ORME SVELATE

PS_20180106124255Il termine “co-sleeping” è usato in generale per riferirsi a bambini che dormono in prossimità dei genitori e spesso include la condivisione del letto (con un membro della famiglia per tutto o una parte del periodo di sonno). Il co-sleeping/bed sharing è un argomento controverso nella letteratura del sonno pediatrico, senza alcun consenso generale sui suoi potenziali benefici o conseguenze. In larga misura, il co-sleeping è un fenomeno culturale ampiamente accettato nelle società orientali che danno priorità alla collettività e alla dipendenza, e meno praticato nelle società occidentali in cui l’autonomia è enfatizzata. Comunque poco si sa sui comportamenti di co-sleeping dei bambini in età scolare, in particolare tra i giovani ansiosi che comunemente si presentano per il trattamento dei problemi del sonno. Tuttavia, in quasi tutte le culture, il co-sleeping è più comune nell’infanzia e nella prima infanzia e diminuisce quando i bambini iniziano la scuola. La necessità di…

View original post 577 altre parole