Il nuovo inizio

Al tavolo di Amalia

La storia del Centro Traduzioni Le Copain/ 13

Proprio quando la società compiva i suoi primi passi, tra il 1994 e 1995, capitò qualcosa di inaspettato: il lavoro si fermò. Tutte le promesse e le premesse della ditta individuale sembravano svanite.

Io non riuscivo a capire cosa stesse succedendo. Il telefono era muto. Non chiamava neanche più qualche cliente rompiscatole per chiederti una traduzione a volo. Sì, ce n’erano diversi in quel periodo. Ti chiamavano  e ti chiedevano: “Senti,  sto per andare in stampa, mi puoi dire per favore come si dice questa frase in inglese, tedesco, francese e russo?” Ecco sì, avete capito, erano quelle persone che pensavano che un traduttore fosse una specie di macchinetta.  Succede anche oggi che qualcuno ti faccia al telefono una richiesta impossibile e poi ti dica: “ma perché che ci vuole?”. Insomma, non chiamavano neanche quei rompiscatole lì.

View original post 429 altre parole

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

2 pensieri riguardo “Il nuovo inizio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...