I segreti del cuore: aprile

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/i-segreti-del-cuore1-2.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/10/aprile.jpg

 

Quante cose vorrei dirti! Avevo deciso di cancellarmi, l’ho fatto, sono ritornata. E’ più forte di me, non riesco a staccarmi da te. Ho pianto, sto male, mi torturo da sola. La ragione mi dice di lasciare stare, di dimenticarti. Mi hai stregato, hai rubato il mio cuore.

Ognuno di noi, ha un’anima gemella, la mia si è suicidata già da tempo, sapendo con chi avrebbe avuto a che fare. Effettivamente, pensando con un pizzico di razionalità, chi potrebbe innamorarsi di me? Solo un pazzo, un pazzo come me.

“Colorerò il mio mondo con i colori dell’arcobaleno,

curerò il mio angolo di paradiso con

bellissimi fiori e colorate farfalle.

Resterò in silenzio a scrutare il mio cuore.

Siederò alla fine del tempo,

aspettando le risposte che da sempre ho cercato” Continua a leggere “I segreti del cuore: aprile”

Momenti di poesia. Non dare da bere a un assetato qualunque di Patrizia Caffiero

 

JANE LONG

Ho perso l’abitudine
di certi ambigui commerci con umani.

Avvolta da anni nel bozzolo bianco
della “presenza mentale”, diventai
poco accorta.

Un tempo nutrivo il talento di altri
per non raccogliere le gocce perse dal secchio bucato
del mio.

Poi mi ripresi, bla bla, e riparai
la modanatura delle ali, che crebbero
in un largo vaso, orgogliose.

E mi accorgo che certe regole
vanno ripassate, come quella, molto importante:
“non nutrire l’ego di un principe azzurro qualsiasi.”

La bambina di dieci anni
che convive in me
riprende il quadernetto, si siede al banco
e scrive in bella calligrafia:
quella creatura non ti vuole bene, prende la tua buona energia
per sé, incurante della tua vita.

La soluzione del problema di algebra
maestra,
è facilissima:
“SCAPPA”.

Riflessione su Iginio Ugo Tarchetti

Casale Monferrato: Una riflessione su Igino Ugo Tarchetti in Biblioteca Civica
Martedì 8 ottobre a Palazzo Langosco

Martedì 8 ottobre, in Biblioteca Civica, alle ore 17.30 Elio Gioanola e Dionigi Roggero dialogheranno su Igino Ugo Tarchetti e la Scapigliatura, moderati da Luigi Mantovani.
Nell’anno che vede celebrati i 150 anni dalla morte (o, per chi preferisce, i 180 dalla nascita) dalla Biennale di Letteratura di San Salvatore Monferrato, città che diede i natali al poeta e narratore scapigliato, Gioanola e Roggero, in questo incontro alla Giovanni Canna racconteranno il personaggio e lo scrittore, la sua eredità artistica e umana.
Chi fu Tarchetti? Una specie di contestatore antelitteram, che lasciò il suo posto al Commissariato militare, in rotta con l’esercito, e si diede a una vita di bohémien a Milano lavorando (saltuariamente) come giornalista e dedicandosi ad un’intensa attività letteraria, aderendo alla poetica degli ‘scapigliati’ (altro esponente di spicco del gruppo fu il casalese Giovanni Camerana), poetica che anticipò, per certi aspetti, sia il verismo che il decadentismo. Continua a leggere “Riflessione su Iginio Ugo Tarchetti”

Novità editoriali, esempi di arte moderna

GUIDO MIANO EDITORE – NOVITA’ EDITORIALE
E’ uscita la monografia d’arte dal titolo SENTIMENTO E INCISIVITA’ dell’artista
FRANCA MASCHIO con prefazione di LAURA SERENA E MICHELE MIANO
Pubblicata la monografia SENTIMENTO E INCISIVITA’ edito GUIDO MIANO EDITORE, settembre 2019, nella storica Collana ESEMPI DI ARTE MODERNA diretta da Michele
Miano.
La collana “Esempi di arte moderna” racchiude la più significativa esperienza dell’attività editoriale in ambito artistico di questa Casa Editrice. La collana pubblicava già negli anni 70, 80 e 90 monografie degli artisti più rappresentativi dell’arte contemporanea quali ad esempio: Continua a leggere “Novità editoriali, esempi di arte moderna”

Riqualificazione Borgo Ala

Casale Monferrato: Progetto di riqualificazione

– con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 giugno 2017, il Comune di Casale Monferrato risulta essere beneficiario del finanziamento relativo al “Piano nazionale per interventi di riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate“ DPCM 15 ottobre 2015;

– in data 13.11.2017 è stata sottoscritta la convenzione relativa al Piano di Riqualificazione e che il Progetto presentato dal Comune di Casale Monferrato, positivamente valutato e per la realizzazione dello stesso, risulta assegnatario di un finanziamento a valere sul Fondo per l’attuazione del Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane e degradate, pari a euro 2.000.000 Continua a leggere “Riqualificazione Borgo Ala”

Nuovo romanzo per Raffaella Romagnolo, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

La scrittrice casalese Raffaella Romagnolo sarà in libreria dal 2 ottobre con il nuovo romanzo “Destino”, editrice Rizzoli.

Si tratta di una storia italiana del Novecento. Marzo 1946: su una lussuosa Aprilia con autista, Mrs. Giulia Masca fa ritorno a Borgo di Dentro: quarantasei anni prima, sola, incinta e senza soldi, aveva detto addio alle campagne piemontesi imbarcandosi su un piroscafo alla volta di New York. Nella filanda che l’ha vista operaia bambina il tempo dei geloni alle mani e delle guerre con i padroni si era compiuto e in mezzo alla folla di Manhattan, tra i grattacieli e il profumo di hot dog, per Giulia era iniziata una nuova vita: un marito titolare di un alimentari nel cuore di Little Italy, un figlio, un piccolo impero commerciale. L’America le aveva regalato il riscatto che aveva sempre sognato. Ma il passato la tormenta. Che ne è stato di sua madre…

View original post 139 altre parole

Asocial Network, di Lia Tommi

Di Silvia Paonessa
Con Marco Benedetti e Silvia Paonessa

La storia di Anita è la storia di una ragazza sensibile come tante:
Anita cerca l’amore, stabilità, amici sinceri, un lavoro.
Anita sta cercando la sua strada.
Anita cerca di soddisfare le aspettative di società, amici, famiglia… E a volte anche le sue.
Anita ci prova, ci prova disperatamente… Lei e quel continuo chiacchiericcio con il mondo fuori.
Anita è nata “digitale”, ha una relazione di profonda interdipendenza con la tecnologia.
Nella vita di Anita tutto scorre tranquillo… Fino a che, per una stupida dimenticanza, i fatti prendono
una piega completamente inaspettata:
Anita si ritrova sola, di fronte a se stessa, con un orso gigante a farle da coscienza.
Ne scaturisce un dialogo comico e surreale sui temi fondamentali della vita e dell’esistenza.

ingresso 10€
Biglietteria: mar/ven 16-19, sab 10-13
tel. 0131.920154 – biglietteria@valenzateatro.it

ascolti amArgine: The Fool on The Hill – Alice (1987)

almerighi

Alice pubblicò questa cover nel suo album Elisir del 1987. Il brano è originariamente dei Beatles, scritto da Paul Mc. Cartney. In una delle sue interviste del 1980 con la rivista Playboy, John Lennon disse: «Beh, questo è Paul. Un altro buon testo. Dimostra che quando vuole è in grado di scrivere canzoni complete».

IL PAZZO SULLA COLLINA

Giorno dopo giorno solo su una collina
L’uomo dalla risatina folle sta perfettamente immobile
Ma nessuno lo vuole conoscere
Pensano sia un matto
E lui non dà mai una risposta

Ma il pazzo sulla collina
Vede il sole tramontare
E con gli occhi della mente
Vede il mondo girare

Strada facendo, la testa in una nuvola
L’uomo dalle mille voci parla assolutamente forte
Ma nessuno lo sente mai
O sente il suono che sembra emettere
E lui sembra non accorgersene mai

E sembra non piacere a nessuno
Possono ipotizzare cosa voglia fare

View original post 269 altre parole

Incontro con l’autore, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Incontro con l’Autore curato nel proprio spazio

da Gabriella Galzio.

Al termine, breve rinfresco amicale.

Martedì 8 ottobre ore 18,45

Milano, Corso San Gottardo 2 scala, 2

CICLO INCONTRI TRA AUTORI

A cura di Gabriella Galzio

Incontro con Mauro Ferrari

www.puntoacapo-editrice.com

www.almanaccopunto.com

70 PRIMI PREMI

ALESSANDRA PAGANARDI, LA REGOLA DELL’ORIZZONTE

PREMIO METROPOLI DI TORINO

MATTEO CASALE, STUDI OP. 7

vince il PREMIO UT PICTURA POESIES – CITTA’ DI FIRENZE

ANTONIO NESCI, SCARPE SENZA LACCI

vince il PREMIO CAMPAGNOLA

Carla Mussi, AMORE DI FRODO

vince il PREMIO ANTICA SULMO

Alfredo Panetta, THRA SIPALI E SONNURA

vince il DI LIEGRO

View original post

SOTTILI SENSAZIONI, di Roberto Busembai

SOTTILI SENSAZIONI, di Roberto Busembai

43218690_10210455740744850_3168930847852068864_n

SOTTILI SENSAZIONI

Sono sottili sensazioni
le foglie gialle al sole,
carezze dentro il cuore
che solo tu hai saputo emulare,
sono brividi freddi sulla pelle
il loro frusciare dentro il vento,
un brivido d’amore intenso
che ho provato sul tuo petto.
Sono felice di questo momento
che lo saprei ritrovare
non solo con le foglie morte
ma con il calore del sentimento
che non saprà mai conoscere
l’autunno perchè
quello che brucia e arde
del vero non si perde,
nonostante,
e sono sottili sensazioni
queste foglie gialle
dentro i cuori.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine web

PROSA: “Rinascere” di Maria Rosa Oneto

Foto: Pixabay

“Rinascere” di Maria Rosa Oneto

Son qui ad un palpito dal cuore. La stanza, silente e odorosa di fumo, raccoglie il mio passato. Ciò che sono stata, ciò che sarò in un destino non definito.
Corrono gli anni, come biglie sull’asfalto. Seguono una loro traiettoria finché si inabissano oltre ogni limite consentito. Ti guardi vivere senza provare alcuna pena. Dentro sei “distrutta” e nessuno pare accorgersene. Parli, ridi, canti e dai respiro al tuo dolore. Più lieve lo senti, quando trovi “frammenti” per addomesticare quella bestia inferocita, che ancora mi si agita dentro. È difficile lasciarsi vivere, senza mai una reazione. Uno scatto di nervi. Un urlo tra la gente indaffarata. Sono una donna mite, che dell’infanzia ha coltivato la passione e ancora spera di ritrovarla intatta, tra nuove rughe e un coniglietto bianco, uscito di scatto da un cilindro polveroso.
Sovente, mi ritrovo a parlare con la mia anima. A disquisire di Dio, dell’Aldilà e della malvagità che in vari modi colpisce i bambini.
I più piccoli, non dovrebbero mai soffrire e conoscere soltanto la “medicina” della felicità. Ma, non sempre è possibile. Spesso, faccio in modo che sia il mio cuore ad intrecciare sentimenti inesistenti. A creare amori e passioni entro cui rifugiare la noia. Ci si ama sempre, anche quando gli altri ti dimenticano, non vogliono turbarsi o essere impegnati a sopportarti. Ci si ama comunque – dicevo – per riempire quei vuoti esistenziali che conservi da sempre; che la notte ingigantiscono come orchi malefici e senza darlo a vedere ti succhiano il sangue nel profondo. Ma per rinascere, occorre “morire” mille volte; portando sulle labbra il gusto dolce-amaro della speranza.
La mia più intima speranza, la trovo: scrivendo, usando le parole come le biglie di quand’ero bambina. Scivolano sulla carta, la imprimono, le danno colore, profumo e consistenza.
Non è piu l’attimo presente, legato al disagio e alla solitudine di ogni giorno. La giostra delle similitudini, dei confronti, del donarsi, offusca e impedisce al danno di svelarsi. Viene ricacciato indietro a forza, bruscamente, come un punto interrogativo che non c’entra.
Divento davvero me stessa, quando mi espello dal corpo e lascio che sia la dolcezza dei sentimenti a prendere il sopravvento. A farmi tornare in vita con la gaiezza dell’innocenza!

Maria Rosa Oneto

Tutti i diritti riservati all’autrice

Alessandria, la Chiesa di San Lorenzo e la sua storia

Alessandria, la Chiesa di San Lorenzo e la sua storia

Diocesi di Alessandria ( sec. XIV; XVIII ) Via San Lorenzo, 27, 15121, Alessandria

Alessandria: Prosegue il nostro percorso per realizzare un reportage fotografico della città, alfine di evidenziare con immagini e la relativa storia, le caratteristiche salienti di ogni singola zona, ora siamo nella centralissima e commerciale via San Lorenzo, questa la storia della locale Chiesa:

San Lorenzo Alessandria.png

http://www.cittaecattedrali.it/ Storia e Arte

Una chiesa col titolo dei Santi Lorenzo e Clemente esisteva in Alessandria già in età prossima alla fondazione della città. Nel 1347-1350 avviene l’unione della chiesa urbana di San Lorenzo con quella di Santa Maria della Corte di Castellazzo Bormida, per cui i religiosi che officiavano la chiesa di Castellazzo si stabilirono in Alessandria e la chiesa parrocchiale di San Lorenzo fu denominata Collegiata di Santa Maria della Corte. Nel 1565 la visita pastorale segnala l’esistenza di problemi alle strutture dell’edificio (mancanza del pavimento e del tetto), per cui nel 1580 la chiesa viene sottoposta a un parziale intervento di restauro.

Nel 1765 l’antica chiesa viene riunita alla Collegiata di Santa Maria della Neve, costretta a lasciare il quartiere di Borgoglio in seguito all’edificazione della Cittadella. Da questa unione ha origine la chiesa parrocchiale attuale. Il progetto si deve all’architetto Giuseppe Domenico Trolli e nel 1770 furono ultimati i lavori. La pianta a croce greca impostata su una base ellittica, con la riduzione del numero degli altari laterali e la compressione dei vani d’angolo, spinse l’architetto Trolli ad adottare il linguaggio barocco.

Nel 1770 il pittore Pietro Antonio Pozzo iniziò la decorazione pittorica degli interni, di cui si ricorda l’Assunta nella volta centrale. La chiesa fu infine consacrata dallo stesso vescovo De Rossi il 26 luglio 1772, col titolo di “Insigne Collegiata di Santa Maria della Corte e della Neve, vulgo San Lorenzo”. L’attenzione del vescovo continuò anche successivamente, come testimonia il dono da lui effettuato del dipinto che raffigura San Francesco in gloria (1775), ancora conservato nella cappella di San Francesco di Sales; e comunque fino agli anni della dominazione francese la chiesa si arricchì continuamente di opere d’arte piemontesi e lombarde. La cosiddetta “età francese” (1807-1814) non arrecò particolari problemi alla chiesa: San Lorenzo vide conservata la propria funzione. Alla fine dell’Ottocento fu eseguito un restauro generale dell’edificio. Continua a leggere “Alessandria, la Chiesa di San Lorenzo e la sua storia”

L’amor che move il sole e l’altre stelle, di Lia Tommi

DOPPIO APPUNTAMENTO CON IL
X FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MUSICA
“ALESSANDRIA BAROCCA E NON SOLO…”,

Lo “SPAZIO GIOVANI” del Festival prevede infatti,
SABATO 12 OTTOBRE, alle ore 21, ad Acqui Terme, presso la Sala Santa Maria, in collaborazione con l’Associazione Antithesis, un piacevolissimo concerto dal titolo
“…l’amor che move il sole e l’altre stelle”
Protagoniste saranno le raffinate musiciste
Cristina Mosca (soprano) ed Emanuela Cagno (pianoforte)

DOMENICA 13 OTTOBRE, alle ore 18, in Alessandria,
l’ Associazione Cultura e Sviluppo ospiterà l’emergente, ma già blasonato quartetto d’archi, “Lichnowsky”, che presenterà, con il concerto dal titolo “E’ dell’artista il fin la meraviglia…”, composizioni di Mozart e Beethoven eseguite su strumenti originali.
VENITE NUMEROSI

Alessandria, la Chiesa di Valle San Bartolomeo e la sua storia

Alessandria, la Chiesa di Valle San Bartolomeo e la sua storia

di Pier Carlo Lava

Alessandria: Prosegue il nostro percorso per realizzare un reportage fotografico della città, alfine di evidenziare con immagini e la relativa storia, le caratteristiche salienti di ogni singola zona, dopo il Centro, ora siamo giunti nel sobborgo di Valle San Bartolomeo. 

Chiesa_di_San_Bartolomeo_(Valle_San_Bartolomeo,_Alessandria)

da: http://www.diocesialessandria.it/

Parrocchia San Bartolomeo

Origine e ragione di un nome

Valle San Bartolomeo, chiamata nei trascorsi tempi Albaro e Sebiano, è una riunione di case campestri, giacenti alcune in pianura ed altre poste sul dorso di deliziosi colli. Il nome di questo ampio villaggio è dato dal titolare della rettoria. Al tempo della primitiva chiesa pievana della Corte di Roboreto, successivamente ricostruita, ampliata e denominata chiesa di santa Maria di Castello, il territorio era popolato da due gruppi originari: gli abitanti della ‘Curtis di Roboreto’ già in sito e gli abitanti di ‘Borgoglio’, oltre Tanaro, difesi dal castello eretto sul bricco di sant’Antonino dalla nobile famiglia guelfa dei Guasco. 

Erano arroccati sulle alture degli Autini e sulle colline di nord-ovest in insediamenti realizzati per difendersi dalle ruberie e dalle incursioni vandaliche. L’ insediamento denominato Albaro disponeva di due risorse: 1) i prodotti agricoli delle colline, coltivati a vigna e frutteto e quelli della fertile pianura di sedimento coltivata a frumento o a prato irriguo e l’allevamento del bestiame; 2) lo sfruttamento delle cave di Montegrande di pietra compatta da costruzione, calcarea, tempestata di fossili marini e delle cave del Pissarotto di tufo calcareo che veniva trasformato in calce. Di tali risorse beneficiavano anche gli abitanti di Roboreto.  Continua a leggere “Alessandria, la Chiesa di Valle San Bartolomeo e la sua storia”

“Mi ritrovo all’improvviso”, di Nicoletta Franchi

“Mi ritrovo all’improvviso”, di Nicoletta Franchi

Nicoletta foto libro copia.jpg

Descrizione

Anna è una ragazza normalissima, con una vita tranquilla divisa tra il lavoro, la famiglia, gli amici e la sua gatta Tina.

In un pomeriggio di giugno incontra in un parco del proprio paese Thomas, che si trova lì per lavoro. Tra di loro è subito attrazione e i due iniziano così a frequentarsi.

La loro felicità, però, verrà ostacolata da una persona misteriosa che vuole separarli a tutti i costi. Una storia moderna, coinvolgente e con un finale inaspettato.

Nicoletta Franchi foto

Note biografiche

Nicoletta Rossana Franchi è nata a Saronno (VA) nel 1973, vive a Gerenzano (VA) con il marito Claudio e la figlia Sara di 8 anni. Lavora come impiegata commerciale sempre nella provincia di Varese.

Nel febbraio 2019 ha pubblicato Una vita senza, un racconto breve sulla propria famiglia, per il con- corso letterario Racconti Lombardi della Casa Editrice Historica.

Nel mese di giugno dello stesso anno, sempre con la Casa Editrice Historica, pubblica per il concorso letterario Favole e fiabe un racconto breve per bambini dal titolo Sally e Danny due funghetti perfetti.

“La passione per la creatività mi ha sempre contraddistinta: il disegno, la pittura, la decorazione di qualsiasi cosa, fino all’approccio alla scrittura. Accettando per caso una sfida su un gruppo social, mi sono trovata catapultata in un vortice di parole che mi hanno rapita e piacevolmente mi sono RITROVATA ALL’IMPROVVISO a voler continuare parola dopo parola a raccontare…”

Lotta alla processionaria

Processionaria

 

Alessandria:  Processionaria del Pino (Traumatocampa pityocampa Lepidoptera Thaumetopoeidae) è un insetto (lepidottero) defogliatore che compie una generazione all’anno, le cui larve si nutrono degli aghi di pino (prevalentemente pino nero o pino silvestre, alle latitudini del Piemonte), scheletrizzandoli, sebbene sia facile trovare infestazioni anche sui larici e cedri.
Gli alberi colpiti presentano defogliazioni più o meno accentuate, risultano indeboliti e quindi maggiormente soggetti a ulteriori attacchi anche di altri parassiti.
I nidi (le cui dimensioni variano a seconda del numero di larve) sono immediatamente riconoscibili, già dall’autunno – dalla tipica forma a rete di fili sericei – che ingloba alcuni aghi parzialmente erosi e le cui dimensioni variano a seconda del numero delle larve.

Le larve sono ricoperte di numerosissimi peli urticanti che – quando le larve raggiungono il proprio terzo stadio – possono causare alle persone che incautamente tentano di rimuovere i nidi o a coloro che (compresi gli animali domestici, quali in primis i cani) si soffermano sotto le piante infestate gravi irritazioni cutanee alle mucose, agli occhi e alle vie respiratorie e, nei casi di persone allergiche, anche veri e propri shock anafilattici, e quindi in ambito urbano possono costituire un rischio per la salute delle persone o degli animali.
La lotta alla processionaria è obbligatoria su tutto il territorio nazionale ed è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 30 ottobre 2007. Continua a leggere “Lotta alla processionaria”

Spirit per fondazione Uspidalet

Alessandria: Il team di Spirit per la Fondazione Uspidalet

L’Alessandria Sailing Team ha consegnato alla Fondazione Uspidalet onlus l’assegno a seguito dell’iniziativa di Aperto per Cultura 2019, dove, in corso Roma, i membri dell’equipaggio hanno offerto ostriche e vino a fine benefico.
L’importo, interamente devoluto alla causa, è stato consegnato dal presidente del team Paolo Ricaldone al presidente della Fondazione Bruno Lulani. Erano presenti anche il direttore della Fondazione Walter Giacchero e Virginia Viola dello staff Comunicazione, Tommaso Icardi in rappresentanza dell’equipaggio e Riccarda Rolandi che ha ospitato l’incontro da Rolandi Auto in zona D3 ad Alessandria, sponsor di Spirit of Nerina da due stagioni.
Spiega Ricaldone: “Aperto per Cultura è stata una grande festa e per noi è stata anche l’occasione per presentare i membri dell’equipaggio, diffondere la cultura del mare e dello sport, ma siamo fortemente legati al nostro territorio e cerchiamo di finalizzare attività di questo tipo a chi si adopera per progetti importanti, come Uspidalet”. Commenta Lulani: “Ringraziamo l’Alessandria Sailing Team, equipaggio affermato e conosciuto in Italia e in Europa, che, ancora una volta, ha guardato alla Fondazione. Il loro contributo andrà a favore dell’Oculistica infantile, nell’ambito di un progetto di 400 mila euro per rilevare le maculopatie nei bambini appena nati e salvarli dalla cecità”.

Carabinieri: Fatti di cronaca

Carab ok copia.png

Novi Ligure, denunciate due persone per truffa on line.
I Carabinieri della Stazione di Novi Ligure, in seguito a mirate indagini scaturite dalla denuncia di un 28 enne di Castelletto D’Orba (AL), hanno denunciato a piede libero due pregiudicati dell’hinterland napoletano. I due, tramite falsa inserzione su sito online, dopo aver preso accordi con il querelante per l’acquisto di un mobile, sono riusciti a farsi accreditare sulla propria carta di credito 550,00 euro per poi non consegnare quanto acquistato e rendersi irreperibili.

Mandato d’arresto europeo: presa a Serravalle Scrivia.
I Carabinieri della Stazione di Serravalle Scrivia, il 3 ottobre u.s., hanno arrestato B.K.A., 42enne, da tempo residente a Serravalle Scrivia (AL), destinataria di Mandato D’arresto Europeo, richiesto dalle autorità Polacche per reati contro il patrimonio commessi in territorio polacco nel 2013. Al termine degli adempimenti di rito è stata condotta presso la casa circondariale di Vercelli. Continua a leggere “Carabinieri: Fatti di cronaca”

Ottobre alla biblioteca Luzzati

piazza castello

Casale Monferrato: Ottobre alla Biblioteca Luzzati

Nel 2019 si festeggiano i dieci anni della Biblioteca delle Ragazze e dei Ragazzi Luzzati
(situata all’interno del Castello di Casale Monferrato) e il ventennale dell’iniziativa Nati per Leggere – che, in Piemonte, si declina in Nati per leggere Piemonte, progetto sostenuto dallaCompagnia di San Paolo nell’ambito del programma ZeroSei. Per celebrare al meglio il doppio compleanno, per il mese di ottobre sono in programma moltissimi eventi a partecipazione gratuita.
Per tutto il mese ci sarà – per il ciclo NPL (Nati per Leggere) – il ciclo di appuntamenti Martedì e giovedì da favola con letture “a bassa voce” a cura delle insegnanti volontarie
Teresa e Gabriella. Verranno lette favole su richiesta dei bambini e dei loro accompagnatori dalle 15 alle 17,00 martedì 8, 15, 22 e 29 e giovedì 3, 10, 17, 24 e 31 ottobre. Continua a leggere “Ottobre alla biblioteca Luzzati”

UNA STORIA, di Lucia Tiolo

UNA STORIA, di Lucia Tiolo

Un storia

Succhiata la carne

ora giaceva lì tra i denti

mucchietto di abiti
vestiti d’ossa
incagliato
tra un passaggio e uno stop.
Trafugato l’inizio
-chi ha rubato l’oro in cui
è nato?-
ecco il viaggio di una fine
senza sguardo
come gradini alle caviglie
dove il desiderio curva
tra ventre e passione

Adatto a trasognare

solo dentro un particolare

SOTTERRANEI, di Lucia Triolo

tumblr_nfwn2qiBxy1rd4og0o1_r2_1280.jpg

SOTTERRANEI, di Lucia Triolo

dove andrò a trovare il tempo

per ritornare lì

dove mai fui

eppure chiama quel luogo

i miei sotterranei

attimi di attesa gioia

oppure no, oppure no

era paura attesa

dissotterravo l’abito da sera

indossato per ingannare

lo specchio delle mie brame

rubate

a un’innocenza iconoclasta

e senza odore

che si faceva chiamare

anima

erra sbandato il viso

ancora viene sotterraneo quel tempo

che non trovo

si ferma sbigottito e non

mi guarda

Vivo nei sotterranei viva

mi spoglia mi tocca m’ intacca tritura e

non mi trova

aggrinza nel fango

il viso

e … non solo

dove dimenticato amore

appaiono larve

La scrittrice Nicoletta Franchi su Alessandria today – biografia e libro

La scrittrice Nicoletta Franchi su Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e il libro della scrittrice Nicoletta Franchi.

Nicoletta Franchi foto.jpg

Premessa

Nicoletta è una scrittrice dinamica e multitasking, innamorata nell’ordine: della sua famiglia, del suo paese e della vita.

Dotata di una scrittura piana e pulita, manifesta con personalità la propria maturità artistica. Molto brava nell’introspezione profonda della psicologia dei personaggi, concedendo infine un finale a sorpresa molto elegante.

Teniamo sott’occhio questa autrice. Sono sicuro che ci regalerà ancora delle gradevoli sorprese! Ad Maiora Nicoletta.

Note biografiche

Nicoletta Rossana Franchi è nata a Saronno (VA) nel 1973, vive a Gerenzano (VA) con il marito Claudio e la figlia Sara di 8 anni. Lavora come impiegata commerciale sempre nella provincia di Varese.

Nel febbraio 2019 ha pubblicato Una vita senza, un racconto breve sulla propria famiglia, per il con- corso letterario Racconti Lombardi della Casa Editrice Historica.

Nel mese di giugno dello stesso anno, sempre con la Casa Editrice Historica, pubblica per il concorso letterario Favole e fiabe un racconto breve per bambini dal titolo Sally e Danny due funghetti perfetti.

“La passione per la creatività mi ha sempre contraddistinta: il disegno, la pittura, la decorazione di qualsiasi cosa, fino all’approccio alla scrittura. Accettando per caso una sfida su un gruppo social, mi sono trovata catapultata in un vortice di parole che mi hanno rapita e piacevolmente mi sono RITROVATA ALL’IMPROVVISO a voler continuare parola dopo parola a raccontare…”

Dedica

A mia madre e a tutta la mia famiglia,

parte importantissima della mia vita.

A mio marito,

giudice di parte ma anche critico.

Alle mie amiche e amici,

ispiratori di questa avventura.

A mia fi glia,

l’amore più grande che si possa provare,

per regalarle un’emozione in più.

Con il consiglio di non fare troppi programmi

perché le cose belle accadono ALL’IMPROVVISO!

Nicoletta foto libro

“Mi ritrovo all’improvviso”, di Nicoletta Franchi

Descrizione

Anna è una ragazza normalissima, con una vita tranquilla divisa tra il lavoro, la famiglia, gli amici e la sua gatta Tina.

In un pomeriggio di giugno incontra in un parco del proprio paese Thomas, che si trova lì per lavoro. Tra di loro è subito attrazione e i due iniziano così a frequentarsi.

La loro felicità, però, verrà ostacolata da una persona misteriosa che vuole separarli a tutti i costi. Una storia moderna, coinvolgente e con un finale inaspettato.

Momenti di poesia. Ottobre – acrostico di Grazia Denaro

43156507_1823876604356980_4485431408902275072_n

O rlate colline d’assente suono

T integgiate da verde spento, di foglie caduche

   e da colori che vanno dal cremisi al rugginoso

T rattegiate in un tempo che si smarrisce nella foschia

O ttobrina d’inizio autunno

     avviando ad un tempo di semina e di stasi.

B rumosa stagione che respira nel sussurro della quiete

  e delle sementi a dimora nei solchi vangati

R espingendo anzitempo il sole verso ovest

E nergia di dolce frescura a dissipare la calura dell’estate.

 

@Grazia Denaro@