EFAL MCL, ANMIC e Museo della Gambarina: Maria Bensi una straordinaria e stupefacente vita… normale

EFAL MCL, ANMIC e Museo della Gambarina: Maria Bensi una straordinaria e stupefacente vita… normale

Lo avevano detto la Presidente dell’ANMIC, Maria Luisa Cotroneo e il Presidente di EFAL-MCL, Alfonso Conte prima di assistere all’evento dedicato al racconto dell’esistenza terrena di Maria Bensi: “sarebbe stato un percorso tra stravolgimenti sociali, conflitti bellici, turbolenze politiche indicibili e la donna alessandrina ci avrebbe fatto rivivere tutti questi momenti, oltre a ricordarci le sue indubbie capacità e generosità”.

E così è accaduto, attraverso un viaggio nel tempo guidato da Piercarlo Fabbio, che si è fatto aiutare da reminiscenze storiche, accenni al miracolo dell’apparizione della Madonna del Pozzo, proposte agli storici di approfondimenti, musiche d’epoca ad iniziare dalla Bohème di Puccini, passando poi a “Fili d’oro” o a “Parlami d’amore Mariù” o ancora a “Solo me ne vo per la città (In cerca di te)”, e soprattutto narrando la straordinaria esistenza “normale” di Maria Bensi.

“Sì, perché Maria Bensi riesce a riempire la storia, snocciolando azioni quotidiane di grandissimo valore, nella modestia del suo incedere normale – ci dice Piercarlo Fabbio – l’operaismo, il popolarismo, l’emancipazione femminile, l’Azione Cattolica, la Resistenza, l’amministrazione pubblica (è stata la prima vicesindaco donna di Alessandria nel 1945), la politica, l’assistenza agli invalidi, il suo ritiro all’Ospedalino di Valenza per accudire le sorelle con disabilità psichica”.

E alcune delle sue considerazioni sono state lette da Simona Robotti: cosa vuol dire essere operaie, gli amoreggiamenti, il divorzio fino a giungere ad una educata e motivata lettera di raccomandazione. Continua a leggere “EFAL MCL, ANMIC e Museo della Gambarina: Maria Bensi una straordinaria e stupefacente vita… normale”

Ai candidati sindaco di Tortona, da Giulia Calia

Ai candidati sindaco di Tortona, da Giulia Calia

Ai candidati sindaco di Tortona
I problemi che ricadono sulla nostra cittadina, ricadono in tutte le altre città, la causa non è la cattiva o buona gestione del Sindaco e del suo team, ma della globalizzazione! Questo fenomeno innaturale è stato creato solo ed esclusivamente per il raggiungimento di determinati obiettivi.

Le tematiche ricorrenti sono: lavoro, sicurezza e immigrati.

Ragioniamo. La globalizzazione ha portato alla liberalizzazione dei mercati, trovo la stessa merce del negozio a fianco a casa, su internet, ma ad un prezzo inferiore,cosa faccio? Beh ovviamente la compro online perché devo risparmiare, lavoro ma il guadagno non basta a coprire tutte le mie spese, eppure con l’euro mi è stato detto che avrei lavorato di meno e guadagnato di più! Ma dove???
Purtroppo i negozi hanno questo problema e la logica del prezzo (arrivare a triplicare il costo della merce), la concorrenza di internet, la tassazione, fanno sì che molti negozi chiudano. A Tortona se non abito in centro sono costretto ad usare la macchina e se mi va di fare shopping mi tocca pagare pure il parcheggio, vuoi mettere la comodità dell’acquisto online?
Continua a leggere “Ai candidati sindaco di Tortona, da Giulia Calia”

Daniele Borioli: NO ALLA PROVOCAZIONE FASCISTA DI ROSSIGLIONE

Daniele Borioli: NO ALLA PROVOCAZIONE FASCISTA DI ROSSIGLIONE

Respingiamo con assoluta fermezza la provocazione fascista che a Rossiglione e in altri comuni italiani è stata messa in atto, con l’intenzione di “celebrare” il centenario della fondazione dei fasci di combattimento.

borioli

Una pagina funesta, che sta alla radice del lato più oscuro della nostra storia e che dovrebbe, caso mai, essere oggetto di profonda riflessione critica, nel momento in cui il fascismo prova a rialzare la testa in forme diverse e in diverse aree dell’Italia, dell’Europa e del Mondo.

benedicta_news

L’atto si pone apertamente come un’apologia di fascismo, che il nostro ordinamento qualifica come reato contro la Costituzione, e risulta ancor più grave e offensivo a poca distanza del 75’ Anniversario dell’eccidio della Benedicta, nel corso del quale i fascisti massacrarono senza pietà oltre un centinaio di partigiani.

Alla Sindaca di Rossiglione, una delle comunità colpite da quel tragico crimine, va tutta la nostra solidarietà democratica

Daniele Borioli

presidente Associazione “Memoria della Benedicta”

La Giunta Regionale adotta la delibera per riconoscere alla nostra provincia l’IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico)

La Giunta Regionale adotta la delibera per riconoscere alla nostra provincia l’IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico)

Domenico Ravetti, Capogruppo PD: Per la salute e l’ambiente questa è una scelta storica.

A leggere il rapporto, dell’Agenzia Europea dell’ambiente, sulla qualità dell’aria, l’inquinamento continua a superare i limiti e rappresenta un pericolo per la salute: aumenta le spese mediche e riduce la produttività in tutti i settori dell’economia.

Domenico Ravetti ok.jpg

Secondo il rapporto annuale 2019 di Legambiente “Mal aria” in ben 55 capoluoghi di provincia si sono superati i limiti giornalieri previsti per le polveri sottili. La città che, lo scorso anno, ha superato il maggior numero di giornate fuori legge è Brescia, poi Lodi, Monza e Venezia; al quinto posto c’è Alessandria, prima di Milano e Torino.

Le principali cause sono: il riscaldamento domestico, le industrie, le pratiche agricole e l’uso dell’auto.

A questi dati, che determinano un quadro epidemiologico non rassicurante per la nostra provincia, va affiancato il dato sull’incidenza dei tumori connessi a fattori ambientali e in  particolare i dati sul mesotelioma, con picchi nel casalese, di 50 nuovi casi ogni anno contro i 30 della media piemontese e i 3 della media nazionale. Continua a leggere “La Giunta Regionale adotta la delibera per riconoscere alla nostra provincia l’IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico)”

Carceri, Berutti (FI): “è necessario un piano strategico per tutto il sistema penitenziario”

Carceri, Berutti (FI): “è necessario un piano strategico per tutto il sistema penitenziario”

Roma, 21 marzo 2019 – Dopo una serie di episodi di violenza da parte dei detenuti a danno degli Agenti di Polizia penitenziaria avvenuti in diverse case di reclusione, il senatore di Forza Italia Massimo Berutti ha chiesto al Governo di illustrare in aula al Senato le azioni implementate a sostegno del personale di Polizia penitenziaria.

massmo-berutti.jpg

La risposta del Governo all’interrogazione del senatore Berutti ha evidenziato un sovraffollamento a livello nazionale del 124 per cento e un tasso di scopertura della dotazione organica della Polizia penitenziaria dell’11 per cento. Un insieme di criticità rispetto alle quali in Governo ha esplicitato la volontà di rafforzare gli organici.

“Quello che si coglie – dichiara il senatore Berutti – è il fatto che qualche piccolo sforzo è stato fatto. Le criticità in termini di esubero di detenuti e di carenza di personale però rimangono. Abbiamo sentito – prosegue Berutti – grandi proclami in merito alla costruzione di nuovi carceri, ma sostanzialmente non si è visto nulla e il sistema nazionale è in grande deficit. Una sola iniezione di Polizia penitenziaria, pur sempre lodevole e ben accetta, non può dunque sopperire a una carenza strutturale. La necessità è di implementare un piano strategico a livello nazionale anche sulle carceri, ma la visione e i programmi strategici sono proprio quello che manca a questo Governo”.

Latte, Vallardi/Bergesio (Lega), indagine conoscitiva per settore latte vaccino

Latte, Vallardi/Bergesio (Lega), indagine conoscitiva per settore latte vaccino

Roma, 21 mar – “Su nostra iniziativa, sarà avviata in Commissione Agricoltura un’indagine conoscitiva relativa al settore lattiero caseario, per approfondire le tematiche che riguardano 30 mila aziende agricole in Italia che allevano vacche da latte, con oltre 1,8 milioni di capi.

latte

Il nostro Paese, nel quale viene prodotto l’88% del fabbisogno nazionale, è al quinto posto dei Paesi produttori, dopo Germania, Francia, Gran Bretagna e Olanda, è un settore rilevante dell’economia e dell’agricoltura nazionale, che va tutelato e valorizzato, conoscendo le problematiche a esso legate per poter fornire risposte concrete ai produttori.

Il nostro impegno è massimo, per promuovere politiche che possano contribuire a rendere i ricavi competitivi sui costi di produzione, sopra a  0,38 euro al kg – fonte Ismea – per gli allevamenti delle imprese di piccole e medie dimensioni, in costante aumento a causa di numerosi vincoli, a fronte di un ricavo medio anno 2018 di poco inferiore a 0,37 euro/kg, con perdite non indifferenti per gli agricoltori italiani.

Lega

Il made in Italy va protetto, l’etichettatura obbligatoria è stato un primo, decisivo, passo e altri ancora ne seguiranno grazie alla maggioranza e al Governo”.

Lo dichiarano i senatori della Lega Gian Paolo Vallardi, presidente Commissione Agricoltura del Senato, e Giorgio Maria Bergesio, capogruppo Lega in Commissione Agricoltura del Senato.

Ufficio Stampa Lega Senato

foto confagricoltura

Matteo Renzi. Enews 572 Mercoledì 20 marzo 2019

Matteo Renzi. Enews 572 Mercoledì 20 marzo 2019

Se vuoi leggere le altre Enews, clicca qui

Sono giorni convulsi, difficili, pieni di polemica. Dovremmo trovare la grazia di dire parole di speranza anche nei momenti più drammatici. Come ha fatto lapremier neozelandese Jacinda Ardern in un bellissimo discorso, il primo dopo la terribile strage che ha visto un estremista uccidere 50 fedeli musulmani che si erano riuniti per la funzione del venerdì.
Se avete tempo, vi prego di leggere questo documento, è molto toccante.

unnamed.jpg

In Italia il palloncino si sta sgonfiando. Mi riferisco al populismo e al governo giallo verde. Chi ha letto “Un’Altra strada” sa come la penso in merito. Il tempo è galantuomo e la realtà sta mostrando tutti i limiti di questi signori. Hanno fatto ironia su quella che hanno chiamato la strategia del pop corn: ma la verità è che l’unico modo per sgonfiarli era metterli alla prova senza regalare loro ulteriori alibi.

Avevano promesso crescita e ci stanno condannando alla recessione. Mentono su tutto (qui Marattin contro Salvini), sono incapaci di una politica estera (il pasticcio istituzionale sulla firma del memorandum con la Cina è solo ennesima perla dopo Maduro, Gilet Gialli, figuracce europee), hanno bloccato i cantieri, a cominciare dal piano Italia Sicura e Casa Italia.
Sono giustizialisti e manettari contro gli avversari ma diventano garantisti con gli alleati o i compagni di strada: i casi di oggi costituiscono ennesima conferma di un atteggiamento ipocrita.
Continua a leggere “Matteo Renzi. Enews 572 Mercoledì 20 marzo 2019”

PERNIGOTTI: FORNARO (LEU), ‘SPEZZATINO SBAGLIATO MEGLIO VENDITA TOTALE’

PERNIGOTTI: FORNARO (LEU), ‘SPEZZATINO SBAGLIATO MEGLIO VENDITA TOTALE’

Proprieta’ turca fa a pezzi l’azienda

federico-fornaro

Roma, 20 mar. (AdnKronos) – “Con l’annuncio dell’imminente cessione del ramo d’azienda del gelato e della pasticceria, la proprietà turca sceglie di vendere la Pernigotti a pezzi, facendo quello che in gergo

si chiama spezzatino. Una scelta sbagliata dettata unicamente da esigenze di cassa che rischia di indebolire anche il progetto di reindustrializzazione dello stabilimento di Novi Ligure. Siamo ancora  in tempo: la proprietà turca venda la Pernigotti nella sua interezza permettendo di salvare un patrimonio del made in Italy e con esso le lavoratrici e i lavoratori da mesi impegnati in una lotta  straordinaria”. Lo afferma il capogruppo di Liberi e Uguali a  Montecitorio, Federico Fornaro.

(Pol-Ruf/AdnKronos)

Boldi (Lega): “IRCCS ad Alessandria e Casale: lo proponemmo nel marzo 2017. Ora, a due mesi dalle elezioni regionali, si sveglia anche il Pd!”

Boldi (Lega): “IRCCS ad Alessandria e Casale: lo proponemmo nel marzo 2017. Ora, a due mesi dalle elezioni regionali, si sveglia anche il Pd!”

rossana-boldi-1

“L’IRCCS (Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) ad Alessandria fu la Lega a proporlo per prima, in consiglio comunale a Palazzo Rosso nel marzo 2017, con il nostro capogruppo dell’epoca Roberto Sarti.

Poi per due anni abbiamo ‘incalzato’ l’attuale dormiente maggioranza regionale di centro sinistra in tutte le occasioni, dal consiglio regionale al convegno sul tema organizzato nell’ottobre 2018 ad Alessandria dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e dall’Azienda Ospedaliera.

Ora c’è chi nel Partito Democratico, a due mesi dalle elezioni regionali, cerca di mettere il proprio ‘marchio’ su un progetto rispetto al quale il centro sinistra, ad Alessandria come a Torino, in questi anni non ha certamente premuto sull’acceleratore”. Continua a leggere “Boldi (Lega): “IRCCS ad Alessandria e Casale: lo proponemmo nel marzo 2017. Ora, a due mesi dalle elezioni regionali, si sveglia anche il Pd!””

Carcere di Asti, Berutti: “è necessario un piano strategico per Asti e per il sistema penitenziario nel suo complesso”

Carcere di Asti, Berutti: “è necessario un piano strategico per Asti e per il sistema penitenziario nel suo complesso”

massmo-berutti

Roma, 21 marzo 2019 – Dopo la serie di episodi di violenza da parte dei detenuti a danno degli Agenti di Polizia penitenziaria avvenuti nel carcere di Asti, il senatore di Forza Italia Massimo Berutti ha chiesto al Governo di illustrare in aula al Senato le azioni implementate a sostegno del personale di Polizia penitenziaria in forza nella casa di reclusione e più in generale nel sistema carcerario.

La risposta del Governo all’interrogazione del senatore Berutti ha evidenziato una presenza nel carcere di Asti di 216 detenuti, rispetto a una capienza regolamentare di 205 posti, con un indice di affollamento pari al 105,37 per cento, e un organico di 168 unità rispetto ad una previsione di 186, con una percentuale di scopertura complessiva pari al 9,7 per cento. Una carenza rispetto alla quale nel 2018 le unità di personale in forza al carcere di Asti sono state aumentate, ma non a sufficienza per raggiungere le 186 previste. Continua a leggere “Carcere di Asti, Berutti: “è necessario un piano strategico per Asti e per il sistema penitenziario nel suo complesso””

La Flat tax al 15% della Lega e l’Art 53 della Costituzione italiana…

La Flat tax al 15% della Lega e l’Art 53 della Costituzione italiana…

di Pier Carlo Lava

Governo:

La lega dopo un provvedimento simile su partite Iva e professionisti con reddito sino a 65.000 euro propone di applicare una Flat tax del 15% anche per le famiglie i cui redditi dei componenti sommati arrivano a 50.000 euro.

La proposta di Matteo Salvini verrebbe applicata a tutte ad eccezione di quelle relative alla fascia più povera della popolazione per la quale l’aliquota sarebbe zero.

Schermata 2019-03-18 a 12.28.09

Armando Siri Sottosegretario leghista afferma che secondo i calcoli effettuati “riguarderebbe 28 milioni di famiglie, 50 milioni di persone e 35 milioni di contribuenti, per attuarla sarebbero necessari 12 miliardi di euro che andrebbero trovati con tagli di spesa, rimodulazione delle agevolazioni fiscali e utilizzando un po di utile flessibilità dei conti”.

Inoltre si potrebbero anche toccare gli 80 euro del Governo Renzi, ma a condizione che il risultato finale sia la riduzione complessiva della pressione fiscale.

Una proposta che però non piace a Luigi Di Maio M5S “Costa troppo, è una promessa alla Berlusconi” e rilancia con la proposta:  “Ridurre scaglioni e pressione fiscale” sulle aliquote dell’attuale sistema di imposta progressiva.

Secondo la Lega la Flat tax è nel programma di Governo, quindi si apre così dopo la Tav un altro punto di divergenza e scontro con il movimento guidato da Luigi Di Maio. Continua a leggere “La Flat tax al 15% della Lega e l’Art 53 della Costituzione italiana…”

Agricoltura, senatori Lega, da commissione ok a direttive europee, coordinamento tra ministeri per controlli su piante e prodotti

Agricoltura, senatori Lega, da commissione ok a direttive europee, coordinamento tra ministeri per controlli su piante e prodotti

Roma, 14 mar – “La commissione agricoltura del Senato ha approvato all’unanimità, per quanto di propria competenza, il ddl Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti UE – Legge di delegazione europea 2018.

Lega.png

Esprimiamo piena soddisfazione: abbiamo evidenziando la necessità di mantenere, per i rispettivi ambiti, l’attuale ripartizione di competenze tra Ministero della salute e Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, per quanto riguarda i controlli relativi alla salute delle piante e agli altri settori della catena agroalimentare individuati dal regolamento (UE) 2017/625 e per quanto riguarda lo scambio di comunicazioni con gli altri Paesi UE. Continua a leggere “Agricoltura, senatori Lega, da commissione ok a direttive europee, coordinamento tra ministeri per controlli su piante e prodotti”

Made in Italy: Molinari (Lega), stop delocalizzazioni estere. Presentata pdl a difesa delle aziende italiane

Made in Italy: Molinari (Lega), stop delocalizzazioni estere. Presentata pdl a difesa delle aziende italiane

Riccardo Molinari

Roma, 14 mar. – “Difendere le eccellenze italiane come Pernigotti e stop alla delocalizzazione dei marchi storici italiani all’estero. E’ questo l’obiettivo della proposta di legge che questa mattina abbiamo presentato alla Camera insieme al vicepremier Matteo Salvini e a Barbara Saltamartini, presidente della Commissione attività produttive.

La vicenda della Pernigotti ha fatto emergere, se mai ce ne fosse stato bisogno, un problema che abbiamo nel tessuto economico, cioè il fatto che non ci siano strumenti contro le delocalizzazioni con chiusura di stabilimenti storici pur mantenendo il marchio. Sulla Pernigotti, nonostante l’attenzione del governo, non c’è stato infatti nessun strumento politico che abbia garantito che la multinazionale turca accettasse accordi con altre imprese disponibili ad acquisire lo stabilimento a patto che ci fosse anche il marchio. Continua a leggere “Made in Italy: Molinari (Lega), stop delocalizzazioni estere. Presentata pdl a difesa delle aziende italiane”

Lotta al caporalato: Confagricoltura Piemonte sottoscrive il Protocollo per la promozione del lavoro regolare

Con la sottoscrizione del Protocollo d’intesa per la promozione del lavoro regolare in agricoltura, avvenuta il 13 marzo in Regione Piemonte, Confagricoltura ribadisce il proprio impegno contro il lavoro nero e il caporalato nel settore primario.

Un impegno che vede attiva la Confederazione a tutti i livelli, nazionale e locale, e che acquista ulteriore rilevanza in virtù della propria rappresentanza sindacale.

Confagricoltura è infatti la prima organizzazione in Italia per la quota di giornate lavoro versate all’INPS, ovvero per numero di dipendenti nelle aziende agricole; non è un caso, infatti, che i rinnovi dei contratti di lavoro nazionali, regionali e provinciali vengano da sempre firmati nelle sedi di Confagricoltura.

Continua a leggere “Lotta al caporalato: Confagricoltura Piemonte sottoscrive il Protocollo per la promozione del lavoro regolare”

Caccia: Lega, stoppato alla Camera emendamento Leu contro categoria e autonomia Regioni

Caccia: Lega, stoppato alla Camera emendamento Leu contro categoria e autonomia Regioni

Roma, 13 mar. – “Ieri siamo riusciti a bloccare l’ennesima mossa delle sinistre che andava contro i cacciatori. In aula, infatti, la Lega ha votato contro e respinto un loro emendamento al Disegno di Legge “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2018″ che richiedeva il parere vincolante dell’Ispra per modificare i termini dei periodi di prelievo di determinate specie.

simbolo2018

Un emendamento che avrebbe depotenziato il ruolo delle regioni mettendole a ricasco della decisione dell’Ispra.

L’ennesima mossa centralista che avrebbe messo in grave difficoltà l’intera categoria dei cacciatori, lasciando alle Regioni nessun potere decisionale. La Lega si è opposta e ha votato convintamente contro per difendere da una parte l’autonomia regionale e dall’altra i cacciatori”.    

Lo dichiarano i deputati della Lega Riccardo Molinari, Alessandro Giglio Vigna e Marco Maggioni.