Giornata mondiale dell’autismo, oltre i pregiudizi: le storie di chi fa il conservatorio, lavora nell’hi tech o apre una pizzeria

pizzaut-675

La determinazione di genitori ed educatori riesce a far raggiungere a molti ragazzi traguardi difficili. Pier Carlo Morello è diventato dottore in Scienze umane e pedagogiche. Everis ha appena assunto dieci persone con Asperger o autismo grazie a un progetto nato in Danimarca. Il progetto Atlantide 2 costruirà una rete integrata che accompagni la persona nel passaggio dall’età scolastica a quella adulta

 

C’è chi studia al conservatorio, chi sogna di gestire una pizzeria, chi si è guadagnato un lavoro a tempo indeterminato per un’azienda che si occupa di tecnologia e chi si è laureato superando difficoltà e pregiudizi. Sono ragazzi autistici. Secondo le indagini dell’Isfol (l’Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori) in Italia oggi solo una persona con autismo su 10 ha un impiego e molto dipende dal percorso avviato dalla nascita all’età adulta, dal supporto della famiglia, degli educatori, del sistema assistenziale che ha ancora molte lacune. Alcune storie mostrano come la determinazione di genitori ed educatori speciali riesca a far raggiungere a questi ragazzi traguardi insperati, altre come qualcosa si stia muovendo. Anche nella lenta Italia, dove spesso questi ragazzi sono abbandonati a loro stessi e dove è più facile ricevere una porta in faccia. Continua a leggere “Giornata mondiale dell’autismo, oltre i pregiudizi: le storie di chi fa il conservatorio, lavora nell’hi tech o apre una pizzeria”

DE LUCA A MUSUMECI: “DAGLI ENTI UNA PERNACCHIA AL GOVERNO, RITIRI IL DEFR E CAMBI ROTTA”

musumeci-nello-01 (2)

L’avvio al lavoro di alcune centinaia di persone è bloccato da continue faide fra fazioni politiche. Ho chiesto solo che si ponesse fine a questo gioco al massacro sulla pelle di centinaia di famiglie e che il Governo facesse una chiara scelta per garantire il ripristino della legalità e la discontinuità col passato. Era per me, e l’avevo detto a viso aperto e senza sotterfugi, un banco di prova rispetto alla affidabilità del Governo Musumeci, di cui ho registrato l’imbarazzato silenzio, traendone le conseguenze politiche.”

Messina, 28 marzo 2018 – Con queste parole Cateno De Luca conferma di aver votato contro il DEFR proposto dalla Giunta regionale, che è stato bocciato poco fa dall’Aula di Palazzo dei Normanni con 32 voti favorevoli e 32 voti contrari.

De Luca a Musumeci. “Dagli enti una pernacchia al Governo. Ritiri il DEFR e cambi rotta”

“Senza polemica, credo utile che il Governo ritiri questo documento e lo sintetizzi con una frase di due righe: <>.”Con queste parole caustiche, Cateno De Luca è intervenuto poco fa in Aula a Palazzo dei Normanni nel dibattito sul Documento di Economia e Finanza Regionale.“Abbiamo persino nominato una Commissione di saggi – ha ricordato De Luca – per sentirci dire quello che conoscevamo da tempo, una lista di statistiche trite e ritrite.”“Dal Presidente Musumeci e dall’Assessore Armao mi sarei aspettato piuttosto un documento con un’anima ed una visione. Un documento improntato alla declinazione pratica di come rimettere in sesto la scassata macchina burocratica della Regione, che invece sempre più sembra star prendendo il posto della politica.”Da De Luca sono state poi avanzate alcune proposte operative, legate soprattutto alla gestione del personale sotto diversi aspetti.“Il punto da cui partire è la ricognizione del personale, delle necessità di ogni singolo ente e quindi della riqualificazione e ricollocazione. Solo così potremo evitare che vi siano enti che si apprestano ad aumentare ulteriormente il bacino del personale, aumentando i costi per la Regione senza aver prima verificato se quelle risorse umane siano già presenti e disponibili altrove.” Continua a leggere “DE LUCA A MUSUMECI: “DAGLI ENTI UNA PERNACCHIA AL GOVERNO, RITIRI IL DEFR E CAMBI ROTTA””

I 94 anni di Lidia Menapace, di Lia Tommi

di Lia Tommi, Alessandria

Lidia Menapace è partigiana, politica, saggista.

Nata a Novara il 3 aprile1924, partecipa alla Resistenza come staffetta, ai movimenti per i diritti, è pubblica amministratrice, docente universitaria.

Nel 1964 prima donna eletta nel Consiglio Provinciale di Bolzano e poi prima donna nella Giunta come Assessore alla Sanità.

Nel 1969 è tra i fondatori del Manifesto. Nel 1973 è tra le promotrici del Movimento cristiani per il Socialismo. Nel 2006 viene eletta Senatrice nelle liste di Rifondazione Comunista.

Nel 2011 entra nel Comitato Nazionale ANPI.

È tra le voci più alte e significative della cultura delle donne, del femminismo, dei movimenti della società civile, della nonviolenza.

AUGURI a una grande donna ancora attivissima.

Nuovi orizzonti, di Rosamaria Alagna

29573376_682484815255499_7789855705198602759_n

Nuovi orizzonti, di Rosamaria Alagna

Mi sveglio dal tempo lontano
dai passi incerti che ci separano
e sento crescere l’amore
che a brevissimo ci unira’.
Ad occhi chiusi ti stringerò
assaporando un languido bacio
e il tepore del tuo corpo,
mentre le tue mani
mi accarezzano il viso
sale l’emozione del tuo sguardo
che mi cattura
e trasmette al mio cuore
battiti così forti e dolci sensazioni
di nuovi orizzonti
e mi perdo nei sentieri del tempo.

@ Rosamaria Alagna

Peter e Alice, di Antonella Commendatore

Peter

Peter e Alice, di Antonella Commendatore

Aspetti qualcuno?

Si aspettavo te!
da tutta la vita
e sei come ti ho sempre sognato
come ti ho sempre voluto.

Il mio vecchietto ragazzotto
che mi ha preso il cuore
che ha completato la mia anima
che mi ha fatto diventare donna.

Che mi ha mostrato il mondo
che tenendomi per mano mi ha portato
fuori a conoscere la vita a vedere la luce.

Aspettavo te!
per sentire l’ Amore
per provare i brividi per assaporare
la passione.

I tuoi baci lunghi succosi e profondi
le tue carezze calde e delicate
i tuoi abbracci stretti e forti.

Aspettavo te!
per donarmi completamente
solo a te e per te sarò sempre.

Ti Amo immensamente.

Si! aspetto qualcuno
aspetto te!

@Antonella Commendatore
copyright

Investire su lavoro e imprese, con un massiccio recupero dell’evasione fiscale, di Pier Carlo Lava

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

operai-grattacielo-new-york copia

di Pier Carlo Lava

Negli ultimi vent’anni mentre il mondo stava cambiando con l’avvento sulla scena internazionale di paesi, inizialmente considerati emergenti, come Cina, India, Brasile, ecc. ma ben presto diventati nuovi soggetti economici con i quali confrontarsi, nella vecchia Europa i paesi industrializzati si sono immediatamente adeguati all’evoluzione dei tempi.

In Italia, al contrario, per colpa di politici incapaci di vedere più distante del proprio naso, sono stati trascurati settori chiave come ricerca, scuola, economia, lavoro e patrimonio artistico, tanto per citare i più importanti.

Questa incredibile noncuranza ha determinato l’attuale situazione, alla quale un Governo serio dovrebbe cercare di porre rimedio con interventi per mettere più soldi nelle tasche dei lavoratori e ridurre le tasse per le imprese, iniziative che consentirebbero rilanciare l’economia e l’occupazione.

View original post 407 altre parole

A MARGOT, di Loredana Mariniello

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

A MARGOT, di Loredana Mariniello

Ringrazio la poetessa Loredana Mariniello, per la meravigliosa poesia che ha dedicato a Margot, la mia principessa. Leggendola sono rimasto estasiato è bellissima come lei Margot… , grazie ancora cara Loredana del bel regalo. Pier Carlo Lava

Margot 29496563_1881328685232156_4874135690176102400_n

A MARGOT

Amo la beltà di quel candido manto pezzato,

un tenero morbido vanto di velluto

I tuoi attenti occhi supplicanti

sembrano chiedermi istanti d’infinito,

mentre con fare indipendente e ardito

ti adagi sulle mie gambe

e non emetti lamento,

solo un dolce miagolio simile a un canto,

una magica sinfonia che rincuora il cuore

Io ti carezzerei per ore intere

soltanto per sentire ancora quel rumore

che mi ringrazia e dice a me quanto mi vuoi bene

Fidati del mio affetto, piccola, elegante creatura,

nel tuo sguardo scorgo l’acquamarina

di un mare profondo e sereno,

si cheta l’anima mia quando

come vivaci bimbi giochiamo insieme,

e tu…

View original post 74 altre parole

INTERVISTA TC Alessandria, Di Masi: “I miei cinque anni, ora la Serie B”

20351e87148c6d7eec5a379ef5eaee4b-60112-32a210d47627e72463d4e74ef876549b

Il rilancio dell’Alessandria, presa quando si trovava in Seconda Divisione Lega Pro (l’ex C2) e con l’intenzione di riportarla ai fasti di un tempo. Luca Di Masi è il presidente del club grigio dal 6 febbraio 2013, quando rilevò il 100% delle quote dall’Alessandria Marketing e Comunication. Un viaggio lungo il quinquennio, con l’esperienza incredibile della Tim Cup del 2016 e la stagione scorsa, dove per due volte i grigi arrivarono a un passo dalla Serie B ma a chiudere le porte della cadetteria furono Cremonese e Parma. Più gioie o dolori con l’Alessandria? Lo racconta lui stesso, in esclusiva, ai microfoni di Tuttoc.com.

Presidente Di Masi, è tornata l’Alessandria?
“Eh si. Eravamo troppo brutti per essere veri… La squadra dell’anno scorso non era stata smantellata, ma rinforzata. Qualche errore c’è stato nelle scelte, sicuramente anche mio, ma siamo rimasti in corsa. Adesso i punti arrivano e siamo contenti, ma restiamo con i piedi per terra”.

Dica la verità, a inizio stagione cos’è successo?

“Le scorie dell’anno scorso c’erano ed erano rimaste. Non sono arrivati i risultati e questo non ha aiutato”.

Un inizio che è costato il posto a Stellini (allenatore, ndr) e Sensibile (direttore sportivo, ndr).
“A ottobre-novembre ho deciso di interrompere il rapporto con loro e, da lì in poi, le cose sono andate meglio. I risultati sono arrivati. Secondo me era molto una cosa molto mentale: ci sentivamo un po’ oppressi”. Continua a leggere “INTERVISTA TC Alessandria, Di Masi: “I miei cinque anni, ora la Serie B””

MESSINA. FRANCO TIANO: “STRUTTURE SPORTIVE IN STATO DI ABBANDONO, VEICOLARE I FONDI PER LA RIQUALIFICAZIONE”

Tiano alla scuola calcio

Messina, 29 marzo 2018 – “Come tante altre cose in città, lo sport, per troppo tempo dimenticato da chi ci ha rappresentati, deve tornare a fiorire. Dobbiamo essere in grado di premiare le tante realtà sportive presenti a Messina che con fatica e immeritatamente in silenzio continuano a far crescere i nostri figli, non solo a livello agonistico, ma anche personale e civico”. Lo ha detto Franco Tiano, fautore della lista civica #ScegliMe, a margine di un incontro con la scuola calcio di Giovanni Cirino.“Un’amministrazione responsabile – ha dichiarato Tiano – ha il dovere di intercettare tutte le forme di finanziamento che lo stato e l’Unione europea mettono a disposizione dei comuni al fine di riqualificare le strutture sportive cittadine che da decenni, seppure utilizzate quotidianamente, versano in uno stato di abbandono”.  Continua a leggere “MESSINA. FRANCO TIANO: “STRUTTURE SPORTIVE IN STATO DI ABBANDONO, VEICOLARE I FONDI PER LA RIQUALIFICAZIONE””

CUMULO INPS-CASSE PROFESSIONALI: RAGGIUNTA L’INTESA

inps 0123

Cumulo Inps-Casse professionali: raggiunta l’intesa fra INPS e le prime Casse professionali per sbloccare i pagamenti delle pensioni in cumulo

Roma, 28 marzo 2018 – L’Inps, al fine di evitare penalizzazioni per i lavoratori mobili in ambito pensionistico, nel corso dell’ultimo anno si è molto impegnato sia per trovare un’interpretazione capace di sbloccare l’attuazione della legge sul cumulo, sia per trovare un punto d’incontro con le Casse professionali private al fine di dare attuazione alla legge.Oggi 28 marzo 2018, l’Inps e le casse professionali Inarcassa ed Enpam hanno raggiunto l’accordo su un nuovo testo di convenzione, che è stato già sottoscritto. In linea col testo proposto la scorsa settimana alle Casse dall’Inps, gli oneri sostenuti per le procedure amministrativo-contabili necessarie per l’erogazione delle prestazioni saranno divisi in base alla quota di pensione erogata da ciascun ente. In particolare, il testo rimette a una commissione di esperti, designati pariteticamente dalle parti ed integrati con un componente indicato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed uno indicato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, la determinazione dell’importo da ripartire, fermo restando l’immediato rimborso analitico delle commissioni bancarie sostenute. Continua a leggere “CUMULO INPS-CASSE PROFESSIONALI: RAGGIUNTA L’INTESA”