai protagonista vera in Expo
I prossimi solchi
Avranno le forme
Dell’occhio ridente
E del cuore pulsante,
Non più del pianto battente
E dello stomaco vacante.

https://www.facebook.com/marco.bozza.5

Il bullismo carenza educativa

Revolution Post

Ogni giorno siamo abituati a leggere di episodi di bullismo, e comportamenti violenti.

Non solo tra coetanei ma anche verso gli insegnanti, la domanda è sempre la stessa come si può intervenire per dare una riposta vera contro questo fenomeno.

Nell’epoca in cui la crisi educativa dalla famiglia alla scuola , abbiamo assistito anche a genitori pessimi esempi che asfaltano l’autorità scolastica.

Un’indagine di Amnesty International riporta che 7 persone su 10 hanno risposto che il fenomeno è in crescita, secondo il 45% la colpa è della cassa di risonanza dei social, e vince l’emulazione. Mentre per il 26% la colpa è del continuo incitamento al odio sui media. Per 1 italiano su 4 il bullismo è sempre esistito, c’è soltanto l’incremento delle denunce.

Su oltre 2500 studenti 1 ragazzo su 3 afferma di aver assistito personalmente ad atti di bullismo, per il 90% è un fenomeno molto diffuso al…

View original post 193 altre parole

Ex Bullo il debole ero io

Revolution Post

La storia è quella di Mario Furlan un ex bullo che da grande ha fondato i City Angels associazione che a Milano raccoglie i senzatetto per strada di notte e di giorno serve loro un pasto caldo.

Spesso capita che i tribunali gli affidino minori ai servizi sociali.

Diventato bullo perché per primo lui ha subito bullismo alle elementari era ciccione e veniva picchiato e deriso, costretto a girare con un cartello sono gay per tutta la scuola, non riusciva a ribellarsi.

Diventò amico di Sergio il capobanda, cominciò a compiere gesti che lo facevano sentire fico, rubare giornali porno, regali per Sergio, così si ingraziò il capobanda, questa trasformazione psicologica di ribellione lo aveva reso più forte.

La sua prima vittima fu un ragazzino un po’ impacciato , che ti guardi spostati quando passo e gli tirava schiaffi. Vinceva si sentiva vincente. Mario ha smesso di essere un bullo…

View original post 170 altre parole

Pennette fantasia … quando l’allievo supera i maestri ….

Il Pikaciccio

Non che noi siamo dei maestri, ma se già i nostri figli cucinano così…… siamo stracontenti

E bravo il nostro Simone che l’altra sera ha cuinato e fatto le foto per questo bel piatto di pasta :

Ingredienti per 4 persone:

150 gr di pancetta affumicata

50 gr di scamorza

1 cipolla

2 patate piccole

500 gr di pennette rigate

olioevo

sale e pepe qb e

Tagliate a pezzettoni gli ingredienti

fate poi soffriggere la cipolla con l’olio, aggiungete le patate e lasciate cuocere il tutto per una decina di minuti e ggiungete la pancetta….. altri dieci minuti ed il sugo sarà pronto.

Nel frattempo fate cuocere la pasta, scolatela …. amalgamate bene il sugo e unite la scamorza….

bd25fde5-1df9-40d9-ba7d-bd4c3d7890a5

e che impiattemento poi !!!

View original post

Un po’ di coccole a Sirmione… per noi e per Atos….

Il Pikaciccio

Dopo questi intensi  mesi di preparativi e tanto lavoro è arrivato finalmente il tempo di riposarsi un po’ ….e risalire sul caro furgoncino ….

Anche Atos il nostro cane non vede l’ora…. dovreste vederlo fare le feste ogni volta che apriamo il portellone anche solo per prendere qualcosa……

Ma noooo il Ciccio però ha preso un altro impegno ….. dobbiamo andare a vedere un campeggio per il prossimo raduno dei furgoncini sul lago di Garda…….

Vabbè poco male ….. siamo vicini a Sirmione …… e una bella passeggiata romantica non ce la toglie nessuno ……. Ciccio non è proprio dell’idea …. ma fa contenta la sua Pika …. ( anche se spera nel traffico e nei parcheggi pieni )…………

Siete mai stati a Sirmione ?

06ca9af1-7c75-4081-b4ca-2bc3acc32a64-1

Sirmione è un piccolo comune del lago di Garda di circa 8000 abitanti il cui centro storico sorge su una penisola che divide il basso…

View original post 475 altre parole

Moco (Lathyrus cicero L.) + ricetta

la cucina chimica

Conoscete la Cicerchia (Latyrus sativus L.)?

Bene, il MOCO è parente strettissimo della cicerchia. Il Moco è tipico della Val Bormida, in Liguria. Esso ha visto un periodo di grande diffusione fino agli inizi del 1900 per poi quasi non essere più piantato. Oggi, grazie a dei progetti di recupero di una associazione slow food, si sta piano piano nuovamente riscoprendo.

Consultate il sito https://www.fondazioneslowfood.com/it/arca-del-gusto-slow-food/moco/ per avere ulteriori informazioni!

Ecco qui, cucinato in maniera semplicissima per apprezzare il suo gusto.

Ricetta?!

Ho tenuto a bagno il moco per 36 ore. Poi l’ho cucinato (circa 1 ora e mezza) con un pò di sedano, carota e prezzemolo.

Semplice, gustoso!

P.s. voglio provare a fare la ribollita con in Moco…che ne dite?! Fatemi sapere!

View original post

Tokyo Express

Spazio libero di lettura

Temo che non salirò mai più su un treno in vita mia. Il giallo che ho appena finito di leggere ha generato in me una vera intolleranza a tutto ciò che si muove su binari: stazioni, capistazione, controllori, orari di arrivo e partenza, vagoni ristorante sono l’argomento principale della storia e l’oggetto privilegiato di una indagine che sembrava

View original post 179 altre parole

I sogni, di Antonino Tudisco

I sogni, di Antonino Tudisco

di Antonino Tudisco

I sogni
I sogni son desideri
per condurre i sentieri
i sogni sono reali per fare
da guida al cuore,i suoi
momenti sogni il folcore
dei presenti,ma un sogno
tace per dirti mi piaci.

I sogni son realta’,cio che
si desidera e ci consola
il tempo e la dimora,
i sogni sono freguenti,non
ti annoi se non ti offendi
ma metti cuore,nel discorso
del tuo domani.

I sogni sono sprecati,se non
li hai vissuti,ma godere della
sua reale realta’ e dire viva
e viva la liberta’,Sogni dolce
speranze del domani,come
la primavera che’ sta’ per
arrivare,e sogni cio che’
credi pensieri o poeti
================TONY

Pubblicata la gara europea per la refezione scolastica nel territorio comunale di Alessandria

Comune

Pubblicata la gara europea per la refezione scolastica nel territorio comunale di Alessandria

In data odierna, l’Amministrazione Comunale ha pubblicato la gara europea per l’affidamento della gestione del servizio di refezione scolastica nel territorio comunale di Alessandria.
La gara — relativa al servizio presso le Scuole dell’infanzia (statali e comunali), le Scuole primarie, le Scuole secondarie di primo grado e gli Asili nido comunali — è riferita al periodo dall’01/09/2018 fino al 31/07/2025 pari a sei anni scolastici e l’importo presunto è di € 29.880.116,76 (Iva esclusa).
Grazie al contributo importante delle Organizzazioni Sindacali — che in mattinata sono state ricevute dal Sindaco della Città, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, dall’Assessore Silvia Straneo (Assessore comunale ai Servizi educativi e scolastici e alla Trasparenza della Pubblica Amministrazione e anticorruzione) e in presenza del Segretario Generale comunale dr.ssa Francesca Ganci e del R.U.P. dr.ssa Orietta Bocchio — si è portato a compimento in maniera ottimale e proficua la procedura amministrativa di gara.
Le osservazioni e richieste presentate dalle Organizzazioni Sindacali sono state accolte, previa verifica da parte degli Uffici competenti circa la compatibilità con la normativa vigente.

SOLEDAD, di Manuel Echegaray

-1

SOLEDAD, di Manuel Echegaray

En la puna solo está el viento como compañero y a veces su canto se siente estremecedor; parece llanto o un grito prolongado: el de quien se sabe solo  para siempre.
Imagen: http://www.silviamarmori.com

MANUEL ECHEGARAY.
BLOGS:
manologo.wordpress.com
eltigredepapel.wordpress.com

SOLEDAD, di Manuel Echegaray
Nel puna c’è solo il vento come compagno e talvolta la sua canzone si sente scioccante; sembra un grido o un urlo prolungato: quello di qualcuno che conosce se stesso per sempre.

Nuovi “VeloOk” installati in città

Il vicesindaco Di Cosmo e il vice commissario Lacerenza con uno dei velo ok installati a San Germano

Nuovi “VeloOk” installati in città

Casale Monferrato: Dopo i positivi riscontri in termini di riduzione delle velocità e di sinistri stradali registrati nelle frazioni di Casale Popolo, Roncaglia e Terranova, il 19 aprile sono stati installati nella frazione di San Germano ed in strada Vecchia Vercelli altri 10 dispositivi “VeloOk” atti al contenimento dell’apparecchiatura per il controllo elettronico della velocità.
Il sistema di box in serie incide sulla psicologia dell’automobilista, inducendolo a rallentare. Tale comportamento, ripetuto nel tempo, si trasforma in abitudine con conseguente calo delle velocità e conseguente aumento della sicurezza reale e percepita, anche in assenza di sanzioni che, in ogni caso, verranno comminate se rilevate dalla strumentazione per il rilevamento elettronico della velocità impiegata a rotazione, all’interno dei box. Continua a leggere “Nuovi “VeloOk” installati in città”

55 vasche

#COMUNICAZIONE

55-Vasche

Mille vite non avranno mai quello che ho vissuto io. Alla fine so che il tempo cancella la memoria, e so che le storie degli uomini passano via. Ma quella scintilla vitale, quell’energia rinvenuta in un giorno difficile a Miami contando le vasche d’una piscina, restano il segno fuori dal tempo che la forza che abbiamo dentro di noi è una risorsa straordinaria per il contrasto alla minaccia potente della morte. Il futuro lo confermerà.

Durante in miei anni da studentessa all’Università degli studi di Torino, il giornalista Mimmo Càndito è stato mio docente di linguaggio giornalistico. Ogni mattina noi studenti entravamo in aula con il desiderio di trovarlo dietro la scrivania pronto a raccontare le sue storie straordinarie di corrispondente di guerra. Non sempre era presente ma col passare dei mesi, capimmo che dovevamo adeguarci ai suoi ritmi e a quelli del suo lavoro che lo mandava in giro…

View original post 797 altre parole

Pensiero s’annebbia, di Marco Bozza

Pensiero s’annebbia, di Marco Bozza

Pensiero

di Marco Bozza

Pensiero s’annebbia
E l’orizzonte vaneggia
A testa in giù
In acque di morte.

Speranza non sussiste
In accoglienza che senza limiti
Dannatamente insiste.

Il mondo gira al contrario
Ma quando la pelle ha poco valore
Ognuno affida alla sola parola
Becero dolore.

Sì continuando
Niuno più sarà sicuro
E il sole in eclissi
In modo permanente
Sarà all’oscuro.

https://www.facebook.com/marco.bozza.5

UN AQUILA DI NOME LORENZO, di Marina Rossi

UN AQUILA DI NOME LORENZO, di Marina Rossi

Un Acquila

di Marina Rossi

Oggi ho bisogno di ricordarti .
Di stare un attimo ad ascoltare L ‘ erba che cresceva
mentre con lei crescemmo .

UN AQUILA DI NOME LORENZO

Nella vita
camminai
corsi
saltai
inciampai
mi rialzai
ma mai seppi volare !

Tu volasti sempre .

Spiegasti ali lucenti
sulla tua solitudine

Raggiungesti il sole
in potenti raggi d ‘ amore .

Nel dolore
vidi sgretolarsi monti e luna e sole .

L ‘ altezza del tuo volo
li oscuró .

Vivere come aquila
Mentre pulcino Sperso
in quegli occhi io ritrovai .

Morire a piccole dosi
e vivere in immensità di UOMO .

Marina Rossi 28.1.2017

Il lampo e il tuono e… di Andrea Patrone

Il lampo e il tuono e… di Andrea Patrone

di Andrea Patrone

Il lampo e il tuono e…

Sono insieme legati, son fratelli non
uguali, vivono lo stesso istante, il
lampo vicino il tuono più distante.
Il lampo attira l’occhio catturandone
lo sguardo, fa luce nella luce e con
la voce muta è in cerca di un cuore
che l’aiuta.
Tu come il lampo leggi le mie ombre,
poi le cancelli ma restano i ricordi
quelli meno belli.
Il tuono è in ritardo, non attira nessun
sguardo, è un suono senza rotta in un
cielo che borbotta e insieme al forte
vento sembra il lamento innamorato
per la donna che lo ha lasciato.
Ho parole come il tuono, le mischio con
la pioggia e con false lacrime le urlo:
“si per me sei, l’unica vera…donna!”

Andrea

Un foglio bianco, di Savino Calabrese

Un foglio bianco, di Savino Calabrese

Un foglio 75947400002_4557759547324514916_n

di Savino Calabrese

Amore, non guardarmi
con gli occhi ma con
l’anima, io non voglio
esistere in nessun
attimo vuoto di te.
Tu sei la luce di
una lucciola nel
mio giorno buio.
Io mi affaccio
alla finestra
solo per sentire
il profumo dei
tuoi passi felpati
Come un gatto
persiano, tu sei
un foglio bianco
dove io scrivo
mille Ti amo.

Savino calabrese.
Un foglio bianco.

Confidenze

Pensieri sparsi

Ci sono confidenze che sono tappeti rossi sul lunghe lastre d’asfalto corroso dal tempo. Sento i bisogni di confidarsi, e li distinguo chiarimenti.

I tappeti rossi coprono e possono far scivolare.

Poi ci sono le confidenze che, invece, li sistemano i buchi nell’asfalto. Che liberano e creano legami involontariamente. Quelle che chiedono di essere ciò che sono. Che non nascono con lo scopo di controllare l’altro. Che sia questo l’amore?

Non ha cosi’ importanza , in fondo, trovare loro un nome. Bastano a loro stesse . Sono un dono.

View original post

La clessidra

Pensieri sparsi

Interessante oggetto la clessidra.
Si svuota e si riempie al contempo.
Tutto quello che riempie poi fugge via .
E lascia un vuoto .
Ogni vuoto crea un pieno e basta rovesciarla che tutto torna a riempirsi , svuotandosi .
Ci sono giornate in cui il tempo sembra non passare mai, in altre fugge.
Ci sono giornate in cui mi sembra di sprecare tempo su cose poco importanti , altre in cui un solo attimo riempie tutto .
E allora ho pensato che forse l’eternità non è saper fermare quel granello che fugge via , ma aver voglia di girare quella clessidra ogni volta. Ancora una volta .
Egoldina-clessidra-a-sabbia un’altra ancora.

View original post

Brez

Pensieri sparsi

L’oscurità va scendendo quasi completamente nella valle. Sulle vicine e melanconiche colline indugia, sotto un banco di nubi , una profondità di cielo color madreperla. Le luci di Brez , pulsando in una conca di quelle colline crepuscolari, esplicano una magia, sebben in realtà, come ben so, il villaggio , una volta arrivata laggiù , non e’ altro che una fila di case di cemento e legno, un distributore , un hotel ” alpino” e una chiesa.1263837202_D-9058-brez-via-don-lorenzoni

View original post