Momenti di poesia. Nica, Maria Cannatella

68876299_927051751000673_4167384248795267072_n.jpg

Nica.

Nica è propriu una picciridda.
Cu di capiddi logni, logni,
ma sempri spittinati,
l’occhi virdi e granni.
Da facciuzza bianca e ‘ddu sorrisu ca ti inchi lu cori.
È Nica a vituzza mia,
me figghiu è un pezzo ri mia.
Chieda ca dormi abbrazzata cummia no me lettu,
ca mi runa a forza ri susirimi ru lettu ogni matina.
Nica è sangue mio;
a viru crisciri e sugnu cuntenta.
A picciridda mia,
mi voli beni, picchi io sugnu so Matri.
Io a parturivo, ma suravu ‘ppi novi misi na panza.
M’innammuravu ri idda subitu,
ruprimu battitu, ru primu gliornu ca sappi ca era rintra cummia.
È nica a picciridda mia;
quannu m’abbrazzu,
Sì senti protetta ri mia.
È a me Vituzza sta nicuzza.

Piccola.

Piccola, è proprio una bambina,
con quei capelli lunghi, lunghi ma sempre spettinati,
gli occhi verdi e grandi.
È piccola la vita mia.
Mia figlia è un pezzo di me,
quella che dorme abbracciata nel letto con me,
che mi da le forze di alzarmi dal letto ogni mattina.
Piccola è, sangue mio :
la vedo crescere e sono contenta.
La mia bambina mi vuole bene,
perché io sono sua madre.
Io l’ho partorita,
me la sono sudata per nove mesi, dentro la mia pancia.
Mi innamorati di lei subito,
dal suo primo battito,
dal giorno che ho saputo era già dentro di me.
È piccola, la bambina mia;
quando l’abbraccio lei, si sente protetta da me.
È la mia vita questa piccoletta.

Dal libro ANIMA RIBELLE 2019
Maria Cannatella @
RISERVATI TUTTI I DIRITTI@
Poesia dedicata a mia figlia Sara