LE PROPOSTE DI DISCUSSIONE DELLA CISL SUL FUTURO DELL’IPAB LERCARO

LE PROPOSTE DI DISCUSSIONE DELLA CISL SUL FUTURO DELL’IPAB LERCARO

LOgO CISL AL-AT NUOVO - Copia

Partendo dalla volontà di mantenere l’efficienza e sviluppare l’attività della struttura dell’IPAB Lercaro di Ovada, ed evitare in futuro episodi drammatici come quelli recenti del mancato pagamento degli stipendi ai lavoratori, anche se l’amministrazione comunale di Ovada, in merito ai problemi economici e gestionali esistenti, è riuscita per il momento a superare le difficoltà, il non conoscere con certezza il futuro di questa struttura fa temere che situazioni di questo tipo potrebbero ripetersi.

Noi riteniamo che l’IPAB Lercaro possa diventare il punto di riferimento, prevalentemente per i non autosufficienti della zona dell’Ovadese, con la possibilità di offrire altri servizi al territorio, ad esempio per soggetti affetti da alzheimer e la possibilità di gestire i dieci posti letto quando verranno ripristinati per la continuità assistenziale.

Come sono importanti, a nostro avviso, le residenze per anziani autosufficienti, che esistono nei comuni di questa zona e che svolgono un’attività significativa nel mantenimento dell’anziano accanto alla proprie radici, amicizie, abitudini, valori insostituibili per una vecchiaia serena.

Inoltre potrebbe essere sostenibile valorizzare alcuni spazi nell’ex Ospedale San Antonio di Ovada, per ampliare le attività gestite dall’IPAB Lercaro, e per ospitare centri diurni di assistenza, ad esempio per alzheimer o altri servizi utili per tutto il territorio dell’ovadese.

Questo progetto prevede il coinvolgimento di tutti i sindaci dei comuni dell’Ovadese nel sostenere la priorità dell’IPAB Lercaro come punto di riferimento per la non autosufficienza e possibili servizi collaterali, in accordo con la struttura sopra indicata anche in materia di competenze tariffarie per gli assistiti.

La nostra proposta, sostenuta dal concetto di “Comunità Zonale”, è importante nel periodo attuale, dove si assiste ad uno continuo spoglio dei servizi nel territorio ovadese, in primis una continua riduzione dei servizi di trasporto pubblico.

Rafforza la nostra convinzione il fatto che una struttura come l’IPAB Lercaro, con la sua storia di assistenza pubblica, sistemati i problemi economici e organizzativi possa diventare il punto di riferimento rilevante in materia di non autosufficienza per tutto l’ovadese.

Chiediamo pertanto ai sindaci dei comuni della zona dell’Ovadese un approfondimento su questa nostra proposta e un incontro per uno scambio di considerazioni.

Rsp.le CISL ZONA DI OVADA G.B. CAMPORA ISNALDI FP CISL AL-AT CARMEN VECCHIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...