In evidenza

MATRISCIANO M5S: Approvato dal Consiglio dei Ministri lo stato di emergenza per l’alessandrino

MATRISCIANO M5S: Approvato dal Consiglio dei Ministri lo stato di emergenza per l’alessandrino

susy-matrisciano-m5s.png

“Questo pomeriggio durante il Consiglio dei Ministri è stato approvato lo stato di emergenza per l’alessandrino e per tutti i territori che sono stati colpiti dal maltempo delle ultime settimane e hanno subito notevoli danni. Il Governo ha stanziato 17 milioni per far fronte alle esigenze più immediate. Con questa azione si possono tranquillizzare alcuni colleghi dell’opposizione che, a seguito del disastro di Venezia, temevano una disparità di trattamento pensando che ci sarebbero stati cittadini di serie A e cittadini di serie B. Tutti i territori verranno trattati in ugual misura e riceveranno le dovute attenzioni e risorse per far fronte alle immediate esigenze per i danni causati dal maltempo”. Così in una nota la dichiarazione della senatrice alessandrina Susy Matrisciano

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

Capogruppo M5S 11ª Commissione permanente (Lavoro pubblico e privato, previdenza sociale)

ASSESTAMENTO DI BILANCIO. RAVETTI (PD) “CHIESTI 5 MILIONI PER AFFRONTARE L’EMERGENZA ALLUVIONE”

ASSESTAMENTO DI BILANCIO. RAVETTI (PD) “CHIESTI 5 MILIONI PER AFFRONTARE L’EMERGENZA ALLUVIONE”

Illustrati gli emendamenti su dissesto idrogeologico, fragilità sociali, Finpiemonte ed edilizia sanitaria

Ravetti.png

“Si può fare di più e meglio. Nell’assestamento di bilancio non troviamo un solo segnale di natura sociale ed economica che incontri le esigenze dei piemontesi. Per questo il Pd presenterà 250 emendamenti ed auspichiamo una discussione seria”: così dichiara il Capogruppo Pd Domenico RAVETTI presentando le proposte del Partito democratico all’assestamento del Bilancio 2019-2021 della Regione Piemonte. Alla conferenza stampa sono intervenuti il Segretario regionale Paolo Furia ed i consiglieri Alberto Avetta, Monica Canalis, Sergio Chiamparino, Raffaele Gallo e Domenico Rossi.
“Continuiamo ad assistere all’immobilismo di Cirio e della sua Giunta. Abbiamo fatto bene qualche settimana a sollevare la questione del riutilizzo dei 200 milioni di Finpiemonte, perché il programma di investimenti che doveva essere concluso nel 2019 viene spalmato ora in tre annualità. Il che significa ritardare un’iniezione di risorse di cui il mondo delle imprese necessita subito. Per questo chiederemo un’accelerazione del piano di investimenti e di spostare 56 milioni dal 2021 al 2020, come segnale per quei settori strategici dell’economia piemontese che versano in difficoltà”. “Inoltre, a seguito degli eventi alluvionali che hanno colpito diversi territori della nostra Regione, presenteremo un emendamento che prevede lo stanziamento di 5 milioni di euro per consentire ai Comuni di affrontare l’emergenza del dissesto idrogeologico”. “Siamo poi preoccupati per come la maggioranza sta affrontando il tema delle fragilità sociali. Dobbiamo garantire certezze sugli extra Lea e gli assegni di cura, certezze che oggi non ci sono. Per questo chiediamo di incrementare il capitolo delle fragilità sociali di 18 milioni di euro”. “E poi, basta con le incertezze sulla realizzazione della Città della Salute di Novara. Sull’edilizia sanitaria della nostra Regione, da Novara a Torino passando per il Vco e l’Aslto5, è il momento delle scelte e dell’assunzione di responsabilità”.

M5S. Interpellanza: Dispersioni idriche, abbassamenti di pressione e possibili mancanze d’acqua nel quartiere Cristo

M5S. Interpellanza: Dispersioni idriche, abbassamenti di pressione e possibili mancanze d’acqua nel quartiere Cristo

Al Presidente del Consiglio Comunale Alessandria 12/11/2019

M5S.jpg

INTERPELLANZA

Alessandria: Ai sensi dell’art. 57 del Regolamento del Consiglio Comunale

Oggetto: Dispersioni idriche, abbassamenti di pressione e possibili mancanze d’acqua nel quartiere Cristo

Premesso che dal mese di Agosto in alcune aree del quartiere Cristo e dei sobborghi ad essi collegati si sono verificate sospensioni del servizio idrico o abbassamenti di pressione a macchia di leopardo con molti disagi per la popolazione.

Logo Comune Alessandria.jpg

Considerato che il presidente del Gruppo Amag Paolo Arrobbio il 12 Novembre 2019 ha dichiarato «Amag Reti Idriche è una società sana e fortemente patrimonializzata. E, a breve, sarà possibile un piano di investimenti da 25 milioni di euro con il sistema bancario grazie ai risultati ottenuti ovvero 71 milioni di euro di patrimonio netto e oltre 24 milioni di crediti».

il sottoscritto Consigliere Comunale, interpella il Sindaco per sapere – Se AMAG Reti idriche intende risolvere il problema e con quali tempistiche. – Se il piano di investimenti di AMAG Reti idriche prevede di risolvere con urgenza anche il problema delle caditoie, del depuratore e della rete di distribuzione dell’acqua.

Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle

I Consiglieri Comunali Michelangelo Serra Francesco Gentiluomo

Ex Ilva, Berutti: “il Governo ha fatto un disastro. Lavoriamo per tutelare lavoro, salute e ambiente”

Ex Ilva, Berutti: “il Governo ha fatto un disastro. Lavoriamo per tutelare lavoro, salute e ambiente”

massimo-berutti.png

Roma, 13 novembre 2019 – “Sull’ex Ilva il Governo ha fatto un disastro. Con la rimozione dello scudo penale hanno dato ad ArcelorMittal il pretesto per un’uscita che probabilmente era già in programma e ora continuano a fare distinguo che possono solo peggiorare la situazione”. È quanto dichiara il senatore Massimo Berutti dopo la fitta giornata di ieri, che ha visto il deposito in Tribunale a Milano dell’atto di recesso di ArcelorMittal e lo sciopero degli operai di Novi Ligure. “Evidentemente – prosegue Berutti – ArcelorMittal sta provando a proseguire sulla strada d’uscita intrapresa. Il compito del Governo è togliere ogni pretesto in modo che questo non accada: evitando le sterili discussioni con i parlamentari Cinque stelle e reintroducendo lo scudo penale. Per poi arrivare a disegnare una politica industriale che consenta alle imprese di dare lavoro, garantire salute e tutelare l’ambiente. I lavoratori ex Ilva e quelli dell’indotto – conclude Berutti – meritano di essere messi nelle condizioni di lavorare, non solo a Taranto, ma anche a Novi Ligure e in Piemonte. La deflagrazione delle crisi rischia di portare ad un enorme problema occupazionale che il Paese, il Piemonte e Novi Ligure non possono permettersi. Bisogna agire affinché questa deflagrazione non avvenga”.

Enrico Mentana, sondaggio Swg per il TgLa7: la Lega di Matteo Salvini e Giorgia Meloni volano. Crollo M5s

Enrico Mentana, sondaggio Swg per il TgLa7: la Lega di Matteo Salvini e Giorgia Meloni volano. Crollo M5s

https://www.liberoquotidiano.it

Schermata 2019-11-12 a 23.16.41

11 Novembre 2019

Enrico Mentana durante l’edizione serale del TgLa7 illustra i risultati delsondaggio Swg del lunedì. Secondo l’ultima rilevazione, la Lega di Matteo Salvini mantiene il trend positivo e allunga al 34,5 per cento (più 0,4), cresce anche Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni che si avvicina alla doppia cifra, al 9,5 per cento (+0,6).

Forza Italia di Silvio Berlusconi è stabile al 6,2 per cento. “Se la matematica non è un’opinione il centrodestra arriverebbe al 50,2 per cento, la maggioranza assoluta virtuale”, sottolinea Mentana.

Nella maggioranza balzo del Pd al 18,6 per cento (+ 1,1), in calo M5s che scende al 15,8 per cento e Italia Viva di Renzi, che perde quasi mezzo punto. 

DemoS: “San Baudolino avrebbe dovuto essere sospeso!”

DemoS: “San Baudolino avrebbe dovuto essere sospeso!”

Demos.jpg

Alessandria: “Riteniamo inopportuno e di cattivo gusto che il Comune di Alessandria e le varie Associazioni coinvolte, non abbiano ritenuto moralmente doveroso annullare o rinviare i festeggiamenti di San Baudolino visto il tragico fatto che ha colpito l’intera comunità alessandrina con la morte dei tre Vigili del Fuoco”. A sostenerlo Paola Ferrari, coordinatrice provinciale di DemoS.

Che aggiunge: “Solo due giorni prima era stato proclamato il lutto cittadino ed è con il coraggio simili forti prese di posizione che si da un senso vero a tutte le esternazioni pronunciate in questi giorni di dolore e di disperazione.  E adesso, al di là di tutte le frasi di circostanza, più o meno sincere, che cosa resterà di questi tre uomini che hanno perso la vita lavorando? Sino a quando li ricorderemo? Penso piuttosto alle loro famiglie, soprattutto alle loro mamme, alle mogli, ora vedove, ai loro figli, oggi orfani”.

M5S Alessandria: ALBERI PER IL FUTURO. METTI RADICI NEL DOMANI

M5S Alessandria: ALBERI PER IL FUTURO. METTI RADICI NEL DOMANI

unnamed.png

Quest’anno anche Alessandria parteciperà all’evento “Alberi per il futuro”. Grazie al contributo della senatrice M5S Susy Matrisciano sono stati acquistati 10 platani che verranno messi a dimora domenica 17 novembre alle ore 10 presso il centro sportivo comunale Forum Fulvii e sostituiranno i 10 pini che lo scorso anno sono stati abbattuti a causa di una malattia.

Alberi per il Futuro è un’iniziativa dell’Associazione Gianroberto Casaleggio che si occupa di piantare alberi nelle nostre aree urbane senza bandiere e simboli partitici.

Perché piantare alberi in città? Si tratta di forestazione urbana, un processo che contribuisce a migliorare le condizioni ambientali dei suoi abitanti. Ogni albero assorbe intorno ai 15 kg di CO2 e produce ossigeno per 2,5 esseri umani.

Ma non solo. Un albero assorbe e blocca le polveri sottili, incamera ozono e migliora il microclima. La creazione di boschi urbani aiuta il contenimento dell’inquinamento, sia acustico che dell’aria e favorisce la biodiversità. La forestazione urbana contribuisce anche all’abbassamento delle temperature di 1-2 gradi e previene il consumo del suolo.

Alberi per il Futuro è un modo di lasciare un segno tangibile del nostro passaggio, migliorando il posto in cui viviamo. Se ben curati, gli alberi che piantiamo oggi, regaleranno ombra e benessere ai nostri figli.

Unisciti a noi domenica 17 novembre alle ore 10, pianta anche tu un albero per il futuro e mettiamo radici nel domani! Saranno presenti i portavoce del M5S Susy Matrisciano, Sean Sacco, Michelangelo Serra e Francesco Gentiluomo

DemoS in difesa dell’occupazione in Piemonte

DemoS in difesa dell’occupazione in Piemonte

logo-demos.jpg

“È necessario individuare al più presto una soluzione di lunga prospettiva se si vuole davvero contrastare questa crisi occupazionale che, per varie ragioni, non potrà che peggiorare per il Piemonte”. Ad affermarlo sono Elena Apollonio e Paola Ferrari, coordinatrici regionale e provincial di DemoS-Democrazia Solidale.

Che si dicono “fortemente preoccupate davanti alle recenti vicende che riguardano la Mahle e ArcelorMittal. Ma non solo”.

La Mahle starebbe pensando infatti di spostare la produzione che riguarda la fabbricazione di pistoni diesel in Polonia, Spagna e Turchia, una prospettiva che, se attuata, metterebbe a rischio gli stabilimenti  di La Loggia e Saluzzo. Continua a leggere “DemoS in difesa dell’occupazione in Piemonte”

ArcelorMittal, Berutti: “rischio chiusura per incapacità del Governo. Conte risponda alla mia interrogazione”

ArcelorMittal, Berutti: “rischio chiusura per incapacità del Governo. Conte risponda alla mia interrogazione”

Massimo Berutti

Roma, 5 novembre 2019 – “L’irresponsabilità della maggioranza e del Governo stanno portando l’ex Ilva ad una situazione terribile. Si rischia di perdere 20mila posti di lavoro tra Cornigliano, Novi Ligure e Taranto e di buttare all’aria un settore strategico per il Paese”. È quanto dichiara in una nota il Senatore Massimo Berutti commentando l’annuncio di recesso da parte di ArcelorMittal dai contratti per l’ex Ilva. “Conte e Patuanelli – prosegue Berutti – rispondano immediatamente alla mia interrogazione su cosa intendano fare per riparare una situazione che hanno provocato con le loro strane trovate e la loro incapacità. Noi siamo pronti a batterci con i lavoratori”.

Alessandria: Molinari (Lega), cordoglio per vigili fuoco morti, chiarezza su responsabili

Alessandria: Molinari (Lega), cordoglio per vigili fuoco morti, chiarezza su responsabili

Riccardo Molinari.jpg

Roma, 5 nov – “Esprimiamo il più profondo cordoglio per i tre Vigili del fuoco che hanno perso la vita nell’esplosione di una cascina in provincia di Alessandria. Alle loro famiglie, ai feriti e al Corpo nazionale dei Vigili del fuoco la più sentita vicinanza e solidarietà. Oggi è il giorno del dolore e della preghiera per questa tragedia che colpisce tutti. Domani quello della chiarezza sulle cause che l’hanno determinata e sulle responsabilità”.

Così il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari

La sindrome del campanile, di Pier Carlo Lava

La sindrome del campanile

1 Campanile Duomo

Cari Assessori permettete un consiglio… dovreste scollarvi con maggiore frequenza dalla vostra poltrona, superare la sindrome del campanile del Duomo e fare un giro nei quartieri periferici, scoprireste così che i problemi non esistono solo nel Centro città ma anche nelle periferie, dove vivono cittadini di serie A che come tutti quelli del Centro hanno dei doveri ma anche il diritto di vedersi risolvere i problemi pubblici esistenti.

In Irlanda piantano 440milioni di alberi mentre in Alessandria non sostituiamo nemmeno quelli morti e non curiamo quelli vivi.

di Pier Carlo Lava

Alessandria today: Ci sono zone periferiche della città, in questo caso ci riferiamo ai quartieri Galimberti e Borsalino, ma stando ai commenti sui social anche al Cristo e sino a poco tempo fa persino il cimitero Urbano, dove pare che la situazione sia identica, con marciapiedi rotti, abbandono rifiuti, alte erbacce e piante mancanti che determinano una situazione di evidente degrado ormai perdurante da anni che i cittadini e Alessandria non si meritano di certo.

5 Rifiuti via Don Giovine.jpg

Analizzando i fatti si evincono una serie di problemi e relative responsabilità:

Innanzi tutto i cittadini incivili che abbandonano rifiuti di ogni tipo e non solo nelle aree dei cassonetti e questo nonostante le telecamere e le guardie ambientali.

2 via Boves Piante mancanti .jpg

Le piante morte da tempo e mai sostituite senza tenere conto che le stesse danno ossigeno, fanno ombra, abbassano la temperatura nelle caldi estati e contribuiscono a combattere lo smog in una città che è sempre ai primi posti della classifica nazionale dei Capoluoghi di provincia più inquinati.

4 Erbacce via Marengo

Le erbacce alte che invadono i marciapiedi in molte strade e persino al cimitero urbano. I tombini intasati da anni di mancate cure al punto che basta un minimo acquazzone per allagare le strade e i passaggi pedonali.

I marciapiedi rotti e la mancanza di scivoli negli attraversamenti pedonali come ad esempio al Quartiere Borsalino, dove tra l’altro c’è una casa di riposo per persone anziane con problemi di deambulazione e molti in carrozzella .

La situazione delle piste ciclabili mancanti nei grandi collegamenti esterni della città con i sobborghi, quelle insicure in città come in via Moccagatta che quasi nessuno percorre per evitare il rischio di cadute o nella migliore delle ipotesi di bucare le gomme della bicicletta.

Le grandi opere pubbliche al palo da anni come la ristrutturazione e il rilancio della Cittadella, la riqualificazione a museo dell’ex ospedale militare e una nuova destinazione d’uso per l’ex caserma Valfrè, un secondo ponte sul fiume Bormida assolutamente indispensabile.

Alla luce di quanto sopra non mancano le responsabilità da parte di Amag Ambiente che potrebbe ulteriormente migliorare la propria efficienza nella raccolta di rifiuti e nella pulizia della città anche se in un contesto non facile a causa dei comportamenti  dei cittadini incivili. Continua a leggere “La sindrome del campanile, di Pier Carlo Lava”

Politica: Cari salviniani e leghisti, di Emilio Mola

Politica: Cari salviniani e leghisti, di Emilio Mola

Cari salviniani e leghisti,
una cosa vi dev’essere chiara: entro la fine dell’estate (se non addirittura della primavera) Salvini non sarà più al governo. Non sappiamo chi ci sarà, ma di certo non lui.

politica

A settembre il governo dovrà trovare 5,6 miliardi per rifinanziare Quota100, altri 8 miliardi per rifinanziare il Reddito di Cittadinanza, 30-40 miliardi per finanziare la Flat Tax (che non può più rinviare), 23 miliardi per evitare l’aumento dell’IVA al 25,6%, altri 10 miliardi per coprire il buco dovuto alla mancata crescita (0,2% se va bene anziché 1%). Solo per citare le spese principali

Sono circa 100 miliardi. Un’enormità. E no, l’Europa non c’entra niente. Sono il costo delle politiche di Salvini e Di Maio (eh già andare in pensione prima e far alzare lo spread ha un prezzo che qualcuno deve pagare, chi se lo sarebbe mai aspettato eh?); sono soldi che non ci sono e sono soldi che noi italiani dovremo tirar fuori: o con l’aumento delle tasse o con drammatici tagli allo Stato Sociale. Oppure con la rinuncia, da parte di Salvini e Di Maio, ad alcune di quelle promesse. Continua a leggere “Politica: Cari salviniani e leghisti, di Emilio Mola”

Le male piante dei negazionismi peggiori, di Agostino Pietrasanta

Le male piante dei negazionismi peggiori, di Agostino Pietrasanta

Domenicale ● https://appuntialessandrini.wordpress.com

Alessandria: Gli insulti alla senatrice Segre, sopravvissuta alle aberrazioni dei lager nazisti, espressi con gli strumenti ben noti disponibili tanto alle persone più sagge e colte, quanto agli imbecilli più incivili, suscitano reazioni inevitabili, ma non del tutto generalizzate; e poiché nulla nei percorsi della storia succede, senza una spiegazione, mi permetto qualche ragionamento.

Personalmente ritengo che le peggiori forme di negazionismo, non stiano nel mancato riconoscimento dell’esistenza dei lager; sono certamente le più censurabili, ma non le più pericolose. Le testimonianze, il ricordo, l’indagine e la critica storica non hanno particolari difficoltà a rintuzzare una tesi tanto aberrante, quanto reazionaria, cristallizzata nella peggiore ideologia. Il pericolo sta altrove e, se si potesse, schematizzare al massimo, sta nel perdurante antisemitismo che ha resistito dopo la Shoah e nonostante la Shoah. Tuttavia, nel secondo dopo/guerra e negli anni successivi si è proposto in forme diverse e gravemente lesive dei diritti del popolo ebraico e non solo in Europa. Dico lesivo degli Ebrei, non dello Stato d’Israele che si ostina e definirsi ebraico, secondo i canoni di un’imbarazzante identità sionista. Continua a leggere “Le male piante dei negazionismi peggiori, di Agostino Pietrasanta”

LA MIA PROPOSTA DI LEGGE CONTRO LA CORRUZIONE, di Gregorio Asero

LA MIA PROPOSTA DI LEGGE CONTRO LA CORRUZIONE, di Gregorio Asero

La mia proposta

Io avrei una ricetta per combattere la corruzione dei politici e in genere di tutti i funzionari statali, riassunta in una legge di un solo articolo, questa:
Per chiunque dei Pubblici dipendenti venga riconosciuta la colpevolezza di corruzione o/e di imperizia nell’incarico pubblico che gli è stato affidato, si dispone che i suoi averi e quelli dei suoi familiari, fino al 5° grado, vengano confiscati e gestiti dallo Stato. Questo per rimediare ai danni provocati dalla sua inettitudine. Come pena accessoria deve essere condannato alla reclusione (senza indulto) ad un periodo di tempo pari al doppio di quello in cui è stato responsabile pubblico.

p.s. (il parentado lo coinvolgerei perché così, i parenti, sarebbero i primi guardiani del nostro ipotetico funzionario. Non vedo il motivo di non accettare, questa clausola, da parte di chi si propone come servitore della collettività, se è veramente in buona fede.

Per contro a loro vantaggio proporrei questa postilla:
In proporzione alle loro responsabilità, tutti i dipendenti statali
(quindi anche i politici) hanno diritto a uno stipendio due volte superiore a quello di pari responsabilità dei dipendenti privati.

foto tumbir

Elezioni Emilia Romagna sondaggio: dati clamorosi e inattesi. Ecco chi vince

Elezioni Emilia Romagna sondaggio: dati clamorosi e inattesi. Ecco chi vince

Elezioni regionali Emilia Romagna sondaggio: senza M5S, il Pd non ha chance, perde sicuramente vince il Centrodestra a trazione Lega

Schermata 2019-11-02 a 17.24.28.png

di Alberto Maggi http://www.affaritaliani.it/

Partito Democratico e Movimento 5 Stelle sono costretti a presentarsi insieme anche alle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna in programma domenica 26 gennaio. Pena un altro trionfo del Centrodestra a guida Salvini-Meloni con conseguenze potenzialmente devastanti per il governo Conte II. Se Nicola Zingaretti vuole avere qualche speranza di battere la coalizione trainata dalla Lega nella Regione storicamente rossa deve necessariamente mettere insieme un fronte molto ampio che vada da Matteo Renzi a Luigi Di Maio passando per i partiti minori di sinistra.

Secondo le stime, elaborate su base regionale, di Roberto Baldassari (direttore generale di MG Research) per Affaritaliani.it attualmente in Emilia Romagna la Lega risulta nettamente il primo partito con una percentuale tra il 31 e il 35% (valore centrale della forchetta 33%). Fratelli d’Italia secondo partito del Centrodestra, come in Umbria, con il 6,5-8,5% (valore centrale 7,5%). Forza Italia si attesta tra il 4 e il 6% (valore centrale 5%). Altri di Centrodestra 0-2% (valore centrale 1%). Totale della coalizione di Centrodestra (valore centrale) 46,5%.

Il Partito Democratico è la seconda forza dell’Emilia Romagna con il 25-29% (valore centrale 27%). Italia Viva si attesta al 4,5-6,5% (5,5%), i Verdi valgono al momento 1,5-3,5% (2,5%), la Sinistra 0,5-2,5% (1,5%) e altri di Centrosinistra sono al 0-2% (1%). Totale della coalizione guidata dal Pd 37,5% (valore centrale), ben nove punti in meno del Centrodestra a trazione Lega.

Il Movimento 5 Stelle, in base alle stime di Baldassari, vale tra l’8 e il 12% (valore centrale 10%) e quindi insieme alla coalizione di Centrosinistra (che diventerebbe così molto variegata e difficile da tenere insieme) si raggiungerebbe come valore centrale il 47,5%, praticamente un testa a testa con il Centrodestra.

Il Partito Comunista di Marco Rizzo, che non fa assolutamente alcuna alleanza, si attesta tra lo 0,5 e il 2,5% (valore centrale 1,5%) e altri partiti o liste civiche sono al 3,5-5,5% (valore centrale 4,5%). Numeri alla mano, quindi, senza un ampia coalizione Pd-M5S-IV-altri la vittoria di Salvini-Meloni-Berlusconi anche in Emilia Romagna è praticamente certa.

Alle ultime elezioni europee del 26 maggio in Emilia Romagna la Lega risultò il primo partito con il 33,8%, seguita a breve distanza dal Partito Democratico con 31,2%. Molto lontano in terza posizione il Movimento 5 Stelle fermo al 12,9%. Forza Italia aveva ottenuto il 5,9% mentre Fratelli d’Italia il 4,7%. A Più Europa andò il 3,6% e ai Verdi il 2,9%. La Sinistra 1,9% e Partito Comunista 1,1%.

Dl imprese: Riccardo Molinari (Lega), approvato odg che impegna governo a tutelare lavoratori Pernigotti

Dl imprese: Riccardo Molinari (Lega), approvato odg che impegna governo a tutelare lavoratori Pernigotti

Riccardo_Molinari.jpg

Roma, 31 ott. – “Il governo si impegni a monitorare il percorso di salvataggio industriale dello stabilimento di Novi ligure della Pernigotti in modo tale che vengano definiti con chiarezza i dettagli del nuovo Piano Industriale. E’ fondamentale il rilancio delle attività produttive nello stabilimento e la salvaguardia di tutti i lavoratori, inclusi quelli stagionali. Proprio riguardo ai dipendenti della Pernigotti, è stata annunciata una riorganizzazione che possa contare su diversi strumenti, a partire dagli ammortizzatori sociali, per rendere economicamente sostenibile lo stabilimento. Sarà compito del governo vigilare perché neanche un posto di lavoro sia perso. In tal senso è stato approvato un mio ordine del giorno che impegna il governo ad adottare ogni utile iniziativa per salvaguardare la Pernigotti e tutti i suoi dipendenti. Aziende come la Pernigotti sono fondamentali non solo per il tessuto produttivo della nostra Regione ma anche per l’identità culturale, la reputazione e l’enorme valore immateriale che rappresentano. Attendiamo una risposta concreta da parte del governo”.

Lo dichiara il capogruppo della Lega alla Camera Riccardo Molinari, primo firmatario dell’Odg.

Susy Matrisciano. Lavoro: M5S, obiettivo commissione inchiesta è lotta a morti bianche e sfruttamento

Susy Matrisciano. Lavoro: M5S, obiettivo commissione inchiesta è lotta a morti bianche e sfruttamento

Istituzione commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, sullo sfruttamento e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro pubblici e privati.

susy-matrisciano-m5s.png

ROMA, 31 OTTOBRE 2019 – “L’istituzione al Senato di una commissione parlamentare incaricata di indagare le condizioni di lavoro in Italia, un paese in cui ancora si muore di lavoro e sul lavoro, è un segnale importante, necessario, non più rinviabile, che si pone in continuità con l’azione di Governo e arriva dopo il Dl Salva Imprese che prevede l’assunzione di ulteriori 150 ispettori tecnici del Lavoro intende migliorare il sistema dei controlli, potenziano le attività dell’Istituto”. Lo affermano i senatori del M5S Susy Matrisciano, Giuseppe Fabio Auddino, Barbara Guidolin, Antonella Campagna, Sergio Romagnoli, Iunio Valerio Romano e Simona Nocerino, componenti della commissione Lavoro di palazzo Madama, dopo l’ok del Senato alla commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia, sullo sfruttamento e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro pubblici e privati. “La mission della Commissione – spiegano i senatori –  è indagare il fenomeno delle morti bianche, una piaga per un Paese, in cui incidenti mortali sul lavoro, ma anche alle condizioni di sfruttamento – pensiamo al caporalato o al lavoro minorile – ma anche l’incidenza della criminalità organizzata in appalti e subappalti, o ancora il fenomeno delle cooperative ‘spurie’. Per la prima volta, rispetto agli obiettivi perseguiti da analoghi organi parlamentari, che si sono occupati quasi esclusivamente di malattie professionali, la Commissione amplierà il proprio raggio di azione, indagando le cause di incidenti mortali”.  “Se per il Governo e il M5S – concludono –, come dimostrano i tavoli istituiti in materia dal ministro Nunzia Catalfo, la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro rappresenta una priorità, riteniamo debba esserlo per tutte le forze politiche presenti in Parlamento, perché si tratta di una battaglia di civiltà, alla quale questa Commissione, siamo certi, darà un importante contributo”.

Susy Matrisciano

Portavoce M5S al Senato della Repubblica

M5S Alessandria: Bocciata la nostra mozione sulla sicurezza stradale davanti alle scuole

M5S Alessandria: Bocciata la nostra mozione sulla sicurezza stradale davanti alle scuole

M5S.png

Alessandria: Nel mese di Aprile 2019 abbiamo presentato una mozione che chiedeva un piano di azione per mettere in sicurezza l’entrata e l’uscita dai plessi scolastici di Alessandria chiedendo agli uffici di valutare caso per caso cosa si poteva fare, tra Zone 30, Attraversamenti pedonali rialzati e ad elevata visibilità, ZTL e Pedonalizzazioni. Abbiamo già presentato mozioni che sono state approvate per l’installazione di nuove rastrelliere per le biciclette soprattutto davanti alla scuole e la strutturazione di servizi Pedibus – Bicibus per incentivare una migliore mobilità nel percorso casa-scuola.

I comuni hanno la possibilità di creare “aree di rispetto” pedonali o ZTL davanti alle scuole. L’UNICEF presentò un documento “Nove passi per costruire città amiche delle bambine e dei bambini” dove indicò le pedonalizzazioni davanti alla scuole come diritto dei bambini a camminare e pedalare in sicurezza. Numerosissime associazioni ambientaliste, ciclistiche e pediatriche si sono schierate a favore delle pedonalizzazioni davanti alla scuole soprattutto vista la situazione attuale davanti ad ogni plesso scolastico di Alessandria ogni mattina. Continua a leggere “M5S Alessandria: Bocciata la nostra mozione sulla sicurezza stradale davanti alle scuole”

Rossana Boldi (Lega): “No alla plastic tax: un Governo che ‘fa cassa’ sulla sanità, e uccidendo l’economia, fa davvero paura”

Rossana Boldi (Lega): “No alla plastic tax: un Governo che ‘fa cassa’ sulla sanità, e uccidendo l’economia, fa davvero paura”

rossana-boldi-1.jpg

“Un provvedimento senza senso, che rischia di provocare gravissimi danni ad un importante comparto dell’economia italiana, particolarmente radicato nel distretto di Tortona”. L’onorevole della Lega Rossana Boldi, vice presidente della XII Commissione (Affari Sociali) della Camera dei Deputati, boccia senza mezzi termini l’intenzione del Governo 5 Stelle Pd di penalizzare, in maniera pesantissima, le aziende del comparto della plastica all’interno della Legge di Bilancio 2020.

Prosegue l’on. Boldi: “Oltre all’assurdità di applicare una tassa di un euro al chilo su prodotti per i quali la materia prima costa meno di 900 euro alla tonnellata, con conseguenza gravissima di perdita di competitività delle nostre aziende del settore, e perdita di posti di lavoro, mi domando se il Governo abbia valutato l’aggravio di costi per le aziende sanitarie italiane, dove i dispositivi medici monouso (dalle siringhe ai cateteri, ai guanti, alle sacche per emoderivati) sono essenziali per garantire la sicurezza delle cure per pazienti e operatori. La superficialità di questo Governo fa paura, e pensare di fare cassa sulla sanità è semplicemente assurdo. Questa tassa va abolita, non è certo così che si tutela l’ambiente: così semmai si uccide l’economia italiana”

Ufficio Stampa Lega Piemonte

Maltempo: Molinari (Lega), lentezza governo inaccettabile. Subito stato di emergenza per Piemonte, Liguria e Lombardia 

Maltempo: Molinari (Lega), lentezza governo inaccettabile. Subito stato di emergenza per Piemonte, Liguria e Lombardia 

Molinari Riccardo Lega.jpg

Roma, 30 ott. – “La risposta del governo alla mia interrogazione sullo stato di emergenza nelle zone colpite dal maltempo lo scorso 19-22 ottobre è incerta e inaccettabile. Un immobilismo ingiustificato visto che su Piemonte, Liguria e Lombardia si è verificato un vero e proprio cataclisma meteorologico. Ci sono case sventrate, famiglie evacuate, aziende agricole devastate e lo stato di emergenza è doveroso per permettere il risarcimento di queste persone. Sappiamo benissimo che le priorità di questo governo sono altre ma almeno di fronte alla devastazione dovuta al maltempo che ha colpito le zone della provincia di Alessandria, della Valle Stura in Liguria e dell’Oltrepo’ Pavese si metta la mano sulla coscienza e intervenga con celerità per risarcire questi territori e soprattutto chi in due giorni ha perso tutto”.

Così Riccardo Molinari capogruppo della Lega alla Camera durante il question time sullo stato di emergenza per le zone della provincia di Alessandria, della Valle Stura in Liguria e dell’Oltrepo’ Pavese.

Domenico Ravetti PD: Con la Lega meno sport per tutti

Domenico Ravetti PD: Con la Lega meno sport per tutti

La regione riduce i fondi per le manifestazioni sportive

ASSESTAMENTO DI BILANCIO – REGIONE PIEMONTE

Domenico Ravetti PD

L’ASSESSORE ALLO SPORT DELLA REGIONE PIEMONTE RITARDA PROGRAMMAZIONE E BANDI NEL CASSETTO E MOLTE MANIFESTAZIONI SPORTIVE DEL TERRITORIO RESTERANNO SENZA FINANZIAMENTO

“Quest’anno le manifestazioni sportive del territorio avranno molti meno fondi – dichiara il Capogruppo del PD in Consiglio Regionale Domenico Ravetti – dopo la prima commissione odierna alla presenza dell’Assessore allo Sport Fabrizio Ricca. “L’Assessore non ha trovato il tempo per fare la programmazione e di conseguenza i bandi annuali, indispensabili per la sopravvivenza di tante iniziative locali, sono rimasti nel cassetto.

La Giunta Chiamparino sul capitolo per i “Contributi ad Enti ed alle Società per la promozione e la diffusione dell’attività sportiva (LEGGE REGIONALE N.93/95)” aveva stanziato più di 2 milioni di euro, ma con la riduzione di 1 milione di euro inflitta da Ricca ci sarà un drastico ridimensionamento. Molte associazioni facevano affidamento sul sostegno regionale, che veniva erogato in tranches piccole ma spesso indispensabili per animare il territorio con gare e tornei di tutte le discipline e le fasce d’età.

Il disimpegno dell’Assessore e l’attenzione riservata esclusivamente ai grandi eventi renderanno lo sport di base un po’ più povero.”

Domenico Ravetti – Consigliere Regionale PD

Castellano (FdI): “250 € sono troppo pochi per sospendere o revocare le licenze ai commercianti”

Castellano (FdI): “250 € sono troppo pochi per sospendere o revocare le licenze ai commercianti”

piero-castellano

Alessandria: Ha fatto discutere la proposta dell’Assessore al Bilancio del Comune di Alessandria Cinzia Lumiera di sospendere o revocare le licenze ai commercianti che non sono in regola con i tributi cittadini di almeno 250€.

Il Presidente del Consiglio Comunale Emanuele Locci insieme a Piero Castellano (FdI), Mauro Bovone (Forza Italia), Vincenzo De Marte (Misto), PD, M5S ed ItaliaViva hanno presentato subito un emendamento per bloccare la delibera della maggioranza, una delibera che all’inizio era stata proposta già con 50€ di tributi non pagati, votata anche dall’Assessore di Fratelli d’Italia.

È assurdo – spiega il capogruppo di Fratelli d’Italia Piero Castellanoche si metta una cifra così bassa in una città dove si vedono moltissime serrande abbassate. Purtroppo il nostro emendamento non è passato perché hanno votato contro Lega Nord, Forza Italia e Siamo Alessandria. Anche il Presidente del mio partito Giorgia Meloni ha detto che molti imprenditori e lavoratori autonomi non si fidano più perché dopo la fatturazione elettronica e l’introduzione dell’ISA temono un inasprimento della burocrazia. Se continuiamo su questa linea, Alessandria ed il suo commercio non si riprenderanno mai dalla crisi”.

Renzo Penna: Il recupero e il rilancio dello “Smistamento” per reagire al declino di Alessandria

Renzo Penna: Il recupero e il rilancio dello “Smistamento” per reagire al declino di Alessandria

renzo-penna-1

di Renzo Penna

Alessandria: L’amministratore delegato di Rfi propone di potenziare il trasporto delle merci su rotaia e individua nello Smistamento di Alessandria la struttura più adatta ad accogliere e comporre i treni navetta provenienti dal porto di Genova. Una decisione che avvalora il convegno promosso a marzo da “Città Futura” e dalla Camera del Lavoro per il recupero e il rilancio dello Scalo merci. Adesso, invece di consumare suolo con i “buffer”e intasare le strade con i tir, si utilizzi la tratta ferroviaria  Savona-Cairo-Acqui che si trova prossima al porto di Vado Ligure.    

Quando nel mese di marzo l’associazione “Città Futura” e la Camera del Lavoro tennero un convegno dedicato al possibile rilancio dello scalo merci ferroviario di “Alessandria Smistamento” – in anni non lontanissimi il secondo per importanza a livello nazionale dopo quello di Bologna – erano consapevoli di sollevare un tema controverso che in passato aveva visto il fallimento di progetti e atti ufficialmente siglati, così come era facile prevedere l’alzata di scudi in difesa di noti interessi e suscitare il tradizionale scetticismo nostrano. Continua a leggere “Renzo Penna: Il recupero e il rilancio dello “Smistamento” per reagire al declino di Alessandria”

“M5S è morto”. L’addio con polemica della sindaca di Imola Manuela Sangiorgi

“M5S è morto”. L’addio con polemica della sindaca di Imola Manuela Sangiorgi

di Pier Carlo Lava

Opinione: Non vogliamo entrare nel merito della dichiarazione dal Sindaco in questione in questo articolo sull’Huffington post, che tra l’altro almeno in parte potrebbe anche avere un fondamento, ma da alcuni passaggi della stessa si evince chiaramente che ci troviamo di fronte all’ennesimo caso in cui si salta giù dal carro che diventa perdente, per saltare su quello che oggi risulta vincente e ovviamente tutto in tempo reale e con una tempestività che i politici solo in queste situazioni sanno adottare, complimenti….

5db83a2820000041325071b4

“Il Movimento è scomparso insieme a Gianroberto Casaleggio. Nei ruoli apicali personaggi senza arte né parte”. La Lega la elogia
HuffPost https://www.huffingtonpost.it

ANSA

Manuela Sangiorgi, sindaca di Imola

“Il M5s non esiste più. Il M5s è morto ed è morto quando è morto Gianroberto Casaleggio. Abbiamo visto appropriarsi di ruoli apicali da parte di persone senza arte né parte, perdere sei milioni di voti in un anno e fare finta di niente”. Lo ha detto, in un’intervista all’emittente E-Tv, Manuela Sangiorgi, sindaca di Imola che formalizzerà in consiglio comunale le dimissioni annunciate ieri sera, dopo poco più di un anno di governo della città.

Ieri, davanti agli imolesi, Sangiorgi ha detto di non sentirsi più parte del Movimento 5 Stelle – con cui aveva vinto le elezioni nel giugno del 2018 al ballottaggio strappando il 55,4% dei voti – essendo venute a mancare condizioni politiche per andare avanti. Il successo di Sangiorgi aveva segnato una sconfitta particolarmente simbolica per il centrosinistra dell’Emilia-Romagna perché Imola era sempre stata considerata un feudo inespugnabile, sia per il fortissimo radicamento del partito, sia per la presenza di moltissime grandi cooperative che per anni sono state una forma di finanziamento e di creazione di consenso per lo stesso centrosinistra. Continua a leggere ““M5S è morto”. L’addio con polemica della sindaca di Imola Manuela Sangiorgi”

Susy Matrisciano – M5S: Considerazioni sullo smistamento di Alessandria, 2 milioni di euro stanziati furono opera del Ministro Toninelli

Susy Matrisciano – M5S: Considerazioni sullo smistamento di Alessandria, 2 milioni di euro stanziati furono opera del Ministro Toninelli

Susy Matrisciano.jpg

Buongiorno,

dopo aver letto l’articolo “‘Buffer’ e scalo ferroviario: la svolta della logistica alessandrina è davvero a portata di mano? Ance è convinta di sì. E anche Rfi” a firma di Enrico Sozzetti (https://160caratteri.wordpress.com/2019/10/28/buffer-e-scalo-ferroviario-la-svolta-della-logistica-alessandrina-e-davvero-a-portata-di-mano-ance-e-convinta-di-si-e-anche-rfi/?fbclid=IwAR18A4ESw96nU0Utv_DWmiyfHxG8jbVgWdNC9fMK40ESwkt9IcIuCPRV-Bg), vorrei sottolineare quanto segue:

“Ricordo a tutti che i 2 milioni di euro stanziati nella legge n.145/2018 negli articoli 1025 e 1026 per il parco smistamento di Alessandria, furono opera del Ministro Toninelli a seguito di consultazione con i portavoce del M5S regionali, locali e nazionali sul potenziale che l’area di proprieta’ di RFI e Mercitalia aveva come retroporto di Genova. Continua a leggere “Susy Matrisciano – M5S: Considerazioni sullo smistamento di Alessandria, 2 milioni di euro stanziati furono opera del Ministro Toninelli”

Barosini: Grande successo della Mostra ‘Mi Fido”

Barosini: Grande successo della Mostra ‘Mi Fido”

Alessandria: Sabato 26 novembre, alle ore 17, è stata inaugurata ufficialmente la mostra ‘Mi Fido: esposizione di ritratti fatti a Cani … e Gatti”, nata da un’idea dell’artista alessandrino, Riccardo Guasco, e della volontaria dell’associazione ATA, Cristina Garbieri.

1 baro b197ea42-7284-4764-bfc3-798dcc81838d

Entrambi in compagnia di un folto pubblico, erano presenti con l’assessore al Welfare Animale, Giovanni Barosini nel momento del taglio ufficiale del nastro.

3 persone inaugurazione 2

La mostra, allestita presso il Canile e Gattile sanitario dei Alessandria in viale Teresa Michel 46/48 sarà visitabile fino al prossimo 3 novembre con il seguente orario: tutte le mattine dalle 11 alle 12 e il pomeriggio dalle 16.30 alle 18.30. Venerdì 1 novembre dalle 11 alle 19.

4 inaugurazione 1

L’artista Riccardo Guasco ha realizzato 12 ritratti degli animali che sono stati collocati accanto alle gabbie degli ospiti del canile e gattile sanitario, oltre ad altre opere dedicate a tematiche ambientali. Tutte le opere esposte sono in vendita e l’intero ricavato della vendita sarà devoluto all’Associazione Tutela Animali.

5  574984677_526270418106086_967281069474709504_n.jpg

“La sensibilità dell’artista Riccardo Guasco, con questi stupendi  ritratti, ha restituito un’identità a cani e gatti ‘dimenticati’ – ha commentato l’assessore al Welfare Animale, Giovanni Barosini -.  Con la sua creatività ed il suo impegno artistico ci ha permesso, ancora una volta, di valorizzare le nostre strutture, accendendo i riflettori sulle stesse, ma anche e soprattutto sul ruolo e sull’impegno speso quotidianamente dai volontari per la cura e la tutela dei nostri amici a quattro zampe. E’ per noi una occasione ed una opportunità importante perché i visitatori sono molto e non solo alessandrini. Se da un lato i proventi della vendita delle opere di Guasco andranno a sostenere canile e gattile sanitario, dall’altro auspichiamo che la grande affluenza di pubblico di questi giorni sia funzionale alla formalizzazione di nuove adozione per consentire, al più presto, a tutti i nostri ospiti, di trovare la famiglia che meritano.

Come assessore al Welfare Animale non posso esimermi, ancora una volta, dal ringraziare Riccardo Guasco e gli organizzatori della mostra per l’impegno e la ammirevole dedizione che non possono che fare bene alla nostra comunità”.

Domenico Ravetti (Capogruppo PD) Ex ACNA di CENGIO – La storia continua

Domenico Ravetti (Capogruppo PD) Ex ACNA di CENGIO – La storia continua

CONSIGLIO REGIONALE DEL PIEMONTE – Ex ACNA DI CENGIO.

Domenico Ravetti

“Tre sono i fronti aperti sull’ex Acna di Cengio e su quei tre fronti dobbiamo tornare con forza ad impegnarci, ne va del futuro della Valle Bormida”dichiara Ravetti, capogruppo PD in Consiglio Regionale. “Il primo è quello della bonifica del sito che sotto l’aspetto ambientale merita tutte le nostre attenzioni. Il secondo è quello giudiziario perché la causa avviata anni fa dal Ministero competente, purtroppo l’unico soggetto pubblico ad oggi meritevole di risarcimento, non è terminata. Il terzo è quello sociale, che riguarda il coinvolgimento della popolazione e degli amministratori della Valle. Su questo dobbiamo tornare con decisione ad unire tutte le comunità per evitare che bonifica e procedimento giudiziario restino una vicenda riservata a pochi attori” continua Ravetti che così conclude “Per questo ho depositato la richiesta di audizione in Commissione regionale Ambiente del Direttore di Arpa Piemonte alla presenza dell’Assessore competente. Sappiamo che il Comune di Acqui Terme si farà presto parte attiva nella convocazione di tutti i Sindaci della Valle Bormida. Serve una loro delegazione per un incontro con Regione Piemonte. E serve perché il protagonismo delle Istituzioni sarà fondamentale a tutela del nostro ambiente e della nostra popolazione. Da soli però non ce la faremo, non abbiamo bisogno al nostro fianco di estremismo ma di buon senso e di determinazione che sono le principali caratteristiche della nostra gente.”

ADNKronos. Elezioni Umbria, Tesei – Centrodestra al 56,6-60,6% per proiezioni

ADNKronos. Elezioni Umbria, Tesei al 56,6-60,6% per proiezioni

tesei_donatella_lega_umbria_fg

CRONACA

Pubblicato il: 27/10/2019 23:05

Urne chiuse in Umbria dove ora inizierà lo spoglio per eleggere il Presidente della Giunta regionale e i 20 consiglieri che formeranno l’Assemblea legislativa regionale della undicesima legislatura (2019-2024).

Le proiezioni Swg assegnano il 56,6-60,6% a Donatella Tesei, candidata del centrodestra. Vincenzo Bianconi si attesta tra il 33,9% e il 37,9%.

https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2019/10/27/exit-poll-umbria-tesei_Q8v1bzQGP1hERSKHg0s4LM.html

Emergenza maltempo Piemonte, Berutti presenta emendamento da 20 milioni di euro

Emergenza maltempo Piemonte, Berutti presenta emendamento da 20 milioni di euro

massimo-berutti-1.jpg

Roma, 25 ottobre 2019 – “Dopo le ore più difficili, il cordoglio per le vittime e la solidarietà a chi ha subito i danni dell’alluvione che ha colpito il Piemonte, è subito il tempo delle azioni concrete. Per questo ho presentato tempestivamente un emendamento per riconoscere al Piemonte 20 milioni di euro per il 2019”. Il Senatore Massimo Berutti spiega così la presentazione in Commissione al Senato di un emendamento che ha l’obiettivo di favorire i processi di ricostruzione e ripresa economica dei territori della Regione Piemonte, in particolare della provincia di Alessandria, interessati dagli eventi alluvionali degli scorsi giorni. L’emendamento propone che venga assegnato alla Regione Piemonte un contributo di 20 milioni di euro per il 2019 per l’urgente ripristino delle infrastrutture pubbliche danneggiate. “È una prima azione concreta – prosegue Berutti – cui aggiungo un ordine del giorno che spinge il Governo a valutare la possibilità di stanziare risorse finalizzate al ripristino urgente delle infrastrutture pubbliche danneggiate dagli eventi alluvionali. Partiamo da qui e continuiamo a lavorare per superare l’emergenza e porre le condizioni strutturali perché eventi del genere smettano di minacciare i cittadini e le imprese”.

Emergenza maltempo Piemonte, Berutti presenta emendamento da 20 milioni di euro

Emergenza maltempo Piemonte, Berutti presenta emendamento da 20 milioni di euro

massimo-berutti-1

Roma, 25 ottobre 2019 – “Dopo le ore più difficili, il cordoglio per le vittime e la solidarietà a chi ha subito i danni dell’alluvione che ha colpito il Piemonte, è subito il tempo delle azioni concrete. Per questo ho presentato tempestivamente un emendamento per riconoscere al Piemonte 20 milioni di euro per il 2019”. Il Senatore Massimo Berutti spiega così la presentazione in Commissione al Senato di un emendamento che ha l’obiettivo di favorire i processi di ricostruzione e ripresa economica dei territori della Regione Piemonte, in particolare della provincia di Alessandria, interessati dagli eventi alluvionali degli scorsi giorni. L’emendamento propone che venga assegnato alla Regione Piemonte un contributo di 20 milioni di euro per il 2019 per l’urgente ripristino delle infrastrutture pubbliche danneggiate. “È una prima azione concreta – prosegue Berutti – cui aggiungo un ordine del giorno che spinge il Governo a valutare la possibilità di stanziare risorse finalizzate al ripristino urgente delle infrastrutture pubbliche danneggiate dagli eventi alluvionali. Partiamo da qui e continuiamo a lavorare per superare l’emergenza e porre le condizioni strutturali perché eventi del genere smettano di minacciare i cittadini e le imprese”.

Termometro Politico: Sondaggi elettorali la coalizione di centrodestra al 49%

Sondaggi elettorali TP, la coalizione di centrodestra al 49%

autore: Gianni Balduzzi

Sondaggio 1Sondaggio 2

Questa settimana come Termometro Politico abbiamo rilevato nei nostri sondaggi elettorali oltre alle intenzioni di voto per i partiti anche quelle per le coalizioni, considerando che è ancora in vigore il Rosatellum che implica il voto nei collegi.

A livello di singole forze si registra un aumento della Lega che supera il 35% e va al 35,2%, a spese dei principali partiti della maggioranza, il PD e il Movimento 5 Stelle, che scendono entrambi, al 18,9% e al 17,1% rispettivamente.

In incremento come gli alleati leghisti sia Fratelli d’Italia che Forza Italia, all’8,2% e al 5,6%.

Il partito di Berlusconi viene però raggiunto da Italia Viva, che cresce al 5,6%. Unica forza che appoggia il governo a migliorare.

Dietro tutti i partiti sono sotto il 2%, La Sinistra, all’1,9%, i Verdi, all’1,5%, Siamo Europei all’1,3% e +Europa al 1,2%, per finire con i comunisti di Rizzo all’1% e Cambiamo! di Toti al 0,5%. Gli altri sono al 2%… continua su: https://www.termometropolitico.it/1463160_sondaggi-elettorali-tp-2.html

Infrastrutture: senatori piemontesi Lega, presentata interrogazione per variante Demonte, governo chiarisca

Infrastrutture: senatori piemontesi Lega, presentata interrogazione per variante Demonte, governo chiarisca

lega-nord-2

Roma, 24 ott. – “Abbiamo presentato un’interrogazione al ministro De Micheli per sapere quali iniziative urgenti il intenda adottare per risolvere la vicenda della variante di Demonte, anche portando la questione al Consiglio dei ministri in considerazione del fatto che sin dagli anni ’70 i cittadini di Demonte, in provincia di Cuneo, attendono la tangenziale della strada statale 21, per poter deviare al di fuori del centro abitato l’intenso traffico di macchine e di un eccezionale numero di ottocento TIR al giorno, che oggi attraversano i portici medievali della cittadina. Dopo anni di inutili balletti tra Anas e il ministero per i beni culturali, di progetti bocciati, nonché ulteriori riunioni, dibattiti, proteste e ricerche di fondi, negli ultimi giorni la vicenda è tornata all’attualità, soprattutto in relazione al parere contrario espresso dal Ministero per i beni e le attività culturali, sull’ultimo progetto presentato da ANAS, per motivi paesaggistici. A noi risulta che c’è stato anche un Consiglio comunale aperto per ricordare la «storia infinita» della variante, la cui bocciatura penalizza lo sviluppo economico della zona e le attività commerciali e turistiche, oltre che comportare impatti continui a carico della salute dei cittadini residenti, esposti alle emissioni acustiche e atmosferiche, causate dal traffico passante dal centro cittadino. Dopo che ANAS ha anche inviato controdeduzioni che non sono state sufficienti a sbloccare la situazione, ora sembra che l’alternativa sia quella di tornare al vecchio progetto, che passa sulla sinistra orografica dello Stura, in zona Rialpo per un costo quasi il doppio pari a circa ottanta milioni di euro, da rivalutare ai prezzi di oggi. Chiediamo dunque al governo di mostrarsi amico dei territori e di chiarire cosa si intende fare per gli abitanti di Damonte in quanti tempo e con quante risorse, perché governare è prima di tutto dare risposte chiare e concrete ai cittadini”.

Così i senatori piemontesi della Lega Giorgio Maria Bergesio, Marzia Casolati, Enrico Montani e Roberta Ferrero.

Ufficio Stampa Lega Senato

M5S Alessandria – Allagamenti ad ogni pioggia: servono azioni, non parole

M5S Alessandria – Allagamenti ad ogni pioggia: servono azioni, non parole

“I cittadini alessandrini sono ormai esasperati: Non è possibile che ogni volta che passa una perturbazione accadano sistematicamente le stesse cose creando danni e disagi ai cittadini.”

M5S Allagamenti.png

“La situazione delle caditoie, nonostante i fondi per pulirle siano già stati messi a bilancio da comune ed AMAG, resta desolante. Molte zone di Alessandria specie in prossimità degli attraversamenti pedonali si trasformano in un lago. Come M5S abbiamo fatto numerose interpellanze per risolvere il problema e sia l’amministrazione sia AMAG si erano mosse ma purtroppo l’azienda vincitrice del bando AMAG era in odore di ‘ndrangheta ed è stato tutto sospeso. L’amministratore delegato Ferrari ad una nostra domanda in una commissione del 23 Luglio aveva dichiarato: “Stiamo valutando una soluzione interna, ovvero affidare il servizio ad AMAG Ambiente”. Ora ci chiediamo cosa sia stato fatto e dove siano finiti quei soldi.

Un altro problema è quello del Rio Lovassina a Litta e Spinetta: Il torrente è tombato ed ogni volta che ci sono forti precipitazioni non è in grado di scaricare il flusso. Esiste già un progetto di scolmatore del 2015 ma è un progetto molto costoso e impattante che sembra studiato più per far lavorare i soliti cementificatori piuttosto che risolvere velocemente il problema. Serve subito un progetto più finanziabile per un canale naturale che in caso di piena scarichi le acque del Lovassina a monte di Litta direttamente in Bormida.”

NOI E L’AMBIENTE: Scegliamo il futuro del pianeta e iniziamo dai nostri territori

NOI E L’AMBIENTE: Scegliamo il futuro del pianeta e iniziamo dai nostri territori

Venerdì 25 ottobre alle ore 21:00 ad Acqui Terme – Palazzo Robellini 

Noi e l'ambiente

Questo è il titolo di un dibattito sulla relazione tra tutela dell’ambiente e sviluppo economico. Ad Acqui Terme una città adatta ad ospitare un confronto di questo genere per la storia delle battaglie popolari a difesa del territorio e per la necessità di proporre proprio ora un’idea nuova di futuro. 

Molta attenzione la zona della Valle Bormida, ha dedicato negli ultimi decenni a questi argomenti.

Ne discutiamo con:

On. CHIARA BRAGA Responsabile Sostenibilità e Agenda 2030 nella segreteria del Partito Democratico

DOMENICO RAVETTI Capogruppo PD Regione Piemonte

LUIGI GALLARETO Sindaco di Monastero Bormida

CARLO DE LORENZI Capogruppo Centrosinistra Acqui Terme

Maltempo, Berutti: “per l’Alessandrino valutare stato emergenza e lavorare a piano infrastrutture”

Maltempo, Berutti: “per l’Alessandrino valutare stato emergenza e lavorare a piano infrastrutture”

massimo-berutti.jpg

Roma, 22 ottobre 2019 – “Il maltempo delle ultime ore dimostra quanto le questioni ambientali debbano essere al centro della nostra attenzione. I fenomeni metereologici sempre più intensi e la scarsità di risorse alle quali sono costretti gli amministratori stanno diventando una condizione strutturale sulla quale è obbligatorio intervenire”.

È quanto dichiara il senatore Massimo Berutti commentando le conseguenze del maltempo abbattutosi violentemente sul nord-ovest del Paese. “I disastri provocati dal maltempo sono evidenti a tutti.

Mi pare fondamentale valutare il riconoscimento all’Alessandrino dello stato di emergenza. L’intervento sul breve periodo deve essere accompagnato da un piano di ampio respiro sulle infrastrutture. Autostrade e treni bloccati tra Genova, Torino e Milano dimostrano quanto l’Alessandrino sia centrale per la mobilità e le infrastrutture del Paese.

Qualsiasi iniziativa e intervento sul tema a livello regionale e nazionale deve dare priorità a questo snodo naturale per i collegamenti tra la Liguria, la Lombardia, il Nord del Paese e l’Europa. È fondamentale – conclude Berutti –  che la politica e l’impresa lo tengano bene a mente per evitare di aggravare una situazione infrastrutturale che rischia di diventare insostenibile”.

Maltempo, M5S: “Vicinanza alle vittime. Necessario investire in prevenzione e manutenzione del territorio a tutti livelli

Maltempo, M5S: “Vicinanza alle vittime. Necessario investire in prevenzione e manutenzione del territorio a tutti livelli

 movimento_5_stelle

In questi giorni i territori liguri e piemontesi sono stati flagellati dalla furia del maltempo. Le immagini mostrano l’eccezionalità di una situazione, un evento imprevedibile e devastante, un temporale estivo a fine ottobre che ha provocato danni alle infrastrutture e vittime. Un duro colpo per tutti e un bilancio tragico: due morti, numerosi sfollati e territori devastati.  

“Gli eventi meteorologici straordinari sono in questo momento la vera emergenza del nostro Paese ed è necessario individuare tutte le risorse possibili per un piano straordinario per la messa in sicurezza e per la prevenzione dei corsi d’acqua, degli edifici e delle vie di comunicazione. Le Amministrazioni locali non devono essere lasciate sole e il Governo e la Regione devono coordinarsi per individuare tutti i fondi per la manutenzione dei nostri territori” dichiara il sindaco di Acqui Terme Lorenzo Lucchini. Continua a leggere “Maltempo, M5S: “Vicinanza alle vittime. Necessario investire in prevenzione e manutenzione del territorio a tutti livelli”

Sondaggio Swg per Mentana, Pd-M5s crollano dopo la manovra. Lega e Fratelli d’Italia, massimo storico

Sondaggio Swg per Mentana, Pd-M5s crollano dopo la manovra. Lega e Fratelli d’Italia, massimo storico

Salvini e Meloni.png

21 Ottobre 2019 https://www.liberoquotidiano.it

Da un lato, come sottolinea Enrico Mentana, il caos di governo su una manovra pasticciata che non piace a nessuno che porta in dote una tempesta di tasse. Dall’altro, la manifestazione del centrodestra unito in piazza San Giovanni a Roma con le sue 200mila persone. Il risultato? Presto detto: crollano Pd e M5s, volano Lega, Fratelli D’Italia e Forza Italia. Sono queste le cifre che emergono dall’ultimo sondaggio Swg realizzato per il TgLa7, proposto lunedì 21 ottobre.

Impressionante, come accennato, il balzo del Carroccio: sale dello 0,8% e si assesta al 34% tondo tondo; Matteo Salvini insomma torna a flirtare con i massimi storici. Poi i Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che parimenti volano di 0,8 punti percentuali a un 8,4% che per Swg è il massimo storico del partito. Bene anche Forza Italia, con le truppe di Silvio Berlusconi che salgono dello 0,4% al 5,5 per cento. Continua a leggere “Sondaggio Swg per Mentana, Pd-M5s crollano dopo la manovra. Lega e Fratelli d’Italia, massimo storico”

Silvio Berlusconi, 10 senatori di Forza Italia verso Matteo Renzi: “Potete anche andarvene”

Silvio Berlusconi, 10 senatori di Forza Italia verso Matteo Renzi: “Potete anche andarvene”

21 Ottobre 2019 https://www.liberoquotidiano.it

Il Pd lo ha definito “terrorismo parlamentare”. Il riferimento è ai continui annunci che arrivano da Italia Viva, in prima linea Matteo Renzi e Maria Elena Boschi, circa l’imminente passaggio di ulteriori parlamentari nella loro forza politica. Terrorismo parlamentare che però non riguarda solo il Pd, anzi: per Renzi, il bersaglio grosso è Forza Italia, lo ha detto chiaro e tondo in più occasioni, l’ultima delle quali alla Leopolda. E a tal proposito ecco piovere un emblematico retroscena su Il Messaggero. Retroscena che se corrispondesse a realtà sarebbe pesantissimo: ci sono una decina di senatori tentati dall’addio a Forza Italia per passare a Italia Viva. Continua a leggere “Silvio Berlusconi, 10 senatori di Forza Italia verso Matteo Renzi: “Potete anche andarvene””

Caro evasore se evadi vai in galera, di Pier Carlo Lava

Caro evasore se evadi vai in galera, di Pier Carlo Lava

#Manette agli evasori fiscali, era ora!!!

#Pagare tutti per pagare di meno… ci riusciremo???…

Caro evasore Galera.jpg

di Pier Carlo Lava

Premessa: Una legge che prevede il carcere per gli evasori fiscali esiste già (La norma è la D.lgs. 74 del 2000, modificata dal D.l. 138 del 2011  ulteriormente ritoccata dal D.lgs. n. 158/2015 atta a reprimere i reati tributari) peccato che gli effetti pratici della stessa sono minimi a causa dei tempi lunghi dei processi, per farla funzionare occorre una riforma seria della giustizia che riduca i tempi dei processi e blocchi la decorrenza della prescrizione dopo il primo grado di giudizio, dato che l’attuale legge finisce per penalizzare le vittime e favorire chi commette crimini.

Occorre però altresì ridurre le tasse che in Italia sono arrivate a livelli insostenibili per l’economia e ne soffocano la possibilità di crescere.

Alessandria: L’evasione fiscale unitamente alla corruzione, rappresentano due cancri che divorano le risorse del paese e non gli consentono di crescere come dovrebbe e meriterebbe. Si calcola che l’evasione fiscale in Italia ammonti a 211 miliardi di euro, il 12% del PIL nazionale. (dato da Panorama economia). Una cifra enorme che se recuperata interamente (ma anche in parte) consentirebbe di effettuare forti investimenti finalizzati tra l’altro a conseguire i seguenti risultati:

– Investimenti per mettere insicurezza il territorio nelle numerose aree dove sussistono problemi idrogeologici con frequentemente provocano vittime e danni immensi.

– Investimenti per aumentare il reddito a 22 milioni di lavoratori, attualmente fra i più bassi in Europa, a 23 milioni di pensionati, che automaticamente si tradurrebbe in un aumento dei consumi, con crescita del PIL e relativi benefici per imprese e attività commerciali.

– Investimenti sull’ambiente per migliorare la qualità della vita e tutelare la salute degli italiani, teniamo conto che ogni anno ci sono 80.000 morti per l’inquinamento da PM10 con una forte concentrazione nelle Regioni del Nord.

Il M5S propone di combattere l’evasione fiscale  non solo incentivando l’uso dei pagamenti tracciabili, carte di credito, di debito e bancomat ma anche inasprendo le pene per i GRANDI EVASORI prevedendo il carcere. Continua a leggere “Caro evasore se evadi vai in galera, di Pier Carlo Lava”

Nuovo segretario Filcams

Alessandria: Stefano Isgrò è il nuovo segretario generale della Filcams Cgil Alessandria, la federazione sindacale che organizza le lavoratrici e i lavoratori del commercio, del terziario, del turismo e dei servizi, appalti compresi.
E’ stato eletto oggi dall’assemblea generale della categoria con voto unanime
Presenti ai lavori della giornata , Cinzia Bernardini, della Segreteria Nazionale della Filcams e Franco Armosino , Segretario Generale della Cgil di Alessandria Stefano Isgrò, classe ’75 laureato in scienze politiche proviene da una esperienza da delegato sindacale di un’azienda del terziario avanzato, Funzionario della Filcams
Regionale per 5 anni, ha ricoperto incarichi anche nella Filcams Nazionale.
“Orgoglioso di rappresentare La Filcams di Alessandria , la prima categoria della Cgil per il
numero di iscritti tra i lavoratori attivi , è la categoria che più di ogni altra rappresenta il lavoro cosiddetto “povero” ,il lavoro parcellizzato frammentato, precario e dequalificato
spesso privo di tutele individuali e collettive, sia sul piano normativo che salariale, “Dobbiamo proseguire sulla strada tracciata da chi mi ha preceduto” continua Isgrò “, lavorando in continuità con il percorso intrapreso fino ad oggi, un percorso spesso tortuoso ma non dobbiamo mai cedere allo sconforto , ma bensì rafforzare ed ampliare il senso di
solidarietà , di giustizia tra i lavoratori , superando le paure e sapendo che la filcams e la cgil sono state, sono e saranno sempre li , accanto ai lavoratori, per difendere i diritti individuali e collettivi.”
Stefano Isgrò succede a Fabio Favola che ha assunto la guida della Filcams Regionale Piemonte, al quale vanno i più sinceri auguri di buon lavoro.

Paola Ferrari (DemoS) in difesa di chi chiede l’elemosina: “Combattiamo la povertà, non i poveri

Paola Ferrari (DemoS) in difesa di chi chiede l’elemosina: “Combattiamo la povertà, non i poveri

Demos

Alessandria: Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina di DemoS-Democrazia Solidale ritorna sull’ordinanza municipale e sull’attuazione del nuovo Decreto Sicurezza, che prevede l’allontanamento dalla città e ulteriori sanzioni anche per coloro che chiedono l’elemosina.

“Bisogna combattere la povertà e non i poveri. Purtroppo simili provvedimenti vanno nella direzione opposta. Come cristiani dobbiamo farci toccare il cuore dallo scandalo che delle donne, degli uomini, nostre sorelle e nostri fratelli siano costretti a dormire all’addiaccio e a questuare, non possiamo girare lo sguardo da un’altra parte. Come perone cristiane impegnate in politica dobbiamo farci interrogare da questo fatto. Ce lo chiede la nostra coscienza. La pace e la convivenza si costruiscono anche così” afferma.

In manovra anche il «bonus facciate»: detrazione del 90% per chi rifà gli esterni

In manovra anche il «bonus facciate»: detrazione del 90% per chi rifà gli esterni

La nuova agevolazione che verrà inserita nella manovra 2020 prevede un credito fiscale del 90% per chi rifà nel 2020 la facciata di casa o del condominio, in centro storico o periferia, nelle grandi città o nei piccoli comuni

Schermata 2019-10-16 a 23.49.54.png

di V.N.

Manovra, Franceschini: bonus facciate renderà le città più belle

Un aiuto fiscale per il maquillage di palazzi e condomini. La novità spunta a sorpresa in coda al comunicato con cui Palazzo Chigi ha riassunto i 12 punti salienti del decreto fiscale e della legge di bilancio 2020 approvati «salvo intese» nella notte del 15 ottobre nel quadro del il Documento programmatico di bilancio trasmesso a Bruxelles.

Oltre a una serie di proroghe (bonus riqualificazione energetica e ristrutturazioni, bonus mobili), i provvedimenti in cantiere introducono per il 2020 «una detrazione per la ristrutturazione delle facciate esterne degli edifici (il «bonus facciate») per dare un nuovo volto alle nostre città».

A “sponsorizzare” su Twitter la detrazione – che allarga ulteriormente la famiglia dei “bonus” fiscali utilizzabili dagli italiani – è il ministro dem dei Beni culturali Dario Franceschini. Nella manovra, esulta il ministro, c’è «una norma coraggiosa che renderà più belle le città italiane. Con il #bonusfacciate un credito fiscale del 90% per chi rifà nel 2020 la facciata di casa o del condominio, in centro storico o periferia, nelle grandi città o nei piccoli comuni!»… continua su: https://www.ilsole24ore.com/art/in-manovra-anche-bonus-facciate-credito-fiscale-90percento-chi-rifa-esterni-ACoRNQs

Stefano Calella eletto segretario aaggiunto Cisl

STEFANO CALELLA ELETTO SEGRETARIO GENERALE AGGIUNTO DELLA CISL ALESSANDRIA-ASTI
Il 15 ottobre il Consiglio Generale della CISL di Alessandria-Asti ha
eletto Stefano CALELLA, gia’ componente della segreteria Ust,
Segretario generale aggiunto della CISL Alessandria-Asti.
Tanti i temi al centro del dibattito della mattinata, conclusasi con
l’intervento di Alessio FERRARIS, Segretario generale CISL Piemonte.
Marco CIANI, Segretario generale Cisl Alessandria-Asti, aprendo i
lavori ha puntato l’attenzione sulla “fotografia”
economica-occupazionale del nostro territorio, sempre caratterizzata
da luci ed ombre, e sulla MOBILITAZIONE avviata da mesi per chiedere
al Governo un netto cambio di marcia: “Il 9 ottobre, al Forum di
Assago, con CGIL, Uil e oltre 9mila delegati provenienti da tutta
Italia, abbiamo chiesto di passare ‘dalle parole ai fatti’, per
alleggerire le tasse che pesano sempre sulle spalle di lavoratori e
pensionati, sostenere la buona occupazione e combattere con misure
più incisive il lavoro sottopagato e precario”.
L’attenzione della CISL territoriale e’ rivolta anche alla sanità
locale ed ai servizi socio-assistenziali, temi che interessano tutti
i cittadini ed in particolare la fascia di popolazione piu’ fragile;
con uno sguardo ai progetti futuri, come i percorsi formativi che nei
prossimi mesi coinvolgeranno i sindacalisti più giovani sul tema
“lavoro 4.0” e sulla cultura della sicurezza, perche’
sensibilizzare i lavoratori puntando sulla prevenzione resta una
priorità per cancellare questa piaga inaccettabile.
“Insieme a tutta la squadra CISL proseguiremo il percorso
iniziato in questi anni nel segno della continuita’, per rafforzare
ulteriormente le sinergie e lo sviluppo del nostro territorio”,
rimarca Calella.
“La crescita va sostenuta con gli investimenti: in Piemonte
vanno sbloccati 15 miliardi per le grandi opere che porterebbero alla
creazione di circa 60mila posti di lavoro”, ha aggiunto Ferraris
chiudendo il dibattito.
(IN ALLEGATO ALCUNE FOTO DEL CONS.GENERALE CON S.CALELLA)
Chiedendovi gentilmente la pubblicazione della nota, ringraziamo per attenzione.
Paola Toriggia
Uff.stampa CISL Alessandria Asti

Politica gridata, politica ovattata, di Dario Fornaro

Politica gridata, politica ovattata, Dario Fornaro

https://appuntialessandrini.wordpress.com

Alessandria: Sul primo corno del dilemma (politica gridata: spesso farcita di sguaiataggini o tronfia di solenni banalità), ci sarebbe poco da aggiungere, bastando il discredito  e la noia che suscitano  in crescendo tra i cittadini.

Politica.png

Capita talora di consolarsi (?) adducendo che tali “prestazioni” siano di  speciale pertinenza della dimensione e della competizione nazionale, ancorché cloni volenterosi dei “leader maximi” non disdegnino di esibirsi anche sulle scene periferiche.

La cara provincia, dunque, come ultimo, possibile rifugio di una dialettica politica mirata alla concretezza dei problemi locali e sviluppata con toni mediamente controllati anche nei confronti più accesi. Alias, la piccola comunità che rimanda romanticamente alla democrazia sotto l’albero.

Contesto respingente il primo, e discretamente accattivante il secondo.

Strepiti e strapolemiche a parte, anche il contesto cosiddetto locale, però,  mostra talora segni peculiari di un certo deterioramento del clima democratico e partecipativo nell’approccio al governo della cosa pubblica. Ovvero: per discutere, si continua a discutere – magari più sui social che sui canali e nelle sedi tradizionali – ma  l’argomentario scelto/proposto è sempre più fluido, apparentemente casuale, ma anche per certi versi opportunistico, nel coltivare o emarginare temi e spazi d’attenzione. Continua a leggere “Politica gridata, politica ovattata, di Dario Fornaro”

Domenico Ravetti PD. Sanità – Quattro domande alla maggioranza

Domenico Ravetti PD. Sanità – Quattro domande alla maggioranza

Sanità in provincia di Alessandria

QUATTRO DOMANDE ALLA MAGGIORANZA E AI SINDACI DI DESTRA SU ORTOPEDIA, RETE PEDIATRICA, PUNTO NASCITE CASALE E ANESTESISTI.

Ravetti sanità


Mettiamo al bando le polemiche politiche dell’opposizione ( le mie) e la propaganda della maggioranza (la triade Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia) e facciamo luce su alcune vicende fondamentali per la sanità pubblica in provincia di Alessandria. Il mio vincolo è che in minoranza non posso che fare domande non avendo a disposizione i numeri per compiere delle scelte. Noi la chiamavamo “razionalizzazione” mentre la destra alessandrina li chiamava “tagli”. Ebbene, riflettiamo su quello che è rimasto, cheva difeso e che è meno di quello che Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia intendono garantire.

Faccio quattro domande:

La prima domanda è: “Quali sono le condizioni delle Ortopedie ospedaliere di Novi Ligure, Tortona, Acqui Terme e Casale Monferrato e quali prospettive hanno a medio termine?

La seconda domanda è: “Il “Cesare Arrigo” è una eccellente struttura per le risposte ai bisogni di salute dei minori ma in quali condizioni versa la rete pediatrica provinciale?

La terza domanda è: “Esistono reali criticità sul Punto nascite di Casale Monferrato? A prescindere la numero dei parti, il personale è sufficiente? Quali soluzioni sono previste per dare futuro a quel Punto nascite?

La quarta domanda è: “Il numero degli anestesisti è quello necessario per la normale attività della nostra rete ospedaliera?

Sondaggi regionali: M5s-Pd conquistano 7 regioni, la Lega solo 2

Sondaggi regionali: M5s-Pd conquistano 7 regioni, la Lega solo 2

Condividi su Facebook  https://www.notizie.it

sondaggi-regionali-768x440.jpg

Saranno nove le regioni italiane chiamate alle urne la prossima primavera del 2020. Tra due settimane, invece, si svolgeranno le elezioni regionali in Umbria, dove la candidata leghista Donatella Tesei è data in vantaggio nei sondaggi rispetto all’avversario M5s-Pd Vincenzo Bianconi. Per la Lega, però, non si profila una stagione al rialzo. Stando agli ultimi sondaggi regionali, infatti, oltre all’Umbria, il Carroccio potrebbe aggiudicarsi il Veneto e terminare la sua corsa. L’alleanza M5s-Pd, invece, riesce a guadagnarsi ben sette regioni. Vediamo nel dettaglio i sondaggi regionali e le previsioni di voto degli italiani.

Sondaggi elezioni regionali 2020

Uno degli ultimi sondaggi elettorali sulle regionali fa emergere alcune osservazioni interessanti sulle previsioni di voto degli italiani. Nelle nove regioni chiamate alle urne nei prossimi mesi, infatti, l’alleanza Pd-M5ssembra prevalere.

Sette regioni la preferiscono rispetto al centrodestra, che deve invece accontentarsi del vantaggio di due regioni (Umbria e Veneto). In Calabria, in particolare, il centrodestra non ha ancora presentato un candidato unitario, mentre Pd e M5s si presenteranno insieme. “GPF Inspiring Research – spiegaIl Fatto Quotidiano – riporta come intenzioni di voto un 28,2% al centrodestra e un 18,7 per l’asse 5Stelle-Pd, ma con una percentuale di indecisi o non votanti che arriva oltre il 53%. Guardando i risultati delle ultime Europee, favorevoli ai giallorosa, non è certamente il centrodestra il favorito”.

In Emilia Romagna, invece, la situazione è ben diversa: le due forze politiche sono quasi alla pari sul 44%. Tuttavia occorre sommare un 8,5% al candidatoStefano Bonaccini che sostiene il Movimento. Continua a leggere “Sondaggi regionali: M5s-Pd conquistano 7 regioni, la Lega solo 2”

Asocial Network. Storie di nativi digitali

Breve anticipazione allo spettacolo Asocial Network _ Storie di Nativi digitali, che andrà in scena il 18 ottobre 2019 alle 21 al Teatro Sociale di Valenza.

Regia di Federico Zanandrea, voci fuori campo di Marco Benedetti.

Nel corso di un black-out, prigioniera di un appartamento troppo avveniristico per avere serrature e maniglie, Anita si trova a confrontarsi con una realtà inaspettata e buia, con la sola compagnia del fidato e sofisticato assistente vocale Ciri – dalla voce e dalla personalità addirittura più che umani.

Nel ridicolo e disperante collasso della sua comfort zone, Anita giungerà a fronteggiare la propria coscienza e le proprie paure profonde – in un susseguirsi di dialoghi tanto comici e surreali quanto drammaticamente attuali per chiunque del pubblico abbia almeno per una volta fatto la tragica esperienza di chiamare un call center, o di dover «descrivere il suo problema in max 90 caratteri».
Nella girandola degli eventi, Asocial Network – Storie di nativi digitali tocca i temi fondamentali della vita e dell’esistenza oggi, nell’Era degli Algoritmi e dei Comandi Vocali.”

Intervista a Annaratone, Capo Gruppo Italia Viva, Alessandria

Intervista a Simone Annaratone, Capo Gruppo Italia Viva, Alessandria

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Abbiamo intervistato Simone Annaratone Consigliere Comunale che recentemente ha lasciato il Quarto Polo e ora è Capo Gruppo di “Italia Viva”, queste le domande che gli abbiamo fatto:

Perchè hai lasciato il 4 polo per Italia Viva?

Il 4 Polo afferma che le tue motivazioni sono inconsistenti e ti invita a dare le dimissioni dato che non rappresenti più le istanze dei cittadini che ti hanno eletto nel loro movimento, cosa rispondi?

Ritieni che a livello locale ci saranno altre entrate in “Italia Viva”

Quali sarebbero i primi tre provvedimenti urgenti da intraprendere per Alessandria?

Sei favorevole ad una nuova legge elettorale su base proporzionale?

F.lli d’Italia chiede l’elezione diretta del Capo dello Stato, cosa ne pensi?

Giovedì sarai a Roma per un corso, di cosa si tratta?

video: https://youtu.be/Hlsm6wI96DQ

A Roma con Matteo Salvini

A Roma con Matteo Salvini

LP_8918400-990x658.jpg

Sabato 19 ottobre tutti a Roma con Matteo Salvini in Piazza San Giovanni: dal Piemonte due treni speciali (ultimi posti disponibili), e pullman da tutte le province

Sabato 19 ottobre tutti a Roma, al fianco del Segretario Federale Matteo Salvini, per dire forte e chiaro a questo Governo che gli italiani che non si arrendono sono la maggioranza, e chiedono a gran voce di poter votare, e scegliere chi deve guidare il Paese.

In poche settimane il governo 5 Stelle Pd è riuscito a far riprendere con progressione geometrica gli sbarchi di clandestini (lo dicono i numeri), e minaccia con la nuova Finanziaria di cancellare quota 100, di bloccare l’applicazione della flat tax e di aumentare l’Iva, oltretutto in maniera camuffata, parlando di ‘rimodulare’.  Poi c’è lo spettro dell’eliminazione del denaro contante: un enorme favore alle banche e alle società finanziarie, un handicap per tanti anziani, un salasso aggiuntivo e letale per le piccole attività commerciali e nei servizi che già faticano a sopravvivere. Continua a leggere “A Roma con Matteo Salvini”