Foglio e penna, di Maria Cannatella

Foglio e penna, di Maria Cannatella

Foglio e penna

Foglio e penna ( poesia)

Voglio morire mentre scrivo,
accasciarmi all’improvviso su un foglio bianco, non voglio accorgermi di nulla,
non soffrire in quel momento,
dove la mia anima,
abbandona il mio stanco corpo,
lasciandolo su un foglio.
Così quello sarà il mio ultimo capolavoro,
il più bello, il più apprezzato da voi,
perché sarà l’ultimo ricordo che avrete di me.
Voglio morire con la penna in mano,
solo così io e la penna diventeremo inseparabili, anche nell’aldilà,
ed io continuerò a scrivere solo per voi.
Sarà forse un modo per alleviare la mia morte, quando non ci sarò più,
quando non sarò più presente.
Mi troverò accasciata su un foglio bianco, magari senza aver avuto nemmeno il tempo di scrivere, io da sola con la mia penna tra le dita.
Perché la scrittura fa parte di me,
è nel mio pensiero, nella mia mano,
che scrive liberamente tutte le volte che ne ha voglia.
La scrittura è tutto per me.

Da oltre le apparenze 2017
Prima poesia presentata ad un concorso.
Il Parnaso 2016. Ricevuto attestato di merito
Maria Cannatella @ RISERVATI TUTTI I DIRITTI@.

Il Natale è alle porte, di Maria Cannatella

Il Natale è alle porte, di Maria Cannatella

48064298_767762786929571_8411586556069937152_n

Il Natale è alle porte, anche dietro le finestre rotte.
Lui vorrebbe arrivare, ma gli altri non lo fan passare.
Deve nascere il bambinello, con il bue e l’asinello.
La Madonna nella capanna, con Giuseppe che l’accompagna.
Sopra la stalla c’è una grande stella.
Che bello il bambinello, ne parla già tutto il paesello.
Gesù sta arrivando, la gente lo sta aspettando.
Ma il Natale è appena cominciato,
perciò auguri a tutto il vicinato.

Da filastrocche 2017
Maria Cannatella @
RISERVATI TUTTI I DIRITTI@

Voglio un amore, di Maria Cannatella

Voglio un amore, di Maria Cannatella

voglio un amore

Voglio un vero amore,
che mi rubi il cuore,
si innamori della mia anima,
mi pensi nei momenti persi della sua giornata.
Voglio questo amore davvero,
uno nuovo solo per me.
Per essere presente nella mia vita,
mi accetti per i miei momenti di follia, di ribellione, di tristezza.
Che capisca i miei pregi e i tanti difetti.
Che sia vicino a me, quando io alzo la voce, quando mi arrabbio per nulla,
mi guardi negli occhi e mi dica ” Ti amo ”
Vorrei incontrare l’amore, così, solo per caso, senza doverlo cercare.
Un vero amore che mi dia tutto quello che è mancato nella mia infelice vita.
Non vorrei un giorno fosse troppo tardi per provare certe emozioni.
Magari il cuore stanco di aspettare, invecchia da solo.
Mentre l’anima sempre più sola, si arrende alla vita.
Ed io per sempre rimarrò senza un amore.

Poesia di maria cannatella 25/11/18
Riservati tutti i diritti @

Profumo di zagara, di Maria Cannatella

Profumo di zagara, di Maria Cannatella

profumo

Profumo di zagara

Profumava di zagara,
quella lettera sbiadita.
L’ho trovata in un cassetto,
in fondo, in fondo.
Sentivo emozioni,
nonostante gli anni trascorsi.
Mi rilevava il suo amore,
ed io, ci avevo creduto.
C’era il suo odore,
in quella lettera,
nascosta tra I miei ricordi,
quelli più importanti, significativi.
Il suo nome ,
era scritto in grande,
come grande era un tempo il mio amore lui.
Tenerla in mano,
mi emozionava, ricordare quell’amore sofferto.
Lo stesso amore,
che mi aveva fatto piangere,
lasciato cicatrici sul cuore,
distrutto l’anima.
Basta un niente per farle riaffiorare,
basta una lettera,
una lettera dimenticata,
che profuma di zagara.
Ed io, inizio a ricordare.

Da oltre le apparenze
Maria Cannatella @ 2017
RISERVATI TUTTI I DIRITTI@

Lei sola, di Maria Cannatella

Lei sola, di Maria Cannatella

Lei sola

Scriveva con l’anima lei, sempre,

nonostante fosse irrequieta.

Ignorata solo per l’egoismo di chi non capiva.

Lei, sempre da sola,

con la sua anima,

erano una cosa sola.

Quell’anima sognatrice,

piena di belle parole,

melodiose ed angoscianti,

allo stesso momento.

Sapeva far piangere, lei,

con le sue poesie,

emozionava chi le leggeva,, l

quasi da far venir i brividi.

Solo così la sua anima era felice.

da oltre le apparenze 2017

maria cannatella@

riservati tutti i diritti

La Giungla, di Maria Cannatella

263a80ba-6b5a-4a66-bd91-dac2ac80a39b_large.jpg

di Maria Cannatella

Viviamo in una grande Giungla.

Ammassati, intrappolati, rassegnati.

Una giungla ricca di cattiveria, invece del verde.

Dove una via d’uscita non c’è.

Abitata da malfattori,

arrampicatori sociali.

Gente stravagante, incosciente.

Strapiena la giungla,

di anime incapaci,

di vivere e lottare,

che troppo spesso si arrendono. Continua a leggere “La Giungla, di Maria Cannatella”

Filastrocca della frutta, di Maria Cannatella

la-frutta-che-non-gonfia.jpg

di Maria Cannatella

Filastrocca per tutti i gusti, kiwi o lamponi son tutti frutti.

Arancia, per il mal di pancia, lampone per far passare il febbrone,

la banana, per una vita tanto sana,

una mela perchè piace a Carmela.

Le more che piacciono alle signore,

il mandarino e più succoso, se piccolino.

La melograna, per sbucciarla ci vuole una settimana.

La pera,l’ha sbucciata la Piera.

La pesca, se la tieni in frigo è bella fresca.

Mirtilli, ribes e fragole, quando le mangi sembrano favole..

Mangiandola e gustandola, 

tanta buona frutta,dobbiamo mangiarla sempre tutta.

Sia da tagliare che da mangiare, e un piacere doverla sbucciare.

@maria Cannatella

da filastrocche. riservati tutti i diritti.

foto: www.lacucinaitaliana.it/

Racconto di me (MARIA), Maria Cannatella

Racconto di me (MARIA), Maria Cannatella

Maria Cannatella

Parlo di me con chi mi capisce,

sa apprezzarmi e rispettarmi.

Piango di me,

quando i miei silenzi,

diventano neri abissi.

Quando la nostalgia,

cattura la mia anima.

Canto con me,

perchè amo le belle canzoni,

quelle che mi fanno emozionare,

le stesse che mi fanno sognare e piangere. Continua a leggere “Racconto di me (MARIA), Maria Cannatella”

Mi piace stare seduta, di Maria Cannatella

Mi piace stare seduta, di Maria Cannatella

tumblr_oxg2vdqCkN1vnm7bio1_540

Mi piace stare seduta,

rimanere io da sola,

con una penna in mano tra le dita.

Mi piace mostrare la mia anima,

raccontandola su un foglio con una penna.

Mi piace ascoltare il silenzio,

sopratutto al mattino,

quando tutti ancora dormono,

ed io mi ritrovo a pensare,

ricordi e sogni lontani.

Mi piace ascoltare la musica,

lei mi riempie il cuore di sentimenti,

facendomi sognare ancora di più.

Mi piace davvero ,

osservare dalla  finestra di casa mia,

soltanto per sentirmi libera,

una libertà di immaginazione assoluta,

come se fossi io da sola,

in questo mondo frantumato. Continua a leggere “Mi piace stare seduta, di Maria Cannatella”

Non c’è nulla più leggera di una piuma, di Maria Cannatella

Non c’è nulla più leggera di una piuma, di Maria Cannatella

La piuma

Non c’è nulla più leggera di una piuma.

Pensavo fosse l’anima…ma è appesantita dai tanti dispiaceri.

Pensiero di Maria Cannatella @ 

RISERVATI TUTTI I DIRITTI@ 

foto: https://it.wikipedia.org/wiki

Lo spaventapasseri, di Maria Cannatella

spaventapasseri4

di Maria Cannatella

Uno spaventapasseri in mezzo ad un campo,

di stare fermo li, era stanco.

Tutto il giorno a guardare,

se i semi dal suo campo venivano a mangiiare.

Il suo cappello di paglia,

decorato con tante foglie.

La camicia strappata,

colorata, bucata e rattoppata.

I bottoni colorati,

con del cotone rosso erano attaccati.

Le sue mani lunghe ed impagliate,

erano per lui troppo impacciate. Continua a leggere “Lo spaventapasseri, di Maria Cannatella”