Mostra “Peggy Guggenheim – L’ultima dogaressa” Venezia

In evidenza
René Magritte “L’impero della luce” (1953-1954) Olio su tela, Peggy Guggenheim Collection Venezia  (Foto a cura di Manuela Moschin)

In relazione a questo dipinto magico in cui si uniscono il giorno e la notte Magritte usa le parole “sorpresa” e “incanto”, a cui si aggiunge quel senso di sospensione che emana da una strada deserta dove si scorgono una roccia poliedrica vagamente sinistra e una casa con le persiane chiuse e senza porta, in cui, tuttavia, due finestre sono illuminate. Nonostante questa sensazione di dramma imminente pervada la scena, niente, ovviamente, accade. Tra il 1948 e il 1964 Magritte dipinge almeno diciotto versioni de “L’impero della luce”, e questa è tra le più grandi (Didascalia – Peggy Guggenheim Collection, Venezia)

Segnalazione della mostra “Peggy Guggenheim – L’Ultima dogaressa” 1949: quando l’arte moderna trovò casa a Venezia

“Si è sempre dato per scontato che Venezia è la città ideale per una luna di miele, ma è un grave errore. Venire a Venezia, o semplicemente visitarla, significa innamorarsene e nel cuore non resta più posto per altro”.
Peggy Guggenheim, autobiografia “Una vita per l’arte”. 

 

La mostra è incentrata sulla collezione Peggy Guggenheim del periodo che va dal 1948 al 1979. Il museo ha  reso omaggio ai settant’anni dal trasferimento a Palazzo Venier dei Leoni di Peggy e dalla prima esposizione qui realizzata, oltre a celebrare i quarant’anni dalla sua scomparsa. Fino al 27 gennaio 2020 potremo ammirare sessanta opere circa tra le quali “L’impero della luce” di René Magritte e “Studio per scimpanzè” di Francis Bacon. 

Nella collezione permanente sono presenti artisti come Jackson Pollock, Joan Mirò, Pablo Picasso, Max Ernst, Giacomo Balla, Francis Picabia, Giorgio De Chirico, Marc Chagall, Juan Gris, Lucio Fontana, Alberto Giacometti, Vasily Kandinsky. 

La Collezione Peggy Guggenheim è di proprietà della Fondazione Solomon R Guggenheim che la gestisce insieme al Museo Solomon R. Guggenheim di New York e al Guggenheim Museum Bilbao.

Continua a leggere “Mostra “Peggy Guggenheim – L’ultima dogaressa” Venezia”

La Nisolina – Lu Monferrato: Mostra di PRINTMAKING VERCELLI

La Nisolina – Lu Monferrato: Mostra di PRINTMAKING VERCELLI

Con il patrocinio del Comune di Lu (Al) e della Pro Loco Luese, dall’8 settembre al 13 ottobre 2019, presso lo spazio La Nisolina, Via Mameli 63 – Lu (Al), saranno presentate ai visitatori opere incisorie, stampate su carta a torchio manuale, degli artisti appartenenti al gruppo PRINTMAKING VERCELLI.

Nisolina Locandina 32x45.jpg

Scopo dell’Associazione è diffondere l’arte e la cultura, favorendo gli incontri, lo scambio di idee tra le persone, organizzando tavole rotonde e seminari, avvalendosi, in particolare, della disciplina incisoria, della stampa a torchio manuale e del disegno.

Un’iniziativa intrapresa e sviluppata da Albina Dealessi in collaborazione con Roberto Gianinetti, Direttore Artistico, e Renata Torazzo, Presidente dell’Associazione. Un’occasione di confronto e scambio culturale attraverso tecniche di stampa classiche e contemporanee.

Espongono: Claudia Canavesi, Albina Dealessi, Roberto Gianinetti, Dora Iannotti, Lamin Jatta, Alessia Meglio, Pierangela Orecchia, Giampiero Rosso, Silvana Sabbione, Paolo Seghizzi, Renata Torazzo, Caterina Valentini.

Un pieghevole accompagna i lavori in mostra.

Inaugurazione mostra ore 11 di domenica 8 settembre

Orario mostra dalle 17 alle 20 su appuntamento al 3387507298.

Sede Associazione Printmaking Vercelli, Via Sant’Ugolina 30, Vercelli

e-mail: printmakingvercelli@gmail.com

Facebook: Printmaking Vercelli

“Tra fiaba e antologia” al Caffè Alessandrino, di Lia Tommi

Alessandria: Giovedì 5 settembre 2019 alle ore 18,00 verrà inaugurata presso il

CAFFÈ ALESSANDRINO
Piazza Garibaldi, 39 – Alessandria Tel. 0131-441903, la MOSTRA dal titolo
“TRA FIABA E MITOLOGIA”
di Elsa de LEONARDIS

Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di idee commenta:
“Con la mostra dedicata all’Artista Elsa de LEONARDIS proseguono gli appuntamenti del Progetto ARTE DIFFUSA, eventi dedicati all’Arte presso alcuni locali della nostra Città. Elsa de LEONARDIS frequenta da sempre l’Arte nelle sue varie manifestazioni esprimendosi nella musica, nella recitazione , nella poesia e nella pittura. Nelle sue opere è evidente la padronanza nell’utilizzo del colore. I suoi dipinti ci trasportano, secondo quanto recita il titolo della mostra, in un mondo di immagini fiabesche, altre mitologiche, alle soglie dell’onirico”.

Elsa de LEONARDIS

Nata a Buenos Aires, si è trasferita in Italia nel 1990, ha lavorato come insegnante coltivando contemporaneamente la sua grande passione: la pittura.
È stata scelta per partecipare nell’annuario dei pittori sudamericani per la sua opera ”Donna della campagna”.
Di lei ha detto il Giornale di Novi Ligure “Nei suoi quadri la de Leonardis esprime al meglio la sua padronanza dei colori e le sue qualità evocative, creando in molte opere un’atmosfera fiabesca”. Continua a leggere ““Tra fiaba e antologia” al Caffè Alessandrino, di Lia Tommi”

Garbagna. Dipinti Fiamminghi Doria Pamphilj

Garbagna. Dipinti Fiamminghi Doria Pamphilj

Sala polifunzionale di piazza Doria  1 – 26 Settembre

Dalle collezioni Floridi Doria Pamphilj custodite nella Galleria Doria Pamphilj di Roma – una delle più prestigiose raccolte private italiane di arte antica – arrivano le repliche artigianali dei “Dipinti Fiamminghi Doria Pamphilj”: un progetto che consente la circolazione delle immagini realizzate con fedeltà digitale a partire dagli originali dei Brueghel (Peter il vecchio, Jan il vecchio e Peter il giovane).

mostra Manifesto DORIA  garbagna A3.jpg

Le opere, insieme al “Compianto su Cristo morto con un donatore” di Hans Memling, rappresentano uno straordinario spaccato della pittura fiamminga del XVI e XVII secolo.

La mostra esposta a Garbagna dall’1 al 26 settembre rientra nel programma di appuntamenti culturali della neocostituita Associazione Genius Loci Floridi Doria Pamphilj.

Il progetto si sviluppa dalle Alpi agli Appennini liguri: Stellanello, Camporosso, Isolabona, Dolceacqua, Finale Ligure, Montebruno, San Sebastiano Curone e Ottone sono i borghi che, insieme a Garbagna, hanno aderito al programma dell’Associazione Genius Loci Floridi Doria Pamphilj per la valorizzazione e la promozione del territorio e del patrimonio storico e culturale dei luoghi legati alle famiglie Floridi Doria Pamphilj attraverso l’arte e la musica.

L’ASSOCIAZIONE GENIUS LOCI FLORIDI DORIA PAMPHILJ

L’unione, la valorizzazione e la promozione dei luoghi legati alle famiglie Floridi Doria Pamphilj sul piano storico, culturale e turistico è l’obiettivo della neo-costituita Associazione Genius Loci Floridi Doria Pamphilj. Può essere considerato sito storico Floridi Doria Pamphilj qualsiasi luogo che abbia una storia in comune con quella delle famiglie Floridi, Doria e Pamphilj. Continua a leggere “Garbagna. Dipinti Fiamminghi Doria Pamphilj”

Apertura serale della mostra di Morbelli, di Lia Tommi

Casale Monferrato: Mostra Morbelli: giovedì 29 apertura straordinaria serale con visita guidata

Continua con ottimo riscontro di pubblico la mostra temporanea Angelo Morbelli pittore del Monferrato allestita nella Pinacoteca del Museo Civico (primo piano dell’ex convento di Santa Croce – via Cavour, 5) in occasione del centenario della morte.
A questo artista di primissimo piano nel panorama artistico dell’Ottocento il Museo dedica un’apertura straordinaria serale dell’esposizione, con visita guidata, in programma per giovedì 29 agosto 2019 alle ore 21,15, della durata di circa un’ora. L’attività è proposta dal personale della Cooperativa Solidarietà e Lavoro, gestore dei servizi museali; condurrà la visita Lia Carrer. Non è necessaria la prenotazione.
Ingresso con biglietto speciale ridotto, euro 2,50, gratuito per titolari Abbonamento Musei e tessera Momu Monferrato Musei.
Al bookshop del Museo è disponibile il catalogo della mostra edito da Sagep al prezzo speciale di 15 euro.
Si ricorda che la mostra Angelo Morbelli pittore del Monferrato è aperta negli stessi orari del Museo Civico:
– Giovedì dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 16.30
– Venerdì, sabato, domenica e festivi: dalle ore 10.30 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.30
La mostra chiuderà domenica 29 settembre.
Info: http://www.comune.casale-monferrato.al.it/museo-morbelli

Mostra “Preraffaelliti. Amore e Desiderio” Palazzo Reale Milano

 

Dettaglio – John Everett Millais “Ophelia” (1851-52) Olio su tela, Tate Britain – Londra

Mostra “Preraffaelliti. Amore e Desiderio” Palazzo Reale Milano

A cura di Manuela Moschin

Buongiorno carissimi, oggi desidero parlarvi di una splendida mostra che ho visitato recentemente intitolata “Preraffaelliti. Amore e Desiderio” visitabile fino al 6 ottobre 2019 nel Palazzo Reale di Milano e organizzata in collaborazione con la Tate Britain di Londra.  Le foto riportate sono state scattate nello spazio espositivo del Palazzo Reale.

La mostra risulta una straordinaria occasione per visitare alcune opere della collezione Tate Britain di Londra. L’esposizione ben curata, offre incluso nel prezzo del biglietto anche l’audioguida.

I temi dell’amore, del desiderio e della poetica medievale provenienti dai racconti e dalle poesie entrano in scena in grande stile, visitabile in uno spazio quasi scenografico di forte impatto emotivo.

Con i Preraffaelliti siamo a Londra nel 1848 dove un gruppo di artisti, allo scopo di rinnovare la pittura inglese, crearono la “Pre-Raphaelite Brotherhood” (PRB), la “Confraternita preraffaelita ” dove essi ebbero un approccio più spirituale e naturalistico.

Essi ammiravano la pittura precedente a Raffaello e trasgredivano le regole accademiche:

“Le forme non erano modellate in tonalità digradanti dal chiaro allo scuro, bensì descritte in sfumature pure come nelle pale d’altare medievali o del primo Rinascimento. Le composizioni non sfruttavano le disposizioni prospettiche o piramidali che tutti imparavano nelle scuole d’arte, ma adottavano invece la struttura geometrica a scomparti dell’arte cristiana antica: spazi più o meno profondi collegati tra loro a formare sorprendenti accostamenti.” (Carol Jacobi, La Confraternita dei Preraffaeliti)

I giovani preraffaeliti disprezzavano le tecniche convenzionali insegnate alla Royal Academy, sebbene fu proprio in queste scuole che si formarono i tre protagonisti principali, ovverosia John Everett Millais (1829-1896), William Holman Hunt (1827-1910) e Dante Gabriel Rossetti (1828-1882). Essi rifiutavano le convenzioni del Rinascimento, prediligendo invece l’arte medievale. Questi giovani artisti erano dei realisti interessati a rappresentare la realtà come essa era, ponendo una particolare attenzione ai dettagli attraverso una cura lenticolare. La geologia e la botanica venivano rappresentate con minuzia, e dipingevano peraltro anche all’aperto.

Continua a leggere “Mostra “Preraffaelliti. Amore e Desiderio” Palazzo Reale Milano”

Momenti di cultura. Serata di pittura, poesia e musica a Borgoratto (Alessandria). Articolo a cura di Maurizio Coscia (Sargon)

In occasione del vernissage della Personale dell’Artista Giovanni Massolo, “Colline”, mostra visitabile a Borgoratto Alessandrino, presso l’ex asilo Colombo, dal 16 al 18 agosto 2019, nel seguente orario: dalle ore 19:00 alle 23:00, si è svolta una serata di poesia e musica con le letture di Anna Gatto, Fabio Gagliardi, Jerry Melucci, Giampiero Nani e la performance musicale di Paolo Frola e Paolo Tomalino. Di seguito, accludo immagini dell’evento.

Orari estivi della mostra ‘Uomo Virtuale. Corpo, Mente, Cyborg’ fino al 13 ottobre al Mastio della Cittadella

Orari estivi della mostra ‘Uomo Virtuale. Corpo, Mente, Cyborg’ fino al 13 ottobre al Mastio della Cittadella

http://www.torinoclick.it

Prova a guardare il video su www.youtube.com oppure attiva JavaScript se è disabilitato nel browser.

L’uomo come non l’avete mai visto. Scomposto, analizzato, studiato, e ricostruito grazie a occhi tecnologici, inquadrature virtuali e protesi bioniche che compongono un corpo nuovo. Questa è ‘Uomo Virtuale. Corpo, Mente, Cyborg’, la mostra di divulgazione scientifica dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare allestita al Mastio della Cittadella di Torino (via Cernaia ang. corso Galileo Ferraris, Torino) fino al 13 ottobre 2019.

Il nostro corpo è un mondo straordinario, un universo segreto, che abbiamo esplorato, fin dagli albori della scienza, come gli spazi cosmici più remoti o il nucleo infinitamente piccolo della materia. Dall’inizio del secolo scorso, con la scoperta dei raggi X e della radioattività, e poi con l’invenzione di tecnologie sempre più potenti e precise, come la tomografia computerizzata, l’ecografia, la risonanza magnetica, la PET, la ricerca scientifica ha completamente rivoluzionato la nostra conoscenza dei processi vitali e dell’intima struttura del nostro corpo. Continua a leggere “Orari estivi della mostra ‘Uomo Virtuale. Corpo, Mente, Cyborg’ fino al 13 ottobre al Mastio della Cittadella”

Museo Gambarina Alessandria: Apertura agosto e mostra

Museo Gambarina: Apertura agosto e mostra

Museo Gambarina

Alessandria today: Il Museo della Gambarina rimarrà aperto tutto il mese di agosto. Il giorno di Ferragosto sarà aperto con il seguente orario: dalle 16:00 alle 19:00.

Inoltre, proseguirà fino al 31 agosto la mostra “Tappi al Museo”, una curiosa esposizione di tappi a corona per bottiglie di birre e bevande varie, capsule di bottiglie per spumanti e champagne. La mostra è a cura del signor Gianni Cestino.

Prestate sette opere per la mostra “Pietro Morando”

Prestate sette opere per la mostra “Pietro Morando”

Un viandante tra Giotto e Francesco al Castello di Monastero Bormida

pietro-morando_maternitacc80

L’Amministrazione Comunale di Alessandria comunica che – tramite il proprio Assessorato alla Cultura – ha collaborato alla realizzazione della mostra “Pietro Morando. Un viandante tra Giotto e Francesco” con il prestito di sette opere dell’artista di proprietà civica.

Si tratta delle seguenti opere: “La colazione”, “Maternità”, “Mercato Boario – Piazza Carducci”,
“La prima stella (Idillio)”, “Ritratto di uomo anziano”, “Ritratto di donna” e “L’emigrante”.

L’esposizione – organizzata dall’Associazione culturale “Museo del Monastero” del Comune di Monastero Bormida, a cura di Rino Tacchella e Mauro Galli – è stata inaugurata sabato 1° giugno alle ore 17.00 all’interno del Castello di Monastero Bormida (AT).

La mostra, che si avvale anche del Patrocinio del Comune di Alessandria, intende valorizzare la figura del pittore alessandrino Pietro Morando ripercorrendo il suo variegato itinerario pittorico che può essere ripartito in due momenti: una prima fase di ricerca espressiva e una seconda fase in cui l’artista individua un suo singolare stile pittorico.

Orari d’apertura della mostra nel Castello di Monastero Bormida:

sabato 16.00/20.00

domenica 10.00/13.00 – 16.00/20.00

“PIETRO MORANDO. UN VIANDANTE TRA GIOTTO E FRANCESCO”: MOSTRA ANTOLOGICA A MONASTERO BORMIDA di Bruno Volpi

La mostra “Pietro Morando. Un viandante tra Giotto e Francesco”, visitabile fino all’11 agosto presso il castello di Monastero Bormida, offre un’occasione speciale per una visita al piccolo borgo al confine tra l’acquese e il basso astigiano.

Allestita presso le sale del piano superiore del castello, l’esposizione raccoglie più di 100 opere del pittore alessandrino, per la maggior parte olii su tela o lavori a tecnica mista, a cui si aggiunge una selezione di disegni.

La mostra, curata da Rino Tacchella e Mauro Galli, presenta un excursus completo della carriera artistica di Morando, a partire dagli esordi divisionisti sulla scia dei maestri alessandrini Morbelli e Pellizza, per passare poi alle opere del periodo della guerra e le successive tele ispirate dalla pittura dell’amico Carlo Carrà e di Felice Casorati, che chiudono la sezione esposta nel primo salone.

 

La seconda sala presenta un Morando che ha già maturato una propria capacità espressiva; uno stile essenziale, ma al contempo, di grande effetto, fatto tutto di spigoli vivi e linee rette, dove predominano i temi sociali: i poveri e gli emarginati, i mendicanti, contadini e pastori.

Sono esposte anche nature morte, paesaggi e rappresentazioni dei luoghi più significativi di Alessandria. Conclude il percorso una serie di disegni a carboncino, alcuni dei quali dedicati a soggetti di guerra. Continua a leggere ““PIETRO MORANDO. UN VIANDANTE TRA GIOTTO E FRANCESCO”: MOSTRA ANTOLOGICA A MONASTERO BORMIDA di Bruno Volpi”

“PRERAFFAELLITI,AMORE E DESIDERIO”, di Silvia De Angelis

Preraffaelliti

Una notevole rassegna d’opere d’arte, di fine Ottocento, si svolge nel Palazzo Reale a Milano,  fino al 16 ottobre, in cui troviamo ottanta capolavori dei Preraffaelliti provenienti dalla Tate Britain di Londra.

Opere  uniche, intinte  nella letteratura e storia dell’Inghilterra : la Mostra “PreraffaellitiAmore e desiderio” è inerente a un periodo di grandi cambiamenti, che nel mondo ha fatto nascere un’importante Associazione, alla fine dell’Ottocento.

L’allestimento della Mostra è stato concepito in modo semplice, con sale scarsamente illuminate, che evidenziano specificatamente, l’abilità degli artisti Preraffaelliti.

A Palazzo Reale, per l’evento “ Preraffaelliti Amore e Desiderio”, sono giunte ottanta opere, che esposte in sale tematiche intendono far  notare, al visitatore, gli obiettivi e gli scopi di quel movimento, gli stili dei vari artisti, la preziosità dell’elemento grafico e lo spirito di grande collaborazione, nelle forme artistiche del periodo storico.

I Preraffaelliti hanno questa definizione, perché si riferiscono all’arte esistita prima di Raffaello Sanzio, il pittore che secondo alcuni ha peccato di accademismo e  idealizzazione dei soggetti.

Invece questi nuovi artisti preferiscono ispirarsi ai costumi d’un passato fantastico e malinconico, ove  il soggetto dell’opera  è quello biblico, letterario, fiabesco, storico e sociale.

C’è chi sostiene che le tele dei Preraffaelliti siano troppo sofisticate, ma non si può negare che le stesse siano davvero aggraziate e contengano una perfezione di riproduzione che meraviglia chi le osserva. Colori delicati, immagini elaborate, ispirate all’arte neoromantica, volte a evidenziare soggetti femminili, sensuali ed eleganti. Non mancano, comunque, nelle loro opere, riferimenti a problemi sociali.

I dipinti più noti esposti nella mostra sono decisamente : “Ophelia” di John Everett Millais  e “The lady  of Shalott” di John William Waterhouse, opere che racchiudono un particolare fascino.

Ophelia  è la sfortunata protagonista riportata nell’Amleto di Shakespeare. Sul dipinto  è rappresentata da una meravigliosa ragazza, dai lineamenti perfetti. Il volto sembra quasi un ritratto fotografico e i particolari del vestito fanno comprendere quanto la tecnica per i dettagli acquistasse, all’epoca,  notevole valore per questa corrente pittorica.                                      ofelia-preraffaelliti-circolo-torino-arte-1

“The lady of Shalot” ritrae un’altra donna sfortunata, che innamorata follemente, proprio a causa di questo amore, perde la vita. L’autore in questo dipinto rappresenta l’attimo in cui la donna , Elaine, va incontro al suo destino.  Nel quadro la ragazza appare, quasi stoicamente consapevole, e già vestita, come se dovesse dirigersi verso un’altra dimensione.                                        the lady of shalot

La Mostra “Preraffaelliti Amore e Desiderio” a Palazzo Reale di Milano è aperta fino al 6  Ottobre 2019 e il biglietto costa 14 euro.         

Torna ad Alessandria il pittore del nuovo astrattismo italiano ANTONIO SAPORITO con una personale a Palazzo Cuttica

Torna ad Alessandria il pittore del nuovo astrattismo italiano ANTONIO SAPORITO con una personale a Palazzo Cuttica

Una trentina di opere legate dal filo comune dell’”Astrattismo Geometrico Spaziale” in esposizione dal 4 luglio al 4 agosto 2019 nelle sale di Palazzo Cuttica.

saporito.jpg

E’ con questa mostra personale che Antonio Saporito torna nuovamente ad Alessandria, questa volta per raccontare, attraverso i suoi lavori, una vita dedicata all’arte e alla ricerca di forme espressive diverse, per far scoprire al pubblico, l’astrattismo spaziale.

Autore della scultura spazialista “Il Pianeta Marte” messa a disposizione della Città di Alessandria dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, lo scorso novembre, in occasione delle celebrazioni per l’850° anniversario fondativo della Città (1168-2018), opera che ha aggiunto valore alla vista d’insieme del Ponte Meier, Antonio Saporito, classe 1940, non finisce mai di stupire per il suo linguaggio visuale di forme, colori e linee, il cui scopo è creare composizioni che possano esistere con indipendenza dalle comuni referenze visuali.

L’iniziativa è stata realizzata da CulturAle ASM Costruire Insieme e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Alessandria, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ed il patrocinio della Regione Piemonte.

Giovedì 4 luglio, alle ore 18, avrà luogo la cerimonia inaugurale, alla presenza del Vice Sindaco di Alessandria Davide Buzzi Langhi, dell’Assessore comunale alle Manifestazioni ed Eventi Cherima Fteita, del Presidente di CulturAle Cristina Antoni, dello stesso Maestro Saporito  e del critico d’arte Giorgia Cassini.

La mostra resterà aperta fino al 4 agosto, e visitabile dal pubblico ogni sabato e domenica dalle ore 15 alle 19.

Biografia del pittore

Antonio Saporito, artista italiano contemporaneo, nasce a Rocchetta Sant’Antonio in provincia di Foggia, nel 1940.

IL PERIODO FIGURATIVO

La sua prima formazione artistica è influenzata dall’arte figurativa moderna e contemporanea degli anni 60. In modo particolare, le opere del periodo figurativo, traggono spunto dall’arte di alcuni artisti famosi in quegli anni: Ennio Morlotti, importante esponente dell’arte figurativa italiana e del panorama culturale del ‘900, Franco Rognoni artista indipendente del ‘900 italiano, Ennio Calabria importante esponente del figurativismo europeo, Ugo Nespolo e le influenze della pop art americana e i maestri dell’arte povera italiana. Continua a leggere “Torna ad Alessandria il pittore del nuovo astrattismo italiano ANTONIO SAPORITO con una personale a Palazzo Cuttica”

La Nisolina di Lu (AL) espone le opere di Ewa Wojtyniak-Debinska e Piotr Debinski

La Nisolina di Lu (AL) espone le opere di Ewa Wojtyniak-Debinska e Piotr Debinski

Con il patrocinio del Comune di Lu (Al) e della Pro Loco Luese, dal 2 al 22 luglio 2019 presso gli spazi de La Nisolina, Via Mameli,63 Lu (Al), saranno esposte opere di Ewa Wojtyniak-Debinska e Piotr Debinski. Un’iniziativa sviluppata da Albina Dealessi e Silvio Pozzati per un’occasione di confronto e scambio culturale.

Nis EWA POSTER_ITA_LA NISOLINA_2019 (1)nis PIOTR POSTER LA NISOLINA_2019

Ewa Wojtyniak-Debinska è professore all’Accademia di Belle Arti di Łódź. È un’artista attiva nella disciplina della grafica artistica, della fotografia e del disegno. Ha avuto pubblicazione di testi critici nella stampa professionale, presente nei cataloghi delle case editrici, mostre personali e collettive. Durante la mostra “NATURA – ALBERI” verranno presentate grafiche raffiguranti diverse immagini dell’albero. L’artista ha cercato di catturare la natura dell’albero per molti anni e pertanto ha un carattere soggettivo. Nei lavori vengono utilizzati sia elementi disegnati a mano sia forme che hanno la loro fonte nella fotografia

Piotr Debinski ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Łódź presso il Dipartimento di Grafica. Si è specializzato in fotografia e grafica. Autore di numerose esposizioni individuali. Ha partecipato a molte mostre collettive in Polonia e all’estero. Il titolo della mostra è “TREMOLO”. Il termine richiama alcuni suoni opposti e vibranti che creano un’armonia comune. Ricorda il musical, lo sviluppo delle vicende sul palcoscenico teatrale e rimanda all’atmosfera delle immagini presentate, come fotografie di messa in scena

Inaugurazione della mostra martedì 2 luglio alle ore 18 Orario mostra dalle 10 alle 20 su appuntamento al n 3387507298 tutti i giorni. Chiusa al lunedi

La Nisolina Via Mameli, 63 15040 Lu (Al)

Fabio Semino. Mostra del pittore tortonese Cesare Saccaggi a Garbagna

Fabio Semino. Mostra del pittore tortonese Cesare Saccaggi a Garbagna

Sta per iniziare il secondo fine settimana di apertura della mostra allestita a Garbagna con le 13 opere del pittore tortonese Cesare Saccaggi di proprietà della Fondazione C.R. Tortona.

Garb Saccaggi 150+1Garb Mostra Saccaggi 150 + 1 (1)

Visitabile fino a domenica 7 luglio, la mostra “Saccaggi centocinquanta + uno. Opere della collezione della Fondazione C.R. Tortona” è aperta sabato 29 e domenica 30 giugno dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 16 alle 19, anche questa settimana, per la seconda volta consecutiva, con una apertura serale straordinaria.

Visto il successo di visitatori avuto lo scorso sabato sera con la notte romantica, anche per questo sabato è prevista l’apertura dalle 21 a mezzanotte.

Le opere esposte nella mostra Saccaggi centocinquanta + uno che si è aperta a Garbagna venerdì scorso – afferma la curatrice Manuela Bonadeo – sono una delle possibili sintesi,  di qualità, di un percorso tanto articolato: due capolavori, «Sansone deriso dai filistei» del 1891 e «La vetta» del 1912 aprono il percorso con gli anni della formazione e la stagione simbolista. E racchiudono le sezioni dei ritratti e dei paesaggi, due generi attraversati con felicità espressiva e con successo critico da Saccaggi. Continua a leggere “Fabio Semino. Mostra del pittore tortonese Cesare Saccaggi a Garbagna”

GARBAGNA: INAUGURATA IERI LA MOSTRA “SACCAGGI CENTOCINQUANTA + UNO”, di Bruno Volpi

Alla presenza del Sindaco, Fabio Semino, e del Presidente della Fondazione della Cassa di Risparmio di Tortona, Dante Davio, si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri, nello spazio eventi antistante la sala polifunzionale di Garbagna, la cerimonia di inaugurazione della mostra “Saccaggi centocinquanta + uno”, che presenta tredici importanti opere del pittore tortonese, tutte provenienti dalle raccolte della Fondazione CRT.

La mostra, frutto della collaborazione tra il Comune di Garbagna e la Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, viaggia sull’onda del successo della mostra «Da Pellizza a Cuniolo. Visioni di paesaggio», che, come è stato sottolineato dal sindaco Semino nel saluto introduttivo, lo scorso anno aveva portato a Garbagna un migliaio di visitatori in tre fine settimana. Curatrice dell’evento 2019 è la Prof.ssa Manuela Bonadeo, con la collaborazione del Prof. Mauro Galli, annoverato come massimo conoscitore di Cesare Saccaggi e del suo percorso artistico.

Il Prof. Galli ha ripercorso, a beneficio del numeroso pubblico presente, i diversi momenti della carriera di Saccaggi, sottolineandone l’intrecciarsi frequente con quella di Giuseppe Pellizza, suo coetaneo.

Un’enfasi particolare è stata dedicata alla presentazione dei principali capolavori esposti a Garbagna, ad iniziare da Sansone deriso dai Filistei, opera con cui, nel 1891, Saccaggi partecipò al Concorso per il Pensionato artistico nazionale, organizzato dall’Accademia Albertina di Torino, fino a giungere a La vetta del 1912, autentico capolavoro simbolista presentato alla Biennale di Venezia.

Nel percorso anche opere di dimensioni più ridotte, ma comunque di grande pregio, organizzate in due sezioni, una dedicata al ritratto e l’altra al paesaggio.

Tra i ritratti, incantevole sia nel soggetto che nella tecnica pittorica l’opera Nostalgia, come altrettanto deliziosa appare la Bimba con il soffione. Tra i paesaggi da sottolineare alcuni scenari alpini, tra cui un paesaggio di Alagna che rimanda a temi cari a Fornara e ai pittori vigezzini.

Come è stato sottolineato dalla curatrice Bonadeo, la mostra rappresenta un doveroso omaggio all’autore tortonese, forse non adeguatamente ricordato lo scorso anno, nel 150 anniversario della nascita. Anche da questo nasce l’originale titolo dell’esposizione ospitata nel suggestivo borgo della Val Grue, che rientra a pieno titolo tra i “Borghi più belli d’Italia”.

La mostra “Saccaggi centocinquanta + uno” è visitabile nella Sala Polifunzionale in Piazza Doria a Garbagna (AL) fino al 7 luglio 2019, il sabato e la domenica 10.30/12.30 e 16/19.

Questa sera, in occasione della “Notte Romantica” la mostra resterà aperta fino alle 24.

Fabio SEMINO: Garbagna inaugura la mostra di Cesare Saccaggi, un protagonista della pittura italiana tra Otto e Novecento

Fabio SEMINO: Garbagna inaugura la mostra di Cesare Saccaggi, un protagonista della pittura italiana tra Otto e Novecento

Si inaugura a Garbagna il prossimo 21 giugno una mostra dedicata a Cesare Saccaggi, tonese e protagonista della pittura italiana tra Otto e Novecento. Frutto della collaborazione tra il Comune di Garbagna e la Fondazione CR Tortona, la mostra nasce con l’auspicio di replicare il successo dell’esposizione Da Pellizza a Cuniolo. Visioni di paesaggio, che la scorsa estate aveva portato a Garbagna un migliaio di visitatori in tre fine settimana.

Saccaggi-150+1-A4.jpg

E con un duplice intento: esporre al pubblico opere non più visibili nella pinacoteca della Fondazione e fare memoria di un anniversario importante. Perché Saccaggi, nato nel 1868, l’anno scorso compiva 150 anni. Ma gli anniversari hanno eco lunga: quindi Cesare Saccaggi centocinquanta più uno, occasione felice per ritrovare opere di grande qualità come La vetta o Sansone alla macina, come i paesaggi e i ritratti.

La Fondazione conserva un’antologia di dipinti che consente di ripercorrere, per esempi di qualità, l’iter pittorico di Saccaggi tra opere simboliste, ritratti dal vero, paesaggi e scene storiche.

La vetta, 1912.jpg

La mostra è curata da Manuela Bonadeo in collaborazione con Mauro Galli, è accompagnata da un piccolo e gustoso catalogo e sarà visitabile a Garbagna, presso la Sala Polifunzionale di piazza Doria, dal 21 giugno al 7 luglio (sabato e domenica 10.30 – 12.30; 16.00 – 19.00; per visite in altri orari o informazioni 0131 877645).

L’inaugurazione sarà venerdì 21 giugno alle ore 18.ù

Fabio Semino, Sindaco di Garbagna

Monastero B.da: sabato 1 giugno si inaugura la mostra dedicata a Pietro Morando

Monastero B.da: sabato 1 giugno si inaugura la mostra dedicata a Pietro Morando

da: https://www.settimanalelancora.it

1

Monastero Bormida. Sabato 1 giugno alle ore 17, presso il castello medioevale di Monastero Bormida, si terrà l’inaugurazione della antologica dedicata al grande pittore alessandrino Pietro Morando, nel quarantennale della scomparsa.

Sono oltre 100 le opere di Morando – a cui si aggiunge una selezione di disegni – esposte nei due grandi saloni al secondo piano del castello. Un percorso completo che ha come punto di partenza gli esordi divisionisti sulla scia dei maestri alessandrini Morbelli e Pellizza, a cui lo legavano l’interesse per gli umili e i diseredati, e prosegue con le drammatiche, talvolta tragiche, immagini dei suoi disegni di guerra combattuta in trincea e della sua detenzione nel campo di concentramento ungherese di Negimegier. La mostra presenta in seguito le opere del primo dopoguerra quan¬do, dopo una breve fase futurista, Morando aderì al clima del “ritorno all’ordine” entrando in dialettica con le opere dell’amico Carrà […]

Morando 2

La mostra resterà aperta fino all’11 agosto il sabato dalle ore 16 alle 20, la domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16 alle 20, oltre a visite per gruppi durante la settimana, da prenotare alle mail: info@comunemonastero.at.it e museodelmonastero@gmail.com.

Il capolavoro “Sul Fienile” di Giuseppe Pellizza torna in mostra nel suo studio di Volpedo

Il capolavoro “Sul Fienile” di Giuseppe Pellizza torna in mostra nel suo studio di Volpedo

Scritto da http://artemagazine.it/

Dal 2 al 30 giugno 2019, nello studio del pittore, donato dalle figlie al Comune di Volpedo e aperto al pubblico grazie alla Associazione Pellizza da Volpedo onlus, viene esposta una delle più importanti opere divisioniste in collezione privata dell’artista

Pellizza

Giuseppe Pellizza da Volpedo, “Sul fienile”, olio su tela, 133×243,5 cm. Collezione privata

ALESSANDRIA – Torna nel luogo dove fu concepita e dipinta da Giuseppe Pellizza la tela “Sul fienile”, dopo essere stata riportata al suo originale splendore grazie a un attento intervento di restauro e inserita nella sua  cornice originale. 

La mostra, curata da Aurora Scotti,  studiosa dell’opera di Pellizza e autrice del Catalogo generale del pittore alessandrino, e dall’Associazione Pellizza da Volpedo, è organizzata dalle Gallerie Maspes di Milano, col patrocinio del Comune di Volpedo.

Giuseppe Pellizza rimase semprelegato a Volpedo e alla natura circostante, punto di partenza per l’elaborazione della maggior parte delle sue opere.  Continua a leggere “Il capolavoro “Sul Fienile” di Giuseppe Pellizza torna in mostra nel suo studio di Volpedo”

Prestate sette opere per la mostra “Pietro Morando”

Prestate sette opere per la mostra “Pietro Morando”

Un viandante tra Giotto e Francesco al Castello di Monastero Bormida

L’Amministrazione Comunale di Alessandria comunica che – tramite il proprio Assessorato alla Cultura – ha collaborato alla realizzazione della mostra “Pietro Morando. Un viandante tra Giotto e Francesco” con il prestito di sette opere dell’artista di proprietà civica.

Pietro Morando_Maternità.jpg

Si tratta delle seguenti opere: “La colazione”, “Maternità”, “Mercato Boario – Piazza Carducci”,
“La prima stella (Idillio)”, “Ritratto di uomo anziano”, “Ritratto di donna” e “L’emigrante”.

L’esposizione – organizzata dall’Associazione culturale “Museo del Monastero” del Comune di Monastero Bormida, a cura di Rino Tacchella e Mauro Galli – sarà inaugurata sabato 1° giugno alle ore 17.00 all’interno del Castello di Monastero Bormida (AT). Continua a leggere “Prestate sette opere per la mostra “Pietro Morando””

Immagini oniriche dentro i colori Paolo Bonetto in mostra al Castello

Immagini oniriche dentro i colori Paolo Bonetto in mostra al Castello

Paolo locandina A4 Casale.jpg

Casale Monferrato: Venerdì 31 maggio alle ore 10 inaugurerà nella Manica Lunga del Castello del Monferrato la mostra personale di Paolo Bonetto “Immagini oniriche dentro i colori”.

L’esposizione sarà visitabile gratuitamente il venerdì, il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 fino al 9 giugno.

Paolo Bonetto è nato a Lissone (MI) nel 1949 dove vive e lavora. Nel 1970 inizia la sua attività di pittore professionista. Consegue numerosi riconoscimenti nell’ambito delle arti figurative ottenendo premi di importanza nazionale. Diversi critici e riviste specializzate si sono espressi positivamente sul valore artistico delle sue opere. Molti dipinti figurano in ambiti museali e collezioni civiche oltre che in luoghi adibiti a culto religioso. Diverse opere sono altresì presenti in numerosissime collezioni private in Italia e all’estero.

Dice di lui il critico Giorgio Seveso: «…nella sua opera ormai pluridecennale, Bonetto ha messo a fuoco una declinazione plastica e soprattutto poetica fatta di un irripetibile equilibrio tra figuratività, simbolismi e valenze fortemente liriche di suggestioni poetiche ben pronunciate, capaci di definire le sponde di una espressività che non ha bisogno di racconti o descrizioni puntuali per dire le proprie ragioni, il proprio messaggio…[…]…ma che siano stanze brulicanti o figure misteriose, evocazioni esotiche o composite nostalgie del ricordo, queste immagini sono soprattutto una sorta di vasta scenografia dell’anima, per un verso incastonate tutte in una sorta di affascinante palcoscenico degli incantesimi come le tessere coloratissime di un mosaico, nell’intrigante rebus di uno spazio-tempo senza confini né gravità, senza le “logiche” alle quali la nostra mente si è ormai impigrita. Mentre, per un altro verso, mostrano un tessuto connettivo tra tutti gli elementi del dipinto che appare di natura quasi epica, percorso da una sommessa energia fervidamente monumentale…».

Museo Etnografico “Gambarina” mostra della pittrice monferrina Nadia Beltramo Valentini

Museo Etnografico “Gambarina” mostra della pittrice monferrina Nadia Beltramo Valentini

Alessandria: Sabato 1 giugno alle 16.30, presso il Museo Etnografico “Gambarina” di Alessandria, in piazza della Gambarina n°1, si inaugura la Mostra personale della pittrice monferrina Nadia Beltramo, dal titolo “Vibrazioni”, presentata dal critico d’arte Piergiorgio Panelli.

53905733_1284077435073726_3992103124457226240_n

Le opere dell’autrice attingono all’anima concettuale e tecnica dell’Impressionismo, per poi trovare una cifra cromatica e stilistica personale e contemporanea, usando unicamente le dita come pennelli e unendo ad essi la poesia, divenendone parte integrante.

Dipinti che raccontano di mondi e paesaggi solo apparentemente lontani, ma che in realtà possiamo ritrovarli dentro noi stessi, invitando ad andare oltre le apparenze, i giudizi e i limiti della mente razionale, alla scoperta della vasta ricchezza del Cuore, in un viaggio interiore affascinante e pieno di sorprese. La Mostra proseguirà fino al 23 giugno, con i seguenti orari: lun-sab 9/12.30 e 15.30/19; domenica 15.30/19. Per informazioni 013140030 oppure 3393455276. Ingresso libero.

https://www.facebook.com/events/321208368527037/

Mostra ‘Materiale Immateriale’, di Maura Mantellino

A Roma con la mostra “Materiale Immateriale” sarà inaugurata oggi, 24 maggio, la “Navicella sospesa”, la nuova struttura progettata dallo studio di architettura Spazi Multipli che corona la sede all’EUR della Enterprise, società di produzione di software per il settore finanziario.

La mostra, a cura di Melania Rossi, presenta opere di undici artisti «scelte per suggerire e richiamare – spiega la curatrice – le attività che si svolgono all’interno di Enterprise: la gestione di dati immateriali che hanno un’importantissima funzione sociale oltre che finanziaria; la costruzione e il perfezionamento di un sistema di valori che è oggi il veicolo con cui società, paesi e organizzazioni mondiali si muovono e interagiscono; il traffico di dati sensibili ma “invisibili”, che si trasforma in movimenti e accadimenti concreti e tangibili. Enterprise è un luogo che incarna l’idea di flusso immateriale che ha ormai oggi un peso reale». 

Al Museo della Gambarina una mostra per celebrare il Circuito Bordino

Al Museo della Gambarina una mostra per celebrare il Circuito Bordino

Schermata 2019-05-21 a 17.30.04.png

Alessandria: Il Museo Etnografico della Gambarina ospiterà una mostra fotografica d’eccezione: saranno esposte una serie di fotografie inedite per ricordare il Circuito Città di Alessandria alias Circuito Bordino.

Abello locandina

Le immagini rappresentano una serie di momenti che vanno dal 1924 al 1934, decennio in cui si svolse questa importantissima competizione automobilistica, annoverata tra le più importanti dell’epoca.

Le istantanee raffigurano le autovetture, protagoniste nei vari anni della competizione; i piloti, tra i più importanti e conosciuti del periodo; i luoghi e i punti d’interesse attraversati dal Circuito.

Si tratta di un vero e proprio salto nel passato amplificato dall’atmosfera unica che si vive in una realtà importante per Alessandria: il Museo Etnografico “C’era una Volta”. Un ambiente caratteristico, che fa rivivere il vissuto della società contadina della nostra città tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento: una cornice perfetta per ospitare la rassegna fotografica.

Sarà possibile anche ammirare l’esposizione di alcuni lavori realizzati dai bambini per il concorso “Bordino per le scuole”, che quest’anno è giunto  alla quarta edizione e le immagini più significative delle scorse edizioni del GP Bordino. Continua a leggere “Al Museo della Gambarina una mostra per celebrare il Circuito Bordino”

Rosso Ciliegia, nel cuore del colore, mostra d’arte contemporanea

Rosso Ciliegia, nel cuore del colore, mostra d’arte contemporanea

59622460_842009529509269_1859470592898498560_n.jpg

Cereseto mostra d’arte contemporanea “Rosso Ciliegia”, nel cuore del colore, dal 11 al 19 maggio 2019 presso la Biblioteca Civica in via Roma 32, Cereseto.

In mostra: Franco Balla, Marco Briolini, Iris Devasini, Stefania Dolce.

A cura di Nadia Beltramo, inaugurazione sabato 11 maggio alle ore 16.00, con la presentazione del critico d’arte Piergiorgio Panelli.

Seguirà rinfresco con degustazione del cocktail alla ciliegia “Cherry joy”, della premiata barmaid Tessa Carrettoni.

Occimiano Eventi: MOSTRA TEATRI IMMAGINARI

Occimiano Eventi: MOSTRA TEATRI IMMAGINARI

56605002_330929957593742_8951503330027241472_n.jpg

MOSTRA TEATRI IMMAGINARI
Fotografie di Diego D’Alessandro

Villa Marchesi da Passano-Occimiano (Al)

Inaugurazione giovedì 25 aprile ore 11.00

La mostra avrà i seguenti giorni e orari di apertura :

giovedì 25 aprile 15.00 /18.00
sabato 27, domenica 28 aprile 10.00/12.00 e 15.00/18.00
mercoledì 01 maggio 10.00/12.00 e 15.00/18.00 e terminerà sabato 4 maggio!
Per visite in orari diversi contattare il 328 8825387

La mostra “La Gazzetta del Popolo”, sedi e orari

La mostra “La Gazzetta del Popolo”, sedi e orari

Aperta ieri, 18 aprile, la mostra “Gazzetta del Popolo, 135 anni tra storia, giornalismo e cultura” nelle tre diverse sedi, al Polo del ‘900, al Museo del Risorgimento e a Palazzo Lascaris.

logo_new-1

La mostra a ingresso gratuito è articolata in sezioni storiche tematiche e si concluderà il 6 maggio a Palazzo Lascaris e il 19 nelle due altre sedi.

Al Museo del Risorgimento il tema sviluppato è quello che conduce dal 1848, anno della fondazione, al 1915. Sono esposti numerosi documenti originali inediti, relativi alla proprietà della testata, oggetti in uso in redazione, i bozzetti dei mestieri della Torino dell’800 e le caricature dei fondatori del giornale.

Orario: sempre aperto dalle 10 alle 18 (ultimo ingresso alle ore 17). Chiuso lunedì 6 e 13 maggio.

A Palazzo Lascaris sono in rassegna documenti che spaziano dal 1915 al 1945, compreso il periodo in cui il giornale era allineato con il governo fascista fino alla Gazzetta d’Italia; in esposizione vi sono le pagine di Diorama letterario, i supplementi tematici, le vignette satiriche. Una parte è dedicata alla crisi del giornale del 1974, che portò alla prima sospensione della tiratura, crisi in cui la Regione ebbe un ruolo di mediazione con il presidente Aldo Viglione. Continua a leggere “La mostra “La Gazzetta del Popolo”, sedi e orari”

Giovedì 18 aprile alle ore 17 in Biblioteca Civica la presentazione della mostra “Gio.Migliara – Viaggio in italia”

Giovedì 18 aprile alle ore 17 in Biblioteca Civica la presentazione della mostra

“Gio.Migliara – Viaggio in italia” e l’esposizione dei taccuini di viaggio dell’artista alessandrino Giovanni Migliara

Giovanni Migliara_Alessandria 18-04-2019.jpg

Un pomeriggio dedicato a Giovanni Migliara con un’iniziativa organizzata dall’Amministrazione Comunale di Alessandria e da CulturAle ASM Costruire Insieme, in collaborazione con la Fondazione Accorsi-Ometto di Torino: è ciò che è in programma giovedì 18 aprile – giorno in cui nel 1837 morì l’artista alessandrino – alle ore 17 nelle Sale Storiche della Biblioteca Civica “Francesca Calvo” ad Alessandria (piazza Vittorio Veneto).

Qui saranno proiettate le immagini che compongono la Mostra “Gio’ Migliara – Viaggio in Italia”, in corso a Torino presso il Museo di Arti Decorative Accorsi-Ometto di via Po e, per l’occasione, saranno anche esposti i Taccuini di viaggio del pittore.

All’iniziativa intervengono il Sindaco della Città di Alessandria, Luca Mana, Responsabile delle Collezioni presso la Fondazione Accorsi-Ometto e Vittoria Cibrario, Responsabile sempre per la Fondazione torinese dell’Ufficio relazioni esterne Continua a leggere “Giovedì 18 aprile alle ore 17 in Biblioteca Civica la presentazione della mostra “Gio.Migliara – Viaggio in italia””

‘Fragile Nature’ (La fragilità della natura)

Fragile Nature(La fragilità della natura)

La mostra Fragile Nature(La fragilità della natura) si inaugura sabato 6 aprile alle ore 17 alla Manica Lunga del Castello di Casale Monferrato con gli artisti: Giò Bonardi, Ilenio Celoria, Piero Ferroglia, Iris Devasini, Michelle Hold, Irina Lis Costanzo, Cate Maggia, Andrea Massari, Teresio Polastro, Petra Probst, Bona Tolotti, Daniela Vignati, Alexandra Winterberg.

cartolina-FRAGILE NATURE (2)Manifesto 70x100

L’evento sarà accompagnato dalle degustazioni dei vini preziosi della Tenuta Tenaglia e Tenuta Santa Caterina.

Anche in occasione di questa mostra al Castello di Casale Monferrato, la natura la fragilità della natura, la sua delicatezza – è il filo conduttore della ricerca dei nostri artisti, che propongono al pubblico opere recenti che possano fare riflettere sul tema.

La tutela del paesaggio, la salvaguardia dell’ambiente naturale, il cambiamento climatico, sono temi centrali ormai da tempo all’attenzione dei cittadini, dei media, dei politici, degli scienziati, dei giuristi e, naturalmente, degli artefici di tutte le arti, siano essi scrittori, poeti, musicisti, così come artisti figurativi. Continua a leggere “‘Fragile Nature’ (La fragilità della natura)”

Museo Civico: le attività nel fine settimana

Museo Civico: le attività nel fine settimana

Casale Monferrato: La mostra “Carlo Vidua. Una vita in viaggio, dal Monferrato all’Estremo Oriente (1785-1830)”, inaugurata lo scorso 15 dicembre al Museo Civico di Casale Monferrato, ha come tematica portante quella del viaggio. Curiosi ed eclettici, i pezzi in mostra si fanno promotori di quel sentimento che ha spinto il giovane conte Vidua, nella prima metà dell’Ottocento, ad oltrepassare confini molto lontani sia geograficamente che culturalmente, di quella voglia di esplorare e bisogno di conoscenza ancora così evidenti in ogni oggetto presentato.

Vidua

Come naturale risvolto di questa esposizione di gusto etnografico, sabato 6 aprile il Museo Civico proporrà un laboratorio creativo per bambini incentrato proprio sul tema del viaggio.

I giovani “esploratori” avranno la possibilità di osservare testimonianze di terre, popoli, lingue e costumi, oltre che conoscere la vita del protagonista Carlo Vidua, per poi cimentarsi nella fabbricazione di un divertente gioco da tavolo che li aiuterà a ripercorrere
(e ricordare) le tappe principali dei viaggi del conte.

L’appuntamento è per le ore 16.30; il biglietto è di € 5,00. È necessaria la prenotazione ai numeri 0142.444249/ 444309. Continua a leggere “Museo Civico: le attività nel fine settimana”

“ ITALY – TWILIGHT SKYLINES FROM POLICE HELICOPTERS” 

“ ITALY – TWILIGHT SKYLINES FROM POLICE HELICOPTERS” 

Le foto di Massimo Sestini dagli elicotteri della Polizia di Stato in mostra a Mosca dal 12 marzo”

MOSCA – Alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia, Pasquale Terracciano verrà inaugurata oggi 12 marzo alle ore 19.00 presso il Museo MAMM (Multimedia Art Museum) di Mosca, la mostra “ITALY – Twilight skylines fron Police helicopters” realizzata con gli scatti fotografici di Massimo Sestini, già vincitore del World Press Photo. 

orizzonti d’Italia: prima dell’alba e dopo il tramonto, visti dal cieloTorino elicottero della Polizia di Stato in volo con 2 Reparto volo di Milano al crepuscolo sopra la città 2015 04 01 © Massimo Sestini

Il fotografo, in occasione della realizzazione degli scatti per la Polizia di Stato, volando con i modelli AgustaWestland AW139 e AB212 di Leonardo-Finmeccanica impiegati dalla Polizia, ha immortalato i paesaggi dell’Italia, un’ora dopo il tramonto o un’ora prima dell’alba. Le immagini esposte mettono insieme, in un orizzonte di luce di suggestiva bellezza, le meraviglie d’Italia, unica per varietà ed armonia.

Il progetto, nato dalla volontà di mettere a disposizione del grande pubblico la visione di un’Italia mai vista, è unico a livello internazionale. Gli scatti consentono al visitatore di scoprire le meraviglie di un Paese che spaziano dalla grandi città ai centri della cultura, dal litorale alle Alpi. Continua a leggere ““ ITALY – TWILIGHT SKYLINES FROM POLICE HELICOPTERS” “

In Ciabòt e ‘na socla: Giorcelli e Pugno in mostra

In Ciabòt e ‘na socla: Giorcelli e Pugno in mostra

Casale Monferrato: Sarà visitabile da sabato 16 febbraio a domenica 3 marzo al Castello di Casale Monferrato la mostra a ingresso gratuito “In Ciabòt e ‘na socla – Storia e tradizioni nelle opere di due pittori pontesturesi” con dipinti degli artisti monferrini Ernesto Giorcelli e Renato Pugno.

giorc Pugno 2Giorcelli 1

L’esposizione, inserita nel progetto “Arte in Pratica in Monferrato” e organizzata in collaborazione con il Comune di Pontestura, è allestita nella Manica Lunga e sarà inaugurata alle ore 17,30 di sabato 16. La mostra osserverà i seguenti orari di apertura: il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Spiega l’assessore alla Cultura Daria Carmi: «Questa nuova tappa di Arte in Pratica in Monferrato è dedicata a due artisti uniti sia dal soggetto pittorico che dall’estetica; infatti la loro attenzione è rivolta verso la tradizione e la storia popolare attraverso un linguaggio naif, colorato, di forme semplici, scene domestiche e storiche, dove anche l’esotico e l’epico entrano nel quotidiano». Continua a leggere “In Ciabòt e ‘na socla: Giorcelli e Pugno in mostra”

“Con il cuore” di Fabio Gagliardi: la mostra per AIDO, inaugurata all’Ospedale Civile, di Lia Tommi

Alessandria: Inaugurata, alla presenza di molte autorità dell’Amministrazione Comunale e Sanitaria, la mostra “Con il cuore”, che l’artista Fabio Gagliardi ha realizzato nell’ambito delle celebrazioni per i 40 anni di AIDO Alessandria.

Si tratta di 22 opere esposte fino al 20 febbraio nel corridoio principale dell’Ospedale Civile di Alessandria .

In mostra anche l’opera che il 20 marzo verrà portata in dono a Papa Francesco, durante l’udienza del mercoledì mattina, a cui parteciperanno numerosi volontari e amici di AIDO Alessandria.

Il volo come strumento di comunicazione

Il volo come strumento di comunicazione

Tortona: Venerdì prossimo, 8 febbraio 2019, la Biblioteca Civica Tommaso De Ocheda di Tortona ospita un interessante evento, che si pone in continuità con la mostra documentale “Ernesto Cabruna e le Ali della Vittoria – Precursori ed eroi dell’aria in Città e al Fronte (1911-1918)” , inaugurata lo scorso ottobre nell’ambito delle Commemorazioni del Centenario della prima guerra mondiale.

Fondo Levati

Alle ore 18,00 sarà presentato il Fondo librario e video appartenuto a Franco Levati, film maker che ha lungamente collaborato con lo Stato Maggiore della Difesa, donato dalla famiglia al Comune di Tortona.

Durante la presentazione verranno proiettati filmati originali realizzati dallo stesso Levati e sarà presente un ospite eccezionale: Andrea Nativi, ex direttore di RiD (Rivista Italiana di Difesa) attualmente manager presso Leonardo Aerospace, Defence and Security, tra i maggiori esperti italiani di strategia e difesa che interverrà sul tema “Comunicazione e difesa nell’era digitale”.

La mostra resta visitabile fino al 30 aprile 2019, dal lunedì al venerdi, dalle ore 9.00 alle ore 18.00.

“IO SONO UNA SCATOLA” IN MOSTRA A NOVARA

“IO SONO UNA SCATOLA” IN MOSTRA A NOVARA

Presenti numerosi artisti della zona del Monferrato

Inaugura sabato 9 febbraio alle ore 17.00 presso Tribù dell’ Arte di Novara, la mostra “Io sono una scatola”, primo di una serie di eventi curati dall’ Associazione Culturale “Ambre Italia Group”.

mos Scatola Presotto 2mos Scatola Luparia

Ventiquattro artisti, molti dei quali del nostro territorio,  hanno interpretato, attraverso il loro personale linguaggio, una scatola, che è così diventata medium espressivo individuale, ma al contempo legame con il mondo che la circonda: sensazioni e sentimenti vengono declinati attraverso l’uso di colori o materia, aprendosi a più interpretazioni. A queste bisogna avvicinarsi con la guida degli artisti stessi, che offrono chiavi di lettura a coloro che decidono di entrare nel loro mondo.

Questi gli artisti: Paola Casulli – Marcello Ceotto – Eugenio Cerrato – Silvia Cozzolino – Nadia Crosignani –Daniela Deregibus – Albina Dealessi – Iris Devasini – Anna Galli – Michelle Hold – Renato Luparia – Leonardo Ippolito – Cate Maggia – Silvana Marra – Aldo C. Medorini – Francesca Minico – Edi Nugo – Barbara Pareti – Walter Passarella – Nadia Presotto – Anna Maria Raimo – Paca Ronco – Alex Sala – Bona Tolotti. La presentazione è a cura della prof.ssa Federica Mingozzi.

A questa prima mostra presso Tribù dell’ Arte di Novara – Via dei Gautieri 7/a, visitabile fino al 23 febbraio, seguiranno nei mesi successivi altre esposizioni: a Piedimulera presso Laborart e a Oleggio presso il Museo Civico Etnografico.

Per maggiori informazioni http://www.ambreitaliagroup.com

Le opere di Franca Scagliotti in mostra e all’asta per il restauro di un’opera del Museo, di Lia Tommi

Casale Monferrato: Sarà inaugurata venerdì 8 febbraio alle ore 18, nel coro della chiesa di Santa Caterina, la mostra temporanea delle opere della pittrice casalese Franca Scagliotti. Il nipote dell’artista scomparsa, Massimo Scagliotti, donò alla città di Casale novantadue dipinti, che sarebbero dovuti andare all’asta per uno scopo ben preciso: raccogliere fondi e destinarli al restauro di un’opera del Museo Civico di Casale.
L’asta benefica verrà realizzata grazie alla partnership tra Comune di Casale e l’Associazione Santa Caterina Onlus, domenica 10 gennaio alle ore 15.30 presso il coro della chiesa di Piazza Castello.
L’interesse della Onlus cittadina, da sempre attenta a valorizzare e promuovere le tipicità storiche e artistiche del territorio, verte sul recupero della Pala d’Altare dell’Immacolata del pittore barocco Giovanni Peruzzini e attualmente collocata nei depositi museali. La grande cornice che circondava la tela è ancora oggi visibile nel coro di Santa Caterina, poiché in origine l’opera dell’artista marchigiano era di pertinenza della chiesa interna (coro).
La mostra sarà visitabile sabato 9 dalle ore 10 alle 12.30 e nel pomeriggio dalle 15 alle 18, mentre domenica 10 dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 fino all’inizio dell’asta. Per maggiori informazioni: 0142 591375 – info@santacaterinacasalemonferrato.it.
Nell’arte figurativa della Scagliotti si trova l’espressione delle tematiche ricorrenti dell’esistenza umana, dubbi e inquietudini vengono messi in luce con tecniche appropriate; senza seguire esigenze mistificatrici, Franca Scagliotti riporta nelle sue tele tutto ciò che riguarda il vissuto esistenziale proprio e dell’uomo in generale. Il colore, il volume, la luce contribuiscono a formare personaggi palpitanti vitalità, ricchi di storia.

Al Museo due iniziative dedicate a Carlo Vidua

Al Museo due iniziative dedicate a Carlo Vidua

Casale Monferrato: Per il prossimo fine settimana di sabato 2 e domenica 3 febbraio, il Museo Civico propone due attività legate alla mostra Carlo Vidua. Una vita in viaggio, dal Monferrato all’Estremo Oriente (1785-1830) che espone oltre un centinaio di straordinari oggetti raccolti dal viaggiatore monferrino in tre lunghi viaggi all’inizio dell’Ottocento.

ok museo5

La prima attività, prevista per sabato 2 febbraio alle 16,30, è un laboratorio didattico dal titolo “Gira gira mondo” proposto ai bambini dai 6 agli 11 anni e legato al tema fondamentale della mostra, cioè il viaggio. 

Gli oggetti presenti in sala raccontano il viaggio approfondendo sia gli aspetti legati al desiderio di conoscenza e di scoperta che da sempre caratterizzano gli spostamenti verso terre e popoli lontani, sia i risvolti di tipo psicologico ed emotivo che accompagnano le fasi del viaggio e che accomunano il sentire di chi parte, per qualsiasi meta.

I bambini saranno invitati a godere insieme di questa immersione nei colori e nella fantasia durante la visita alla mostra, per poi rielaborare il tema con l’aiuto degli esperti didattici del Museo, con la costruzione di un gioco da tavolo che ripercorra le tappe dei viaggi di Vidua. Continua a leggere “Al Museo due iniziative dedicate a Carlo Vidua”

Italia Nostra: Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini

Ottocento in collezioneDai Macchiaioli a Segantini

Alessandria: Sabato 2 febbraio 2019 gita a Novara

Le sale del Castello di Novara si aprono per accogliere la mostra Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini. 

ottocento schermata 2019-01-15 a 09.35.04ottocento schermata 2019-01-15 a 09.36.17

La rassegna presenta 80 capolavori di pittura e scultura tutti provenienti da prestigiose raccolte private, di autori quali Giovanni Boldini, Giuseppe De Nittis, Giovanni Fattori, Carlo Fornara, Domenico e Gerolamo Induno, Silvestro Lega, Angelo Morbelli, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Giovanni Segantini, Federico Zandomeneghi, che testimonia l’importanza storica del fenomeno del collezionismo nello sviluppo delle arti in Italia, dall’Unità nazionale ai primi anni del Novecento.

La storia delle arti figurative in Italia nel secondo Ottocento s’intreccia, infatti, con le vicende dei raccoglitori di opere d’arte e, più in generale, del mecenatismo culturale. Dopo il 1860, s’intensifica il fenomeno del collezionismo di dipinti e sculture da parte di una sempre più ampia fascia di pubblico, composta in prevalenza da esponenti della borghesia delle imprese e dei commerci e delle professioni civili. Continua a leggere “Italia Nostra: Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini”

Costruire tra sogno e realtà, di Cristina Saracano

Sabato 19 gennaio alle 17,30, presso il Caffè Alessandrino di Piazza Garibaldi 39 Alessandria,

L’Associazione Culturale LiberaMente, presieduta da Fabrizio Priano, organizza “Costruire tra sogno e realtà”, mostra di Giuliano Saba.

Giuliano Saba nasce in Sardegna nel 1949, ma a vent’anni lascia la sua isola per lavorare in Piemonte. Attualmente risiede a San Giuliano Nuovo (Al).

Da sette anni è artista per hobby.

La maggior parte delle sue sculture, in acciaio e ottone, simboleggiano l’amore, la distanza e la nostalgia. Da circa un anno si esprime anche su tela con i colori acrilici.

Nel 2014 ha esposto a Gonnosfanandiga, suo paese natio e alla Floreale di Alessandria.

Nel 2015 è alla prima biennale d’Arte di Alessandria.

Una sua scultura è stata ospitata a Milano nel corso dell’evento “Dal design all’arte”.

Nel maggio del 2018 ha partecipato con una sua opera alla cinquantasettesima Biennale d’arte di Venezia.

Sempre attento alle problematiche sociali, non esita a partecipare ad aste benefiche dove offre le sue pitture e sculture per una buona causa.

Ricordo di Coppi uomo con un libro e una mostra ad Alessandria, di Lia Tommi

Oggi pomeriggio evento eccezionale ad Alessandria, alla Casa di Riposo ” Basile” di via Tortona, organizzato dall’Associazione Libera MenteLaboratorio di Idee.

Il primo della serie di eventi che , nel 2019, caratterizzeranno le celebrazioni per il centenario della nascita di Coppi, in una Alessandria che si definisce Città delle Biciclette e quindi vicina e appassionata al ciclismo e a questo ciclista mitico, che nel nostro territorio ha le sue radici.

Un grande campione, noto per i suoi successi a livello internazionale, anzi, un CAMPIONISSIMO, di cui andiamo a ragione molto orgogliosi, come ha sottolineato il Presidente Fabrizio Priano, moderatore dell’incontro.

Ma oggi pomeriggio abbiamo, oltre che potuto vedere le sue biciclette storiche e una pregevole mostra fotografica, sviscerato la figura di Coppi come uomo, marito, padre, attraverso i diari di Bruna Coppi, sua moglie per tutta la vita e quindi conoscere le sue fragilità, le sue debolezze, oltre che la sua smisurata forza e abilità di sportivo di successo. Questi diari, raccolti dall’ amico Franco Rota e pubblicati con grande sensibilità dalla figlia Luciana Rota, ci mostrano il suo mondo affettivo, la paura per la sua incolumità, la sua figura di padre e tante altre sfumature , compresa la fase della malattia.

In modo semplice e senza fronzoli, l’autrice e i relatori Roberto Livraghi e Mimma Calligaris ci hanno fatto entrare in una sfera che è sempre delicata, con tono sotto certi aspetti amichevole.

Sono soddisfatta per aver dato il mio contributo a questo evento con la lettura di due brani molto accorati, tratti da questo libro: ” La mia vita con Fausto “, in cui mi sono immedesimata in Bruna, con il suo grande amore, le sue paure,la sua discrezione, la sua tenerezza di moglie di un uomo non comune .

L’arte come metafora del divenire, di Cristina Saracano

Sabato 12 gennaio 2019 alle ore 18 presso il Bio Cafè di via dell’Erba 12 Alessandria, espone

Giancarlo RAINA ,

pittore-scultore alessandrino contemporaneo, appartenente
alla corrente artistica detta costruttivista, nato a Sale in provincia di Alessandria,
vive e lavora ad Alessandria.
Dal 1975 ha partecipato a numerose mostre e rassegne nazionali ed
internazionali ottenendo consensi e diversi riconoscimenti
Tra queste, si ricordano le più significative:

• 1983 – Mostra personale a Palazzo Guasco (Alessandria) con sculture parietali di enormi dimensioni
• 1986 – I Mostra Internazionale di scultura Teatro Comunale di
Alessandria
• 1988 – II Mostra Internazionale di scultura Teatro e Giardini di
Alessandria
• 1989 – IV Mostra della piccola scultura e III Mostra della scultura
all’aperto – Comune di Castellanza (Varese)
• 1991 – I Mostra Internazionale di scultura Città di Legnano (MI)
• 1994 – Mostra con il gruppo del laboratorio artistico Il Castello -nella Torre
Capitolare di di Portovenere (La Spezia)
• 1994 – XXXIV Premio Suzzara (Mantova) a cura del Centro Culturale
Artestruktura di Milano
• 1994 Mostra collettiva : Costruttivismo, concretismo, cinevisualismo
internazionale – Museo delle Collezioni – Bucarest – Romania
• 1995 – Etruriarte -Fiera internazionale- Venturina(LI)
• 1995 – Collettiva di scultura -Palazzo Robellini -Acqui Terme
• 1996 – Mostra collettiva con 5 artisti del Museo Pagani alla Camera del
lavoro di Alessandria
• 1996 – Mostre collettive ad Arona, Acqui Terme, Asti, Omegna, Trieste,
Alessandria
• 1997 -Mostra di scultura – Città di Casale Monferrato
• 1997 – Mostra “l’arte costruita” – palazzo Cuttica – Alessandria
• 1998 – Mostra BNLper il centroD’ARS di Bergamo e di Brescia
• 2000 – Opere di piccolo formato Galleria Antonio Battaglia, Milano
Galleria Kassel Innsbruk (Austria)
Galleria Artestuktura, Milano
• 2003 – Mostra di scultura : “Omaggio a Enzo Pagani” – Museo Pagani –
Castellanza (VA)
• 2008 – Mostra “L’Arte costruisce l’Europa” – Desenzano del Garda -Arte
Struktura
• 2016 ¬ Mostra personale presso la Libreria Mondadori di Alessandria.

Quattro appuntamenti alla mostra “Vidua”

Quattro appuntamenti alla mostra “Vidua”

Casale Monferrato: Dopo l’inaugurazione e il positivo riscontro di pubblico della mostra “Carlo Vidua una vita in viaggio. Dal Monferrato all’estremo Oriente 1785-1830”, il Museo propone una serie di attività per adulti e bambini realizzate in collaborazione con la Cooperativa Solidarietà e Lavoro.

mostra vidua2

  • Sabato 29 dicembre – Ore 16.30 – Visita accompagnata alla mostra a cura del personale del Museo
  • Venerdì 4 gennaio – Ore 16.30 Speciale visita alla mostra con i curatori Alessandra Montanera (progetto della mostra) Roberto Coaloa (biografo di Vidua) e Luigi Mantovani (Archivio Storico).
  • Sabato 5 gennaio – Ore 16.30 Laboratorio per bambini: Viaggio intorno al mondo. Com’è nella tradizione del Museo, la mostra è il motore di alcune proposte didattiche rivolte ai bambini, invitati a godere insieme di questa immersione nei colori e nella fantasia. Dopo la visita alla mostra verrà proposta una rielaborazione del tema: la costruzione di un gioco da tavolo che ripercorre le tappe dei viaggi di Vidua.
  • Domenica 6 gennaio – Ore 16.30 Visita accompagnata alla mostra a cura del personale del Museo.

Le visite accompagnate avranno la durata di circa un’ora ciascuna e affronteranno il tema del viaggio e della scoperta, attraverso la figura straordinaria di Carlo Vidua. laboratori sono riservati ai bambini a partire dai sei anni e avranno durata di circa un’ora e mezza. Continua a leggere “Quattro appuntamenti alla mostra “Vidua””

Alessandria scolpita. Sentimenti e passioni fra gotico e rinascimento, 1450-1535

Alessandria scolpita. Sentimenti e passioni fra gotico e rinascimento, 1450-1535

Data e luogo espositivo: dal 14 dicembre 2018 al 5 maggio 2019 a Palazzo Monferrato Alessandria, Via San Lorenzo 21.

Orari: da martedì a venerdì 16/19 |sabato e domenica: 10/13 – 16/19. Biglietto: euro 5 intero ed euro 3 ridotto.

Alessandria scolpita scheda mostra

Convenzioni: la Mostra aderisce al circuito di Abbonamento Musei Piemonte (dal primo gennaio 2019) – www.abbonamentomusei.ite al TCI Touring Club Italiano.

Promossa da: Camera di commercio e Città di Alessandria in occasione delle celebrazioni degli 850 anni di fondazione della città.

Collaborazione di: Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Alessandria, Asti e Cuneo; Diocesi di Alessandria, Acqui Terme, Asti, Casale Monferrato, Mondovì, Tortona e Arcidiocesi di Genova, ASM Costruire Insieme, Associazione Viviamo l’arte, Delegazione Fai di Alessandria. Continua a leggere “Alessandria scolpita. Sentimenti e passioni fra gotico e rinascimento, 1450-1535”

#AlessandriaScolpita 1450-1535. Sentimenti e passioni fra Gotico e Rinascimento

#AlessandriaScolpita 1450-1535 Sentimenti e passioni fra Gotico e Rinascimento

Dal 14 dicembre 2018 al 5 maggio 2019 a Palazzo Monferrato. Via San Lorenzo 21 – Alessandria apertura ore 18.00.

DUE ORARI A DISPOSIZIONE per il vernissage di venerdì 14 dicembre ’18: ORE 11,30 PER LA STAMPA E I PRESTATORI, ORE 18 APERTA A TUTTI

 Alessandria scolpita INAUGURAZIONE

Stiamo entrando nella settimana clou dell’inaugurazione di una mostra enorme: Alessandria Scolpita porta a Palazzo Monferrato una cinquantina di opere per un totale di 70 pezzi quasi tutti restaurati di recente, provenienti da 37 prestatori fra privati e musei (da Roma, Milano, Torino, Genova, Savona e Chiusi della Verna), con il coinvolgimento di Confraternite e Chiese di varie località piemontesi delle province diTorino, Asti, Cuneo oltre naturalmente ad Alessandria, la più rappresentata.
La mostra vuole ricostruire l’identità culturale originale del territorio dell’attuale provincia di Alessandria fra Gotico e Rinascimento.
Avrà una durata importante (fino al 5 maggio) e ha raccolto molti consensi e patrocini da istituzioni e privati. Insomma, un lavoro enorme che merita di essere raccontato.
Continua a leggere “#AlessandriaScolpita 1450-1535. Sentimenti e passioni fra Gotico e Rinascimento”

“Ernesto Cabruna e le Ali della Vittoria – Precursori ed eroi dell’aria in Città e al Fronte (1911-1918)” – presentato il catalogo della mostra.

“Ernesto Cabruna e le Ali della Vittoria – Precursori ed eroi dell’aria in Città e al Fronte (1911-1918)” – presentato il catalogo della mostra.

Tortona: Sarà presentato giovedì 13 dicembre 2018 alle ore 17.30 presso la Biblioteca Civica Tommaso de Ocheda, il Catalogo della mostra documentale “Ernesto Cabruna e le Ali della Vittoria – Precursori ed eroi dell’aria in Città e al Fronte (1911-1918)” inaugurata lo scorso ottobre, che si pregia di aver ottenuto la concessione del logo ufficiale delle Commemorazioni del Centenario della prima guerra mondiale, insieme al patrocinio dell’Aeronautica Militare.

presentazione_catalogo_cabruna

La mostra realizzata dalla Città di Tortona, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona e la Società Storica Pro Iulia Dertona, rappresenta un’opportunità per approfondire la conoscenza di illustri figure tortonesi, come Ernesto Cabruna,  Alberto Felice Marenghi Marenco (uno fra i primi piloti collaudatori dell’aviazione italiana) ed Ester Mietta (seconda donna italiana a conseguire il brevetto di volo).

Il catalogo riproduce il percorso espositivo e custodisce il ricco materiale documentale e fotografico messo a disposizione della collettività  dagli storici locali, dalle Associazioni, dagli Enti e dai tanti cittadini che hanno sentito il desiderio di contribuire alla realizzazione di questo importante evento culturale.

La mostra resta visitabile fino al 30 aprile 2019, dal lunedì al venerdi, dalle ore 9.00 alle ore 18.00 ed il fine settimana, nel pomeriggio, dalle ore 15.00 alle ore 18.00.

Io sono perché noi siamo. I lavori dei bambini su solidarietà e fratellanza

Io sono perché noi siamo. I lavori dei bambini su solidarietà e fratellanza

Casale Monferrato: Sabato 15 dicembre alle ore 16,30, nella Manica Lunga del Castello di Casale Monferrato, sarà inaugurata la mostra a ingresso gratuito “Io sono perché noi siamo”.

Casale_Monferrato-palazzo_del_Credito_Italiano1

Saranno esposti fino al 6 gennaio i lavori dei bambini delle scuole primarie della città sui temi della solidarietà e della fratellanza, ispirati dalla frase-titolo della mostra (di Nelson Mandela). Al momento inaugurale farà seguito una piccola merenda.

L’idea di “Io sono perché noi siamo”, proposta nel mese di novembre dall’assessore all’Istruzione Ornella Caprioglio, era stata accolta favorevolmente dai membri del Consiglio dei Bambini e delle Bambine.

Nell’ambito di “Io sono perché noi siamo”, su suggerimento degli stessi bambini, verranno esposti manifesti realizzati dai piccoli per la promozione dell’iniziativa “Adotta per Natale un cane o un gatto”. I manifesti, in seguito alla chiusura dell’esposizione, verranno plastificati e affissi per le vie della città per continuare a tener viva l’attenzione sulla tematica.

La mostra sarà visitabile ogni sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

Mostra “Carlo Vidua, una vita in viaggio”: Inaugurazione sabato 15 dicembre al Museo

Casale Monferrato: Mostra “Carlo Vidua, una vita in viaggio”: Inaugurazione sabato 15 dicembre al Museo

Sabato 15 dicembre alle ore 11, il Museo Civico di Casale Monferrato inaugurerà la nuova, importante e attesissima mostra “Carlo Vidua. Una vita in viaggio, dal Monferrato all’Estremo Oriente (1785-1830)”.

mostra Vidua - Preallestimento 2mostra Vidua - Preallestimentoconcerto VIDUA_INVITO_WEB

L’esposizione propone la straordinaria collezione etnografica di Carlo Vidua (Casale Monferrato 1785 – Ambon, Indonesia 1830) pervenuta all’Amministrazione Comunale nel 1854 e finora conservata – pressoché inedita – nei depositi del Museo Civico: oggetti rari, meravigliosi taccuini acquerellati, libri e documenti frutto delle lunghe peregrinazioni di Carlo Vidua nei cinque continenti che costituiscono un unicum sul territorio piemontese e rappresentano a livello nazionale e internazionale un’eccezionale raccolta per rarità ed eterogeneità dei materiali.

La mostra avrà sede nella sala ipogea del Museo nella cui grande vetrina sarà possibile ammirare un’accurata selezione della collezione, ordinata con criteri cronologici e geografici. Saranno i temi del “viaggio” e della “scoperta” a coinvolgere i visitatori nel percorso espositivo anche attraverso l’utilizzo di un video, realizzato da Luca Percivalle, che raccoglie le voci e le riflessioni sul tema di studiosi internazionali fra cui Roberto Coaloa, Christian Greco, Luigi Mantovani e Alessandra Montanera, anche curatrice del progetto, coordinato da Elena Varvelli. Continua a leggere “Mostra “Carlo Vidua, una vita in viaggio”: Inaugurazione sabato 15 dicembre al Museo”

NADIA PRESOTTO E RENATO LUPARIA IN MOSTRA A VERCELLI

NADIA PRESOTTO E RENATO LUPARIA IN MOSTRA A VERCELLI

Collettiva DSCN4640_R

Conzano (AL) – Un fine anno ricco di rassegne espositive per i due artisti e coniugi conzanesi Nadia Presotto e Renato Luparia; sabato prossimo, 15 dicembre, espongono le loro opere alla collettiva di Natale “Out”, curata da Paola Bertolazzi e allestita presso la prestigiosa Casa d’ Arte viadeimercati sita in via Morosone 3, nel centro storico di Vercelli. Gli acquerelli e le stampe fine art dei due artisti sono esposte accanto a opere di artisti storicizzati quali Aldo Mondino, Riccardo Licata, Mario Schifano, Corrado Bonomi, Federica Galli, Armando donna, Orfeo Tamburi, Daniele Fissore, Enzo Fiore. Una particolare attenzione è rivolta anche  alle ceramiche di Antonio De Luca, e alle opere di Filippo Biagioli e Gianni Iviglia.

Opere importanti quindi, per questa collettiva natalizia sul tema del paesaggio, che richiamerà, come sempre numerosi visitatori al vernissage del 15 dicembre alle ore 18.

Informazioni utili: Casa d’ Arte viadeimercati – Via Morosone 3 – Vercelli. Ingresso libero

Iniziative di dicembre dell’Associazione Passodopopasso, di Lia Tommi

Le iniziative del mese di DICEMBRE dell’Associazione Passodopopasso

Il primo appuntamento è Domenica, 9 dicembre 2018 alle ore 12 a Castelletto Monferrato con l’inaugurazione della mostra dei fotografi dedicata al Monferrato , nell’ambito della rassegna “Territorio è cultura” presso la sala consiliare del Municipio di Castelletto Monferrato in Piazza Astori, 1.